Riccione. Enrico Mattei in conferenza al liceo Volta il 24 novembre. Aperta a tutti

Sabato 24 novembre, con inizio alle ore 10, presso l’Auditorium Rita Levi Moltalcini di Riccione, in collaborazione col Liceo Volta/Fellini, Le Nuvole ha organizzato una conferenza (vedi allegato) sulla figura di Enrico Mattei dedicata agli studenti ma aperta a tutti.

Enrico Mattei è stata senza alcun dubbio una personalità dirompente nell’Italia della ricostruzione post-bellica. Partigiano, imprenditore sociale e politico nel 1953 ha fondato l’ENI (Ente Nazionale Idrocarburi, ancora oggi è una delle aziende più importanti d’Italia e del mondo) e l’ha guidata fino alla tragica notte del 27 ottobre del 1962 quando nella campagna di Bascapè, alle porte di Milano, è terminato il suo viaggio. Definito “il petroliere senza petrolio”, “l’italiano più potente dopo Giulio Cesare” il fine della sua avventura imprenditoriale è stato conquistare per l’Italia – uscita dal secondo conflitto mondiale distrutta materialmente e spiritualmente – l’indipendenza energetica per consentirle un rapido e proficuo sviluppo industriale, avverso allo strapotere delle sette grandi compagnie petrolifere (le famose “Sette Sorelle”) padrone del mercato mondiale degli idrocarburi.

Con questa nuova iniziativa LE NUVOLE ha inteso offrire, agli studenti in primis, attraverso la testimonianza di ROSANGELA MATTEI (nipote) e MARCO PIVATO (giornalista/scrittore), spunti di riflessione utili per ulteriori approfondimenti sulla conoscenza della storia recente del nostro Paese e sulla influenza che la figura di uomo certamente controverso come ENRICO MATTEI ha avuto sui giorni nostri e continuerà ad avere su quelli a venire.

Il programma prevede:
Ore 10: proiezione di un filmato;
10:10 lettura di un testo introduttivo;
10:15 presentazione dell’associazione Le Nuvole;
10:20 Rosangela Mattei e Marco Pivato si alterneranno nel raccontare Enrico Mattei e il contesto storico/politico nel quale si è trovato ad operare;
poi, dibattito;
12:00 fine lavori con una breve riflessione da parte dell’Associazione;

L’evento è stato realizzato con il patrocinio del Comune di Riccione.




Rimini. Ausl Romagna, medici in sciopero il 23 novembre

L’ospedale di Rimini

L’Azienda USL della Romagna informa tutta la cittadinanza dello sciopero nazionale di 24 ore per il 23 novembre 2018 del personale appartenente alla Dirigenza medica, veterinaria, sanitaria, professionale, tecnica e amministrativa del Servizio Sanitario Nazionale, degli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS), degli Istituti Zooprofilattici Sperimentali (IZS), delle Agenzie Regionali per la Protezione Ambientale (ARPA) e delle Aziende ed Enti del Servizio Sanitario Nazionale (compreso il personale delle Strutture di carattere privato e/o religioso che intrattengono un rapporto di convenzione e/o accreditamento con il Sistema Sanitario Nazionale), nonché i Medici in Formazione.

Lo sciopero è stato proclamato dall’Associazione Sindacale AAROI-EMAC, a cui aderiscono anche le Organizzazioni Sindacali ANAAO ASSOMED, CIMO, FP CGIL MEDICI E DIRIGENTI SSN, FVM Federazione Veterinari e Medici, FASSID (AIPAC – AUPI – SIMET – SINAFO – SNR), CISL Medici, FESMED, ANPO – ASCOTI – FIALS Medici, coordinamento nazionale delle aree contrattuali medica, veterinaria e sanitaria UIL FPL.

Nella giornata dello sciopero saranno assicurati i servizi pubblici essenziali, nel rispetto della vigente normativa, attraverso l’individuazione dei contingenti minimi di personale a garanzia delle prestazioni indispensabili e non dilazionabili, equivalenti ai servizi minimi assicurati normalmente nei giorni festivi.