Rimini. Centro storico “aperto”, il mercoledì sera è tempo di acquisti e sano divertimento

 

Centro storico “aperto”, il mercoledì sera è tempo di acquisti. Voglia di shopping, di stare insieme, di trascorrere una serata in compagnia, curiosando tra le vetrine e sorseggiando un buon drink: un’affluenza oltre le aspettative per il primo appuntamento con la Rimini Shopping Night, l’ormai tradizionale iniziativa promossa dal Comitato Centopercentro e che accende i mercoledì d’estate grazie all’apertura straordinaria dei negozi, fino alle 23.30.
“C’è voglia di vivere il centro storico e c’è voglia di girare e di acquistare – commentano gli organizzatori – cosi ci aspettiamo anche stasera un colpo d’occhio eccezionale: con vicoli, corsi, piazzette gremite di famiglie, di ragazzi, di gruppi di amici che cenano o bevono qualcosa e poi fanno acquisti nei tantissimi negozi che hanno aderito all’iniziativa. Negozi che stasera dedicheranno le loro vetrine alla notte rosa”.
L’intero centro storico durante la Rimini Shopping Night diventa un unico grande evento che unisce lo shopping, l’enogastronomia, l’arte, la cultura e lo spettacolo.




Riccione. Fondazione Cetacea, Silvia Pasqualato il legno di mare trasformato in soggetti marini in mare in mostra

Una delle opere esposte

Fondazione Cetacea, Silvia Pasqualato in mostra. Inaugurazione venerdì 5 luglio alle ore 18:30 presso la sede della stessa Fondazione, Colonia Bertazzoni, sul lungomare di Riccione, zona Abissinia.
“Nel suo laboratorio di Scorzè in provincia di Venezia l’artista dopo anni di restauro e decorazione di vecchi pezzi di arredamento comincia a sperimentare lavoro artistici originali creati a partire dal legno riciclato. L’idea è quella di recuperare vecchie tavole di legno, provenienti da vecchie barche o costruzioni abbandonate nella laguna di Venezia, e trasformarle in una serie di soggetti marini, dal pesce alla balena, dalla tartaruga al delfino, dal cavalluccio marino al gabbiano.
Ripulire il mare da quello che l’uomo vi ha lasciato e sfruttare questo materiale per celebrare il fascino delle creature che lo popolano.
Il legno acquista quindi una seconda vita grazie al lavoro di Silvia che ne scolpisce le forme per trasformato in pezzi unici. Ogni soggetto ha infatti la propria peculiarità e racconta la storia di come è stato costruito, in un singolare connubio tra arte e artigianato.”
L’evento è inserito all’interno del progetto europeo Clean Sea Life, progetto di sensibilizzazione sui rifiuti in mare.
Per l’occasione offriremo a tutti i convenuti un piccolo rinfresco. Le opere saranno in vendita e parte del ricavato sarà devoluto alla cura delle nostre tartarughe.