Pennabilli. Gli antichi frutti in piazza… Petrini, Fresu e Ambasz

 

Gli antichi frutti in piazza…
 mostre, convegni, mercato e spettacoli il 26 e 27 settembre.

Conversazione con Carlin Petrini su Ecologia Integrale
Omaggio a Ezio Bosso con Paolo Fresu
Premio ad Emilio Ambasz

Omaggio per i Cent’anni di Tonino Guerra

La manifestazione è dedicata agli antichi frutti e alle tradizioni contadine torna il 26 e 27 settembre nel borgo del poeta e sceneggiatore Tonino Guerra.

La XIII edizione della “Festa degli antichi frutti”, così amava chiamarla il Maestro, è “speciale” perché è il primo grande appuntamento di questo tanto atteso centenario: l’evento, inserito nel programma “il Viaggio Luminoso” – Cent’anni di Tonino Guerra, si svolgerà nella suggestiva cornice di Pennabilli, un luogo che il Maestro amava, tanto da averlo scelto come sede “di vita” e di suggestioni poetiche.

Un programma ricchissimo quello di sabato e domenica prossimi che prevede, oltre al mercato degli antichi frutti, mostre tematiche, incontri culturali e scientifici dedicati all’agricoltura, alla biodiversità, al paesaggio, alle tradizioni eno-gastronomiche.

L’evento è organizzato dall’Associazione Tonino Guerra, in collaborazione con i comuni di Santarcangelo di Romagna e Pennabilli, Fondazione Fo.CU.S, il contributo della Regione Emilia – Romagna, del Parco Interregionale del Sasso Simone e Simoncello e Coldiretti, con la direzione artistica di Luca Cesari (saggista, scrittore e docente di estetica) e Massimo Pulini (pittore e storico dell’arte).

Per la normativa anti – Covid i posti saranno limitati e sarà obbligatoria la prenotazione per l’inaugurazione, gli eventi, le attività e le visite guidate. In caso di maltempo gli appuntamenti si terranno al coperto.

Il programma dell’evento si sviluppa su due giornate.

Al via sabato alle 15 la Festa all’Orto dei Frutti Dimenticati, alla presenza delle autorità e dei rappresentanti dell’Associazione Tonino Guerra, Coldiretti e Parco Sasso Simone e Simoncello.
Seguirà la conversazione con Carlo Petrini, detto Carlin, fondatore di Slow Food su Ecologia Integrale.
La serie di appuntamenti previsti per il sabato pomeriggio proseguirà sempre all’Orto dei Frutti Dimenticati con l’incontro dal titolo “La Valle pensante”, che si compone di tre momenti orchestrati da Massimo Pulini: “Arte Sella, un nido per l’arte” con Emanuele Montibeller, fondatore di Arte Sella; a seguire “La natura in una stanza. Le collezioni dei tre regni nella tradizione museale” con il Direttore del Museo Civico di Storia Naturale di Ferrara, Stefano Mazzotti; per chiudere “Archeologia Arborea: da un frutto, tante storie di arte, tradizione e cibo” con Isabella Dalla Ragione, Presidente della Fondazione Archeologia Arborea.

Alle 21.00, proiezione del film “Buongiorno, tira il vento” di Mikheil Mrevlishvili.
In anteprima assoluta sarà proiettato il documentario, ancora in fase di lavorazione, del regista georgiano che raccoglie testimonianze di amici e artisti che hanno collaborato con il grande poeta Tonino Guerra, protagonista del lungometraggio con i suoi racconti sul senso della sua arte.

PROGRAMMA DOMENICA 27 SETTEMBRE 2020

La mattina di domenica alle 11.00 l’Omaggio a Emilio Ambasz.
Sarà, infatti, consegnato il Premio “Una foglia contro i fulmini” – già conferito a Luis Sepúlveda e Marc Augé – al grande Maestro di Architettura e di Design internazionale, Emilio Ambasz. Considerato il padre, poeta e profeta della green architecture sarà a Pennabilli per la prima volta e converserà con Raffaele Milani, professore ordinario di Estetica all’Università di Bologna e filosofo del paesaggio sul tema “Natura e Architettura”. Introduce lo scrittore e saggista Luca Cesari.

UN OMAGGIO AD EZIO BOSSO, CON PAOLO FRESU
Nel primo pomeriggio, alle 15.00 l’Orto dei Frutti Dimenticati ospiterà l’Omaggio a Ezio Bosso. Il compositore e figlio di Tonino, Andrea Guerra insieme al grande jazzista e trombettista Paolo Fresu daranno vita ad una dedica ad Ezio Bosso.

Il Maestro Bosso, amico dell’evento a cui ha partecipato regalando momenti di vera poesia, verrà ricordato con la sua musica.

LABORATORI E ATTIVITÀ
Anche quest’anno non mancheranno, quali ospiti della manifestazione, i laboratori e i banchi artigianali. Una presenza, quella dell’artigianato che vuole sottolineare l’importanza di queste attività, tenute in grande considerazione da Tonino Guerra. Sono sempre state frequenti, infatti, le collaborazioni dell’artista con falegnami, mosaicisti, artigiani del ferro, ceramisti, scultori.

Per informazioni e prenotazioni tel. 0541 928846, prenotazioni.atg@gmail.com




Rimini. Rimini Fiera (Ieg), in arrivo “l’infinito futuro” con Ecomondo e Key Energy

 

Rimini Fiera (Ieg), in arrivo “l’infinito futuro” con Ecomondo e Key Energy, dal vivo dal 3 al 6 novembre alla fiera di Rimini.
Il presidente Italian Exhibition Group, Lorenzo Cagnoni: «Senza la fiducia delle imprese, sarebbe stato impossibile un risultato tanto significativo»

E domani, al via la più grande manifestazione di green technology della Cina occidentale:
Chengdu International Environmental Protection Expo (CDEPE) basata sull’expertise di Ecomondo

ecomondo.com keyenergy.it

Rimini, 23 settembre 2020 – Profondamente innovative: come sempre. In presenza e digitali, accessibili e sicure, per liberare il potenziale di mercato e conoscenza che il Green Deal europeo mette al centro delle agende governative in Europa. Così saranno Ecomondo e Key Energy 2020, i saloni di Italian Exhibition Group dedicati all’economia circolare e alle fonti energetiche rinnovabili.

«Abbiamo reagito al massimo delle nostre energie, come sappiamo fare – dice Lorenzo Cagnoni, presidente di Italian Exhibition Group –, ed eccoci qui, grazie alla fiducia degli espositori e delle aziende che hanno voluto confermare la loro partecipazione. Ecomondo e Key Energy mostreranno quanto il sistema fieristico sia essenziale per il business e le aziende. Lo abbiamo sperimentato recentemente sul campo a VOICE, l’evento per l’oreficeria e la gioielleria che si è svolto nel quartiere fieristico di Vicenza con la convinta soddisfazione di tutti gli operatori».

«A Ecomondo – ha detto il sindaco di Rimini Andrea Gnassi – racconteremo la nostra case history. Abbiamo preso a modello esempi nel nord Europa, come il quartiere Vauban a Friburgo. Oggi Rimini si presenta come un hardware con 16 chilometri di costa con 400 milioni di investimenti per la depurazione delle acque. Il nostro lungomare si è trasformato in un percorso che porta al Parco del mare, su cui sono state ricostruite le dune, ma su cui si trovano anche le Health Urban Station, dove ricevere informazioni di prevenzione sanitaria personalizzata. Anni fa, d’intesa con la Fiera, che ringrazio, abbiamo cambiato modelli di business concentrandoci su settori oggi rivelatisi strategici».

«Una parola che abbiamo imparato a declinare in questi mesi – ha sottolineato l’Amministratore delegato di IEG Corrado Peraboni – è innovazione. E noi abbiamo introdotto una forte dose di innovazione per organizzare queste manifestazioni. Abbiamo lavorato su differenti protocolli di sicurezza, dal montaggio degli stand al catering, per rendere sicura l’esperienza anche prima di entrare in fiera. IEG ha preso in carico tutti i costi dello sforzo organizzativo per i protocolli di sicurezza, perché i nostri espositori possano pensare solo a incontri di business e conoscenza. Ecomondo e Key Energy saranno manifestazioni ibride: in presenza e con un nostro canale digitale finalizzato al b2b che presenteremo a breve».

«Rispetto al 2019 avremo il 70% degli spazi occupati – ha annunciato Alessandra Astolfi, Group Brand Manager Green and Technology Division di IEG – un dato che in un momento come questo appare davvero straordinario. Abbiamo analizzato i bisogni di espositori, associazioni d’impresa e comunità scientifica, predisposto tre ingressi, 26 sale per Ecomondo e 10 per Key Energy, allestito un set televisivo per la trasmissione in streaming degli appuntamenti. Sottolineo la spinta sulle start up, la presenza della Commissione europea e dei nostri Ministeri di riferimento».

«Il Green Deal – ha spiegato Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile – si configura come chiave fondamentale per l’utilizzo dei 209 miliardi del Recovery Fund, un’occasione storica per il cambiamento del modello di sviluppo. Perciò l’edizione di quest’anno degli Stati Generali della green economy dovrà contribuire a cogliere questa opportunità. Se pensiamo al nuovo target europeo di riduzione delle emissioni al 55 per cento, potete immaginare il cambiamento nel sistema energetico. E poi la mobilità sostenibile, la qualità ecologica del sistema alimentare, i temi climatici, ma anche la qualità della vita. Le politiche di green economy hanno efficacia se riescono a insediarsi nelle città».

«La scelta europea di alzare gli obiettivi climatici – ha sintetizzato il professor Gianni Silvestrini, presidente del Comitato scientifico di Key Energy –, ci obbliga ad accelerare moltissimo su rinnovabili, efficienza e mobilità elettrica. È una grande opportunità per questa manifestazione, se pensiamo solo al potenziale di crescita del settore fotovoltaico, mercato destinato a decuplicare la potenza annua installata grazie al combinato disposto di riduzione dei prezzi e del nuovo traguardo proposto dalla Commissione. Elementi che fanno sperare solidamente nella crescita di settore e di una manifestazione che ha i suoi capisaldi nelle rinnovabili, l’efficienza energetica e la mobilità elettrica e la smart city».

«Questa edizione – ha concluso il professor Fabio Fava, presidente del comitato scientifico di Ecomondo – parte con una buona notizia, e cioè che l’economia circolare è al centro delle strategie dell’Europa e del nostro Paese. L’impatto del Covid19 sulle filiere e sull’innovazione delle stesse, come la digitalizzazione industriale, nei servizi e la rigenerazione ambientale, saranno fattori decisivi nell’implementazione di questo paradigma. Ecomondo è una manifestazione pioniera da sempre, per cui raccogliamo la sfida del Green Deal europeo, ci confrontiamo con l’irruzione della pandemia, per mostrare come l’industria e suoi servizi hanno reagito a questa crisi».




Pesaro. Rof,sezione autunnale

Pesaro. Teatro Rossini

Pesaro. Teatro Rossini

 

Una sezione autunnale straordinaria per il Rossini Opera Festival, in programma dal 1° al 29 novembre.

 

In calendario il Concerto finale dell’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda”, rinviata per ovvie ragioni in luogo del consueto luglio (il 1° novembre alle 20.30 al Teatro Sperimentale); una selezione dei Péchés de vieillesse eseguita dal pianista Alessandro Marangoni (il 14 novembre alle 20.30 al Teatro Rossini); due vere e proprie rarità, mai eseguite al ROF, come la Messa di Milano e il Miserere (il 15 novembre alle 20.30 al Teatro Rossini); tre recite del Barbiere di Siviglia messo in scena da Pier Luigi Pizzi al ROF 2018 (il 25 e 27 novembre alle 20 e il 29 novembre alle 17 al Teatro Rossini); infine, due recite del classico Viaggio a Reims di Emilio Sagi, ripreso da Elisabetta Courir, con gli allievi dell’Accademia Rossiniana 2020 (il 26 e 28 novembre alle 20 al Teatro Rossini).

 

Il barbiere di Siviglia vedrà Michele Spotti dirigere l’Orchestra Sinfonica G. Rossini e il Coro del Teatro Ventidio Basso (Maestro del Coro Giovanni Farina) ed un cast composto da Juan Francisco Gatell (Conte d’Almaviva), Marco Filippo Romano (Bartolo), Aya Wakizono (Rosina), Iurii Samoilov (Figaro), Michele Pertusi (Basilio), Elena Zilio (Berta) e William Corrò (Fiorello/Ufficiale). Il viaggio a Reims sarà diretto da Alessandro Cadario sul podio dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini. Miserere e Messa di Milano saranno diretti da Ferdinando Sulla, alla guida della Filarmonica Gioachino Rossini e del Coro del Teatro della Fortuna (Maestro del Coro Mirca Rosciani); il Miserere sarà interpretato da Manuel Amati, Antonio Garés e Grigory Shkarupa; ad essi, nella Messa di Milano, si aggiungerà Svetlina Stoyanova.

 

Così Ernesto Palacio, Sovrintendente del ROF: “Il concerto di Alessandro Marangoni era già stato fissato in precedenza, mentre tutto il resto del programma è frutto della situazione creatasi con l’esplosione della pandemia. Abbiamo rinviato due delle tre opere già programmate al ROF 2021, mentre recupereremo l’Accademia Rossiniana e Il viaggio a Reims degli allievi proprio in novembre. Debutteranno come docenti il regista teatrale ed autore Giampiero Solari e il direttore d’orchestra Roberto Abbado. Essendoci disponibilità di finanziamenti, abbiamo avuto l’opportunità di realizzare questa eccezionale sessione autunnale, riproponendo anche Il barbiere di Siviglia del 2018 e presentando due composizioni sacre di Rossini mai eseguite al ROF come il Miserere e la Messa di Milano”.

 

Così il presidente del ROF, il vicesindaco di Pesaro Daniele Vimini: “Il ROF estivo conserverà la sua struttura consueta, ma ogni opportunità di estendere direttamente o indirettamente la sua attività (produzioni liriche, concerti, corsi di formazione, creazione di opportunità di lavoro, indotto economico) produce effetti molto positivi. Ci rimettiamo in moto dopo l’edizione estiva, alla sezione autunnale seguirà la quarta tappa della tournée in Oman in attesa delle celebrazioni del Compleanno di Rossini e poi del Festival 2021, in occasione del quale contiamo di inaugurare il nuovo PalaScavolini con un Gala celebrativo”.

 

La prevendita dei biglietti aprirà giovedì 8 ottobre. Prenotazioni via email a: boxoffice@rossinioperafestival. Informazioni: www.rossinioperafestival.it




Misano Adriatico. Via del Carro, buca pericolosissima

 

Via del Carro, buca pericolosissima. E’ saltata un frammento di cornice di un tombino a circa 300 metri dalla chiesolina di Cella Simbeni, direzione mare-monte. A farlo esplodere come una come una bomba un’automobile che passava a bassa velocità attorno alle 13 del 20 settembre, nella domenica del secondo Gran Premio della MotoGp. Lo ha notato un ragazzo che faceva il parcheggiatore. La tessera è stata inserita nell’alloggio, ma oggi 23 settembre non c’è più. E’ pericolosissima per auto, moto e bici. Le autorità sono state avvertite.




Cattolica. Comune, consegnati 40 computer agli studenti

 

Comune, consegnati 40 computer e “saponette” WiFi ai giovani studenti
I notebook per dare pari accesso alle opportunità educative. Fondi reperiti tramite la partecipazione distrettuale al progetto della Regione. Il sindaco Mariano Gennari: “Un momento di commozione che ho vissuto da genitore ancor prima che da sindaco”

Soddisfazione è stata espressa dall’assessore alla Scuola Maria Luisa Stoppioni: “Il divario digitale – cioè la distanza tra chi ha accesso alle tecnologie dell’informazione (pc, tablet, connessione internet) e chi invece ne è privo – rappresenta un elemento di grande ingiustizia sociale, resa ancora più evidente durante il lockdown quando molte famiglie del territorio hanno avuto difficoltà nel garantire la continuità didattica a distanza dei figli in età scolare”.
Nella totalità del progetto i Comuni del Distretto di Riccione (Cattolica, Coriano, Gemmano, Misano Adriatico, Mondaino, Montefiore Conca, Montegridolfo, Montescudo-Montecolombo, Morciano di Romagna, Riccione, Saludecio, San Clemente, San Giovanni in Marignano) hanno potuto contare su un finanziamento di 118 mila euro, comprensivi di una donazione da parte dell’editore Zanichelli, assegnato dalla Regione E-Romagna per l’acquisto degli strumenti tecnologici in favore delle famiglie residenti. “Il Comune di Cattolica, capofila del progetto, attraverso il settore della pubblica istruzione ha gestito in tempi molto brevi l’acquisizione diretta dei supporti tecnologici ed oggi siamo felici di vedere il sorriso di questi ragazzi mentre ricevono il loro computer che li aiuterà nello studio e nella loro crescita”, ha concluso la Stoppioni.




Misano Adriatico. MisanoPianoFestival, concerti il 26 e 28 settembre

Misano Monte, chiesa di San Biagio e Sant’Erasmo

 

MisanoPianoFestival, concerti il 26 e 28 settembre, ore 21, nella Chiesa dei SS. Biagio ed Erasmo a Misano Monte.  “RECUERDO – Nel ricordo di Alfredo speranza”, ad un anno dalla scomparsa del pianista tanto caro alla storia del Festival (Rimini, 28 settembre 2019); il prestigioso maestro verrà celebrato con la presenza di personaggi della cultura, di musicisti e di alcuni dei suoi numerosi allievi, oggi professionisti ed artisti in carriera, che lo ricorderanno attraverso racconti e soprattutto con la Musica.

Nato nel 1930 Alfredo Speranza era originario di Montevideo, in Uruguay e dopo una lunga carriera in tutto il mondo era giunto a Rimini dove aveva fondato alla fine degli anni ’50 una Scuola di Pianoforte divenuta poi famosa. Attivo per tutta la vita come pianista-compositore, invitato nelle giurie dei Concorsi Pianistici in tutto il mondo, era stato il fondatore del Festival di Pianoforte a Rimini ed il promotore di tante iniziative culturali nella sua amata città d’adozione che nell’ aprile 1999 gli aveva conferito la Cittadinanza Onoraria, in cerimonia ufficiale.

Maestro appassionato di tante generazioni di pianisti, contribuì anche alla fondazione e allo sviluppo di Scuole fra cui la Scuola Comunale di Musica di Misano Adriatico, continuando a dedicarsi fino all’ultimo alla formazione dei giovani e alla composizione di opere per pianoforte e per altre formazioni cameristiche.




Misano Adriatico. Doppio MotoGp, crea ricchezza per circa 14 milioni di euro. Immagini in 200 nazioni

Doppio MotoGp, si ipotizza che crei ricchezza per circa 14 milioni di euro.

Nei due weekend sono stati 42.219 gli spettatori alla MotoGP (oltre 158.000 in un solo weekend nel 2019).

Da qui la richiesta di MWC a Trademark Italia, società già autrice dei precedenti studi sull’indotto economico prodotto dall’autodromo e dalle singole manifestazioni organizzate, di adeguare i criteri ormai consolidati ai nuovi parametri di questa doppia edizione così insolita.

Ne è scaturita la cifra di 13,550 milioni di euro per l’indotto complessivo, nel quale sono conteggiate le 53.600 presenze turistiche legate ai due gran premi. I consumi per alloggio, ristorazione varia e shopping sono stimati in circa 8 milioni di euro.

Le presenze che nei giorni della vigilia dei due gran premi hanno frequentato gli eventi del programma The Riders’ Land Experience organizzati in Repubblica e dai comuni della Riviera di Rimini. E poi il ‘popolo del paddock’, 1.400 persone che per una decina di giorni sono stati ospiti nelle strutture della Riviera di Rimini e a San Marino senza poter frequentare luoghi pubblici, in adesione ai protocolli di sicurezza disposti da Dorna Sport per chi aveva accesso al paddock e alla pista.

La strategia di comunicazione, col pubblico fortemente limitato, ha puntato forte sulla visibilità mediatica. Dall’inizio di settembre a lunedì scorso, sono stati 7.460 gli articoli di stampa sui media italiani cartacei e online rilevati ufficialmente da Ecostampa, ai quali si aggiungeranno quelli esteri che arriveranno dal media report della Dorna.

Imponente anche la copertura televisiva: 80 broadcaster internazionali hanno distribuito le immagini in 200 Paesi. L’audience televisiva per SKY Sport è stata molto soddisfacente e sui canali in chiaro ha superato gli otto milioni di telespettatori nei due weekend.

 

E proprio per sfruttare l’evento come veicolo promozionale e sopperire all’impossibilità delle troupe TV di muoversi fra paddock e territorio, sono stati prodotti sette video che raccontavano la Rider’s Land e che sono stati resi disponibili sull’hub di Dorna Sport, dal quale le piattaforme di tutto il mondo prelevano servizi e immagini.

I video sono stati anche diffusi dai social network ufficiali e rilanciati da tutti quelli del sistema turistico dell’Emilia-Romagna e di San Marino. In totale hanno raggiunto oltre 246 mila contatti, ottenuto 70 mila visualizzazioni e incassato più di 5.600 like. Particolare successo ha avuto il video “Riders’ Land – Dove tutti si sentono piloti”, che ritrae una gara goliardica di mosconi tra bagnini, capace di ottenere 24 mila visualizzazioni e 2.500 reazioni, per una copertura di 70 mila persone.

Enorme il successo sui social network. La pagina Facebook di Misano World Circuit, seguita da quasi 177.000 follower, ha registrato nei due weekend oltre 2,4 milioni interazioni e più di 124 milioni visualizzazioni. La provenienza delle maggiori interazioni, dopo l’Italia, arriva maggiormente da Spagna, Indonesia, India, Francia e Germania.

Il profilo Instagram di MWC ha superato i 63.000 follower totali. Le visualizzazioni sono state oltre 1,4 milioni e oltre 31.000 le interazioni con i post, col primato di oltre 2.000 per quello dedicato alla vittoria di Franco Morbidelli in MotoGP. Su Instagram si aggiungono anche Regno Unito e Brasile fra i principali bacini dell’audience sui social.