Morciano di Romagna. San Gregorio, potentissima abbazia

 

– L’inizio fu l’abbazia benedettina. San Gregorio di Morciano controllava un vastissimo territorio. La forza la si può leggere anche da quello che resta dell’antico impianto architettonico: un immenso chiostro sul quale si affacciavano tutti gli ambienti monastici; tra cui una chiesa a tre navate che dominava il fiume Conca e che forse non fu mai ultimata.
Ed è molto probabile che attorno all’abbazia si svolgesse San Gregorio, la fiera di primavera dove i contadini si trovavano per vendere ed acquistare bestiame, mercanzia

Nel XII secolo, nel suo massimo splendore, i possedimenti andavano da Urbania a San Marino (Faetano, Fiorentino, Chiesanuova), fino a varia e fare affari. Potente e nobile nelle origini San Gregorio. Dietro ci sono San Pier Damiani, frate benedettino di Fonte Avellana (bellissimo eremo alle pendici del Monte Catria), che predicava contro i facili costumi della chiesa di allora e Pietro Bennone e la moglie, ricchissima famiglia riminese senza eredi che lasciarono tutto, in più donazioni (1061, 1064 e 1069), al prestigioso frate.
Scrive Emiliano Bianchi nel libro “Il monastero di San Gregorio in Conca”: “Ma la prima testimonianza dell’esistenza del monastero di San Gregorio in Conca risale all’anno 1061… Considerando che non esiste altro documento in grado di fare chiarezza al riguardo, è possibile congetturare che la fondazione del cenobio sia avvenuta nel 1061, o forse nel 1069, poiché in quel periodo Pier Damiani era in Romagna in veste di promotore e divulgatore dell’opera di rinnovamento monastico e di sviluppo della Congregazione di Fonte Avellana”.
Così in contemporanea con la fondazione del monastero, la madre di Pietro, Ermengarda, fece la prima donazione: terre (almeno di 400 ettari e due chiese) nell’Urbinate. Tre anni dopo, il 25 maggio del 1064, la gentildonna, effettuò un altro lascito. I beni si trovavano nei dintorni di Rimini; non si hanno notizie sull’estensione.
Invece, sulla terza e più importante donazione, quella del 17 giugno del 1069, fornisce al monastero morcianese beni immensi: terre ed immobili a Pesaro, Rimini, Verucchio, Corpolò, Faetano, San Vito, Bordonchio, Misano Monte. Nel secolo seguente, il convento, grazie a donazioni, acquisti ed enfiteusi continuò ad ampliarsi.
Tali atti giuridici crearono degli atriti tra il vescovo ed i benedettini di San Gregorio. In parte dissolti, quando l’alto prelato riminese restituì i beni in enfiteusi, proprietà perpetua.
Tra i maggiori fu il possedimento di Saludecio che giungeva fino al fiume Foglia. Dopo lo splendore, inizia una lenta decadenza.
Scrive il professor Pier Giorgio Pasini nel libro “Arte in Valconca: “All’inizio del XV secolo l’abbazia di San Gregorio – che doveva essere in piena decadenza come tutte le altre fondazioni monastiche – fu unita a quella riminese di San Paolo eremita e poi a quella degli Olivetani di Scolca, di cui seguì le vicende fino alle soppressioninapoleoniche, conservando solo una piccola parte del suo patrimonio, ma mantenendo il possesso della chiesa diSan Michele Arcangelo di Morciano.

Nel XIX secolo fra i ruderi dell’abbazia venne costruita una chiesuola che sulla fronte del suo piccolo altare conserva ancora uno stemma cinquecentesco degli Olivetani, ormai l’unica memoria superstite degli antichi ‘monaci bianchi’.
Nel 1798 “fu per disposizione governativa trasportata in Morciano la fiera che si teneva al convento nel giorno del Santo titolare: e così Morciano, come ebbe il principio della sua vita commerciale da questa Abbazia, ne raccolse pure la eredità, perché la fiera di San Gregorio è la piü frequentata e celebre di tutte le sue fiere”.




Morciano di Romagna. San Gregorio, Fiera millenaria. Programma spettacoli

PROGRAMMA
SAN GREGORIO 2019

Sabato 9 Marzo
San Gregorio Race
Parco del Conca
Ore 9 – Gran Premio Mercurio 5 km di corsa campestre
Ore 9 – Sei ore della spianata con la mortadella Maratona e mezza maratona con microchip per il conteggio dei giri
Ore 10 – Demolition Race 2 km, 15 ostacoli – gara facente parte del circuito Romagna Wild Race
Punto ristoro con prodotti tipici– Dj set di Nik Nixo
Raduno auto d’epoca
Ore 9 – Piazza del Popolo
Raduno auto d’epoca Adriatic Veteran Cars Club
Ginnastica ritmica
Ore 10 – Palapedriali, via Spallicci. Seconda prova regionale del Campionato Serie D LA/LB/LC e Insieme Silver LA/LB/LC/LD di ginnastica ritmica.
Inaugurazione Antica Fiera di San Gregorio
Ore 10 – Morciano Fiera, via XXV Luglio 121
– Inaugurazione ufficiale Antica Fiera di San Gregorio
– Apertura del padiglione fieristico
– Taglio del nastro della XLIV edizione dell’Esposizione campionaria dei prodotti dell’artigianato, dell’industria e dell’agricoltura della Valle del Conca del prefetto di Rimini Alessandra Camporota;
Ore 10.15. Concerto del gruppo ‘Medie Frequenze’ con gli studenti, gli insegnanti e le famiglie dell’istituto comprensivo Valle Del Conca;
Ore 11. Riconoscimento alle eccellenze della città di Morciano nei campi delle arti, delle scienze e dell’economia;
Ore 11.30: Concerto dell’Amarcord Concert Band “Che musica maestro!” – Seguirà aperitivo
Presentazione attività Protezione Civile
Ore 10-13; 15-19 – Morciano Fiera, via XXV Luglio121 (Stand Comunale)
– Presentazione delle attività del Gruppo ‘Cinofili’ dell’Unione Valconca
Ore 17 – Piazza del Popolo. Premiazione auto d’epoca II Trofeo Eleganza Città di Morciano di Romagna
Basket under 14. Ore 18.15 – Palestra comunale, via Largo Centro Studi, Basket under 14: Morciano Eagles – Aics Basket Forlì
Ore 21.15 – Auditorium della Fiera, via XXV Luglio 121, Paolo Hendel in “Recital” musica dal vivo con Alessandro Bruno alla chitarra, violino, flauto, sax e mandolino – Ingresso a pagamento fino ad esaurimento posti – 10 euro platea, 8 euro gradinata, 5 euro under 14
Domenica 10 marzo
2° Trofeo Primavera Aics
Ore 10 – Palapedriali, via Spallicci. 2° Trofeo Primavera Aics di Ginnastica Ritmica – Evento promosso dall’Asd Ginnastica di Rimini
Foro Boario. Dalle 9 alle 17.30 – via Stadio XXVII Mostra Mercato del Cavallo – Dimostrazione pony games – Spettacolo equestre gruppo Aragonas (ore 11-12; 15-16); Dimostrazione discipline equestri (ore 14-17.30)
Ore 21.15 – Auditorium della Fiera, via XXV Luglio 121. Teatre dla Valconca presenta “Tòtt e pò Sucèd”: una commedia in dialetto scritta da Germano Bacchini (Gerri) per la Compagnia Murcianésa e nò!!! “Quei dlà vegia” – Ingresso gratuito
Lunedì 11 marzo
Ore 21.15 – Sala Lavatoio, via Concia 11. Presentazione di “Morciano: profili e caratteri di un secolo”. Un inedito di Egidio Belisardi – Lettura scenica a cura di Antonio Vanzolini, accompagnamento musicale di Tiziano Paganelli
Ore 21.15 – Auditorium della Fiera, via XXV Luglio 121 – Saggio – spettacolo di danza del Centro La Plume di Morciano di Romagna diretto da Daniela Pasquinelli – “Cats” e “Moulin Rouge” – Ingresso gratuito
Martedì 12 marzo
Foro Boario. Dalle 9 alle 17.30 – Via Stadio. XXVII Mostra Mercato del Cavallo – premiazione dei migliori soggetti – Assegnazione Trofeo Mario e Galliano Colombari – Dimostrazione pony games – Spettacolo equestre gruppo Aragonas (ore 15-16); Dimostrazione discipline equestri (ore 14-17.30)
Dalle 9 alle 13.00 17esima Mostra provinciale dei Bovini di razza romagnola iscritti L.G. – 14esima Mostra Ovini – Premiazione dei migliori esemplari nelle diverse categorie – Fattoria didattica: esposizione animali da reddito e da cortile.
Annullo postale Antica Fiera di San Gregorio
Dalle 13.30 alle 18.30 – Morciano Fiera, via XXV Luglio 121 (Stand Comunale). Imparare a creare un sito internet utilizzando WordPress
Dalle 16 alle 19 – Morciano Fiera, via XXV Luglio 121 (Stand Comunale). Attività didattica gratuita a cura dell’istituto superiore ‘Gobetti – De Gasperi’
Ore 21.15 – Auditorium della Fiera, via XXV Luglio 121 – Paolo Cevoli in “La Bibbia, raccontata nel modo di Paolo Cevoli” – Ingresso a pagamento fino ad esaurimento posti – 15 euro platea, 12 euro gradinata, 5 euro under 14.
Mercoledì 13 marzo
Tea party
Dalle 16 alle 19 – Morciano Fiera, via XXV Luglio 121 (Stand Comunale). Attività didattica gratuita a cura dell’istituto superiore ‘Gobetti – De Gasperi’. Tea party: sorseggiare una bevanda calda dialogando in inglese, francese, tedesco e spagnolo
Ore 21.15 – Auditorium della Fiera, via XXV Luglio 121
Orchestra Bagutti in concerto – Ingresso a pagamento fino ad esaurimento posti – Posto unico: 7 euro.
Giovedì 14 marzo
Ore 21.15 – Auditorium della Fiera, via XXV Luglio 121. Per la rassegna “Blu Morciano”: Lella Costa in “Questioni di cuore – Ingresso a pagamento fino ad esaurimento posti – 15 euro platea, 12 euro gradinata, 12 euro ridotto over 65 e under 18.
Venerdì 15 marzo
Drift Bke. Dalle 16.15 alle 19.15 – Morciano Fiera, via XXV Luglio 121 (Stand Comunale). Drift Bke: impara a costruire un triciclo da drifting elettronico – Attività didattica gratuita a cura dell’istituto superiore ‘Gobetti – De Gasperi’
Ore 21.15 – Auditorium della Fiera, via XXV Luglio 121. Con la partecipazione di: Coro Città di Morciano, Corale di Bellaria – Igea Marina e Coro ‘don Licio Guidi’ – Ingresso gratuito
Sabato 16 marzo
App inventor. Dalle 15 alle 17 – Morciano Fiera, via XXV Luglio 121 (Stand Comunale). Progettare un’applicazione per Android – Attività didattica gratuita a cura dell’istituto superiore ‘Gobetti – De Gasperi’
Prove gratuite di tennis e ‘Giocasport’
Ore 16.30 – 17.30 – Pala 360 Sport (ex bocciodromo) – Incontro “Lo sport come strumento di educazione alla vita”. Relatore: dott. Angelo Vicelli. Presentazione centri estivi sportivi
Ore 17.30 – Palapedriali, via Spallicci. Volley maschile serie B: Dolciaria Rovelli Morciano – Villadoro Modena
Ore 18 – Atelier d’arte GC, via Don Domenico Masi 2. Presentazione libro “Mondaino Anno Domini 1502: un castello firmato Leonardo da Vinci?” di Angelo Chiaretti – Modera Giuliano Cardellini – Visita guidata in atelier
Ore 20.30 – Palestra comunale, via Largo Centro Studi. La Notte del Ring – Memorial Pandolfini – Dimostrazione dei bambini e degli atleti della Gym Boxe dell’Accademia Pugilistica Valconca Asd – Incontri di boxe degli atleti agonisti dell’Accademia Pugilistica Valconca.
Ore 21.15 – Auditorium della Fiera, via XXV Luglio 121. Concerto de “Gli Oltre”. Ospiti: “I Nota Libera” e “Wilderness” – Ingresso gratuito

Domenica 17 marzo
Ore 9 – Parco Del Conca, via Stadio. 5° Memorial Spezi Oriano – L’Associazione liberi tartufai delle province di Rimini e Pesaro – Urbino organizza una gara di raccolta del tartufo con cani addestrati – (in caso di maltempo l’evento sarà rinviato a domenica 24 marzo)
Ore 10 – Palapedriali, via Spallicci. A cura di Okinawa Karate Club Morciano di Romagna
Ore 21.15 – Auditorium della Fiera, via XXV Luglio 121. Compagnia I Senza Prescia presenta “A sem sgrazied o fortuned?” – Commedia dialettale scritta da Massimo Renzi, rivista e adattata da Marino Longhi e Davide Guidi – Ingresso gratuito
Altri appuntamenti
Mostra di mezzi e macchine agricole – Via Fratti, via Colombari
Mostra di piante, fiori e florovivaisti – Via Marconi e Piazza del Popolo
Eventi continuativi
– Biblioteca comunale ‘G. Mariotti’ – Dall’11 al 15 marzo – Orari di apertura: lunedì (15.30-19), martedì, mercoledì, giovedì, venerdì (9.00-12.30; 15.30-19) – Esposizione concorso creativo ‘Fiera di San Gregorio’ – Disegni realizzati dai bambini delle scuole primarie di Morciano di Romagna – Votazione dei lavori migliori – A cura dell’associazione Il Giardino delle Idee
– Residenza ‘La Madonnina’, via Borgo Mazzini 23 – Dal 9 al 17 marzo – Orario: tutti i giorni dalle 10 alle 13; dalle 18 alle 23; “Naufraghi” – Mostra di Francesco Gambuti
– Morciano Fiera, via XXV Luglio 121 – Radio Sabbia Live: un vero e proprio studio radiofonico allestito da Radio Sabbia per vivere in diretta le emozioni della Fiera di San Gregorio




vignetta




Pesaro. Il sindaco Matteo Ricci: «Fondi del terremoto per le nostre ciclabili? Grande bugia»




Pesaro. Giorgio Girelli: “Al nuovo prefetto Lapolla, buon lavoro”

Vittorio Lapolla, nuovo prefetto di Pesaro

Al nuovo prefetto di Pesaro e Urbino, Vittorio Lapolla, sono state rivolte, per la sua nomina, vive felicitazioni da parte dell’ambasciatore Giorgio Girelli, presidente emerito del Conservatorio Statale Rossini. Alle espressioni di benvenuto sono seguiti anche gli auguri per l’assolvimento dei rilevanti compiti istituzionali che attendono l’alto funzionario. L’insediamento a Pesaro, come ha appreso Giorgio Girelli nel corso della conversazione avuta con il prefetto Lapolla, avverrà probabilmente intorno al primo maggio prossimo. Infatti Lapolla non può che disimpegnarsi gradualmente dall’attuale delicato incarico ricoperto quale capo di una struttura di diretta collaborazione con il ministro dell’interno, l’ufficio “Ordine e Sicurezza pubblica”. Ad avviso di Girelli si aprono ottime prospettive per il locale Ufficio Territoriale del Governo al vertice del quale è stato posto un funzionario assai esperto avendo questi già ricoperto incarichi di rilievo, oltre che in sede centrale, a Varese, Matera e Bari ed avendo anche una approfondita conoscenza dei problemi degli enti locali. Ed anche per la sicurezza di Pesaro, di Urbino e dell’intero territorio provinciale, stante l’approfondita esperienza di Lapolla in questo specifico




Cattolica. Spazio°Z di Radio Talpa: Fotografia, l’Underground riminese anni ’80 in conferenza

Spazio°Z di Radio Talpa, Spazio°Z di Radio Talpa: Fotografia, l’Underground riminese anni ’80 in conferenza in conferenza  domenica 17 marzo ore 17:30. Ingresso libero – diretta radio su www.radiotalpa.it

Relatori: Mariacristina Serafini, Giorgio Conti, Daniele Torcellini, Mario Guaraldi.
Interverranno: Roberto Sardo, Paritani, Stefano Ferroni, Maurizio Castelvetro, Valerio Vasi,
Carmine Stellaccio, Marzia Fraternale, Giovanni Tommaso Garattoni.

Cosa è stato “immaginare Rimini …una città in cerca della propria identità”, con la foto-grafia come porta aperta alla sperimentazione…?
“Parlerei di una identità caleindoscopica di Rimini che si riflette da tanti anni in situazioni cose eventi che si rinnovano. È difficile parlare di una unica identità riminese, e immaginare riporta al sognare, Rimini sognata forse mi sembra più rispecchiare questa identità. La foto-grafia (quindi foto e grafia intesa come segno grafico) è stato senza dubbio un aspetto innovativo per la città. Solo per citare alcuni grandi artisti che sono passati e si sono cimentati anche con la rappresentazione della città, Gian Butturini, Luigi Ghirri, Gabriele Basilico, Raymond Depardon fino al nostro Marco Pesaresi. La fotografia come mezzo non solo per rappresentare ma anche per immaginare-sognare”.
… quindi negli anni 80: “Un gruppo di giovani creativi riminesi, organizzano esposizioni, danno immagini inusuali ai locali più trendy della Riviera”, di una città divenuta icona del postmoderno…
“Negli anni 80 Rimini è stata il centro di flussi e correnti internazionali dovuti anche al passaggio e alla nascita di movimenti negli anni precedenti che hanno permesso quel substrato culturale fertile da cui sono nati attitudini sperimentali che hanno segnato quel periodo. Pensiamo al locale L’Altro mondo nato negli anni 60, più precisamente nel 1967 che veniva identificato come “espressioni di idee in movimento per creare ogni tipo di spettacolo che coinvolge tutti noi che vogliamo vivere. (…) Un ambiente che accetta ogni linguaggio”. Oppure al passaggio di un grande fotografo americano come Robert Frank, in tutto questo si è creato un intreccio che ha dato la possibilità poi di un’espressività Postmoderna”.
Come si è quindi sviluppato questo “meticciato espressivo… che mescolava piadine e sirenette da spiaggia con storia, cultura e raffinati progetti grafici”?
“Penso che l’individualismo riminese intrecciato con le peculiarità del luogo abbia prodotto effetti contrastanti e contraddittori che si possono valutare solo dopo anni… a questo servono i libri come questo. In quegli anni Guaraldi al Salone del libro di Torino cuoceva la piada e la farciva con i suoi libri. Faceva pagare la piada e regalava il companatico…”.
L’underground degli anni ’80 dava il senso, si legge, di appartenenza ad una avanguardia artistica… e oggi?
“Domanda difficile questa, oggi ci sono avanguardie giovanili che si riconoscono in un certo tipo di musica e modo di vestire, un po’ come negli anni 80. La grande differenza è che oggi esiste internet, la grande rete che con la nascita della banda larga permette una grande connessione ma nello stesso tempo, secondo il mio parere, tende al controllo ed al livellamento. Le sottoculture o il senso di appartenenza non esisteranno mai nello stesso modo”.

(Intervista a Mariacristina Serafini a cura di Marcello Tosi)