1

Provincia di Rimini. Covid: 224 nuovi positivi (134.242)). Terapia intensiva: 3. Decessi: nessuno

Vignetta di Cecco

AGGIORNAMENTO DEL 3 MAGGIO 2022, ORE 12

 

Provincia di Rimini

Covid: 224 nuovi positivi (134.242)). Terapia intensiva: 3. Decessi: nessuno

 

Emilia Romagna

Coronavirus. L’aggiornamento in Emilia-Romagna: 2.354 nuovi positivi su quasi 23mila tamponi eseguiti. Calano ancora i casi attivi (-1.847) e i ricoveri nei reparti Covid (-24); stabili le terapie intensive
Il 97,4 % dei casi attivi è in isolamento a casa, senza sintomi o con sintomi lievi. L’età media dei nuovi positivi è di 44,9 anni. 14 decessi. Online il Report con l’andamento settimanale dell’epidemia

Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 1.419.952 casi di positività, 2.354 in più rispetto a ieri, su un totale di 22.819 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore, di cui 10.789 molecolari e 12.030 test antigenici rapidi.

Complessivamente, la percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 10,3%.

Vaccinazioni

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid. Alle ore 14 sono state somministrate complessivamente 10.398.256 dosi; sul totale sono 3.788.626 le persone over 12 che hanno completato il ciclo vaccinale, il 94,3%. Le dosi aggiuntive fatte sono 2.874.513.

Il conteggio progressivo delle dosi di vaccino somministrate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati e le dosi aggiuntive somministrate.

Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/

Ricoveri

I pazienti attualmente ricoverati nelle terapie intensive dell’Emilia-Romagna sono 30 (stabili rispetto a ieri), l’età media è di 66,2 anni. Per quanto riguarda i pazienti ricoverati negli altri reparti Covid, sono 1.369 (-24 rispetto a ieri, -1,7%), età media 76,2 anni.

Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 1 a Piacenza (numero invariato rispetto a ieri); 1 a Parma (invariato); 5 a Reggio Emilia (invariato); 5 a Modena (-1); 8 a Bologna (+1); 4 a Ferrara (+1); 2 a Ravenna (invariato); 1 a Forlì (invariato); 3 a Rimini (-1). Nessun ricovero nella provincia di Cesena e nel Circondario imolese (come ieri).

Contagi

L’età media dei nuovi positivi di oggi è di 44,9 anni.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 536 nuovi casi (su un totale dall’inizio dell’epidemia di 292.962), insieme a Modena (536 su 220.686); poi Rimini (224 su 134.242), Reggio Emilia (203 su 160.737), Ravenna (186 su 131.282) e Parma (167 su 118.293); quindi Piacenza (128 su 74.800), Cesena (112 su 78.821), Ferrara (89 su 98.454) e Forlì (89 su 65.978); infine il Circondario imolese, con 84 nuovi casi di positività su un totale da inizio pandemia di 43.697.

I casi attivi, cioè i malati effettivi, sono 54.164 (-1.847). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 52.765 (-1.823), il 97,4% del totale dei casi attivi.

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Guariti e deceduti

Le persone complessivamente guarite sono 4.187 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 1.349.132.

Purtroppo, si registrano 14 decessi:

1 in provincia di Piacenza (una donna di 86 anni)
1 a Parma (una donna di 82 anni)
4 in provincia di Modena (2 uomini di 83 e 88 anni e 2 donne di 92 e 93 anni)
2 in provincia di Bologna (un uomo di 58 anni e una donna di 95)
5 in provincia di Ravenna (un uomo di 93 anni e 4 donne di 77,78,93 e 101 anni)
1 in provincia di Forlì-Cesena (un uomo di 87 anni)
Non si registrano decessi in provincia di Reggio Emilia, Ferrara, Rimini e nel Circondario imolese.

In totale, dall’inizio dell’epidemia i decessi in regione sono stati 16.656.




Gabicce Mare – Gradara. Polizia locale, Stefano Bravi nuovo comandante

 

Polizia locale, Stefano Bravi nuovo comandante di Gabicce Mare Gradara; 48 anni, originario di Bagnacavallo (Ravanna), sino a pochi giorni fa in servizio presso il Comando di Polizia Locale di Ravenna con il grado di Commissario, Capo Ufficio Polizia Giudiziaria e Pronto Intervento.

Il dottor Bravi, laureato in “Scienze Criminologiche per l’Investigazione e la Sicurezza” presso l’Università degli Studi di Bologna, ha conseguito successivamente un Master di Primo Livello in “Politiche della Sicurezza e Polizia Locale” e vanta un’esperienza ventennale nella Polizia Locale.

Tra le molteplici attività svolte negli ultimi anni è stato impegnato a guidare e coordinare le attività di Polizia Giudiziaria nel territorio del Comune di Ravenna e da più di dieci anni si è dedicato in tutta Italia in attività di formazione per operatori di Polizia Locale, essendo istruttore certificato e riconosciuto da numerose aziende produttrici di attrezzature all’avanguardia per gli operatori del “Law Enforcement”. E’ autore di alcuni manuali e numerosi articoli pubblicati su riviste del settore in ambito di Polizia Locale e Tecniche Operative di Polizia.

Il comandante Bravi guiderà il Corpo Unico di Polizia Locale puntando al raggiungimento degli obiettivi prefissati dalle Amministrazioni Comunali di Gabicce Mare e Gradara. Ieri i Sindaci Domenico Pascuzzi e Filippo Gasperi hanno presentato il nuovo Comandante al personale del Corpo sottolineando che l’avvicendamento porterà esperienza, professionalità e nuova linfa al Settore che possiede già importanti risorse umane e tecnologie all’avanguardia.

Il sindaco Pascuzzi ha ringraziato il dottor Luciano Loccioni, recentemente chiamato a Dirigere il Comando di Polizia Locale di Falconara, per l’importante lavoro svolto dalla costituzione del Comando Unico (1 gennaio 2017) e per gli importanti risultati ottenuti ed ha ringraziato il Dr. Cristiano Schiavi per la temporanea sostituzione del Comandante Loccioni e tutto il personale del Corpo per la collaborazione fornita.

Il sindaco ha sottolineato, inoltre, l’importante trasformazione dei territori interessati durante il periodo estivo per l’alta vocazione turistica dei due Comuni.

Il sindaco Gasperi, oltre ai ringraziamenti, ha evidenziato che in pochi anni si è avuto un innalzamento della qualità del servizio ed un ammodernamento significativo dei mezzi e della strumentazione tecnologica a disposizione del Comando.

Bravi ha ringraziato le Amministrazioni Comunali di Gabicce Mare e Gradara per la fiducia accordata, evidenziando che a sua volta metterà a disposizione delle comunità l’esperienza e professionalità maturate in Comandi più grandi e più strutturati. Al termine dell’incontro il Dr. Bravi ha aggiunto: “Ho scelto di affrontare questa nuova esperienza su un territorio con un buon Comando, con personale preparato e attrezzature adeguate. Il primo obiettivo da raggiungere è il mantenimento degli standards attuali cercando di migliorarli seguendo gli stimoli delle Amministrazioni, le aspettative della popolazione e dei tantissimi turisti che frequentano la Rocca di Gradara e le spiagge di Gabicce”.

A Bravi gli auguri di buon lavoro da parte delle Amministrazioni Comunali di Gabicce Mare e Gradara.




Coriano. Coriano Futura: “Giunta Spinelli, spot elettorale con i soldi dei cittadini”

La lettera

Ancora una volta l’amministrazione Spinelli dimostra la propria arroganza  di fronte a quella che dovrebbe essere la normale osservanza delle regole per un confronto democratico. Regole che valgono per tutti, ma non per la sindaca Spinelli, la cui risposta pare essere sempre la stessa “Me ne infischio”. Il 28 aprile scorso nelle case dei corianesi è stato recapitato “Coriano Informa”, ennesimo strumento di propaganda con cui la Giunta glorifica e celebra in maniera pomposa gli straordinari (ahem…) risultati conseguiti negli ultimi dieci anni. Il tutto a poco più di un mese dalle elezioni. Sorvoliamo sul fatto che nella pubblicazione in questione non è presente nemmeno un piccolissimo spazio dedicato alle voci delle minoranze consigliari (che pure rappresentano una parte della comunità), contrariamente a quanto vorrebbe la par condicio o perlomeno la buona creanza. Sorvoliamo anche sui costi (tuttora sconosciuti) di questo nuovo spot elettorale finanziato con i soldi dei cittadini. Ma non possiamo sorvolare su quelle che sono le normative e su una palese violazione delle stesse. Dal 28 aprile scorso – come comunicato dalla Regione Emilia-Romagna con una nota protocollata a tutti i Comuni – sono in vigore le disposizioni di applicazione della normativa in materia di par condicio – previste dalla legge 22 febbraio 2000, n. 28 e s. m. e dal Codice di autoregolamentazione di cui al DM 8 aprile 2004. L’articolo 9 della legge n.28 afferma chiaramente che “è fatto divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione, ad eccezione di quella effettuata in forma impersonale ed indispensabile per l’efficace svolgimento delle proprie funzioni”. Fregandosene altamente, però, la Giunta Spinelli non solo è andata contro la normativa, facendo recapitare il magazine “Coriano Informa” proprio il giorno 28, ma continua imperterrita ad utilizzare la pagina Facebook istituzionale del Comune di Coriano come un canale di propaganda a reti unificate, mancando così di rispetto a tutti i cittadini.

Coriano Futura