Morciano di Romagna. Addio all’architetto Vittorio Gregotti, progettista di piazza Boccioni

Vittorio Gregotti (1927 – 2020)

Piazza Boccioni, il monumento Colpo d’ala di Arnaldo Pomodoro

 

Vittorio Gregotti se n’è andato lo scorso 15 marzo, concausa coronavirus. Aveva 93 anni, era uno dei grandi architetti italiani con opere in tutto il mondo. Morciano ha un suo angolo; si tratta di piazza Boccioni. Fu il suo studio a progettarla negli anni ’80. Questo grazie al fatto che era amico dello scultore Arnaldo Pomodoro, il prestigioso artista nato a Morciano, che a Milano ha trovato la dimensione internazionale. Ad onor del vero, piazza Boccioni non è mai stata vissuta da i morcianesi. Si potrebbe dire che non aveva un’anima. Era il suo cigno nero. E’ uno spazio rettangolare suddiviso in tre. Nel primo, lato via Diomede Forlani, un ampio prato delimitato da piante di lavanda durate poco tempo. Al suo fianco, la grande vasca con al centro il monumento di Arnaldo Pomodoro, Colpo d’ala. I due rettangoli sono più alti rispetto al piano stradale. Di fianco al vascone corre un muretto grigio che divide il parcheggio dalla parte nobile della progettazione, prato e monumento. Oltre il muretto una lunga fila di lecci. Mura e piante dovevano oscurare le automobili posteggiate. Che la terra gli sia lieve.