1

I parlamentari italiani? Fin troppo disciplinati

Tratto da lavoce.info

di Francesco Armillei,  studente magistrale in Economic and Social Sciences presso l’Università Bocconi.

Il comportamento dei parlamentari è un fenomeno rilevante, specialmente in tempi di fluidità del sistema partitico, di dibattito sulla legge elettorale e di referendum costituzionali. Com’è andata finora con senatori e deputati della XVIII legislatura?

Come votano deputati e senatori

Monitorare il comportamento degli eletti in Parlamento è importante per valutare la qualità del processo democratico del nostro paese e per immaginare sistemi di regole e di incentivi che producano risultati legislativi migliori. Come votano deputati e senatori? Quanto sono fedeli alla linea di partito e quanto agli elettori del proprio collegio? Quanto diligentemente assolvono al loro dovere di presenza in aula?

Possiamo qui effettuare un piccolo esercizio descrittivo di monitoraggio aggregato del comportamento dei parlamentari della XVIII legislatura grazie ai dati disponibili pubblicamente raccolti da OpenPolis (numeri aggiornati, qui, al 25 febbraio per evitare di includere il periodo del lockdown, che avrebbe rischiato di falsare l’analisi). Sono disponibili dati sul numero di presenze in aula (in percentuale sul totale delle sedute), di assenze e di missioni. Quest’ultimo caso si verifica quando il politico non partecipa al voto perché è occupato per compiti istituzionali. Per esempio, chi svolge compiti nelle commissioni permanenti e bicamerali o nell’ufficio di presidenza.

I dati offrono anche il numero (in valore assoluto) di voti ribelli espressi: un parlamentare è considerato ribelle quando esprime un voto diverso da quello del gruppo parlamentare a cui appartiene. A ciascun politico associamo inoltre il partito di appartenenza, la circoscrizione di elezione, la tipologia del collegio di elezione (uninominale o plurinominale) e la Camera di riferimento.

Appartenenza e provenienza

La prima grande eterogeneità che si nota nei dati è quella nel numero di voti ribelli per appartenenza partitica, come mostra il grafico 1.

Mediamente ciascun parlamentare di Forza Italia ha espresso, dall’inizio della legislatura al 25 febbraio 2020, un totale di 83 voti ribelli, ben al di sopra della media complessiva di 28. Al contrario, i gruppi parlamentari più disciplinati sono quelli della Lega e del Movimento 5 stelle, i cui componenti hanno espresso in media, rispettivamente, 4 e 5 voti ribelli. Dal punto di vista della partecipazione alle attività d’aula, invece, non sembrano esserci differenze significative tra i vari parlamentari.

Come è possibile vedere nella mappa che segue non sembrano emergere, inoltre, differenze sulla base della circoscrizione di elezione dei parlamentari.

Fanno eccezione il Trentino-Alto Adige e la Valle d’Aosta, con numeri sopra la media nazionale per quanto riguarda voti ribelli e tasso di presenze. Le regioni con il tasso di assenteismo più alto sono invece Lombardia ed Emilia-Romagna.

Camera e collegio di elezione

Differenze abbastanza evidenti si notano invece tra Camera e Senato

I senatori sembrano essere meno ligi alla disciplina di gruppo rispetto ai colleghi della Camera e, allo stesso tempo, mostrano tassi di assenza inferiori.

Contrariamente alle aspettative, invece, non sembrano emergere differenze (almeno a un puro sguardo descrittivo) tra parlamentari eletti in collegi plurinominali e quelli eletti in collegi uninominali.

La discrepanza visibile nel primo grafico è infatti trainata da un drappello di 18 parlamentari con un numero di voti ribelli eccezionalmente alto (oltre 250), che possiamo considerare outliers e il cui comportamento è probabilmente dovuto a fattori diversi dal tipo di collegio di elezione. Si tratta principalmente di senatori del gruppo delle Autonomie (un gruppo in cui la disciplina di partito evidentemente ha una scarsa rilevanza) e di Forza Italia (probabilmente in disaccordo con la linea d’opposizione del proprio gruppo). Se non consideriamo questi 18 parlamentari, le medie di voti ribelli espressi da eletti con metodo proporzionale ed eletti con metodo maggioritario si eguagliano, nonostante il diverso tipo di incentivi elettorali fronteggiati in un contesto plurinominale e in uno uninominale. Numeri analoghi tra di loro si hanno infatti anche per presenze, assenze e missioni.

Dinamiche da considerare

Analizzare il comportamento degli eletti in Parlamento e, soprattutto, il meccanismo di regole e di incentivi che ne modificano l’agire, è di fondamentale importanza nel nostro paese, specialmente in un periodo di fluidità del sistema partitico e di dibattito sulla legge elettorale. Come ricordato anche dal think-tank Tortuga, gli incentivi cui i politici sono chiamati a rispondere possono produrre effetti significativi sulle finanze pubbliche e sul comportamento degli elettori. In vista del referendum sul taglio dei parlamentari e nel disegnare la nuova legge elettorale (e – si spera – anche nel modernizzare i regolamenti parlamentari), l’auspicio è che il legislatore tenga conto di queste dinamiche. È importante fare in modo che candidati ed eletti abbiano un rapporto più stretto con i cittadini del proprio collegio e rispondano di più a loro e meno, invece, ai partiti di appartenenza. Così come sarebbe bene attenuare le anacronistiche differenze tra le due camere.




Rimini. Ulisse Fest, la festa del viaggio. Tra gli ospiti Giovanni Allevi…

 

Ulisse Fest, la festa del viaggio dal 28 al 30 agosto..

Lonely Planet, la casa editrice delle celebri guide, ha scelto Rimini per il suo Festival dedicato ai viaggiatori. Il viaggio vissuto, approfondito e raccontato diventa un’occasione per guardare oltre i nostri confini, non solo geografici, e ragionare sul mondo.

Tre giorni di incontri, workshop, reading, cinema, concerti, spettacoli: con Ulisse Fest si pone al centro l’esperienza del viaggio e i mille modi in cui è possibile viverla, intensificarla e condividerla. Tanti gli ospiti attesi come Giovanni Allevi che presenta il suo nuovo libro ‘Revoluzione’, Dardust, uno degli artisti più importanti e innovativi del panorama internazionale, il poliedrico artista Gio Evan, Paolo Fresu e Daniele di Bonaventura in un dialogo in musica

FELLINI BIKE TOUR dal 28 al 29 agsoto, ore 9,30

In sella ad una bici per scoprire i luoghi vissuti e frequentati dal grande regista Federico Fellini, quelli ricostruiti nei suoi film, i personaggi unici ed irripetibili. Le scuole frequentate, le strade, le piazze, il luogo natale e quello del ‘riposo’ eterno, la casa di Amarcord, il cinema Fulgor (solo esterno). L’itinerario tocca il Borgo San Giuliano, il Ponte di Tiberio, la Piazza sull’Acqua Ponte di Tiberio, i murales felliniani del Borgo San Giuliano e la Chiesa di San Giuliano.

Prezzo: 18€ a persona con bici propria, 25€ con noleggio bici incluso

Ritrovo al Bike Park, Rimini Stazione FS

Acquista il bike tour

 

IL JAZZ ALLA CONQUISTA DI RIMINI il 25 agosto, ore 20,30 e 22,30.

Arena Lido, Viale Ortigara 80, Darsena di Rimini

Una serata speciale che vedrà sul palco, all’Arena Lido San Giuliano, una trinità del Jazz: Enrico Rava alla tromba e flicorno, Stefano Bollani al pianoforte e Gianluca Petrella al trombone. Una prima assoluta per questa ensemble jazzistica, podio olimpico del jazz italiano, che rende la serata una misteriosa ma straordinaria occasione musicale sia per gli artisti che per il pubblico. L’affiatamento è garantito: Rava è stato praticamente il talent scout sia di Bollani che di Petrella e li ha convocati in varie sue formazioni. E anche in questa occasione si pone come capofila, per quanto il trio sia paritetico. È stato infatti Rava a ideare questo progetto nel quale in un solo colpo si trovano riuniti sullo stesso palco i più estrosi e creativi solisti del nostro jazz (forti peraltro anche di una rinomata comunicativa col pubblico) e il grande decano della musica improvvisata nazionale. Il concerto sarà diviso in due set, ore 20:30 e 22:30, per permettere ad un pubblico più vasto di assistere alla musica dei tre jazzisti e farlo in assoluta sicurezza.

Prezzo: a partire da 30€

RIMINI YOGI, dal 29 al 30 agosto, ore 9

Lezioni di yoga a due passi dal Ponte di Tiberio. Solo per Ulisse Fest, Rimini Yogi ha arricchito il suo programma settimanale con le lezioni mattutine solo per i visitatori del festival

Prezzo: 10€ a persona

Ritrovo alla Piazza sull’Acqua al Ponte di Tiberio

L’ALBA IN SPIAGGIA: LO SGUARDO VERSO L’INFINITO dal 29 al 30 agosto, ore 6

La magia dell’alba con, davanti a noi, nient’altro che il mare aperto. Dopo il magico momento dell’eterna rinascita del sole, faremo una passeggiata alla scoperta del rapporto tra Rimini ed il mare: le tradizioni marinare, il porto, il faro, la storia dei bagni, tra poesie e foto d’epoca. Con la discreta presenza di Federico Fellini che in questa zona amava passeggiare durante le sue rimpatriate in città, il Grand Hotel, Piazzale Fellini e infine il nuovo lungomare e il Belvedere

Prezzo: 11€ a persona

Ritrovo in Piazzale Boscovich, Rimini Porto

TREKKING IN TENUTA VITIVINICOLA dal 28 al 29 agosto, ore 16

Un percorso per entrare in contatto con una tenuta vitivinicola e viverla dall’interno! Seguendo il percorso trekking proposto, della durata di circa 1 ora e 30 minuti, potrai entrare nell’oliveto godendone la serenità naturale, passeggiare a contatto con i lunghi filari di Sangiovese, scoprire la diversità dei vari vitigni e, in stagione, assaggiarne i preziosi frutti. Scoprirai la storia dell’azienda, del territorio e del paesaggio. Arrivato in tenuta farai una sosta in cantina per conoscere il processo “dall’uva al vino”. Per finire in bellezza, ti aspetta un’aperitivo nell’aia o in veranda con degustazione di 4 vini bianchi, rossi, fermi o frizzanti a scelta, accompagnata da taglieri di salumi, formaggi e bruschette con olio extravergine di oliva

Prezzo: 25€ a persona

Tenuta Santini, via Campo 33, Passano di Coriano

TIBERIO PIC NIC

Con la bella stagione il sole e le calde giornate c’invogliano a organizzare pranzi e cene all’aperto. I ristoranti del Borgo San Giuliano preparano su richiesta menù ad hoc da consumare in compagnia sull’erba della Piazza sull’Acqua davanti al Ponte di Tiberio. Un bellissimo spazio verde curato dove trascorrere piacevolmente qualche ora di relax. Ogni ristorante propone un menù diverso: La Marianna, Osteria De Borg, La Esse Romagnola, Nud E Crud, Strampalato, Latteria.




Bellaria Igea Marina. “Le Albe della Dolce Vita”, chiude con Mirko Casadei

 

“Le Albe della Dolce Vita”, chiude con Mirko Casadei domenica 30 agosto alle ore 6.30
presso il piazzale Capitaneria di Porto.

“Gli appuntamenti olistici al loro primo anno superano i 500 partecipanti” – spiega il
Presidente di Fondazione -. Un ottimo risultato considerando le difficoltà del momento dovute
al Covid e l’orario non a tutti congeniale. Le Albe si configurano un prodotto da perseguire e
spingere, qualunque esse siano: meditative, religiose, musicali. Cercheremo di preparare un
palinsesto per la stagione 2021 il prima possibile, per creare un eventuale opportunità agli
operatori.”