Tavoleto. Concerto con “Tali e quali show”. Cover di grandi artisti con sfida musicale

 

“Tali e quali”. E’ il titolo  dello spettacolo che si tiene a Tavoleto (Pesaro Urbino ) l’1 e 2 agosto, inizio alle 21.

E’ un’appassionante sfida musicale, il pubblico assisterà alle incredibili imitazioni degli artisti in gara, pronti ad esibirsi rigorosamente dal vivo e a calarsi nei panni delle più grandi star della musica italiana ed internazionale.




Rimini. Piazzetta Cattaneo, è riqualificazione. Spesa: 180mila euro

Si riqualifica piazzetta Cattaneo. La giunta approva il progetto.
Da un problema è nata un’opportunità ed è così che dalla necessità di intervenire sui sottoservizi del complesso del Leon Battista Alberti fortemente deteriorata preso avvio un intervento di riqualificazione della piazzetta di via Cattaneo che dai locali dell’università arriva a via Gambalunga.
Via Cattaneo rappresenta poi il naturale elemento di raccordo tra l’area di piazza Ferrari e il Leon Battista Alberti, divenendo parte integrante dell’ ”Anello delle nuove piazze” con cui l’amministrazione comunale ha riqualificato, con un programma pluriennale, gran parte del centro storico cittadino.
Il progetto nasce quindi dalla necessità di rifacimento dei sottoservizi fino al punto d’allaccio su via Gambalunga e dalla conseguente necessità di scavo su tutta l’area attualmente utilizzata a parcheggio.
L’intervento progettato riprenderà i caratteri distintivi degli spazi pubblici limitrofi all’area di intervento utilizzando il medesimo linguaggio architettonico adottato nell’area cortilizia, sia nella scelta di materiali che nelle tessiture, coerentemente al contesto storico presente nelle immediate vicinanze. Il disegno pavimentale del percorso principale sarà dunque caratterizzato dall’utilizzo di Pietra Alberese con finitura fiammata, posata a correre con andamento trasversale al percorso e racchiusa da due fasce in Pietra di Lessinia. Il principio della continuità stilistica con il centro storico sarà adottato anche per quanto riguarda gli elementi di arredo urbano (dissuasori di sosta, cestini, aiuole, sedute, portabici).
La soluzione progettuale relativa alla realizzazione della pavimentazione è stata accertata e condivisa, nell’ambito dell’alta sorveglianza dei lavori da parte della Soprintendenza Archeologia e Belle Arti.
La spesa complessiva è di 178.222,55 euro ed è finanziata con le risorse derivanti dal ribasso d’asta relativo all’intervento generale.

Come si ricorderà il complesso del Leon Battista Alberti è l’ultimo tassello della Cittadella Universitaria consegnato all’Università, l’ultimo dei sette immobili che compongono, ristrutturati nell’ambito di un Protocollo d’intesa siglato tra il Comune di Rimini e l’Università di Bologna per l’attuazione del programma di sviluppo del polo universitario della città. Un’area di quasi 2.500 metri quadrati destinata a essere il connettivo tra il restauro degli edifici che si affacciano ed un nuovo percorso urbano a disposizione della città, che collegherà tra loro i vari luoghi che sono in relazione con l’Università ed i luoghi storici della città, come il Museo, la Domus, il Tempio Malatestiano. L’edificio 2.6 si sviluppa su una superficie di circa 760 mq distribuiti su due piani ed interamente destinato ad uffici, l’edificio 2.7 si sviluppa su una superficie di circa 1760 mq distribuiti su due piani ed interamente destinati ad aule didattiche per studenti. Il piano terra è costituito da due aule di forma rettangolare con capienza di circa 154 posti e 160 posti, quest’ultima divisibile in due attraverso il posizionamento di pareti mobili. Completa il piano terra un aula semicircolare di circa 150 posti. Il piano primo dell’edificio è accessibile attraverso un atrio a doppia altezza. Ai lati dell’ingresso sono posizionati due ambienti. Il primo è uno spazio polifunzionale ed il secondo è un vano tecnico al grezzo.




Rimini. Cani, troppi abbandoni. Parte la campagna di sensibilizzazione

Galantuomo, proprietario di 30 ettari di terra, era solito dire ai nipoti: “Gli animali o si tengono come i cristiani, o niente”.
Il Comune di Rimini ha lanciato la campagna: “Se mi ami mi registri”. Degli oltre cento cani rinvenuti nel 2018 ben 40 senza il microchip
La prima mattinata del 7 luglio è stata un gran successo e sabato 4 agosto le operatrici del canile comunale Stefano Cerni sperano tanto di bissare. Dalle ore 9 alle ore 12 sarà infatti possibile iscrivere il proprio cane o gatto all’anagrafe regionale Animali d’affezione recandosi al canile comunale di via San Salvatore 32 dove sarà possibile, per i soli residenti nel Comune di Rimini, l’inserimento del microchip e relativa iscrizione in anagrafe, il tutto gratuitamente.
Con l’entrata in vigore della legge n. 27 del 2000 la regione Emilia Romagna ha istituito l’anagrafe Canina, e l’obbligo di applicazione del microchip per i cani , mentre per i gatti è ancora facoltativa, ma i dati confermano la crescita esponenziale delle registrazioni dei felini.
Oltre ad essere un obbligo di legge, l’applicazione del microchip è un diritto e un gesto d’amore verso i nostri amici a quattro zampe, attraverso la registrazione garantiamo l’identità del nostro animale e non in ultimo, si conferma come strumento importante in caso di smarrimento.
La campagna ha avuto inizio sabato 7 luglio, e le prossime date sono sabato 4 agosto e 1 settembre . Sarà possibile procedere con l’iscrizione dalle ore 9 alle 12 accompagnati dal proprio animale e muniti di documento d’identità.
Un’iniziativa che nasce per promuovere l’anagrafe canina di cui ancora in molti non conoscono esistenza e funzione. Il canile e il Comune di Rimini, con queste 3 mattine dedicate all’ inserimento di microchip, permetteranno la regolarizzazione della posizione anagrafica dei cani non ancora registrati.
Nei primi 7 mesi del 2018 il dato riferito all’ entrate presso la struttura canile Stefano Cerni di cani rinvenuti sul territorio non identificati è infatti ancora rilevante (40 cani su 101 erano sprovvisti di microchip) , e questa campagna di sensibilizzazione è un intervento concreto dell’ amministrazione locale affinché il numero dei cani e gatti regolarmente iscritti sia sempre più elevato.