Rimini. Fiera Ttg, Rimini capitale mondiale del turismo dal 10 al 12 ottobre

Rimini capitale mondiale del turismno con l fier Ttg; si apre mercoledì e si chiude venerdì l’annuale appuntamento con il grande marketplace turistico.  Oltre 200 eventi con relatori da tutto il mondo, 2.550 le imprese presenti.   Il business turistico è al centro dell’attenzione questa settimana con l’appuntamento firmato Italian Exhibition Group che da mercoledì 10 a venerdì 12 organizza alla Fiera di Rimini TTG Travel Experience il più importante marketplace B2B in Italia, SIA Hospitality Design l’unica fiera in Italia dedicata esclusivamente all’hotellerie e SUN Beach&Outdoor Style, il salone per stabilimenti balneari, outdoor e campeggio.

All’evento di apertura (mercoledì 10 alle 14.30 alla Innovation Arena) è atteso il ministro del Turismo Gian Marco Centinaio, insieme al presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini, al sindaco di Rimini Andrea Gnassi ed al presidente IEG Lorenzo Cagnoni.
Oltre 200 gli eventi in programma, messi a punto da IEG e distribuiti nelle otto arene all’interno dei padiglioni, dove saranno protagonisti oltre 300 relatori, con tutti i più autorevoli attori dell’industria turistica internazionale. Punto di riferimento, i contenuti dell’Osservatorio TTG Industry Vision di Italian Exhibition Group che presenterà i nuovi paradigmi di consumo, un contributo concreto a territori ed aziende che hanno necessità di elaborare strategie e proposte in grado di dare un corretto riscontro alle future esigenze della domanda.

Si aggiungono a SIA Hospitality Design le proposte dedicate alla progettazione dei luoghi dell’accoglienza con Rooms (12 installazioni a cura di altrettanti progettisti in un’area di 1.300 mq) e i contenuti di alta formazione dell’Hospitality Week in collaborazione con Teamwork, oltre alla più aggiornata offerta per il turismo outdoor e il camping a SUN Beach&Outdoor Style. L’intero quartiere è occupato, 2.550 le imprese presenti.

TTG Travel Experience è anche la tribuna scelta da Matera Capitale europea della Cultura 2019 per presentare la sua proposta. Accadrà Mercoledì 10 alle 10.45 alla Italy Arena. Il programma si sviluppa su 48 settimane a partire dalla cerimonia inaugurale del 19 gennaio, nella quale 54 bande, provenienti dalle Capitali Europee della Cultura e dai Comuni della Basilicata, faranno il loro ingresso a Matera suonando i loro strumenti. Da quel momento ci saranno iniziative ogni giorno.

C’è attesa per l’assegnazione del Premio Italia Destinazione Digitale alla regione più amata dai turisti, lanciato da Travel Appeal, la startup specializzata in Data Science e Intelligenza Artificiale al servizio della Travel Industry. L’Oscar delle regioni italiane è realizzato in collaborazione con Best Western Italia, Destination Italia, Human Company, Keesy e Unicredit, verrà assegnato il 10 ottobre alle 17.00 in Italy Arena.
Sono state raccolte oltre 31 milioni di recensioni, su più di 93 mila strutture ricettive e 704 mila annunci di alloggi e case private e realizzati report per mappare le regioni e strutture più pet friendly o i campeggi più accoglienti d’Italia. Il premio per la miglior reputazione verrà assegnato in base a 15 milioni di recensioni (più del doppio rispetto alla scorsa edizione), apparse sui canali Booking.com, Tripadvisor, Expedia, Google, Facebook, Airbnb, Homeaway e Wimdu.

TTG Travel Experience ospiterà in anteprima anche una indagine sui trend di domanda del turismo scolastico curata da GeeTrips, la prima piattaforma specializzata in viaggi d’istruzione che offre agli operatori tutti i prodotti necessari per organizzare un viaggio di gruppo per studenti. GeeTrips ha intervistato oltre 1300 docenti delle scuole secondarie italiane. E’ Roma la destinazione preferita dai docenti italiani per i viaggi d’istruzione. Al secondo posto Torino e al terzo Napoli. Tra le destinazioni emergenti la Sicilia, al quinto posto. L’indagine completa sarà presentata in Italy Arena (Pad. A5), il 12 ottobre alle ore 11.40.

Fra i tanti temi al centro delle tre manifestazioni di Italian Exhibition Group anche la presentazione di Your Disability Manager, un servizio che va incontro alla domanda di accessibilità riscontrabile nel 13% della popolazione mondiale. Solo in Europa sono circa 127 milioni – di cui 9.9 milioni in Italia – le persone anziane o con disabilità di vario grado che desiderano viaggiare e sono alla ricerca di strutture turistiche e destinazioni abilitate a soddisfare i propri bisogni specifici.
Il servizio è erogato dalle due società che lo promuovono, Bed&Care e Village for All, e sarà disponibile alla Fiera di Rimini per utenti con difficoltà motoria. In Hall Sud al contact point sarà possibile usufruire di uno dei mobility scooter riservato ai visitatori che ne abbiano fatto richiesta tramite prenotazione online accedendo alle homepage dei tre Saloni. Un ulteriore tassello che ben si posiziona nell’ambito di attenzione ai temi della disabilità e accessibilità che da sempre contraddistingue IEG, mettendo a disposizione degli utenti con disabilità numerose agevolazioni per visitare i padiglioni.




San Marino. Umbria Green Festival: una briciola di verde è made in San Marino

Gabriele Geminiani

Umbria Green Festival e San Marino Green Party sempre più vicine anche in virtù della partecipazione venerdì scorso di Gabriele Geminiani (organizzatore di San Marino Green Party) alla kermesse umbra con un proprio intervento sul rapporto fra l’uomo e le cose, interpretato in forma artistica e narrativa.
Un Festival, quello umbro, che quest’anno vantava presenze prestigiose fra cui Corrado Augias, Stefano Mancuso, Mariangela Gualtieri, solo per citarne alcune a memoria.
Fra le due compagini green rapporti quindi sempre più stretti, nella prospettiva di realizzare nel 2019 un festival sammarinese vero e proprio che possa relazionarsi con il ricco background che gli organizzatori umbri hanno saputo mettere insieme in questi anni di attività.

Nelle foto una delle sedi ospitanti il Festival (la Biblioteca Comunale di Terni) e Gabriele Geminiani durante il suo intervento.




Misano Adriatico. Con il filosofo Umberto Galimberti la cultura fa il pieno e viene acclamato come una star

 

Il filosofo Umberto Galimberti  fa il pieno a Misano Adriatico nella serata inaugurale del ciclo di conferenze dal titolo “”Nodi della Vita” lo scorso 5 ottobre.  Alle 20 si sono chiuse le porte del Cinema Astra, strapieno di gente mentre la lezione di Umberto Galimberti è iniziata alle 21. Una lunga fila davanti all’Astra in attesa di entrare, tanta se ne è andata. Si è provveduto ad allestire una cassa acustica esterna e tanta gente è rimasta ad ascoltare la lezione di Umberto Galimberti.
Acclamato come una star il filosofo ha inaugurato la kermesse filosofica con una lectio dal titolo : LA DOPPIA VITA.
Dice Galimberti: “Noi pensiamo sempre di essere noi soggetti della vita , mentre la nostra vita è sostanzialmente calibrata dalle esigenze della specie, che è l’altra vita che ci abita. Per cui tutti i nostri progetti, sogni, ideazioni, la stessa ricerca di senso si scontra con il fatto che c’è una vita sotterranea che è l’esigenza della specie, che ci promuove come essere sessuati per il tempo necessario per la riproduzione, poi ci estingue la sessualità e l’aggressività perché non serviamo più.
Questa seconda vita, ignorata, bisogna che la gente se la ricordi. E allora se se la ricordasse vedrebbe la vecchiaia in un’altra maniera, vedrebbe la giovinezza non come il luogo in cui o vinco o fallisco, ma in cui cerco di dare un senso, ma poi a cadenzare il senso finisce con essere la vita biologica. E allora rispetto alla vita dell’Io c’è una vita biologica che ci condiziona, che ci dà le date, che ci dà la potenza e l’impotenza, non solo sessuale, e questa seconda vita, che è quella della specie, di cui noi siamo sostanzialmente funzionari, viene completamente dimenticata e non fa da contraltare alla vita che noi conduciamo come soggetti, come Io, il quale è attraversato da un desiderio infinito, e quando non lo realizza allora diventa nevrotico, perché dimentica che i suoi desideri sono pie illusioni, ma la macchina vera è quella biologica”.