Coriano. Nasce il marchio “Terre di Coriano”

Presentato il marchio “Terre di Coriano”. Presentato dal sindaco Mimma Spinelli nell’ambito dell’annuale incontro per gli auguri natalizi; il brand che identificherà il territorio di Coriano e le sue attività.
“Terre di Coriano – la Romagna della tradizione e dell’innovazione” composto da una grande C verde che racchiude un cerchio giallo (sintesi dell’immagine del territorio con la sua vocazione all’agroalimentare) sarà il marchio che distinguerà il territorio, i suo confini, i suoi prodotti e le attività ricettive nonché la cultura ed il sociale insomma tutto ciò che concerne le attività corianesi.
“E’ da tempo che avevamo messo in cantiere l’idea di realizzare un marchio del territorio” commenta il sindaco Spinelli subito dopo la presentazione “un marchio che rappresentasse Coriano non solo come capoluogo ma nell’insieme delle sue frazioni. Un’unica anima di tanti bravi produttori che meritano una identità riconoscibile ed esportabile”.
“Appena abbiamo ottenuto un finanziamento da Destinazione Romagna, che ha creduto nel nostro progetto” ha sottolineato l’assessore Anna Pazzaglia “abbiamo messo in pista la sua realizzazione ed oggi con soddisfazione presentiamo alla cittadinanza il nuovo marchio”.
“Non vuole essere un progetto calato dall’alto” continua la Spinelli “ma un progetto condiviso, che sia utile a tutti e utilizzato da tutti, nell’ottica di raccontare al meglio questo territorio”.
Quindi fortemente voluto dall’attuale amministrazione il nuovo marchio è il primo mattone di una identità del territorio ricco di tradizione ma anche di innovazione, in cui antico e moderno si incontrano. Anche se il comparto agroalimentare resta il capo saldo di una produzione di qualità in fatto di vino, olio, prodotti agricoli, il contesto corianese si sposa con le necessità del mercato di oggi offrendo in modo capace anche servizi turistici, un territorio accogliente mantenuto ad un alto livello qualitativo, un paesaggio che affascina e rapisce nella sua composta bellezza.
Seguiranno la realizzazione di strumenti promozionali sia cartacei sia on line tra cui un innovativo portale web in cui confluirà tutta l’offerta corianese in un crogiolo di identità del luogo e di offerta commerciale al mondo esterno.




Rimini. Claudia Dipilato, seconda alla Winter Cup di Pole Dance a Novara

Claudia Dipilato e l’allieva Matilde Foschi

 

Claudia Dipilato ha raccolto un secondo posto alla Winter Cup di Pole Sport tenutasi domenica 16 dicembre al PalaEolo di Castelletto Ticino, vicino a Novara. E a batterla per soli 93 centesimi di punto è stata la compagna di nazionale Samantha Fabbrini che già l’aveva preceduta ai mondiali.  La riminese è campionessa italiana nella categoria Master Over 40 Competitive e argento mondiale a Fort Lauderdale.

“Ho commesso una stupidaggine a fine esercizio – dice Dipilato –. Ho provato a legare gli ultimi due elementi obbligatori dei dieci che è necessario portare in gara e che devono soddisfare dei requisiti minimi. Fosse andata bene, avrei avuto anche un punto extra di “bonus” per il tentativo riuscito. Invece, nell’ultimo esercizio ho tenuto la posizione per un solo secondo e mezzo anziché per i due secondi obbligatori. Così, i giudici non mi hanno dato per buono il movimento e, ovviamente, non mi hanno neanche assegnato il punto di bonus. Fosse andato tutto bene, avrei vinto, perché sono stata più pulita nell’esecuzione del pezzo, e la somma di tutti i punteggi (difficoltà, esecuzione e artistico) mi avrebbe permesso di salire sul gradino più alto del podio.

Claudia chiude con un altro argento una stagione agonistica che l’ha vista protagonista ai massimi livelli con grande costanza. “Ora sto pianificando i miei impegni per il prossimo anno – racconta. – Di certo c’è che cambierò questa routine, che pure mi ha dato tante soddisfazioni, e che cercherò di partecipare anche ad altri tipi di gare”.

Alla Winter Cup ha partecipato anche la 14enne cervese Matilde Foschi, allieva della Dipilato, che nella sua categoria è arrivata quarta. “E’ stata vittima di una scivolata – spiega la stessa Dipilato. – Al secondo movimento obbligatorio, che la fa scendere in altezza dal palo, è scivolata ed ha toccato terra con i piedi. Questo errore l’ha penalizzata tanto e, nonostante ciò, è arrivata ai piedi del podio. Se fosse andato tutto liscio, credo che almeno l’argento sarebbe stato suo. Avrà occasione di rifarsi”.