San Marino. Giornata della Memoria: “Chi non conosce la storia è condannata a ripeterla”

image_pdfimage_print

 

 

Giornata della Memoria: “Chi non conosce la storia è condannata a ripeterla”

Nella Giornata della Memoria la rinnovata esortazione a non dimenticare le vittime e
rammentare i mostruosi carnefici, ma anche a prendere esempio dai tanti che hanno saputo
esprimere solidarietà, generosità e umanità.
La comunità internazionale sta vivendo tempi difficili e momenti drammatici. Questi mesi
passeranno alla storia come i più complicati dal dopoguerra ad oggi, sia per la pandemia, che sta
sconvolgendo le vite di tutti noi, e sia per i segnali di intolleranza, di odio e di prevaricazione che
si manifestano, purtroppo, nel nostro vivere civile.
Mai come in questo momento diventa importante cercare ispirazione nel passato, andare con il
pensiero ai grandi temi della condizione umana, scavare nella memoria per riflettere sulla immane
tragedia della Shoah, su un passaggio della storia indelebilmente macchiato dall’Olocausto, che ha
causato un bilancio agghiacciate di 15 milioni di vittime innocenti, 6 milioni delle quali
appartenenti al popolo ebraico.
“Chi non conosce la storia è condannato a ripeterla”, diceva il politico e filosofo britannico
Edmund Burke, già nella seconda metà del ‘700. Una frase che, incisa in trenta lingue diverse,
campeggia su un monumento collocato nel campo di concentramento di Dachau, un monito che
non può lascare indifferenti. Una riflessione quanto mai attuale, in questo bizzarro terzo millennio
che ci sta portando in una pericolosa condizione di individualismo e di assuefazione a quanto di
drammatico accade attorno a noi.
La Repubblica di San Marino, che ha alle spalle una storia di accoglienza e di convivenza civile,
ha saputo distinguersi nel periodo buio della persecuzione e del genocidio degli ebrei e,
nonostante l’allineamento del Governo con l’esecutivo mussoliniano, non mancò di offrire asilo e
protezione a numerose famiglie ebree e ad adoperarsi per consentire loro di mettersi in salvo.
Se è doveroso non dimenticare le tante vittime e al tempo stesso rammentare i loro mostruosi
carnefici, è utile ricordare anche le tante manifestazioni di solidarietà, di generosità e di umanità
messe in atto da tante persone comuni, guidate da un unico e profondo sentimento: il rispetto per
la vita e l’uguaglianza. Prendere esempio da loro ed elevarli a modello per la nostra comunità, per
la convivenza civile, per un futuro migliore di questo Paese e di ognuno di noi.
Anna Frank sul suo celebre e straziante diario scriveva: “Quel che è accaduto non può essere
cancellato, ma si può impedire che accada di nuovo”. Ed è quello a cui una società democratica,
ma in particolare ognuno di noi, deve essere proteso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




    Privacy*

    FACEBOOK

    La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
    © 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
    Web Marketing Rimini
    Condivisioni