Cattolica. A Perfect Cut in the Vacuum” di Paolo Tarsi feat. Violres

Presentazione live in anteprima  di “A Perfect Cut in the Vacuum” di Paolo Tarsi feat. Violres; appuntamento venerdì 30 novembre ore 21 nello SPAZIO°Z di Radio Talpa, via Del Prete, 7 – Cattolica
Ingresso libero fino ad esaurimento posti – Diretta radio su www.radiotalpa.it

Paolo Tarsi
A Perfect Cut in the Vacuum
(Anitya Records/Rebirth/Acanto, 2018)

«The only legal trip you can take. A hypnotic sound experience. A perfect cut in the vacuum»

“A Perfect Cut in the Vacuum” è il titolo del nuovo album del musicista e produttore Paolo Tarsi in uscita il 26 novembre 2018 per la sua label 無常 Anitya Records, in collaborazione con Acanto e la prestigiosa etichetta Rebirth. Il disco vede la luce a poche settimane di distanza dal successo ottenuto con il singolo “Seven Nights Awake” (Switch Music Recordings, 2018), realizzato insieme al producer Francesco Novara, con cui ha scalato le classifiche iTunes svedesi fino a toccare la settima posizione (Top Songs Electronic).
Le 21 tracce di questa nuova release – che si compone di 2 CD – pulsano in un climax dove si susseguono, come in un immenso dance mix celeste, sonorità sempre più intense. Echi ambient si fondono con la Kosmische Musik e il progressive, passando attraverso l’elettronica techno con tinte kraut, fino a specchiarsi nell’irresistibile universo del synth pop.
Nel primo CD, intitolato “Unique Forms of Continuity in Sound”, si rincorrono in filigrana citazioni tratte da “Furniture Music for New Primitives”, l’album del debutto solista pubblicato per la Cramps, accolto unanimemente come uno dei dischi più belli del 2015, di cui questo nuovo capitolo costituisce un ampliamento delle sonorità, in modo particolare dell’elemento ritmico. Un’indagine sonora che esplora quel senso di ansia del vuoto innato nella natura umana, un Horror Vacui che i primitivi della Terra cercavano di colmare riproducendo immagini di scene quotidiane sulle pareti spoglie delle caverne. Condizione esattamente opposta a ciò che si trova ad affrontare l’uomo di oggi, completamente saturo di input mediatici a cui corrispondono un eccesso di segnali, auditivi e visivi, che generano una sorta di Horror Pleni – un orrore del troppo pieno – in contrasto con l’antico Horror Vacui dell’uomo preistorico.
Ed è proprio nella direzione di una digitalizzazione sempre più accentuata che si affaccia il panorama di suoni sintetici dal sapore mitteleuropeo del secondo CD “Artificially Intelligent”, affrontando il tema quanto mai attuale dell’intelligenza artificiale, in perfetto equilibrio tra sperimentazione e attitudine pop.

Paolo Tarsi (Senigallia, 1984) è autore di musica elettronica e cameristica, scrive per il teatro e la video-arte lavorando regolarmente con artisti visivi, dj, film-maker, gallerie e musei d’arte contemporanea. Specializzatosi nella composizione con il premio Oscar Luis Bacalov, collabora con musicisti provenienti dall’avanguardia colta, così come figure di primo piano della scena elettronica, jazz e rock (Esecutori di Metallo su Carta, Calibro 35, Litfiba, CCCP, CSI, Diaframma, Area Open Project). Sue composizioni sono state eseguite in luoghi di culto della musica contemporanea come lo Spectrum di New York e ha realizzato musiche per video-opere e installazioni presentate alla Herbert Art Gallery & Museum di Coventry (UK) e all’ultima edizione dell’Athens Digital Arts Festival. Nel 2018 pubblica il suo primo libro dal titolo “L’algebra delle lampade” edito da Ventura.




Rimini. I cinque ponti sull’Ausa in verifica il 27 novembre. Chiusura temporanea di 2 ore

I cinque ponti sull’Ausa in verifica il 27 novembre; lo fa il Servizio Infrastruttura Stradale di Anthea e riguarda i ponti su via Marecchiese, via Covignano, via Aldo Moro, via del Capriolo, via Barattona.  Verifiche che rientrano nelle attività di gestione e custodia delle infrastrutture stradali affidate dal Comune di Rimini ad Anthea.  Le prove di carico comporteranno la chiusura temporanea di ogni ponte per circa 2 ore e si avvieranno dal pomeriggio con questo programma: Via Barattona dalle 14,00 alle 16,00, Via Aldo Moro dalle 16,00 alle 18,00, Via del Capriolo: dalle 18,00 alle 20,00, Via Covignano dalle 21,00 alle 23,00, Via Marecchiese dalle 23,00 all’1,00.
Le verifiche sui due ponti principali, di maggior traffico (Via Marecchiese e Via Covignano), saranno quindi eseguite in serata e nelle ore notturne, così da limitare i disagi alla circolazione stradale.
Da mercoledì 21 è posizionata la segnaletica di preavviso della chiusura temporanea dei ponti.




Rimini. Uguccioni, un marchigiano nuovo segretario comunale

L’avvocato marchigiano Luca Uguccioni è il nuovo segretario generale del Comune di Rimini. E’ partito come semplice impiegato nei primi anni ’90 nel Comune di Gabicce Mare.  Il sindaco di Rimini Andrea Gnassi l’ha chiamato a sostituire la dottoressa Laura Chiodarelli, dal 1° settembre a riposo.
Dall’esame delle 46 manifestazioni di interesse sono state le competenze tecnico giuridiche e gestionali di Uguccioni ad essere giudicate come le più confacenti.  Uguccioni arriva dal Comune di Forlì dove ha ricoperto dal marzo di quest’anno analogo incarico dopo essere stato negli ultimi 15 anni segretario generale del Comune di Cesena (2004 – 2007), Pesaro (2007 – 2010), Provincia di Forlì (2010 – 2011), Bologna e della Città metropolitana (2011 – 2016), Genova (2016 – 2018). Il nuovo segretario generale prenderà servizio dal 1° dicembre prossimo.
L’amministrazione comunale coglie l’occasione per ringraziare il vice-segretario del Comune di Rimini Alessandro Bellini per l’impegno e l’abnegazione con cui ha dovuto sobbarcarsi gli impegni e le responsabilità del ruolo in questo periodo di vacatio.




Rimini. Tempio Malatestiano, la vita di Sant’Amato in musical il 24 novembre


Tempio Malatestiano: un’opera musicale interamente dedicata al Santo Ronconi con coro giovane e orchestra
sabato 24 novembre, ore 21.  A Sant’Amato Ronconi, straordinario personaggio di Saludecio che in vita compì prolungati pellegrinaggi quale metafora della vita cristiana, sono state dedicate diverse iniziative. Un’opera musicale, però, è una assoluta novità e nella forma e nel linguaggio. Opera, composta dal maestro Fabio Masini su testo poetico di Silvia Bernardi (insegnante, saggista e poetessa).
L’opera ha ricevuto il patrocinio della Diocesi di Rimini, della Diocesi di Santiago di Compostela (dove il Santo è stato pellegrino per ben quattro volte) e del Conservatorio “G. Rossini” di Pesaro.

Organizzata dalla Diocesi di Rimini e dal Comune di Saludecio, la serata è l’occasione per riaprire le porte del Duomo ad un’opera e al grande pubblico. Oltre al concerto per San Gaudenzo, da anni una bella e seguita occasione, non sono tante le occasioni per partecipare a concerti e/o spettacoli in Basilica Cattedrale.
Un’opera musicale dedicata a questo santo, il primo tutto riminese, non poteva trovare altra collocazione per la sua esecuzione (ingresso ad offerta libera).
Nato nel 1225 e morto attorno al 1292, Sant’Amato è una figura modernissima e affascinante, la cui vita sembra un romanzo. Proveniva da una ricca famiglia di Saludecio, rimasto presto orfano, ha trascorso la giovinezza con la famiglia del fratello Giacomo. Deciso a vivere secondo il Vangelo, si dedico in un primo tempo all’accoglienza dei poveri e dei pellegrini costruendo per loro un ospizio sul Monte Orciale. Donate poi tutte le sue sostanze ai poveri, si ritirò ad una vita di rigorosissima penitenza. Compì ben quattro pellegrinaggi alla tomba dell’apostolo Giacomo a Compostela, e morì nel corso del quinto. Papa Pio VI ne confermò il culto nel 1776, Papa Francesco lo ha canonizzato il 23 novembre 2014.

L’Opera musicale dedicata a Sant’Amato vede la partecipazione di 12 coristi giovanissimi (età da 19 a 30 anni), diretti da un direttore di coro altrettanto giovane nonché qualificato (Irene Placci Califano, 24 anni), 24 musicisti diretti dal maestro Fabio Masini, compositore dell’opera su libretto di Silvia Bernardi, grazie anche alla intermediazione informatica di Alex Russo, 20 anni (anche clarinetto dell’orchestra).
Sant’Amato, pellegrino delle stelle porta anche un secondo significativo sottotitolo: opera paese. “Da quando, nel 2017, è nata l’idea dell’opera, tutta Saludecio si è buttata in questa sfida, a partire dall’Amministrazione Comunale. – assicura il sindaco Dilvo Polidori – Tutte le associazioni e la parrocchia si sono messe a disposizione. Sant’Amato per Saludecio è molto più di un simbolo (inserito nello stemma comunale). Ci rappresenta”.
“La gente ancora lo chiama il Beato Santo Amato, tanto per comprendere il grado di familiarità che ha con il Ronconi. – fa notare il parroco di Saludecio, don Tarcisio Giungi – Il fervore e il clima nei confronti del Santo si esprime in aspetti pastorali, in un clima diffuso, in opere e iniziative sociali a lui dedicate come i sentieri. L’opera mette in strada il pellegrino attraverso la musica”.
L’opera ha avuto quasi due anni di gestazione, fino ad arrivare alla prima a Saludecio, due giornate di tutto esaurito sabato 30 giugno e domenica 1 luglio 2018. “La vita umana di Amato è piena di avvenimenti. – aggiunge il compositore Fabio Masini – E fa di un piccolo paese una storia universale. L’opera viene portata in scena in forma di presepe”.
“I pellegrini sono tra i primi fautori dell’Europa, Sant’Amato è un precursore di questo europeismo. – commenta Silvia Bernardi, che ha dedicato ben sei volumi al Santo e ad altri personaggi della Valconca – Influenzato da San Francesco, Amato ha segnato e ancora segna in profondità la vita di questa terra. È una figura attualissima”.
“Per approfondire la figura di questo laico innamorato di Dio e degli uomini, questa occasione è davvero specialissima. – aggiunge il Vicario generale della Diocesi di Rimini, don Maurizio Fabbri – Parla con la musica e l’arte un linguaggio anche più vicino ai giovani. E ci aiuta a comprendere la straordinaria attualità di questo pellegrino «santificato» da Papa Francesco nel 2014”.
Per il Vescovo di Rimini, mons. Francesco Lambiasi, Amato può essere ricompreso in tre parole: penitenza, povertà e pellegrinaggio. “Penitenza, perché ha scelto una vita rigorosissima per arrivare ad un bene più alto. Povertà, perché il denaro è un mezzo, non il fine della vita, e va utilizzato per il meglio e per il bene comune, proprio come ha fatto Amato. Pellegrinaggio, in cammino verso una patria definitiva che non è questa, e con gli occhi rivolti al cielo, ad ammirare le stelle, e non solo a ciò che si calpesta”.

Sant’Amato pellegrino delle stelle in seguitò sarà anche rappresentato a Santiago di Compostela.




Riccione. Parcheggi gratis in parte del centro fino al 7 gennaio

Riccione: per Natale parcheggi gratuiti in parte della zona centrale,
dal primo dicembre 2018 al 7 gennaio 2019
Per facilitare la sosta e incentivare gli acquisti nel periodo delle Festività Natalizie la
Giunta Comunale ha dato il via libera in data odierna alla gratuità di parte delle aree a
parcometro situate nella zona centrale della città. Dal 1 dicembre 2018 al 7 gennaio
2019 saranno gratuite oltre 300 posti auto di cui un centinaio ricavati con strisce
bianche su viale Dei Mille nel tratto tra viale Ceccarini e la zona porto, lato mare,
coinvolto dalle modifiche alla viabilità. Saranno gratuiti, per quanto riguarda le aree
a parchimetro, anche il lato monte dello stesso tratto del viale fino alla Rotonda
Gioia, il parcheggio di viale Verità e il piano interrato del Parcheggio Curiel.
Per l’assessore alla Polizia municipale e Attività economiche On. Elena Raffaelli “ si
tratta di un segno tangibile di sostegno alle attività commerciali e ricettive della città verso
le quali questa amministrazione si sta adoperando concretamente con iniziative che nelle
prossime settimane saranno oggetto di incontro con le associazioni di categoria e i
comitati a seguito del primo appuntamento introduttivo avuto per individuare misure di
rilancio del commercio. In vista degli eventi del Riccione Ice Carpet e della fiera
straordinaria del Villaggio di Natale, diamo così un segnale ai visitatori e ai turisti che
vorranno godere pienamente del coinvolgente ed esteso appuntamento festivo atteso a
Riccione nei prossimi giorni”.