Verucchio. Antonio Valenti, in un libro la sua vita di minatore in Belgio

image_pdfimage_print

Antonio Valenti

Antonio Valenti, in un libro la sua vita di minatore in Belgio. Siamo nel 1957, ha appena compiuto 28 anni, e come regalo di compleanno si concede un viaggio in Belgio. Non è una vacanza ma un’avventura in cerca di lavoro e per sfuggire dalla miseria. Inizia così, in quell’ottobre, la storia di un italiano qualunque nato in Valmarecchia emigrante per necessità.
Sono anni in cui il Belgio apre le porte delle sue miniere di carbone a tanti immigrati come Antonio, ottenendo in cambio una crescita economica.

In queste pagine Antonio Valenti racconta le difficoltà dell’immigrato, la sofferenza della solitudine e dell’emarginazione di un italiano all’estero, i sogni per un futuro migliore, la gioia fino alle lacrime per il ritorno in Patria.
Ma sono descritte anche le paure per le prime discese nelle viscere della terra, e la disperazione per il terribile incidente avvenuto a 1.670 metri di profondità: poteva trasformarsi in una nuova Marcinelle, il disastro che coinvolse 300 minatori (la maggior parte italiani) a Bois du Cazier.
Per fortuna le cose andarono diversamente, annodandosi con la lunga convalescenza e la solidarietà dei Belgi per ripartire e continuare a sperare.
Valenti racconta queste drammatiche vicende con lucida puntualità, e con precisione descrive ogni piccolo dettaglio, colore, sensazione.
Il nodo nella scarpa è una storia vera, coinvolgente e travolgente. Quest’opera di 260 pagine e riccamente illustrata, iniziata da Valenti alla veneranda età di 75 anni (oggi ne ha 89), è uno spaccato di vita che ha lasciato il segno nei cuori e nella vita di tanti, in Italia e in Valmarecchia. A differenza dei protagonisti, figli e nipoti ne hanno solo sentito parlare…

Antonio Valenti nasce il 6 settembre 1929 a S. Gianni, piccola frazione del comune di Sestino, in provincia di Arezzo.
Le origini sono contadine e il giovane Antonio trascorre i primi anni della sua vita assieme alla famiglia nel casolare denominato “il Borghese”. Ma la miseria lasciata sul terreno
dalla Seconda Guerra Mondiale da’ poche speranze e quindi poco più che ventenne decide di partire per il Belgio. Questa parte della storia è in realtà il fi nale dell’avvincente trilogia scritta da Antonio, dove le storie precedenti riguardano l’amata terra della sua infanzia e l’esperienza da adolescente nella Maremma del dopoguerra, terra di fame e di duro lavoro.

Il nodo nella scarpa. Dalla Valmarecchia alle miniere del Belgio e ritorno
(edizioni ilPonte) sarà presentato domenica 10 febbraio, alle ore 15.30 presso la Sala Tondini (Centro Civico) di Villa Verucchio. Ingresso libero.
Partecipano:
Valter Valenti
Luigi Ronconi
Bruno Ronconi, presidente Unione Minatori Valmarecchia
l’Autore

Con il patrocinio di: Comune di Verucchio – Unione Minatori Valmarecchia
In collaborazione con: Circolo Ricreativo Culturale Villa Verucchio – RiminiBanca filiale Villa Verucchio
il Ponte Edizioni – Via F.lli Cairoli, 69 – 47923 Rimini
Tel. 0541/780666 – Fax 785353
redazione@ilponte.com – fotocomposizione@ilponte.com – www.ilponte.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

TWITTER

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni