Rimini. Metalmeccanica, non si trovano specializzati. Nasce corso biennale per 25 giovani

Metalmeccanica, non si trovano specializzati. Nasce corso biennale. La Fondazione ITS Maker (Istituto Superiore meccanica, meccatronica, motoristica e packaging dell’Emilia Romagna) istituisce il percorso biennale “Tecnico superiore per l’automazione e i sistemi meccatronici”, indirizzato a formare tecnici in grado di operare, realizzare, integrare, controllare macchine, impianti e sistemi automatici e meccatronici.

A volerlo la Confindustria Romagna e dalle imprese del territorio. In collaborazione con Assoform Romagna e gli istituti tecnici del territorio, si rivolge a un massimo di 25 diplomati della scuola secondaria superiore: 2000 ore di formazione di cui 800 ore circa di tirocinio presso le più importanti aziende meccaniche, meccatroniche, motoristiche del nostro territorio. Orientato alla cultura del “saper fare”, è incentrato ad una didattica che prevede l’alternanza di lezioni teoriche in aula e in azienda, esercitazioni e lavori di gruppo in laboratorio, visite e project work in azienda.




Cattolica. “Youth America Grand Prix”, concorso internazionale di danza

 

“Youth America Grand Prix”, concorso internazionale di danza. La collaborazione tra YAGP Italia ed amministrazione comunale si rinnova l’appuntamento al Teatro della Regina dal 21 al 24 novembre 2019. Annunciata una giuria prestigiosa, tra i componenti l’icona della danza mondiale Cynthia Harvey. Il sindaco Mariano Gennari: “Abbracciamo le giovani promesse del ballo”.
I promotori dell’evento: i maestri Stefania Sansavini e Marzio Vaccarini e tutto lo staff YAGP Italia.




Riccione. La Veleggiata della Saraghina sabato 3 agosto a favore di “Io Centro”

La Veleggiata della Saraghina torna sabato 3 agosto. Organizza il Circolo Velico Città di Riccione in collaborazione con Riccione Terme e l’associazione di promozione sociale IO CENTRO.  E’ giunta alla sesta edizione, suscitando un sempre maggiore interesse negli appassionati di questo modo antico di andar per mare ad incontrare nuove persone.
Dalle 11 e sino alle 14.00 il mare antistante Riccione compreso fra le spiagge 24 e 151 si riempie di vele colorate riunite in una manifestazione organizzata all’insegna della solidarietà, del rispetto per il mare e dei più alti valori umani e sportivi. Il via sarà dato dal sindaco di Riccione Renata Tosi che non ha mai fatto mancare il suo appoggio a questa bella manifestazione a bordo della storica “Marzia”, gentilmente messa a disposizione dagli amici “ Marziani”.
Sarà Valter Facondini che tolte le vesti di Ufficiale di Regata FIV, scandirà i tempim della manifestazione. La capitaneria di Porto sarà presente per condividere questa festa del mare garantendo la sicurezza di tutti i partecipanti. Si sfideranno velisti di tutte le età dai 6 ai 99 anni, affronteranno la sfida del mare e del vento abili regatanti di caratura nazionale ed internazionale e diversamente abili appassionati dell’associazione IO CENTRO di Misano Adriatico tutti accomunati dal progetto di vivere una giornata insieme a pesca di emozioni.
L’adesione all’evento dei circoli velici di Riccione, Cattolica, Rimini, Cesenatico e delle amministrazioni locali di Riccione e Misano dimostrano il crescente interesse per questa manifestazione ideata cinque anni fa da due giovanissimi istruttori di vela del Centro Velico Città di Riccione che ancora oggi con immutata passione partecipano attivamente all’evento sia a terra che in mare. La manifestazione è aperta a tutti: derive, catamarani, cabinati, windsurf e sup.
Dopo la premiazione la festa continuerà a terra con una ottima cena a base di pesce il cui ricavato netto contribuirà a supportare il progetto INSIEME A PESCA DI EMOZIONI dell’associazione IO CENTRO di Misano Adriatico.




Gabicce Mare. Gabicce in Rosa, tempo di premiazioni

Festival Gabicce in Rosa, il programma del 30 e del 31 luglio: premiazione dei vincitori del Premio di Poesia e inaugurazione Mostra “Style&Stars. Piccole Icone di Eleganza”
Martedì 30 luglio, alle ore 21 in piazza Municipio, con la premiazione dei vincitori della terza edizione del Premio di Poesia “Gabicce in Rosa” per la poesia inedita e i giovani poeti delle scuole secondarie di Primo Grado dell’Istituto Comprensivo G. Lanfranco di Gabicce e Gradara. Un ringraziamento particolare va al Lions Club di Gabicce Mare che, nella persona del Presidente Riccardo Canducci, ha voluto onorare il Premio di Poesia con un contributo ai poeti premiati. La serata sarà arricchita da un omaggio alla Poesia di Maria Luisa Spaziani curato da Maria Cristina Manzini e dall’accompagnamento musicale di Elisa Vignando (violino). Sarà presente la giuria del Premio di Poesia, composta da: Professoressa Marcella Tinazzi, Presidente di giuria; Professoressa Antonia Delfino; Professoressa Maria Cristina Manzini; Professoressa Patrizia Salvo.
La serata conclusiva del festival, mercoledì 31 luglio, è dedicata al vernissage previsto per le ore 21, in via Vittorio Veneto 24, della seconda edizione della mostra “Style&Stars. Piccole Icone di Eleganza”, dedicata alla Barbie in occasione del 60esimo anniversario e che presenterà, ancora una volta a grande richiesta, i pezzi rari della collezione privata di Matteo Berardi, che è anche il curatore della mostra. La mostra sarà aperta fino a domenica 11 agosto, tutte le sere dalle ore 20.30 alle 23.30 (ingresso gratuito).




Rimini. Sagra Malatestiana, inaugura il direttore Riccardo Muti. Ospite il presidente della Repubblica Sergio Mattarella

Prestigiosa inaugurazione per la 70^ edizione della Sagra Malatestiana al Teatro Galli.  Sul palco sabato 3 agosto, ore 21, il prestigioso direttore d’orchestra Riccardo Muti. Ospite il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Concerto trasmesso in diretta su un maxischermo in piazza Cavour.
Muti dirigere la sua orchestra Giovanile Luigi Cherubini in una selezione di brani tratti da Le nozze di Figaro.




Gabicce Mare. Parco Belvedere, si inaugurano spazi per bambini e attrezzature per la ginnastica

Parco Belvedere, si inaugura spazi per bambini e attrezzature per la ginnastica. Appuntamento mercoledì 31 luglio, alle 20.Vista mozzafiato sulla baia di Gabicce Mare, l’intervento, progettato dall’ufficio tecnico comunale, ha ridisegnato gli spazi riservando un’area dedicata ai giochi per bambini, ed un’altra, di nuovo impianto, alle attrezzature per la ginnastica a corpo libero.  L’appuntamento è alle ore 18,30 in piazza Municipio a Gabicce Mare, con partenza della camminata verso Gabicce Monte alle ore 19.




Rimini. Regione, dimezzata l’Irap per i comuni montani. Sette nel Riminese

Emma Petitti, assessore regionale al Bilancio

Casteldelci, Maiolo, Novafeltria, Pennabilli, San Leo, Sant’Agata Feltria e Talamello beneficiano del dimezzamento dell’Irap;  sgravio fiscale finanziato dalla Regione con un totale di 36 milioni di euro. L’assessore regionale Emma Petitti: “Provvedimento possibile grazie a un bilancio virtuoso e con i conti in ordine. Un aiuto concreto per chi lavora e produce nel nostro appennino, attraverso un taglio dell’IRAP fino al 50% per 12mila aziende ed esercizi commerciali di tutti i settori economici e l’azzeramento dell’imposta per le nuove aziende e start up – dichiara l’assessore Emma Petitti -. Un provvedimento targato Emilia-Romagna, possibile anche grazie a un bilancio con i conti in ordine e a una politica di slancio dell’economia, che investe, attrae e innova, il tutto con un occhio di riguardo verso chi ne ha più bisogno. Parliamo di un contributo importante che mira a rendere ancora più competitivo il nostro appennino, rafforzando le sue potenzialità e aumentandone l’attrattività. Il contributo sarà concesso in proporzione all’importo del 2017 e si configura come credito d’imposta utilizzabile per il triennio a venire. Un’altra prova di una ‘legislatura del fare’, che rende realtà il taglio delle tasse. Dove tutti parlano, noi agiamo, perché nessuno rimanga indietro. Sono molto orgogliosa del lavoro svolto e dell’impatto che questa misura avrà su tutto il territorio”.




Riccione. Ex delfinario, presentato 9 piani di palazzo. Firmato dall’archistar milanese Stefano Boeri

Al centro il nuovo palazzo al posto del delfinario

Ex delfinario, presentato 10 piani di palazzo. Firmato da Stefano Boeri. Chissà che cosa diranno i vicini ai quali viene tolta la vista-mare.

Per l’amministrazione comunale è un nuovo progetto di rigenerazione e forestazione urbana
all’interno di un sistema di azioni di riqualificazione di alcune aree strategiche per lo sviluppo del territorio.
Grazie ad una nuova procedura di intervento adottata dal Comune di Riccione, denominata “Accordo
Operativo”, che prevede lo sviluppo del concept progettuale condiviso tra attori pubblici e privati, si è arrivati a
concepire questo progetto che ha tra i suoi obiettivi fondanti il contenimento del consumo di suolo e la
continuità del sistema ambientale a rafforzare l’integrazione tra elementi antropici e naturalistici
all’interno del territorio urbanizzato.
Grazie alla collaborazione con NOMISMA è stato possibile definire un quadro di linee guida che hanno orientato
le scelte progettuali legate alla compatibilità ambientale e all’incremento del valore di contesto,
valutando cioè i benefici ecosistemici e gli effetti generati dall’intervento sul territorio, sia al livello comunale
che di quartiere.
L’utilizzo di indicatori e di valori di contesto, legati ad ambiente, popolazione, accessibilità, infrastrutture e
servizi, sicurezza e turismo hanno permesso in particolare di supportare il progetto attraverso la definizione di
elementi come la destinazione d’uso e le caratteristiche del nuovo intervento, al fine di valorizzare la relazione
con il quartiere e l’attrattività del territorio e, generando così una proposta coerente e rispettosa
dell’ambito di intervento.
Oggi la rigenerazione urbana deve infatti essere in grado, non solo di essere sostenibile, ma anche di ripensare a
nuove funzioni capaci di dialogare e rendersi coerenti con il territorio, costruendo nel contempo nuovo valore
per il quartiere e per l’ambiente.
L’intervento prevede quindi la rigenerazione di un’area sul lungomare comprensiva del recupero di un villino
storico, che è parte del sistema insediativo costiero tipico di questa porzione del litorale adriatico,
unitamente a una nuova costruzione la cui superficie non supera un quinto dell’intera area disponibile.
Il recupero di Villa Ernesta prevede la conservazione della struttura architettonica, la rifunzionalizzazione
ricettivo-residenziale e la valorizzazione del suo giardino di pertinenza dal valore storico-naturalistico,
che viene conservato nel rispetto e nella tutela delle specie vegetali che connotano questo ambito della città.
Il giardino si inserisce in un sistema di continuità del verde che abbraccia tutto il progetto a partire
dall’orizzontalità del parco della villa e che prosegue trasformandosi in un nuovo ecosistema verticale integrato
all’architettura delle facciate del nuovo edificio. Esse ospiteranno una massa vegetale consistente sia di tipo
arbustivo che arboreo.

Dice il sindaco Renata Tosi: “Con la presentazione ufficiale dell’accordo operativo, accolto e selezionato dopo il primo avviso pubblico di manifestazioni di interesse indetto dall’Amministrazione Comunale per favorire la rigenerazione urbana e la riqualificazione del tessuto urbano, a mare della ferrovia, si innesca un chiaro percorso virtuoso per la città di Riccione. Una riqualificazione che poggia su precisi punti fermi: valorizzare zone di pregio della città , quale è il caso dell’area ex delfinario affacciata direttamente sul lungomare, dando al contempo tempi certi al privato. Grazie ad un lavoro di squadra, che vede impegnate più competenze in amministrazione, diamo ai privati l’opportunità di innescare nuove energie per rigenerare buchi neri della città andando anche a riqualificare l’esistente, come è il caso di Villa Ernesta che si trova a fianco del futuro immobile pensato e progettato dallo Studio Boeri, con destinazione del 60% ad uso ricettivo e 40% ad uso residenziale. I privati che scommettono su progetti importanti per la città, l’amministrazione che fornisce gli strumenti per agevolare e velocizzarne la realizzazione sono le due facce di una stessa medaglia: riqualificare la città senza mai dimenticare il contenimento dell’uso del suolo e la sostenibilità ambientale”.




Gabicce Mare. Ciclismo, 16° Gran Premio Città di Gabicce Mare-Memorial Elio Clementi

Elio Clementi

Elio Clementi

Elio Clementi è stato un amante della bicicletta. Per anni da dirigente ha animato il ciclismo gabiccese e non solo. Come vice-sindaco di Gabicce Mare ha portato il giro d’Italia negli anni Settanta ed altre prestigiose competizioni.  Martedì 6 agosto Gabicce Mare, a Case Badioli, lo onora con il 16° Gran Premio Città di Gabicce Mare-Memorial Elio Clementi. Organizza il Velo Club Cattolica, sodalizio che dal 1952 promuove il ciclismo a livello locale.

La manifestazione si avvale della preziosa collaborazione e del patrocinio del Comune di Gabicce Mare, ed è legata al ricordo della figura carismatica di Elio Clementi, gabiccese scomparso una decina di anni fa, ricordato tuttora per l’impegno nello sviluppo del ciclismo. La famiglia Clementi da sempre mette in palio il trofeo in suo onore, che verrà assegnato al vincitore della gara serale degli Elite/Under 23.
Il programma prevede la prima partenza alle ore 15.30. In pista le batterie delle categorie G4, G5 e G6 (età 9-12 anni), proseguendo con gli Esordienti di primo e secondo anno (13-14 anni), le Donne esordienti e poi le Donne allieve, gli Allievi (15-16), gli Juniores (17-18) ed il gran finale con la categoria Elite/Under 23.
“Quest’anno la manifestazione riceve il sostegno e la promozione anche da parte della Granfondo Squali – spiegano Massimo ed Ivan Cecchini, registi della manifestazione insieme ai tanti volontari del Velo Club Cattolica -. Questo ribadisce il messaggio che il ciclismo amatoriale può essere di grande aiuto al ciclismo giovanile”.
Il circuito di Case Badioli misura poco meno di mille metri e verrà ripetuto più volte a seconda della categoria. Tecnicamente la manifestazione è una “tipo pista”, con lo stesso regolamento delle corse a punti in pista. Pertanto, in ogni prova, sono previsti traguardi a punteggio e a vincere sarà il corridore che avrà totalizzato più punti. L’ultimo traguardo è a punteggio doppio: quindi tutto si potrebbe decidere nello sprint finale.
La manifestazione è sostenuta dagli sponsor del Velo Club Cattolica: Magic Toys, Avangard Look, Cantina Enzo Ottaviani, ML Trasporti, Bike Hotel Cattolica e la Concessionaria Franca&Staccoli.




Cattolica. Stele Daunia, la scoperta del monumento funerario in conferenza

 

Stele Daunia, la sua scoperta in conferenza domenica 28 luglio, ore 21, al Museo della Regina; a cura di Marialuisa Stoppioni.

La stele, del VII – VI sec. a.C., venne rinvenuta nel 2007 all’interno di un’area per lo scarico delle macerie del cantiere per il Centro Video Giochi Sport in via Indipendenza, a Cattolica.  La scoperta di questo importantissimo monumento funerario, di straordinario interesse,
ha dato avvio ad un complesso scavo archeologico e al rinvenimento di un villaggio databile all’età del bronzo antico/medio.
Con il quaderno n. 4 della collana Litus – I Quaderni del Museo della Regina,
si è finalmente affrontato lo studio di questo reperto, la cui analisi era in parte inficiata dalle condizioni del ritrovamento, in giacitura secondaria; l’analisi è stata condotta da illustri studiosi:
Stefano Medas, archeologo navale, ha eseguito un’accurata e originale indagine sulla iconografia navale;
Maria Luisa Nava, massima specialista di stele daunie, ha inquadrato la stele all’interno della tradizione, culturale e antropologica, dei segnacoli funerari delle necropoli protostoriche dell’Italia adriatica centro-meridionale definendone le caratteristiche;
Luigi Malnati ha analizzato le modalità del rinvenimento e le questioni connesse alle giaciture secondarie.
Ma i complessi interrogativi posti dal monumento necessitavano anche di altre indagini: perciò, a Stefano Lugli e Cesare Andrea Papazzoni, dell’Università di Modena e Reggio, sono state affidate le analisi geologiche; ad Anna Maria Mercuri, della stessa Università, le analisi palinologiche; infine,la restauratrice Lucia Vanghi ha recuperato i pigmenti che oggi consentono di affermare che la stele, nella sua veste originaria, era certamente arricchita dal colore.

La ricerca viene illustrata da: Luigi Malnati, Stefano Medas e Maria Luisa Nava, che presenteranno i risultati, davvero sorprendenti e metodologicamente nuovi e innovativi, del loro studio. Introdurrà la serata Marialuisa Stoppioni, cui si deve la cura del volume e il coordinamento delle azioni che hanno poi condotto definitivamente la stele in Museo.

Il volume è scaricabile gratuitamente online.
Qui
http://www.cattolica.net/retecivica-citta-di-cattolica/sites/default/files/statici/museo/ilsignoredelladriatico.pdf

Luigi Malnati –
Da sempre nei ruoli del Ministero dei Beni e delle
Attività Culturali, nel 1992 è stato nominato Soprintendente Archeologo delle Marche, successivamente del Veneto e infine nel 2002 dell’Emilia-Romagna.
Nel 2010 è passato alla guida della Direzione Generale per le Antichità del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, fino a che, dal 2015, è tornato alla Direzione della Soprintendenza Archeologia dell’Emilia-Romagna; a seguito dell’ultima riforma del MiBACT, nel 2016, è stato nominato nuovo Soprintendente Archeologia, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Bologna e le province di Modena, Reggio Emilia e Ferrara, che ha fuso e accorpato le preesistenti Soprintendenze Archeologia e Soprintendenze Belle Arti e Paesaggio.
Membro di svariati comitati scientifici, curatore di mostre e allestimenti museali, ha al suo attivo centinaia di pubblicazioni in materia di archeologia e tutela del paesaggio archeologico; ha collaborato con le Universita` di Bologna-Ravenna, Ferrara, Modena e Reggio, Parma, Milano, Pavia, Venezia, Zurigo, Innsbruck, Nottingham. Ha tra l’altro curato, insieme con M. Stoppioni, il volume Vetus Litus, dedicato allo scavo alla foce del Tavollo.

Stefano Medas –
Archeologo subacqueo e navale, Stefano Medas è presidente dell’Istituto Italiano di Archeologia e Etnologia Navale ed è stato docente a contratto di Storia della navigazione antica all’università di Bologna. Ha condotto numerose campagne di scavo su relitti e siti sommersi e da anni tiene corsi di vela con le barche tradizionali. Ha pubblicato più di cento articoli su riviste scientifiche nazionali e internazionali, oltre ad alcune monografie, tra cui: La marineria cartaginese – le navi, gli uomini, la navigazione, De rebus nauticis – L’arte della navigazione nel mondo antico, Lo Stadiasmo o Periplo del Mare Grande e la navigazione antica. Nel 2016 ha pubblicato il suo primo romanzo, Rex Iuba.

Maria Luisa Nava –
Archeologo specializzato in ambito preistorico, già funzionario della Soprintendenza Archeologia della Puglia e della Soprintendenza Speciale per la Preistoria e l’Etnografia di Roma.
Soprintendente della Basilicata e di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta.
Collaboratore di diverse riviste e musei italiani e internazionali come i musei tedeschi di Haltern, Bremen, Monaco e il Museo olandese di Njimegen.
Oltre ad avere collaborato alla realizzazione di numerose mostre didattiche per i Musei lombardi, ha partecipato all’organizzazione di mostre scientifiche, tra cui:
1- “Le pietre raccontano il Gargano antico: scultura protostorica nella Puglia Settentrionale”;
2- “Dal Gargano al Tavoliere: itinerari archeologici sulle orme degli antichi Dauni”;
3- “Il Parco archeologico-naturalistico di Monte Saraceno”
È stata anche relatrice in vari convegni di caratura internazionale a Nizza, Londra e Città del Messico nonché promotrice di altri convegni dedicati al popolo daunio.
Nel 2003 è stata insignita del titolo di “Commendatore” dal Presidente della Repubblica On. Carlo Azeglio Ciampi.


____________________________

Dott.ssa Laura Menin
Museo della Regina,
Via Giovanni Pascoli 23
47841 Cattolica (RN)
tel. 0541.966577