Misano Adriatico. Piste ciclabili, 1,5 metri per abitante

Piste ciclabili, 1,5 metri per abitante; superati gli obiettivi della mobilità alternativa.

In cinque anni il Comune ha puntato a ridurre del 20,7% l’emissione di anidride carbonica nelle sedi amministrative, nelle scuole e nel parco auto. È l’unica amministrazione in provincia dotata di un Piano della mobilità sostenibile.

“Sono solo alcune delle azioni che l’amministrazione comunale ha avviato per migliorare la qualità della vita – dice il sindaco di Misano, Fabrizio Piccioni -. Dopo la Conferenza di Parigi abbiamo aderito al Patto per il Clima, che entro l’anno sarà portato all’esame del Consiglio, con l’inventario di tutte le azioni che possiamo fare per contrastare il cambiamento climatico. Azioni che fanno leva sulla cultura e sull’educazione dei giovani e degli adulti, ma anche di valorizzazione degli operatori economici più sensibili ai temi dell’ambiente, per esempio attraverso l’appena varato progetto Misano 2030 Green”.

Tra queste azioni rientrano gli avviati cantieri per i percorsi ciclopedonali in via Salvo d’Acquisto e in via Puccini, interventi di riqualificazione delle due arterie e nello stesso tempo di messa in sicurezza della mobilità lenta. Lavori che saranno inoltre propedeutici alla realizzazione della pista ciclabile tra Scacciano e Riccione.

“Nel pensare la città del futuro – continua il sindaco Piccioni – non possiamo tralasciare il coinvolgimento del settore economico e delle imprese, particolarmente importante in un’area turistica come la nostra che vuole essere attenta all’ambiente e al benessere degli ospiti e dei residenti. Il progetto Misano 2030 Green, che gode del sostegno economico della Regione Emilia-Romagna, prevede il confronto con le associazioni economiche e gli imprenditori per acquisire il loro punto di vista, informare e individuare possibili interventi, anche in relazione al nuovo piano urbanistico che il Comune sta completando”.

Quindici anni fa, il 25 settembre, le Nazioni Unite si sono date 17 obbiettivi per uno sviluppo sostenibile da mettere in campo entro il 2030. Oggi Misano Adriatico festeggia la tappa intermedia verso il traguardo del prossimo decennio, avendo posto qualche importante tassello per rendere la città più vivibile.




Misano Adriatico. Via del Carro, buca pericolosissima

 

Via del Carro, buca pericolosissima. E’ saltata un frammento di cornice di un tombino a circa 300 metri dalla chiesolina di Cella Simbeni, direzione mare-monte. A farlo esplodere come una come una bomba un’automobile che passava a bassa velocità attorno alle 13 del 20 settembre, nella domenica del secondo Gran Premio della MotoGp. Lo ha notato un ragazzo che faceva il parcheggiatore. La tessera è stata inserita nell’alloggio, ma oggi 23 settembre non c’è più. E’ pericolosissima per auto, moto e bici. Le autorità sono state avvertite.




Misano Adriatico. MisanoPianoFestival, concerti il 26 e 28 settembre

Misano Monte, chiesa di San Biagio e Sant’Erasmo

 

MisanoPianoFestival, concerti il 26 e 28 settembre, ore 21, nella Chiesa dei SS. Biagio ed Erasmo a Misano Monte.  “RECUERDO – Nel ricordo di Alfredo speranza”, ad un anno dalla scomparsa del pianista tanto caro alla storia del Festival (Rimini, 28 settembre 2019); il prestigioso maestro verrà celebrato con la presenza di personaggi della cultura, di musicisti e di alcuni dei suoi numerosi allievi, oggi professionisti ed artisti in carriera, che lo ricorderanno attraverso racconti e soprattutto con la Musica.

Nato nel 1930 Alfredo Speranza era originario di Montevideo, in Uruguay e dopo una lunga carriera in tutto il mondo era giunto a Rimini dove aveva fondato alla fine degli anni ’50 una Scuola di Pianoforte divenuta poi famosa. Attivo per tutta la vita come pianista-compositore, invitato nelle giurie dei Concorsi Pianistici in tutto il mondo, era stato il fondatore del Festival di Pianoforte a Rimini ed il promotore di tante iniziative culturali nella sua amata città d’adozione che nell’ aprile 1999 gli aveva conferito la Cittadinanza Onoraria, in cerimonia ufficiale.

Maestro appassionato di tante generazioni di pianisti, contribuì anche alla fondazione e allo sviluppo di Scuole fra cui la Scuola Comunale di Musica di Misano Adriatico, continuando a dedicarsi fino all’ultimo alla formazione dei giovani e alla composizione di opere per pianoforte e per altre formazioni cameristiche.




Misano Adriatico. Doppio MotoGp, crea ricchezza per circa 14 milioni di euro. Immagini in 200 nazioni

Doppio MotoGp, si ipotizza che crei ricchezza per circa 14 milioni di euro.

Nei due weekend sono stati 42.219 gli spettatori alla MotoGP (oltre 158.000 in un solo weekend nel 2019).

Da qui la richiesta di MWC a Trademark Italia, società già autrice dei precedenti studi sull’indotto economico prodotto dall’autodromo e dalle singole manifestazioni organizzate, di adeguare i criteri ormai consolidati ai nuovi parametri di questa doppia edizione così insolita.

Ne è scaturita la cifra di 13,550 milioni di euro per l’indotto complessivo, nel quale sono conteggiate le 53.600 presenze turistiche legate ai due gran premi. I consumi per alloggio, ristorazione varia e shopping sono stimati in circa 8 milioni di euro.

Le presenze che nei giorni della vigilia dei due gran premi hanno frequentato gli eventi del programma The Riders’ Land Experience organizzati in Repubblica e dai comuni della Riviera di Rimini. E poi il ‘popolo del paddock’, 1.400 persone che per una decina di giorni sono stati ospiti nelle strutture della Riviera di Rimini e a San Marino senza poter frequentare luoghi pubblici, in adesione ai protocolli di sicurezza disposti da Dorna Sport per chi aveva accesso al paddock e alla pista.

La strategia di comunicazione, col pubblico fortemente limitato, ha puntato forte sulla visibilità mediatica. Dall’inizio di settembre a lunedì scorso, sono stati 7.460 gli articoli di stampa sui media italiani cartacei e online rilevati ufficialmente da Ecostampa, ai quali si aggiungeranno quelli esteri che arriveranno dal media report della Dorna.

Imponente anche la copertura televisiva: 80 broadcaster internazionali hanno distribuito le immagini in 200 Paesi. L’audience televisiva per SKY Sport è stata molto soddisfacente e sui canali in chiaro ha superato gli otto milioni di telespettatori nei due weekend.

 

E proprio per sfruttare l’evento come veicolo promozionale e sopperire all’impossibilità delle troupe TV di muoversi fra paddock e territorio, sono stati prodotti sette video che raccontavano la Rider’s Land e che sono stati resi disponibili sull’hub di Dorna Sport, dal quale le piattaforme di tutto il mondo prelevano servizi e immagini.

I video sono stati anche diffusi dai social network ufficiali e rilanciati da tutti quelli del sistema turistico dell’Emilia-Romagna e di San Marino. In totale hanno raggiunto oltre 246 mila contatti, ottenuto 70 mila visualizzazioni e incassato più di 5.600 like. Particolare successo ha avuto il video “Riders’ Land – Dove tutti si sentono piloti”, che ritrae una gara goliardica di mosconi tra bagnini, capace di ottenere 24 mila visualizzazioni e 2.500 reazioni, per una copertura di 70 mila persone.

Enorme il successo sui social network. La pagina Facebook di Misano World Circuit, seguita da quasi 177.000 follower, ha registrato nei due weekend oltre 2,4 milioni interazioni e più di 124 milioni visualizzazioni. La provenienza delle maggiori interazioni, dopo l’Italia, arriva maggiormente da Spagna, Indonesia, India, Francia e Germania.

Il profilo Instagram di MWC ha superato i 63.000 follower totali. Le visualizzazioni sono state oltre 1,4 milioni e oltre 31.000 le interazioni con i post, col primato di oltre 2.000 per quello dedicato alla vittoria di Franco Morbidelli in MotoGP. Su Instagram si aggiungono anche Regno Unito e Brasile fra i principali bacini dell’audience sui social.




Misano Adriatico-Cattolica. Ponte sul Conca, vandali distruggono l’illuminazione

Uno dei cilindri distrutti

L’unico a testimoniarne la bellezza…

 

Ponte sul Conca, vandali distruggono l’illuminazione. Sono dei bassi cilindri di design. Li hanno danneggiati tutti eccetto uno. Forse, lo hanno lasciato per mostrare quanto fosse bello immacolato. Un danno economico, inferiore solo alla tristezza per tale sciocco atto…

Dato i tempi, dato gli uomini, non è possibile essere migliori…




Misano Adriatico. Sociale, 65 buoni per ragazzi disabili che praticano sport

Sociale, 65 buoni per ragazzi disabili che praticano sport.

Garantire il diritto allo sport, soprattutto quando riguarda minori o disabili, è uno degli impegni imprescindibili per chi amministra. Il Comune di Misano Adriatico mette a disposizione 65 voucher, finanziati con fondi della Regione Emilia Romagna, per le famiglie con figli minori o disabili che praticano un’attività sportiva. In totale sono 9.750 euro le risorse che l’amministrazione comunale intende distribuire, sulla base di una graduatoria che terrà conto della fascia di reddito del nucleo familiare e della disabilità riconosciuta da idonea documentazione sanitaria. I voucher avranno un importo di 150 per le famiglie con un figlio, 200 euro per quelle con due figli, 250 euro per quelle con tre e ulteriori 150 euro per ogni figlio oltre al terzo.

Potranno farne richiesta le famiglie con figli di età compresa tra i 6 e i 16 anni o con persone disabili di età fra i 6 e i 26 anni, residenti nel territorio comunale. Il reddito familiare, attestato da certificazione ISEE, deve rientrare nella classe da 3.000 a 17.000 euro (per chi ha più di 4 figli fino a 28.000 euro). Deve inoltre essere dimostrata l’iscrizione ad associazioni e società sportive dilettantistiche per la stagione sportiva 2020-2021.

“Lo sport è un tassello fondamentale nel percorso di crescita dei giovani – commenta l’Assessore allo Sport Filippo Valentini -. Oltre ad essere un prezioso alleato per la salute, lo sport contribuisce alla formazione dei ragazzi e alla loro socializzazione. Per scongiurare il rischio abbandono della pratica motoria dei nostri giovani, l’amministrazione comunale è pronta a distribuire questi voucher che rappresentano un valido sostegno per le famiglie e, al contempo, un aiuto anche per associazioni e società sportive dilettantistiche che potrebbero vedere a rischio la propria attività dopo l’emergenza Coronavirus”.

Le domande dovranno essere presentate compilando l’apposita modulistica (on line sul sito del Comune, nella sezione avvisi http://misano.org/?IDC=84&ID=27571&page=1 ) entro le ore 12 del 16 ottobre 2020, presso il protocollo comunale (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e il martedì e giovedì dalle 14 alle 16), tramite raccomandata o per via telematica, da indirizzo PEC personale, all’indirizzo comune.misanoadriatico@legalmail.it.CELLA’. Grazie per l’attenzione e buon lavoro.




Misano Adriatico. Motomondiale, in piazza col dottor Claudio Costa il 17 settembre

Il dottor Claudio Costa con Loris Capirossi e Valentino Rossi

Motomondiale, in piazza col dottor Claudio Costa il 17 settembre, ore 20,30, in piazza della Repubblica. Presenta il libro: ‘Voglio correre’.  Claudio Marcello Costa, per tutti ‘dottorcosta’, è il protagonista con il suo docufilm di una serata unica.

La pellicola ripercorre per intero la storia della clinica mobile, le gesta di grandi piloti, gli interventi e recuperi “impossibili” che hanno consacrato la storia del ‘dottorcosta’ e dei suoi centauri. Un viaggio incredibile nella storia del motociclismo a partire dagli anni 70 sino ai giorni nostri passando per momenti epici ed altri dolorosi. E’ la storia di un uomo che ha speso la sua vita a servizio dei piloti.

Si prospetta un evento davvero speciale con ospiti illustri tra cui Loris Capirossi, Franco Uncini, Lucio Cecchinello, Manuel Poggiali, Massimo Roccoli e tanti altri personaggi che hanno reso celebre il mondo delle due ruote.

L’evento, che rientra nel palinsesto di The Riders’ Land Experience, è organizzato nel rispetto di tutte le norme anti Covid-19 dal Moto Club Misano Adriatico, col Patrocinio del Comune di Misano Adriatico. Presenta la serata la giornalista Silvia Orsini. Biglietti in prevendita 10 euro.




Misano Adriatico. Gelsi centenari: “Egregio signor Carlo Colaiacovo, perché ogni anno ci capitozza per la MotoGp? Non faremmo saltare nessuno””

I gelsi prima del taglio dei rami

 

LETTERA APERTA

Gelsi centenari: “Egregio signro Carlo Colaiacovo proprietario dell’autodromo Santamonica, buon giorno.

Siamo certi che lei non sappia nulla di quello che ci capita. Anzi.  Ogni anno veniamo  capitozzati dai suoi collaboratori per la MotoGp, ma noi non faremmo saltare nessuno a scrocco per la semplice ragione che i nostri rami sono troppo esili per essere usati come scaletta. Siamo lì, lungo via Ca’ Raffaelli (purtroppo addossati alla sua recinzione) da centinaia d’anni. Una volta le nostre foglie servivano per allevare il baco da seta; compito riservato a donne e bambini. Poi anche come cibo per le bestie nelle stalle. Insomma, eravamo utilissimi. ci permettiamo di dire che siamo la pianta che forse più rappresenta la Romagna. Anzi, nel dna fisico del romagnolo, tozzo e slanciato, sono saltate le nostre caratteristiche. Adornavamo l’aia delle case coloniche e dei filari delle viti. Senza rami, senza foglie, noi soffriamo. Sofferenza inutile che non va ad intaccare i suoi affari, che sono importanti anche dal nostro punto di vista. Papa Bergoglio afferma che l’uomo deve essere sensibile al creato; noi ne siamo una piccolissima parte. Caro Colaiacovo, ci scusi lo sfogo. Speriamo che questa nostra le possa giungere e che dall’anno prossimo ci faccia assaporare l’inverno. Poi saremmo felici di essere potati in febbraio.  Un caro saluto”.




Misano Adriatico. Rifiuti abbandonati, nuove strategie

Rifiuti abbandonati, nuove strategie.

Nelle periferie parte il servizio ‘porta a porta integrale’ e saranno eliminati i bidoni dalle strade.

Concertata con Hera la distribuzione a circa 500 utenti delle periferie i contenitori necessari per depositare i rifiuti nel proprio domicilio, eliminando nel contempo i bidoni lungo le strade e al fianco dei quali troppo spesso vengono abbandonati i rifiuti.

“Vogliamo ridurre ulteriormente gli abbandoni – dice l’assessore all’Ambiente Nicola Schivardi – adottando questi provvedimenti che esporranno coloro che hanno certe pessime abitudini ad ulteriori rischi e quindi più pesanti sanzioni”.

La distribuzione di quanto necessario al ‘porta a porta integrale’ è già avviata, i cittadini sono stati avvisati dei cambiamenti in cui sono riportate le novità che saranno introdotte con il nuovo sistema e le tempistiche.

AL termine della distribuzione in corso del kit per carta, plastica e vetro, dal 14 settembre si avvierà il nuovo servizio porta a porta e dal 22 settembre si procederà con la rimozione dei contenitori stradali.

I sacchi per carta e plastica/lattine sono da 110 litri e verranno raccolti con cadenza quindicinale, mentre per il vetro ogni utenza domestica riceverà un contenitore da 40 litri da esporre con cadenza quindicinale.

Sabato 26 settembre e sabato 5 ottobre, chi non avesse ricevuto quanto utile ad avviare il nuovo servizio di raccolta porta a porta, potrà recuperare i contenitori la mattina alla sala del Comitato Scacciano.

Nel frattempo, procede con la seconda fase l’attività della squadra di addetti comunali dedicati al servizio di ‘Pronto Intervento Green’. Ogni mattina dalle 7.00 parte la perlustrazione nelle zone della città per risolvere situazioni di degrado e segnalate dai cittadini. In tre mesi sono stati raccolti oltre 300 sacchi di rifiuti recuperati da aree ‘vittima’ di pessimi comportamenti individuali.




Misano Adriatico. Fossi e civiltà. Il Comune taglia l’erba e affiorano le tristezze

 

Fossi e civiltà. Il Comune taglia l’erba e affiorano le tristezze.

Si dice che lo specchio di alberghi, bar, ristoranti siano i bagni. Bagno pulito è sinonimo di cucina, e non solo, pulita. Per analogia, si potrebbe dire che il livello di un Paese passa anche essere il rispetto dei fossi lungo le strade…

Quando gli enti pubblici rasano l’erba dei fossi, viene fuori il livello civico della comunità: carta, plastiche, lattine, bottiglie… che rattristano. Purtroppo, il braccio spezzetta quanto sopra che poi finiscono in mare con le piogge. Tutto questo ben di Dio poi ti ritorna nella catena alimentare ed arrivano malattie e tumori…  Il misanese Severino, una delle memorie storiche di Misano e che le vuole bene con l’anima, da decenni afferma che va bene tagliare, ma poi andrebbero raccolti i frammenti, come non dargli ragione.

In questi giorni, giustamente, stanno tagliando l’erba ‘pubblica’ attorno all’autodromo per via delle due tappe mondiali. Degli addetti, come testimonia l’istantenea, stanno raccogliendo quello che i buontemponi hanno scaricato.

Purtroppo è così in tutt’Italia… magra consolazione. Forse tale costume oramai è scritto nei geni degli italici.

Sii il cambiamento che vuoi negli altri amava dire madre Teresa.

Tale articolo è stato suggerito da uno dei massimi imprenditori misanesi con una telefona indignata alle 8 del mattino.