1

Emilia Romagna. Export: dalla Regione 5 milioni per internazionalizzazione e fiere

 

Internazionalizzazione e fiere. Oltre 5 milioni di euro a sostegno di progetti dei consorzi e di singole imprese per promuovere l’export e per la partecipazione a eventi fieristici nel 2021. Colla: “Un valido aiuto per una rapida ripartenza e un efficace recupero delle quote di mercato internazionali”

Le misure sono destinate a Pmi e Consorzi per l’internazionalizzazione con sede in Emilia-Romagna e il contributo della Regione andrà a progetti realizzati nel periodo tra il 1 gennaio 2021 e il 31 dicembre 2021. Le delibere, comprensive degli allegati, sono pubblicate sul Bollettino ufficiale telematico della Regione Emilia-Romagna e sul sito http://fesr.regione.emiliaromagna.it/ .

Cosa prevede il Bando Consorzi di imprese
Questo bando sostiene specifici progetti aggregati di promozione internazionale digitale realizzati dai Consorzi, attinenti alle attività promozionali e a quelle permanenti di cooperazione produttiva, commerciale e tecnologica all’estero. L’obiettivo di puntare l’attenzione sulla necessità, per i consorzi e per le imprese consorziate, di dotarsi di competenze e strategie per lo sfruttamento dei nuovi canali commerciali digitali a livello internazionale.
Il contributo che potrà essere erogato è pari al 50% del progetto, e le spese che potranno essere finanziate riguardano la valutazione per l’avvicinamento ai servizi digitali e virtuali e la definizione di un piano export digitale; il temporary export manager e/o digital export manager; il marketing digitale: le consulenza per l’avvio e sviluppo di business on line b2b e b2c; la realizzazione di siti web e materiali di promozione nonché b2b ed eventi virtuali o in presenza e fiere internazionali (sia all’estero che in Italia). La presentazione delle domande va dalle ore 10 del 26 ottobre 2020 alle ore 16 del 15 marzo 2021.

Cosa prevede il Bando per le Pmi
Il bando destinato a piccole e medie imprese per progetti di promozione dell’export e per la partecipazione a eventi fieristici 2021 assegna un contributo del 100% del costo del progetto, fino a un massimo di 10 mila euro.
Le tipologie delle spese che possono essere finanziate riguardano ‘business to business’ (b2b) ed eventi (partecipazione a eventi promozionali o b2b fisici o virtuali realizzati da organizzatori internazionali); la partecipazione a fiere all’estero o in Italia con qualifica “internazionale” di natura fisica o virtuale. In quest’ultimo caso per fiere in presenza saranno ammessi i costi per affitto spazi, allestimento (incluse le spese di progettazione degli stand), gestione spazi, trasporto merci in esposizione e assicurazione delle stesse, ingaggio di hostess/interpreti; mentre per le fiere virtuali saranno ammessi i seguenti costi: iscrizione alla fiera e ai relativi servizi, consulenze in campo digital, hosting, sviluppo piattaforme per la virtualizzazione, produzione di contenuti digitali, accordi onerosi con media partners, spese di spedizione dei campionari. Il bando sarà aperto in due finestre (ogni impresa può presentare un solo progetto per ogni finestra): la prima fase a partire dalle ore 12 del 4 novembre e fino alle ore 16 del 04 dicembre 2020, mentre la seconda a partire dalle ore 12 del 01 giugno 2021 e fino alle ore 16 del 30 giugno 2021. /gia.bos.

 

 

Tutte le notizie su www.regione.emilia-romagna.it, i comunicati nella sezione ‘Agenzia di informazione e comunicazione’.
Seguici su Twitter (@RegioneER), Facebook (@RegioneEmiliaRomagna)
Segreteria di redazione tel. 051 5275490




Provincia di Rimini. Insegnante positiva, sei classi in isolamento

Insegnante di scuola media positiva, sei classi in isolamento




Rimini. L’assessore Mattia Morolli: “Scuola-coronavirus, regia provinciale”

Mattia Morolli

 

L’assessore Mattia Morolli: “Scuola-coronavirus, regia provinciale”.

Morolli: “Una struttura operativa dove siano rappresentati tutti i Comuni della provincia di Rimini, i dirigenti scolastici, le organizzazioni in rappresentanza degli operatori, coordinati dalla Provincia di Rimini stessa e dall’Ufficio scolastico regionale, in grado di poter monitorare organicamente l’andamento della situazione e coordinare tempestivamente le necessarie precauzioni da attuare dentro e fuori le scuole.
È uno ‘spunto di lavoro’ per rafforzare il buon lavoro fatto fino ad oggi e, soprattutto, per monitorare in tutti i diversi aspetti un’attività che non può permettersi altre interruzioni. Dopo l’agognata riapertura la priorità per tutto il territorio diventa ora quello di garantirne la sicurezza. Non c’è solo il tema della gestione dentro gli istituti – dove comunque già esistono differenze anche importanti a seconda dei diversi ordini e gradi, o tra le diverse direzioni didattiche – ma anche fuori dai cancelli. Faccio particolare riferimento al trasporto pubblico utilizzato dagli studenti per recarsi a scuola. Semplificando al massimo, la scuola che ha messo in campo ogni misura di sicurezza per scongiurare possibili contagi tra le proprie mura, rischia di vedere vanificati i propri sforzi a causa del proliferare del virus in ambiente esterno.
Per questo trovo che una cabina unitaria, con il coordinamento autorevole di Provincia e Ufficio scolastico regionale e l’apporto esterno qualificato di professionisti e medici, possa essere una soluzione importante da mettere in campo il prima possibile.
La riapertura delle scuole è stata una grande conquista che ci siamo meritati grazie a mesi di sacrifici e di impegno collettivo. Lo stesso spirito ci deve guidare oggi in una sfida forse ancora più difficile ma possibile se affrontata con la partecipazione corale e coordinata di tutto il territorio”.




San Marino. La Turchia dona oltre 10mila dispositivi sanitari

Gli ambasciatori Girelli ed Esenli dinanzi al dono della Turchia

 

La Turchia dona oltre 10mila dispositivi sanitari.

Se un illustre epidemiologo ha osservato, di fronte alla nuova insorgenza del Covid-19, che il fenomeno “non spaventa ma deve destare preoccupazione e attenzione”, appare ancora più prezioso il dono di dispositivi sanitari donati dalla Turchia “al popolo di San Marino”. A suo tempo il Segretario di Stato Luca Beccari, di fronte alla minaccia globale del Covid-19, aveva evidenziato che “ il Governo e le Istituzioni della Repubblica di San Marino, … si sono appellati alla coscienza collettiva, al senso civico, richiamando i valori della solidarietà sociale per garantire il diritto alla salute, al di sopra di ogni priorità, nell’interesse di ogni cittadino”. Conseguentemente il Dipartimento Affari Esteri della Repubblica aveva invitato i propri agenti diplomatici a considerare che, per fronteggiare la grave situazione, “ le nostre piccole dimensioni rendono ancor più necessaria l’attivazione di tutti i canali che abbiamo a disposizione per reperire i necessari finanziamenti e la fornitura del materiale sanitario utile agli operatori che affrontano l’emergenza sul campo ogni giorno”. Di qui l’iniziativa dell’ambasciatore presso la Repubblica di Turchia Giorgio Girelli il quale, a fronte di tale appello, si è rivolto al governo turco per il tramite dell’ambasciatore della Repubblica di Turchia Murat Salim ESENLI, con il quale ha sempre intrattenuto ottimi rapporti, prospettando di “ accertare – a fronte della urgente necessità di acquisire materiale sanitario per gestire l’emergenza epidemica che ha colpito in modo assai duro la cittadinanza della Repubblica con un numero rilevante di contagiati e di decessi – se sussistano condizioni per reperire donazioni di materiale sanitario e soprattutto di ‘mascherine’ di cui la Turchia è fiorente produttrice”.

E’ dunque in tale drammatico contesto che l’ambasciatore Esenli , con attenzione e solerzia, ha efficacemente gestito la richiesta, generosamente accolta dal governo turco che ha fatto pervenire sei consistenti confezioni contenenti più di 10.000 “mascherine”. L’ambasciata di Turchia ha organizzato la cerimonia di consegna con particolare solennità, svoltasi in presenza di diversi media turchi. L’ambasciatore Girelli e consorte, ricevuti all’ingresso della ambasciata dall’ambasciatore Murat Salim Esenli e dalla ambasciatrice Evren, sono stati accompagnati nel salone d’onore della sede diplomatica dove l’alto esponente turco, nel rivolgere un indirizzo di saluto al Governo di San Marino ed al suo ambasciatore, ha innanzitutto fatto presente come la Turchia sia stata uno dei paesi che ha superato la prima fase della pandemia mantenendo il numero dei nuovi casi al sotto della propria capacità di trattamento dicendosi peraltro “lieto di osservare che anche le misure adottate dalla Repubblica di San Marino, sin dalle prime fasi della pandemia, stanno portando dei risultati”. Esenli rivolgendosi a Girelli ha poi detto: “In linea con questa comprensione ed in risposta alla sua richiesta ho l’onore di consegnare 10.000 mascherine per il popolo sammarinese. Ritenendo che il mondo post Covid-19 richiede più solidarietà e cooperazione internazionale rispetto a prima, la Turchia è pronta a fare ciò che le spetta in tale ambito insieme ad altri paesi e auspica di incrementare ulteriormente la sua cooperazione con la Repubblica di San Marino cui rivolge auguri di salute, felicità e continuo progresso e prosperità”. In risposta l’ambasciatore Girelli espresso a nome del Governo sammarinese e suo personale la più viva gratitudine al governo turco che generosamente ha ritenuto di “tendere la mano” a San Marino donando dispositivi sanitari che concorreranno ad affrontare e combattere la terribile epidemia che ha duramente colpito anche la laboriosa popolazione del “Titano”.

L’ammirevole gesto del Suo Governo – ha detto Girelli, rivolto all’ambasciatore Selim – sottolinea e rafforza gli ottimi rapporti intercorrenti tra i due Paesi caratterizzati da relazioni commerciali e culturali. Certo, nella misura consentita tra una grande nazione quale è la Repubblica di Turchia ed il piccolo stato di San Marino. Ma la misura dei valori di solidarietà e di amicizia non è la quantità , ma la qualità. E sotto questo profilo non è segno di immodestia l’accostamento tra i due Stati: ad esempio, la Turchia offre asilo a milioni di immigrati. Ebbene, ai tempi della seconda guerra mondiale, la piccola San Marino, che allora contava appena venticinquemila abitanti, ospitò circa centomila rifugiati che scappavano dalla guerra e dalle persecuzioni. Oggi, la Repubblica si sta attivando per ospitare i minori non accompagnati delle isole Lesbo, Samos e Chio. Ma anche a metà dell’Ottocento venne dato ricovero a Giuseppe Garibaldi braccato dalle truppe austriache dopo la triste fine della Repubblica Romana. Senza quell’evento non è dato sapere se la storia della unità d’Italia avrebbe avuto la felice evoluzione che conosciamo. La linea della ospitalità ha continuato ad essere praticata nel tempo. Ciò si colloca in una tradizione di quasi otto secoli durante i quali San Marino ha coltivato valori di libertà, accoglienza e democrazia. Tanto che Abraham Lincoln, nel 1861, potè affermare: “Sebbene l’estensione dei vostri domini sia piccola, il vostro Stato è nondimeno uno dei più onorati di tutta la storia”. Come non va mai dimenticato che nel secondo dopoguerra la Turchia ha concorso in modo determinante a preservare la libertà per l’intero Occidente, esponendosi in prima linea con la coraggiosa partecipazione alle alleanze che le circostanze richiesero. Basti pensare all’apporto decisivo, convergente con la iniziativa del governo italiano presieduto da Amintore Fanfani, per la soluzione nel 1962 della gravissima crisi di Cuba. Con riferimento alle parole dell’ambasciatore Esenli secondo il quale “il mondo post Covid-19 richiede più solidarietà e cooperazione internazionale”, l’ambasciatore Girelli ha infine puntualizzato che proprio “per questo, anche laddove non sussistano coincidenza di vedute o insorgano differenti valutazioni sui valori cui l’umanità deve ispirarsi, ritengo che i problemi non vadano gestiti frapponendo muri ma, come sostiene anche una elevatissima autorità spirituale, gettando ponti per alimentare comprensione ed accrescere le aree di condivisione. Questo è il contributo che San Marino ritiene di offrire alla comunità internazionale”. A conclusione della parte ufficiale dell’incontro, impostato dall’Ambasciata di Turchia con un protocollo di particolare riguardo per San Marino ed il suo rappresentante, l’ambasciatore Girelli ho fatto omaggio all’ambasciatore Esenli di un libro sulla storia di San Marino nonchè di due pregevoli monete d’argento (5 e 10 euro) coniate da San Marino nel 2004 per i campionati mondiali di calcio del 2006 dai quali la Turchia fu sì eliminata dopo una sfortunata partita con la Svizzera, alla quale però due anni dopo la nazionale turca inflisse una sonora sconfitta estromettendola dagli europei.

Quindi l’ambasciatore Girelli e la consorte Angela Maria sono statati intrattenuti dal capo della missione diplomatica turca e dalla signora Evren in una lunga e cordiale conversazione nei giardini dell’ambasciata. Dopo il trasferimento del materiale sanitario a San Marino il Segretario di Stato per gli affari esteri Luca Beccari ha inviato un messaggio all’ambasciatore Esenli in cui “ da parte dei Capitani Reggenti, del Governo e del popolo sammarinese” ha espresso “sincera gratitudine per la donazione precisando che il gesto di solidarietà della Turchia è stato altamente apprezzato”. Il Segretario di Stato Beccari ha poi concluso il suo messaggio “sinceramente auspicando che le già eccellenti relazioni bilaterali saranno rafforzate nello spirito di una attiva e fruttuosa cooperazione”.