Emilia Romagna. Operatori turistici appenninici, dalla Regione 5mila euro a fondo perduto

image_pdfimage_print

 

La Regione aumenta da 3mila a 5mila euro il contributo a fondo perduto per gli operatori turistici. Da oggi (e fino al 27 ottobre) le domande. Corsini: “Risorse fresche per la ripartenza, a sostegno di un territorio importante per l’economia regionale”. Lori: “Una boccata d’ossigeno per chi è stato particolarmente colpito dall’emergenza Coronavirus”

A disposizione risorse per 2 milioni di euro. Il provvedimento riguarda una platea potenziale di 700 strutture al chiuso e all’aperto: alberghi, campeggi, ostelli, rifugi e affittacamere che operano in uno dei 119 comuni Appenninici dell’Emilia-Romagna

Bologna – Al via da oggi le domande per usufruire del contributo a fondo perduto per le strutture ricettive che operano in montagna. A disposizione 2 milioni di euro, ma con un’importante novità: l’importo massimo che potrà essere riconosciuto sale da 3 mila e 5 mila euro.

Una decisione assunta dalla Giunta regionale a fronte degli effetti particolarmente pesanti che la pandemia sta avendo su alberghi, campeggi, ostelli, rifugi e affittacamere che operano in uno dei 119 comuni Appenninici dell’Emilia-Romagna. Realtà che già abitualmente scontano le difficoltà legate al fatto di operare in un contesto territoriale svantaggiato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni