Riccione. Fondazione Cetacea, tre tartarughe rilasciate dopo la cura

Tartarughe rilasciate dopo la cura, sabato 30 novembre, ore 11, in spiaggia di fronte a Fondazione Cetacea, fra i bagni 42 e 44 di Riccione. Tre esemplari di tartaruga marina della specie Caretta caretta, curati nel corso dell’autunno dopo essere stati recuperati, feriti o debilitati, dall’associazione riccionese. L’appuntamento è alle 11 al Centro di Recupero Tartarughe Marine dove si potranno salutare Martina, Franca e Pimpa, che ritroveranno la libertà dopo essere state vittime di catture accidentali in reti a strascico, fra Chioggia e Cesenatico. Martina in particolar modo è un esemplare curato grazie alle sinergie tra Fondazione Cetacea e WWF Veneto, e il suo ritorno in mare è stato possibile grazie alla collaborazione che dura ormai da più di 8 anni tra Fondazione e la Clinica Veterinaria del Benvenuto a Polesella del Dott. Luciano Tarricone.



Rimini. Vaccini, campagna ancora aperta. L’invito del dottor Giancarlo Piovaccari

ecocardio piovaccari Giancarlo Piovaccari
Vaccini, campagna ancora aperta. L’invito del dottor Giancarlo Piovaccari.
Chi non l’abbia già fatto è ancora in tempo per vaccinarsi contro l’influenza stagionale (al link https://www.auslromagna.it/notizie/item/2443-influenza-stagionale-al-via-le-vaccinazioni?highlight=WyJpbmZsdWVuemEiXQ==
tutte le relative informazioni ). Lo consigliano anche gli esperti: di seguito un’intervista al dottor Giancarlo Piovaccari, direttore del Dipartimento di “Malattie cardiovascolari” dell’Ausl Romagna.
Vaccinarsi… di cuore. Sì perchè la vaccinazione per prevenire l’influenza stagionale aiuta anche a tutelare il sistema cardiovascolare e circolatorio.
“Recenti studi pubblicati su prestigiose riviste medico-scientifiche statunitensi dimostrano che, superati i 65 anni d’età, contrarre l’influenza, e soprattutto le conseguenti possibili complicanze, aumenta fino a sei volte il rischio di Infarto Miocardico Acuto o altri problemi Cardiaci” spiega il dottor Giancarlo Piovaccari, direttore del Dipartimento di Malattie Cardiovascolari dell’Ausl Romagna.
Dottore, cosa c’entra l’influenza con le patologie del sistema cardiovascolare?
“In generale tutte le infezioni delle vie respiratorie aumentano il rischio di scompenso cardiaco e aritmie (vedi la fibrillazione atriale). E questo rischio si incrementa ulteriormente quando si contrae l’influenza che con la febbre genera alterazioni cardiocircolatorie e conseguentemente più facilmente precipita in un’insufficienza cardiaca o in un attacco coronarico”.
Partiamo quindi dell’infarto.
“Vi sono stati studi, oggetto di pubblicazione sul ‘New England Journal of Medicine” nel 2018 e 2019, dal titolo ‘Acute infection and myocardial infarction’; ed ‘Acute myocardial infarction after laboratory confirmed influenza infection’, in cui si dimostra che le persone con più di 65 anni che contraggono l’influenza rischiano, appunto, fino a sei volte in più di restare vittime di infarto miocardico. Il virus influenzale favorisce la trombosi (occlusione) coronarica acuta e quindi l’infarto miocardico acuto”.
E a livello coronarico?
“Il persistere di stati di bronchite e broncopolmonite o infezioni in genere, aumenta sensibilmente il rischio di rottura delle placche aterosclerotiche che possono essere presenti nelle arterie coronarie. Aumenta inoltre l’incidenza di scompenso, soprattutto nei giorni immediatamente successivi al termine dell’infezione influenzale, per i pazienti già in terapia per insufficienza cardiaca. Quelli invece in condizioni cliniche stabili, nel corso dell’infezione aumentano notevolmente il rischio di scompensarsi”.
Perché succede questo?
“Principalmente perché l’infezione da virus influenzale riduce notevolmente le difese immunitarie naturali delle persone che diventano più vulnerabili per una bronchite o polmonite”.
E se cresce l’età del paziente?
“Il rischio aumenta ulteriormente. Tanto che nei pazienti con più di 75 anni, specialmente se già vittime di precedenti infarti, sono generalmente presenti un maggior numero di placche arteriosclerotiche all’interno delle coronarie e quindi più alto il rischio di trombosi coronarica acuta”.
La vaccinazione può aiutare a contenere questi rischi?
“Certo: gli studi americani ai quali facevo riferimento prima hanno ben studiato, e documentato, anche questo. La vaccinazione evita complicanze e mette nelle condizioni di resistere meglio anche alle infezioni parainfluenzali. Perciò per questi pazienti vi è una chiara linea guida per l’offerta attiva della vaccinazione”.



Rimini. Sandra Sabattini, beata il 14 giugno 2020

Sandra Sabattini
Sandra Sabattini, beata il prossimo 14 giugno in Basilica Cattedrale, a Rimini.
L’annuncio lo ha dato il vescovo di Rimini, mons. Francesco Lambiasi, in diretta tv, ospite speciale del programma “I giorni della Chiesa”, condotto da Simona Mulazzani e in onda ogni venerdì alle 20,35 su Icaro TV.
In studio per presentare il suo ultimo libro “Scelgo Te e basta: Sandra Sabattini vivere a braccia spalancate”, che uscirà a giorni in libreria per i tipi de ilPonte edizioni, il pastore della Chiesa riminese ha annunciato la data della beatificazione della riminese scomparsa a 22 anni e mezzo.
Papa Francesco aveva promulgato il decreto della prossima beatificazione di Sandra Sabattini il 2 ottobre scorso. “Il 2 ottobre il Santo Padre Francesco ha ricevuto in udienza Sua Eminenza
Reverendissima il Signor Cardinale Angelo Becciu, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi. Durante l’Udienza, il Sommo Pontefice ha autorizzato la Congregazione a promulgare i Decreti riguardanti la beatificazione di Alessandra (Sandra) Sabattini, Laica; nata il 19 agosto 1961 a Riccione (Italia) e morta a Bologna (Italia) il 2 maggio 1984”.
Nell’annunciare con gioia l’avvenimento, una “grazia per tutta la Chiesa riminese” Mons. Lambiasi ha anticipato anche la costituzione di un Gruppo di Lavoro (che comprenderà anche membri della APG23), al quale sarà affidato il servizio di preparare la giornata del 14 giugno in tutti i suoi vari aspetti.
Sandra Sabattini sarà la prima fidanzata santa ammessa all’onore degli altari. Vi arriva dopo una causa durata 13 anni, e prima del fondatore dell’associazione Papa Giovanni XXIII, don Oreste Benzi (del quale si è chiusa sabato corso la causa diocesana di beatificazione), padre spirituale della giovane e figura decisiva per la vocazione di Sandra.
Nata a Riccione il 19 agosto 1961, Sandra ha respirato la fede fin da piccola e ancor più quando, insieme ai genitori ed al fratellino, va a vivere nella canonica dello zio prete, don Giuseppe Bonini, a Misano Adriatico, e di seguito a Rimini, nella parrocchia di San Girolamo. A 12 anni incontra don Benzi e la comunità “Papa Giovanni XXIII”; due anni dopo già partecipa ad un soggiorno per adolescenti sulle Dolomiti con disabili gravi, dal quale ritorna con le idee chiare: “Ci siamo spezzati le ossa, ma quella è gente che io non abbandonerò mai”.
Si spende nel servizio per i disabili e per i tossicodipendenti, e va a cercare i poveri di casa in casa. Nel 1980, dopo il diploma di maturità scientifica a Rimini, si iscrive alla Facoltà di Medicina all’Università di Bologna. Uno dei suoi sogni è di essere medico missionario in Africa. Fidanzata con Guido Rossi dall’agosto 1979, anch’egli membro della Papa Giovanni; insieme vivono una relazione improntata ad un amore tenero e casto, alla luce della Parola di Dio. Dirà Sandra: “Oggi c’è un’inflazione di buoni cristiani, mentre il mondo ha bisogno di santi”.
Il 29 aprile 1984, ad Igea Marina, mentre si reca ad un incontro della Papa Giovanni, viene investita da una macchina, entra in coma e muore il 2 maggio successivo. Don Oreste Benzi ha spinto da subito per l’apertura della Causa di Beatificazione, che è stata avviata nel 2006.



Rimini. Arte, Alessandro Giovanardi guida (gratuita) della chiesa di San Giuliano il 1° dicembre

Chiesa di San Giuliano, tra i pochi edifici del ‘500 arrivati fino a noi
La chiesa di San Giuliano borgo come non l’avete mai vista. E “letta”. Domenica 1 dicembre, dalle ore 16 alle 18, prende il via la prima visita guidata (completamente gratuita) con il prof. Alessandro Giovanardi della chiesa di San Giuliano martire, al Borgo Sa Giuliano di Rimini.
La chiesa di San Giuliano è antichissima: se le prime fonti documentarie risalgono al IX secolo, “la sua fondazione – non ha dubbi in merito lo storico dell’arte Pier Giorgio Pasini – è sicuramente più antica”.
L’attuale chiesa è uno dei pochi edifici riminesi superstiti del Cinquecento.
Docente di Arte Sacra e di Iconografia e Iconologia presso l’Istituto di Scienze Religiose “A. Marvelli” di Rimini – San Marino e Montefeltro, Giovanardi è autore di numerosi saggi e pubblicazioni, e da qualche stagione cura le attività culturali della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, e dirige la rivista di arte, storia e cultura “Ariminum”, che sarà distribuita gratuitamente nel corso della visita.
La splendida ancona in legno dorato con una tela raffigurante il martirio di San Giuliano, il sarcofago del martire, il polittico di Bitino da Faenza, sono solo alcune delle opere d’arte contenute nella chiesa di San Giuliano che Giovanardi farà scoprire e gustare.
Una seconda visita guidata presso la Chiesa di San Giuliano martire, al Borgo, è prevista domenica 8 settembre, sempre dalle ore 16-18, e sempre ad ingresso gratuito.
Per l’occasione è disponibile la Guida breve per la chiesa di San Giuliano di Pier Giorgio Pasini.
Con quella Chiesa di San Giuliano al Borgo di domenica 1 dicembre, inizia il tour di visite guidate e iniziative culturali nella città di Rimini organizzate dal settimanale ilPonte e Sovvenire, in collaborazione con IcaroCommunication.
Venerdì 6 dicembre, alle ore 17, presso la Sala San Gaudenzo (a fianco del Duomo di Rimini) presentazione della
Guida breve del “tesoro” del Tempio di Pier Giorgio Pasini, appena pubblicata dalle edizioni ilPonte.
Partecipano: lo storico dell’arte Pier Giorgio Pasini, Luciano Liuzzi, fotografo; Johnny Farabegoli, commissione diocesana arte sacra. A seguire visita guidata del “tesoro” del Tempio.
Sabato 7 dicembre, dalle ore 15.30 alle 16.45 : visita guidata della Basilica Cattedrale / Tempio Malatestiano con il prof. Pier Giorgio Pasini.
Dalle 15.30 alle 18.30 presso la Sala San Gaudenzo visite guidate al “tesoro” del Tempio con la storica dell’arte Maria Cecilia Pecci.
Domenica 8 dicembre, dalle 15.30 alle 18.30 presso la Sala San Gaudenzo visite guidate al “tesoro” del Tempio con la storica dell’arte Maria Cecilia Pecci.
Dalle 16 alle 18, visita guidata alla Chiesa di San Giuliano martire, al Borgo San Giuliano, con il prof. Alessandro Giovanardi.
Giovedì 12 dicembre, alle ore 17.30, presso la Sala San Gaudenzo, presentazione del volume Scelgo Te e basta. Sandra Sabattini Vivere a braccia spalancate di Francesco Lambiasi (edizioni ilPonte).
Partecipano: il Vescovo di Rimini, mons. Francesco Lambiasi; Stefano Vitali (Papa Giovanni XXIII); Laila Lucci (biblista); Geppy Santamato (amica di Sandra).



Santarcangelo di Romagna. Piazza Balacchi, dalla Regione 100mila euro per la riqualificazione

 

Dalla Regione un contributo di oltre 100mila euro per la
riqualificazione di piazza Balacchi
La vice sindaca Fussi e l’assessora Garattoni: “Cantiere aperto nel 2020
per un recupero di straordinario valore per la nostra città”
Grazie   all’assegnazione   di   un   contributo   regionale   di   oltre   100mila   euro,   compie   un   passo   avanti
decisivo   l’intervento   per   la   riqualificazione   di   piazza   Balacchi   e   il   conseguente   recupero   delle   due
grotte sottostanti. Il cantiere per il consolidamento e il restauro delle parti interne dei due ipogei e per
la sistemazione della pavimentazione esterna e dell’arredo urbano dell’intera piazza, aprirà infatti nel
2020.
Oltre al collegamento sotterraneo, il progetto prevede anche la realizzazione di pedane in ferro e legno
quale pavimentazione dei due ipogei, un sistema di illuminazione e la segnaletica turistica.
La   vice   sindaca   Pamela   Fussi   e   l’assessora   alle   Attività   Economiche   Angela   Garattoni
esprimono  grande   soddisfazione   per   la   concessione   del   finanziamento   della   Regione   Emilia-Romagna   attribuito
nell’ambito dei progetti di riqualificazione e valorizzazione della rete commerciale. “Grazie al contributo
regionale di 108.000 euro siamo ora nelle condizioni di far partire l’iter procedurale per dare corso a questa
opera già inserita nel programma triennale dei lavori pubblici per un costo complessivo di 290.000 euro”.
Si tratta di un recupero di straordinario valore dal punto di vista storico-ambientale – concludono la vice
sindaca Fussi e l’assessora Garattoni – che avrà una ricaduta importante per la valorizzazione del commercio
e del turismo della nostra città”.




Misano Adriatico. Filosofia, Ivano Dionigi chiude il prestigioso ed affollato ciclo

Non poteva esserci chiusura migliore per J’accuse,  la rassegna filosofica promossa dalla Biblioteca di Misano. Davanti ad un teatro Astra strapieno in ogni ordine di posti, Ivano Dionigi ha lanciato il proprio un atto di accusa contro la paura e l’ignoranza, affermando che la prima difesa della democrazia è la difesa  dell’intelligenza. Lungo tutta la lezione, l’imperativo “Osa sapere” ha provocato,  ha sfidato  a fare della grande cultura un’arma di difesa (non un oggetto da conservare) dalle mentalità degradanti figlie di questo tempo. Durante l’intensa lezione è risuonata la voce dei classici, e non solo perché la classicità è l’ambito di ricerca in cui Ivano Dionigi ha speso la sua vita. Dalla voce di Dionigi, non giungono solo citazioni colte e parole di filosofi, ma un monito per il presente in cui nuovi scenari sociali, scientifici e tecnologici mettono in discussione le nostre identità consolidate e rassicuranti: l’identità culturale, incalzata dall’avvento di culture altre ; l’identità professionale, scalzata da una tecnologia sempre più autonoma ; l’identità personale, minacciata fino a mettere in discussione la stessa parola uomo così come l’abbiamo pronunciata e intesa per millenni. Come capire e renderci amico questo presente così carico di complessità e incognite? Oggi, in un’era in cui tutto è globale, condiviso e disponibile in modo indiscriminato, l’uomo perde se stesso, e mentre da un lato si fa forte della tecnologia per instaurare relazioni con il mondo virtuale, dall’altro innalza muri contro le persone fisiche. E’ Il paradosso della società postmoderna, l’isolamento collettivo dietro a uno schermo. “Osa sapere” allora è un invito a uscire dall’ignoranza, a chiederci chi siamo, qual è la direzione che abbiamo intrapreso e, soprattutto, che futuro vogliamo costruire. Dionigi chiude con messaggio ai tanti giovani presenti: “Voi fate l’unità, la bellezza e la speranza del paese benedettamente ricco di talenti e maledettamente incurante di essi. Questo i miei occhi hanno visto incontrando migliaia e migliaia di vostri coetanei dal profondo Sud al profondo Nord. Siate consapevoli della vostra grazia e della vostra forza, perchè il tempo vi è amico. Siate insoddisfatti, siate esigenti, siate rigorosi, vorrei dire perfetti. Osare sapere. Impegnatevi in politica. Fatelo con passione, orgoglio, non solo per affermare voi stessi, ma fatelo anche per una sorta di pietas verso di noi che non ce l’abbiamo fatta a lasciarvi un mondo migliore.
Due parole di riflessione sulla rassegna. Durante i nove incontri, una media di 500 persone, in buona parte giovani, con  picchi di 1000 per Galimberti e Cacciari, hanno seguito in religioso silenzio le lezioni di questi maestri del pensiero. C’è evidentemente un bisogno di conoscenza, cultura, strumenti importanti per cercare di comprendere il disorientamento che caratterizza il nostro tempo.  Molto autorevoli studiosi parlano di svolta antropologica in atto, si cercano nuove bussole, nuovi orizzonti. Le lezioni misanesi, non a caso promosse da una biblioteca,  forse danno un piccolo contributo a questa inquieta ricerca.