Pesaro. Vitaly, libro di lingua italiana per stranieri ambientato a Pesaro

 

Vitaly, libro di lingua italiana per stranieri ambientato a Pesaro. Realizzato da Edizioni Danté, in collaborazione con l’assessorato alla Bellezza del Comune, è il primo libro del nuovo marchio editoriale di Nina Edizioni, casa editrice pesarese che da dieci anni lavora nella produzione didattica dell’insegnamento della lingua italiana per stranieri. Nel volume – presentato al Museo Rossini dal sindaco Matteo Ricci, dal vicesindaco Daniele Vimini, dal primo consigliere sociale e culturale dell’Ambasciata d’Italia a Parigi Ugo Ciarlatani e dal direttore editoriale di Nina Edizioni Fabio Serrago – i protagonisti della storia sono cinque ragazzi provenienti da città gemellate, che coltivano interessi legati alle eccellenze pesaresi. Ha spiegato Matteo Ricci: «Presentare Pesaro attraverso l’insegnamento della lingua italiana riveste un significato particolare per una città che punta ad avere una dimensione sempre più internazionale. Vogliamo accogliere tanti stranieri per turismo, cultura e studio della musica. Anche così rafforziamo l’immagine internazionale della città. E’ uno strumento di comunicazione significativo. E nel libro ritroviamo tutto ciò che è accaduto negli ultimi anni, compresa la vicenda della tartaruga Luciana. Consolidiamo in questo modo anche il rapporto pesarese con l’Ambasciata italiana a Parigi». Ha aggiunto Daniele Vimini: «Un libro caldo di stampa, per un progetto che valorizza e promuove la città. I luoghi che vengono raccontati e descritti nelle pagine del volume sono le bellezze pesaresi: Museo Rossini, Domus, teatro Rossini, parco San Bartolo. Un opportunità per Pesaro di essere riconosciuta nel mondo, visto che il testo sarà diffuso in oltre 20mila copie».

LA NARRAZIONE

Un disegno complessivo che ha convinto Ciarlatani: «Negli ultimi anni ho visto un’enorme sforzo per fare conoscere Pesaro. Questo progetto è uno dei contributi maggiori. Sono 300mila gli studenti francesi che ogni giorno studiano la lingua italiana, con 2800 insegnanti di ruolo. Ci sono più di 20 Dipartimenti di lingua italiana in Francia: il manuale può sicuramente essere un ulteriore aiuto e strumento. Anche in vista del Salone del Libro 2021 di Parigi, dove l’Italia sarà il Paese ospite d’onore». «Il libro di 280 pagine – ha evidenziato Serrago, socio amministratore di Nina Edizioni insieme a Marcello Koffi Teya – è pensato per i livelli principianti A1 e A2. La metodologia grammaticale innovativa si sviluppa attraverso una narrazione reale tra i personaggi del libro. Si è scelto di ambientare a Pesaro le vicende dei cinque giovani protagonisti. Ciascuno dei quali coltiva un interesse, un percorso di studio o un lavoro che rimanda all’identità del territorio e alle sue ‘anime’: la musica, l’arte, il cinema, il cibo, la natura». Goran, bosniaco di Novi Grad, è bassista jazz che studia al Conservatorio Rossini. Antonio, italo-francese che arriva da Nanterre, è a Pesaro per affinare la sua professione di chef in un ristorante stellato. Hayato, artista giapponese di Kakegawa, lavora ai Musei Civici di Palazzo Mosca. Takumi, gemello di Hayato, è uno studente di Storia del Cinema che spera di carpire qualche segreto ai registi che incontrerà alla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema. Infine Kate, americana di Delray Beach e studentessa di biologia, è un’appassionata di tartarughe marine. «Mentre il racconto scorre, gli studenti che usano il manuale vedranno i protagonisti scoprire cultura e tesori gastronomici di questa terra, avventurarsi nel Parco San Bartolo o godersi la città in bicicletta grazie alla Bicipolitana». Acquistabile in librerie e online, «Vitaly» avrà una distribuzione prevalentemente estera, con una particolare attenzione a università, college, scuole private e Istituti italiani di Cultura dei Paesi che negli ultimi anni hanno registrato un incremento di studenti di italiano. Tra cui Stati Uniti, Canada, Francia, Germania, Australia, Giappone, Regno Unito e Brasile. Gli autori sono Anna Bellantoni, Tatiana Galli e Salvatore Gaeta. La promozione avverrà anche attraverso canali web e social e nelle principali fiere di settore: Frankfurt Book Fair, Bilingual Fair New York, Salon Livre Paris e Seoul International Book Fair.




San Giovanni in Marignano. Green graffiti, il colore salverà il mondo…

 

Green graffiti, il colore salverà il mondo… Progetto di riqualificazione urbana finanziato dalla Regione Emilia-Romagna, promosso dal Centro Giovani White Rabbit, gestito dall’Associazione Alternoteca Aps, in collaborazione con il Comune di San Giovanni in Marignano, si è svolto da novembre 2019 a gennaio 2020 con la realizzazione di un graffito ecosostenibile presso il Parco in zona Borgo Sant’Antonio.
Ideato e diretto dal duo creativo Lacciuga, ha coinvolto ragazzi dai 17 anni in su.
Riqualificazione di una cabina Enel.
I titolari della ditta marignanese Oltremateria, in primis Loris Casalboni, condividendo gli obiettivi dell’amministrazione hanno deciso di contribuire donando i materiali utilizzati, 100% ecosostenibili, dalla malta del fondo alle vernici del graffito,.
“La vernice – spiega Casalboni – è una speciale miscela che, una volta applicata, innesca un processo chimico, duraturo nel tempo, che abbatte le molecole di smog purificando l’aria. La nuova tecnologia innovativa prende il nome di “ECOPUR” e permette di immettere in modo naturale una serie di attivatori che attraverso il contatto con l’aria e qualsiasi tipo di luce e addirittura anche al buio, quindi 24 ore su 24, consentono di conferire alla superficie nuove proprietà: PURIFICAZIONE dell’aria e ANTIBATTERICITA’ ATTIVA.”

Lo staff Alternoteca si ritiene “molto soddisfatto del lavoro svolto, del coinvolgimento di menti giovani ed artistiche, che hanno collaborato al fianco di professionisti quali Lacciuga, ma anche del valore aggiunto apportato ad uno spazio verde, che sarà utilizzato da grandi e piccoli, nei momenti di svago all’aria aperta.”

“Siamo davvero entusiasti- commenta l’Amministrazione Comunale- per l’insieme di collaborazioni create nel corso del progetto. Abbiamo scelto di proporre un’attività dei giovani in un’area da rigenerare urbanisticamente e da porre in sicurezza, proprio perché il messaggio di impegno e passione civile per e con le nuove generazioni è simbolicamente fondamentale. I giovani fanno parte della creazione degli spazi e del nostro futuro e abbiamo mostrato come il loro contributo possa portare bellezza per tutti. Inoltre, essere riusciti a coinvolgere un privato, un’azienda marignanese, quale Oltremateria, che ha creduto insieme a noi in questa iniziativa, ci ha rafforzato e ha dimostrato che quando Istituzioni, Associazionismo e Privato collaborano ne deriva un più elevato ed incisivo bene comune.”




Riccione. Tondelli, teatrodanza in palcoscenico

 

Tondelli, teatrodanza in palcoscenico sabato 22 febbraio, ore 21.  Una giornata qualunque del danzatore Gregorio Samsa, con Lorenzo Gleijeses; domenica 23, Villa Franceschi ospita una masterclass con lo stesso Gleijeses.




Rimini. Teatro Galli, Massimiliano Gallo diretto da Alessandro Gassmann in una commedia firmata dallo scrittore Maurizio De Giovanni

Teatro Galli, Massimiliano Gallo diretto da Alessandro Gassmann in una commedia  firmata dallo scrittore Maurizio De Giovanni
da giovedì 20 a sabato 22 febbraio (ore 21, turni ABC). 

“Immagino uno spettacolo – dice il regista – dove le verità che i protagonisti si dicono, a volte si urlano o si sussurrano, possano farvi riconoscere, dove, come sempre accade anche nei momenti più drammatici, possano esplodere risate, divertimento, insomma la vita. Questa storia ha poi al suo interno grandissime sorprese, misteri che solo un grande scrittore di gialli come Maurizio De Giovanni avrebbe saputo maneggiare con questa abilità e che la rendono davvero un piccolo classico contemporaneo. Questo facciamo a teatro, o almeno ci sforziamo di fare, cerchiamo disperatamente la verità, e confidiamo nella vostra voglia di crederci”
Sul palcoscenico a dare forma all’opera di Gassmann e De Giovanni, Massimiliano Gallo, volto noto del piccolo schermo (anche lui tra gli interpreti de I bastardi di Pizzofalcone) e del cinema (tra le ultime in ordine di tempo la partecipazione in Pinocchio di Matteo Garrone), affiancato da un’altra interprete apprezzata e conosciuta dal grande pubblico come Stefania Rocca, insieme a Monica Nappo, Paola Senatore e Jacopo Sorbini.
Biglietteria: da martedì a sabato dalle 10 alle 14, martedì e giovedì anche dalle 15 alle 17.30, chiuso domenica e lunedì (salvo nei giorni di spettacolo). Contatti: tel 0541 793811, email: biglietteriateatro@comune.rimini.it. E’ possibile acquistare i biglietti on line sul sito www.teatrogalli.it.
giovedì 20, venerdì 21, sabato 22 febbraio
Massimiliano Gallo in
IL SILENZIO GRANDE
di Maurizio De Giovanni
uno spettacolo di Alessandro Gassmann
con Stefania Rocca, Monica Nappo, Paola Senatore, Jacopo Sorbini
produzione Diana OR.I.S.



Poggio Torriana. Tenuta Saiano, riminesi a Vini ad Arte Faenza

 

Tenuta Saiano, riminesi a Vini ad Arte Faenza.  Domenica 23 e lunedì 24 febbraio torna negli spazi di Casa Spadoni a Faenza la quindicesima edizione. Tra i 50 produttori romagnoli, da Rimini all’Imolese, che presenteranno al pubblico, agli operatori del settore Ho.Re.Ca. e alla stampa le nuove annate di Romagna Sangiovese e Albana, anche la produzione di vini della Tenuta Saiano di Montebello di Poggio Torriana.
Durante l’evento sarà possibile degustare i vini della Tenuta Saiano: Rosanita, uno spumante brut rosé di Sangiovese; L’Animo, un bianco da uve Grechetto gentile che sui colli romagnoli prendono il nome di Rebola; Gianciotto, Sangiovese base vinificato in acciaio; Saiano, blend di Sangiovese, Merlot e Cabernet; Montebello Romagna Doc 2016, Riserva di Sangiovese affinato in botte grande




San Marino. Libro “Le case del cuore”, il mondo delle nostre campagne nell’opera di Giancarlo Frisoni

Libro “Le case del cuore”, il mondo delle nostre campagne nell’opera di Giancarlo Frisoni. Viene
presentato sabato 22 febbraio, ore 17,30 a Montecchio.
Poeta, narratore, pittore e fotografo, autodidatta e profondo conoscitore del mondo contadino, attraverso un lavoro di ricerca durato 30 anni, presenta un libro bellissimo che racconta la straordinaria bellezza che mani esperte hanno realizzato durante i secoli, costruendo case coloniche perfettamente integrate con l’ambiente.
“Solo pochi grandi architetti riescono a conservare una dimensione ‘naturale’ capace di manifestarsi nel rapporto aureo fra edilizia e ambiente; pochi grandi architetti e un’innumerevole serie di anonimi fabbricatori di case coloniche, purtroppo sempre più rare, che si stagliano nei paesaggi rispettandone le forme, l’armonia, i colori”.
Questo Mondo prende vita nell’opera di Frisoni che viene presentata in anteprima dallo stesso autore  a Casa Fabrica di Montecchio, attraverso la proiezione di immagini inedite del suo importante archivio fotografico sulla vita nella campagna della Val Marecchia e della Val Conca.
Nell’occasione l’architetto Leo Marino Morganti interverrà sul tema “Le case coloniche un patrimonio che va protetto” esaminando il caso di San Marino e le sue norme di tutela.
Giancarlo Frisoni ha già pubblicato per Aiep Editore “La ambola del tempo perduto”, un grande romanzo ambientato nelle campagne della bassa Romagna che traccia col dolore e il timore le linee essenziali di un ambiente ormai definitivamente perduto. Come pittore, usa materiali naturali che diventano tele informali, da cui traspare la forza di una natura amica/nemica, come dea da rispettare. I suoi quadri sono stati esposti alla Biennale d’Arte di Venezia e in importanti gallerie d’arte italiane e straniere.
Saro Di Bartolo scrive nella presentazione de “Le case del cuore”: “Il libro ci parla di mestieri, arti artigianali, sapori, odori, agricoltura, animali. Ci propone paesaggi ed architetture rurali un tempo vive, ma oggi ormai abbandonate. Luoghi divenuti silenziosi e dimenticati, a cui dedica immagini e prosa che raccontano delle vite ivi trascorse. Così facendo rende merito a quanti vi hanno vissuto le proprie esistenze, spesso vite consumate dalla dura fatica e dai sacrifici, vite di stenti immensi. Storie di miserie catturate a quanti, forti o fragili, ne hanno fatto dono a Giancarlo, che oggi le regala a noi, attraverso i suoi profondi pensieri e le sue immagini. Documenti che entrano nell’animo, commoventi e spesso struggenti. Nell’opera di questo Autore il confine tra delicata prosa e toccante poetica è sottile.”




San Clemente (Rimini). Chiesa di Agello, finiti i lavori di risanamento

Concluso il risanamento conservativo della chiesa della Madonna della Grazia in Agello, già acquisita al patrimonio storico-architettonico del Comune e destinata a divenire “Casa di Valle” dell’offerta enogastronomica.
Le opere strutturali – concentratesi nel cingere la sommità delle murature in corrispondenza del tetto (attraverso un sistema reticolare di catene adatte a contenere una possibile attività sismica); nella bonifica di alcune murature mediante la tecnica del cuci-scuci; nella realizzazione di un’impermeabilizzazione della copertura (tramite la sostituzione delle tegole marsigliesi con coppi); nella sostituzione di discendenti e grondaie e nel risanamento dell’intonaco e nella tinteggiatura interna con pulizia generale, sono arrivate a completamento ulteriormente arricchite da un interessante fuori programma: l’intervento necessario ad evidenziare una ‘piccola scoperta archeologica’. Un ritrovamento che ha interessato la porzione di terreno antistante l’edificio e più nello specifico l’area del sagrato.
I lavori di manutenzione straordinaria hanno messo in luce una pavimentazione esterna in ciottoli di fiume risalente alla metà del Novecento. Concepita con pianta a croce delle dimensioni di 7,20 metri di lunghezza e circa 2 metri di larghezza, occupava originariamente una superficie di quasi 20 metri quadrati.
Per agire sulla tessitura, piuttosto eterogenea e frastagliata, ottenuta attraverso la posa di pietre di varie dimensioni con anche l’aggiunta di mattoni rossi sistemati in tempi successivi, si è proceduto mediante uno scavo dedicato allo scopo di far emergere e valutare in toto il manufatto.
Vista la discontinuità degli elementi impiegati, l’opzione scelta è stata quella di eliminare le sporgenze presenti, migliorando l’impatto delle opere sia sotto il profilo della sicurezza sia dal punto di vista dell’estetica complessiva.
L’ultimo intervento è risultato conseguente al confronto avviato con la Soprintendenza ai Beni Culturali, il cui assenso ha permesso di conservare la pavimentazione mantenendone conformazione e materiali.
La chiesa della Madonna della Grazia nel 2018 è entrata a far parte – assieme alla Torre del Borgo (La Buona Torre), ex macello dalle mura d’epoca malatestiana situato nel Centro Storico – della rete “Case di Valle” della Valconca.



Riccione. Libreria Bianca &Volta, laboratorio creativo per bambini sulla bellezza dell’imperfezione

Libreria Bianca &Volta, laboratorio creativo per bambini a cura di Filomena Galvani.  
Sabato 22 febbraio ore 17. Laboratorio per tirare fuori tutta la nostra creatività e per riflettere sulla bellezza dell’imperfezione: insieme scopriremo come  sbizzarrirci con forme e disegni partendo da semplici macchie di colore.
Per partecipare è necessaria la prenotazione.
Età consigliata: dai 5 anni
Costo: 7 euro  
Per informazioni e iscrizioni:
Libreria Bianca&Volta
via Cilea, 16- Riccione



Rimini. Itinere, Lombardini: mostra a Bologna

 

“2019-1971: Itinere”. E’ il titolo della mostra che Giovanni Lombardini tiene a Bologna. Appuntamento per l’apertura sabato 22 febbraio, ore 18, presso la Galleria d’arte Cinquantasei, via Mascarella 59/B. A curarla lo storico dell’arte riminese Massimo Pulini.




Riccione. Spazio Tondelli, Butterfly per ragazzi e non solo

Spazio Tondelli, Butterfly per ragazzi. Domenica 15 febbraio, ore 16,30, il performer Marco Mazzoni e il soprano Yanmei Yang presentano la Madama Butterfly in versione per ragazzi e non solo.
Il lavoro di Puccini viene presentato in una versione speciale, pensata per far scoprire anche ai più giovani l’attualità dell’opera lirica.
Esattamente come nell’originale, la Butterfly di Kinkaleri – liberamente tratta dalla Madama Butterfly di Puccini – è ambientata nel lontano Giappone di inizio Novecento. In questa terra di incanti e di misteri si incrociano le vite della geisha Butterfly e del suo futuro sposo Pinkerton, tenente di marina americano che tutto può avere. Con la dolcezza di chi crede nell’altro, Butterfly cede all’amore in modo totale, come totale è il capolavoro di Puccini. Da questa forma assoluta di amore trae spunto la messa in scena, costruita con colori e segni tipici dell’arte contemporanea. In un continuo ribaltamento di figure e sagome, il performer Marco Mazzoni interpreta i diversi personaggi della favola triste di Puccini, mentre Yanmei Yang, nei panni dell’incantevole Butterfly, ripropone dal vivo le arie più celebri dell’opera.
Prodotto da Kinkaleri e dal Teatro Metastasio – Stabile della Toscana, Butterfly ha una durata di 50 minuti ed è consigliato a partire dai 6 anni di età. Come tutti gli appuntamenti della rassegna La bellina – sezione per ragazzi e famiglie del cartellone La bella stagione – lo spettacolo ha un costo di ingresso di 6 euro (accesso gratuito per i bambini sotto i 4 anni). È possibile acquistare i biglietti sul sito Liveticket.it, nelle rivendite del circuito liveticket.it oppure presso la biglietteria dello Spazio Tondelli (orari: giovedì, ore 14-19; sabato, ore 10-13; domenica, due ore prima dello spettacolo).
Per informazioni:
tel. 320 01.68.171 (lunedì-venerdì, ore 10-13)

 

Fondato nel 1995 a Firenze e dal 2001 spostatosi a Prato, il collettivo Kinkaleri opera fra sperimentazione teatrale, ricerca sul movimento, installazioni visive, materiali sonori e performance. I suoi lavori sono stati programmati in Italia e all’estero. Nel 2002 la compagnia ha vinto il Premio Lo Straniero “Scommesse per il futuro” e il Premio Ubu per <OTTO>, giudicato miglior spettacolo di teatrodanza. Attualmente Kinkaleri è formato da Matteo Bambi, Massimo Conti, Marco Mazzoni, Gina Monaco.