San Giovanni in Marignano. Scuole, progetto didattico contro lo spreco alimentare


Il 5 febbraio, è stata la Giornata Nazionale contro lo spreco alimentare, nell’ambito della quale si propongono iniziative di prevenzione per contrastare il fenomeno dello sperpero di cibo in tutta Italia.
Essa è stata istituita nel 2014 dal Ministero dell’Ambiente in collaborazione con la campagna Spreco Zero e l’Università di Bologna DISTAL.
Nel Comune di San Giovanni in Marignano, il Comitato Mensa si è incontrato nel pomeriggio per proseguire nel suo impegno nel progetto che coinvolgerà le famiglie marignanesi nei prossimi mesi.
L’esperienza che sarà proposta, attraverso la collaborazione tra Amministrazione Morelli, Comitato Mensa, Istituto Comprensivo Statale, Associazione Scuolinfesta e ditta Camst, mira a creare una maggiore consapevolezza e conoscenza dei comportamenti familiari legati all’uso e consumo degli alimenti.
Si tratterà di un vero percorso partecipativo del quale l’Amministrazione Comunale ringrazia la preziosa collaborazione di tutte le realtà coinvolte.




Santarcangelo. Scuola contro bullismo… anche quello in rete

La scuola media “Teresa Franchini” di Santarcangelo contro bullismo e cyberbullismo in piazza Ganganelli.

“Un nodo blu – le scuole unite contro il bullismo” nasce per celebrare il SID – Safe Internet Day, l’evento annuale che promuove un uso più sicuro di internet, il cui tema per l’edizione 2019 è “Together for a better internet” (insieme per un internet migliore) che vuole stimolare la collaborazione, appunto, fra scuola e famiglia per creare un ambiente digitale più sicuro. Su questi temi si è infatti attivato anche il Ministero di Istruzione, università e ricerca che ha elaborato un piano nazionale per la prevenzione del bullismo e del cyberbullismo a scuola, il progetto “Generazioni Connesse” – cofinanziato dalla Commissione Europea – e la giornata nazionale contro bullismo e cyberbullismo intitolata appunto “Un nodo blu – le scuole unite contro il bullismo”.

L’adesione a queste iniziative da parte dell’istituto Franchini rientra nelle attività che da tempo la scuola media porta avanti – in collaborazione con l’Amministrazione comunale, la polizia postale e i carabinieri – per diffondere la cultura della legalità e i corretti comportamenti anche nell’ambiente virtuale, secondo i principi elaborati dal Manifesto di comunicazione non ostile (www.paroleostili.com/manifesto/). Proprio con questi propositi, nel corso di questa settimana (dal 4 al 9 febbraio) la scuola Franchini organizza azioni di sensibilizzazione e una campagna di informazione, inseriti anche nel Piano dell’Offerta formativa e che proseguiranno anche attraverso progetti e iniziative anche nel corso dell’anno.

“Il valore e il compito della scuola non è solo quello di formare e ampliare la conoscenza degli studenti – afferma il sindaco Alice Parma – ma anche quello di educare ragazzi e ragazze a comportamenti corretti verso l’altro e la società intera”. “L’educazione civica, la valorizzazione dei rapporti umani, l’attenzione alle persone e la sensibilità verso i più svantaggiati: questi insegnamenti sono il valore aggiunto di ogni istituzione scolastica. Per questo motivo – conclude il sindaco Parma – siamo molto soddisfatti dell’attività che svolge quotidianamente la scuola Franchini per diffondere la cultura della legalità e del rispetto reciproco”.