1

Gabicce Mare. Duilio Pizzocchi in scena il 28 agosto

Duilio Pizzocchi

 

Duilio Pizzocchi in scena il 28 agosto, ore 21, piazza Municipio

Gag e comicità per una serata tutta da ridere.

 

Duilio Pizzocchi, al secolo Maurizio Pagliari, nasce a Bologna e fin da bambino mostra propensione alla battuta, allo scherzo ed a ogni forma di divertimento. Già a vent’anni comincia a frequentare le Radio e le TV dell’Emilia-Romagna partecipando a programmi umoristici: nascono così le prime macchiette, come Duilio Pizzocchi, imbianchino ferrarese che vive in un mondo di barzellette. Tra i suoi personaggi più celebri ci sono lo sregolato camionista Ermete Bottazzi, Cactus, l’astrologa Donna Zobeide, il boss mafioso italo-americano Eddy Collante e la vecchietta acida e iettatrice Nonna Novella. Pizzocchi ha partecipato a tantissime trasmissioni televisive, tra cui Zelig e Maurizio Costanzo Show. Con Giuseppe Giacobazzi e altri ha fondato nel 1992 un proprio spettacolo itinerante, il Costipanzo Show, che va in scena con cadenza settimanale in locali e teatri della zona di Bologna.

L’accesso allo spettacolo è gratuito. Sarà necessario esibire il green pass.




Provincia di Rimini. Covid: 73 nuovi positivi (39.595 il totale). Terapia intensiva: 9. Decessi: nessuno

Vignetta di Cecco

 

AGGIORNAMENTO DEL 26 AGOSTO 2021, ORE 12

 

Provincia di Rimini

Covid: 73 nuovi positivi (39.595 il totale). Terapia intensiva: 9. Decessi: nessuno

 

Emilia Romagna
Coronavirus, l’aggiornamento: 561 nuovi positivi. Calano i ricoveri (-7), aumentano i guariti (+418)
Eseguiti 25mila tamponi. Vaccini, oltre 5,7 milioni di dosi somministrate. Tre decessi. 34,8 anni l’età media dei nuovi positivi
Bollettino Coronavirus 26 agosto 2021Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 408.877 casi di positività, 561 in più rispetto a ieri, su un totale di 25.144 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore.

La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 2,2%.

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, estesa a tutti i cittadini sopra i 12 anni di età.

Il conteggio progressivo delle somministrazioni di vaccino effettuate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati. Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/.

Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 5.725.376 dosi; sul totale sono 2.623.923 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei 561 nuovi contagiati, 180 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 195 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 239 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 34,8 anni.

Sui 180 asintomatici, 110 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 11 con gli screening sierologici, 32 tramite i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 12 con i test pre-ricovero. Per 15 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Bologna con 89 nuovi casi, quindi Rimini (73), Parma (72), Modena (66) e poi Reggio Emilia (63) e Ravenna (56). Seguono Piacenza (37), Cesena (34), Ferrara (32) e Forlì (23), infine il Nuovo Circondario Imolese (16).

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 11.367 tamponi molecolari, per un totale di 5.476.849. A questi si aggiungono anche 13.777 tamponi rapidi.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 418 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 380.517. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 15.023 (+140 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 14.565 (+147), il 97% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano tre decessi: due uomini di 82 e 84 anni della provincia di Ferrara e una donna di 83 anni, residente fuori regione ma diagnosticata dall’Ausl di Piacenza. In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 13.337.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 53 (-2 rispetto a ieri), 405 quelli negli altri reparti Covid (-5). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 5 a Piacenza (invariato rispetto a ieri), 4 a Parma (invariato), 2 a Reggio Emilia (invariato), 8 a Modena (-1), 13 a Bologna (+2), 2 a Imola (invariato), 6 a Ferrara (-1), 1 a Ravenna (invariato), 1 a Forlì (invariato) 2 a Cesena (invariato), 9 a Rimini (-2).

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 25.234 a Piacenza (+37 rispetto a ieri, di cui 29 sintomatici), 30.729 a Parma (+72, di cui 33 sintomatici), 49.546 a Reggio Emilia (+63, di cui 52 sintomatici), 68.949 a Modena (+66, di cui 50 sintomatici), 86.118 a Bologna (+89, di cui 65 sintomatici), 13.158 casi a Imola (+16, di cui 8 sintomatici), 24.800 a Ferrara (+32, di cui 18 sintomatici), 32.099 a Ravenna (+56, di cui 41 sintomatici), 17.895 a Forlì (+23, di cui 14 sintomatici), 20.754 a Cesena (+34, di cui 20 sintomatici) e 39.595 a Rimini (+73, di cui 51 sintomatici).

 




Misano Adriatico. Piccola pioggia allaga mezzo territorio…

Santamonica, area artigianale

 

Chi scrive la mattina del 25 agosto, attorno alle 10, percorre la Riccione Tavoleto.

A Misano Cella, i coperchi dei tombini sono alzati, come sempre durante gli acquazzoni.

Dopo la rotonda della Ducati, con sorpresa, osserva troppo acqua sulla carreggiata verso Riccione.

Il cordolino della ciclabile fa da sponda alla strada provinciale… la sostanza è che la strada diventa un fiumiciattolo.

Giunto all’inizio del cavalcavia sull’autostrada si ferma. Lì c’è una depressione con almeno 30 centimetri di pioggia.

Preoccupato, si ferma, fa una manovra azzardata e si avvia verso la zona artigianale Santamonica, pensando di arrivare a Misano Mare lungo la parallela all’autostrada. Ma nell’incrocio che porta verso lo stradone si è formato un piccolo laghetto.

Altra inversione, di nuovo la Riccione-Tavoleto verso la Cella per fare via San Giovanni e giungere a destinazione nel capoluogo.

Qui i coperchi dei tombini dopo la chiesa sono sollevati e l’acqua fuoriesce.

Giunto a Misano Mare, la pioggia scema e piano piano tutto ritorna alla normalità.

Gli amministratori a Misano Mare avevano chiuso via Garibaldi: troppa acqua nel sottopasso.

Il piccolo temporale dovrebbe essere un campanello di allarme per andare alle cause: pulire i tombini, ad esempio.

Insomma, cercare di fare qualcosa, perché con una pioggia vera sarebbe un disastro.




Riccione. Albero vestito a festa…

Quando l’uomo pensa e realizza cose meravigliose

 

Una meraviglia l’albero secco vestito a festa dalla proprietaria probabilmente…

Si trova in Riccione Paese, quasi di fronte alla biblioteca comunale.

E’ stato fatto con l’uncinetto: capolavoro in un capolavoro… Anime in festa




Rimini. Galli, debutta l’Aroldo di Verdi il 27 agosto

 

Galli, debutta l’Aroldo di Verdi il 27 agosto.

 

Dopo la prova generale andata in scena il 25 agosto, tutto è pronto per Aroldo, il melodramma di Giuseppe Verdi, che debutta venerdì 27 e domenica 29 agosto alle ore 21 al Teatro Galli. Si tratta di un grande ritorno dopo 164 anni dal debutto dell’opera avvenuto il 16 agosto del 1857 alla presenza dello stesso maestro.

Un appuntamento atteso con un’opera la cui genesi intreccia le vicende di Rimini e del suo teatro, che diventerà un’occasione di festa per la città grazie alla proiezione dell’opera sul maxischermo curata da Sergio Metalli in piazza Cavour. L’accesso al ‘foyer a cielo aperto’ allestito in piazza sarà possibile, per chi è in possesso della prenotazione, a partire dalle 18. Sarà possibile seguire l’opera in diretta anche on line grazie alla piattaforma Opera Streaming, il primo portale regionale di opera lirica in Italia, collegandosi al sito operastreaming.com dove disponibile per i prossimi sei mesi.

 

Aroldo – produzione che vede il Teatro Galli “capofila” per un allestimento realizzato in collaborazione con Teatro Alighieri di Ravenna, Teatro Comunale Luciano Pavarotti di Modena, Teatro Municipale di Piacenza – apre la nuova stagione musicale e teatrale riminese e rappresenta il primo appuntamento lirico del cartellone dedicato alla lirica, che proseguirà con Lucia di Lammermoor (5 e 7 novembre), il melodramma scritto da Salvadore Cammarano per la musica di Gaetano Donizetti. In programma anche un doppio omaggio musicale a Federico Fellini. Il viaggio di Mastorna, (23 ottobre) nuova opera del compositore Matteo d’Amico diretta da Walter Malosti e Nine (30 ottobre), musical co-prodotto da Teatro Galli, BSMT Productions, Fondazione I Teatri, Fondazione Teatro Comunale di Ferrara.

 

L’Aroldo e il teatro

Verdi, che soggiornò per più di un mese a Rimini accompagnato da Giuseppina Strepponi, da Francesco Maria Piave e dal direttore Angelo Mariani, decise che Aroldo, rifacimento del precedente Stiffelio proibito dalla censura, dovesse inaugurare il teatro, allora denominato Teatro Nuovo. Dopo questo lungo lasso di tempo, segnato anche dal bombardamento del 1943 che distrusse il magnifico edificio progettato dall’architetto Luigi Poletti, la nuova versione di Aroldo vuole celebrare quell’importante debutto e l’importante ricostruzione del teatro avvenuta nell’ottobre del 2018.

La storia del teatro di Rimini si intreccia così con Aroldo dando vita ad una nuova versione firmata da Emilio Sala e Edoardo Sanchi e con un’ambientazione storica fissata fra il maggio del 1936 e il dicembre del 1943. “Lo spettacolo sposta la storia al tempo della guerra d’Etiopia e della proclamazione dell’Impero e arriva alla seconda guerra mondiale – spiega Emilio Sala – Tutto parte dal ritorno di Aroldo come reduce di un’esperienza traumatica e arriva all’impressionante bufera del IV atto, con il coro che narra di un naufragio: lo abbiamo fatto diventare il bombardamento che rase al suolo la città di Rimini. Lo spettacolo si conclude con il crollo del Teatro Galli. Nelle rovine di quel mondo arrivano l’ex podestà e sua figlia Mina”. Inseriti in questo nuovo contesto spazio temporale, i personaggi acquisiscono un volto nuovo pur rimanendo strettamente correlati alla partitura dell’opera: Aroldo è un reduce dalla guerra coloniale d’Africa, affranto dalle atrocità vissute; Mina è una donna travolta dai sensi di colpa per l’adulterio commesso. E sarà proprio lei, grazie all’autenticità e alla determinazione del suo agire, ad innestare il perdono che coinvolgerà gli altri protagonisti maschili, in una sorta di catarsi finale. “Un altro elemento centrale della nostra drammaturgia – continua Emilio Sala – è il sipario storico, semidistrutto dal bombardamento e che, conservato dal custode del teatro, ha sempre costituito un elemento di spinta per la ricostruzione del teatro. Durante l’introduzione musicale sul boccascena completamente vuoto viene issata una riproduzione di questo sipario dipinta da quel grande pittore di scena che è Rinaldo Rinaldi. Lì appare un conferenziere, Ivano Marescotti, che ricorda quanto avvenuto”.

La storia recente dell’edificio e dei riminesi diventa così parte integrante di una trama che si ricompone coerentemente con l’originaria partitura musicale.

 

Il cast

L’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini è diretta da Manlio Benzi, il Coro del Teatro Municipale di Piacenza è diretto da Corrado Casati. Aroldo sarà interpretato dal tenore Antonio Corianò, Mina dal soprano Lidia Fridman, Egberto il baritono Michele Govi, Briano il basso Adriano Gramigni, Godvino il tenore Cristiano Olivieri. Al nuovo allestimento partecipano Isa Traversi (movimenti scenici), Giulia Bruschi (scene), Elisa Serpilli e Raffaella Giraldi (costumi), Nevio Cavina (luci), Matteo Castiglioni, (montaggio video e proiezioni) e Maria Grazia Cervetti e Rinaldo Rinaldi per il rifacimento pittorico del sipario storico realizzato da Francesco Coghetti.

Info: www.teatrogalli.it




Misano Adriatico. Bagni 61, non sprechiamo l’acqua…

 

 

Bagni 61

 

“L’acqua è un bene prezioso non sprecarla”.

Il bellissimo avviso dalla grafica elegante lo si legge al Bagno 61 di Misano Adriatico.

Lo gestisce con passione e sorrisi Tiziano Pangrazi insieme al figlio Filippo…




Misano Adriatico. Stazione, orologio fermo…

Foto scattata alle 15,30 del 24 agosto

 

L’orologio sul binario 1 della stazione ferroviaria di Misano Adriatico è fermo (foto scattata il 24 agosto attorno alle 15,30).

Bisognerebbe provvedere; è una piccola cosa dal profondo significato.

Stazione e dintorni è uno dei luoghi più tristi della cittadina. Rampe di scale impossibili da fare; niente accessi per disabili.

Tanto sporco, ma non è colpa dell’ente… Facile dirlo, ma col sorriso, si potrebbe affermare che quando c’era Lui non solo i treni erano in orario, ma le stazioni erano anche ben tenute…




Provincia di Rimini. Covid: 78 nuovi positivi (39.522 il totale). Terapia intensiva: 11. Decessi: uno

di Marino Bonizzato

 

AGGIORNAMENTO DEL 25 AGOSTO 2021, ORE 12

 

Provincia di Rimini

Covid: 78 nuovi positivi (39.522 il totale). Terapia intensiva: 11. Decessi: uno

 

Emilia Romagna

Coronavirus, 412 nuovi positivi su quasi 27mila tamponi effettuati (1,5%). Vaccini: 5,7 milioni di dosi somministrate
Aumentano i guariti (+354), il 96,9% dei casi attivi in isolamento a casa. Crescono i ricoveri (+5). Sette decessi. 35 anni l’età media dei nuovi positivi
Bollettino Coronavirus 25 agosto 2021Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 408.320 casi di positività, 412 in più rispetto a ieri, su un totale di 26.835 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore.

La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti da ieri è del 1,5%.

Continua intanto la campagna vaccinale anti-Covid, estesa a tutti i cittadini sopra i 12 anni di età.

Il conteggio progressivo delle somministrazioni di vaccino effettuate si può seguire in tempo reale sul portale della Regione Emilia-Romagna dedicato all’argomento: https://salute.regione.emilia-romagna.it/vaccino-anti-covid, che indica anche quanti sono i cicli vaccinali completati. Tutte le informazioni sulla campagna: https://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it/.

Alle ore 15 sono state somministrate complessivamente 5.699.248 dosi; sul totale sono 2.607.745 le persone che hanno completato il ciclo vaccinale.

Prosegue l’attività di controllo e prevenzione: dei 412 nuovi contagiati, 125 sono asintomatici individuati nell’ambito delle attività di contact tracing e screening regionali. Complessivamente, tra i nuovi positivi 124 erano già in isolamento al momento dell’esecuzione del tampone, 174 sono stati individuati all’interno di focolai già noti.

L’età media dei nuovi positivi di oggi è 35 anni.

Sui 125 asintomatici, 76 sono stati individuati grazie all’attività di contact tracing, 14 con gli screening sierologici, 15 tramite i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 10 con i test pre-ricovero. Per 10 casi è ancora in corso l’indagine epidemiologica.

La situazione dei contagi nelle province vede Rimini con 78 nuovi casi, quindi Modena e Ravenna (entrambe 44), Reggio Emilia (42) e poi Parma e Bologna (entrambe 41). Seguono Ferrara (34), Forlì (29), Cesena e Piacenza (entrambe 25), infine il Nuovo Circondario Imolese (9).

Questi i dati – accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste istituzionali – relativi all’andamento dell’epidemia in regione.

Nelle ultime 24 ore sono stati effettuati 12.534 tamponi molecolari, per un totale di 5.465.482. A questi si aggiungono anche 14.301 tamponi rapidi.

Per quanto riguarda le persone complessivamente guarite, sono 354 in più rispetto a ieri e raggiungono quota 380.099. I casi attivi, cioè i malati effettivi, a oggi sono 14.887 (+51 rispetto a ieri). Di questi, le persone in isolamento a casa, ovvero quelle con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 14.422 (+46), il 96,9% del totale dei casi attivi.

Purtroppo, si registrano sette decessi: una donna di 91 anni della provincia di Piacenza, una donna di 90 anni della provincia di Modena, un uomo di 83 anni e una donna di 92 della provincia di Bologna, una donna di 81 anni della provincia di Ferrara, un uomo di 78 anni della provincia di Ravenna, un uomo di 82 anni della provincia di Rimini. In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 13.334.

I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 55 (+1 rispetto a ieri), 410 quelli negli altri reparti Covid (+4). Sul territorio, i pazienti ricoverati in terapia intensiva sono così distribuiti: 5 a Piacenza (invariato rispetto a ieri), 4 a Parma (+1), 2 a Reggio Emilia (invariato), 9 a Modena (+1), 11 a Bologna (-1), 2 a Imola (invariato), 7 a Ferrara (-1), 1 a Ravenna (invariato), 1 a Forlì (invariato) 2 a Cesena (invariato), 11 a Rimini (+1).

Questi i casi di positività sul territorio dall’inizio dell’epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 25.197 a Piacenza (+25 rispetto a ieri, di cui 14 sintomatici), 30.657 a Parma (+41, di cui 14 sintomatici), 49.483 a Reggio Emilia (+42, di cui 32 sintomatici), 68.883 a Modena (+44, di cui 36 sintomatici), 86.033 a Bologna (+41, di cui 36 sintomatici), 13.142 casi a Imola (+9, di cui 5 sintomatici), 24.768 a Ferrara (+34, di cui 16 sintomatici), 32.043 a Ravenna (+44, di cui 40 sintomatici), 17.872 a Forlì (+29, di cui 23 sintomatici), 20.720 a Cesena (+25, di cui 21 sintomatici) e 39.522 a Rimini (+78, di cui 50 sintomatici).