Riccione. Cani, dieci cuccioli abbandonati e poi ritrovano la mamma grazie a “Sanità animale”

Dieci cuccioli di cane abbandonati ieri presso il canile comunale di Riccione, ma che nelle ore successive hanno “ritrovato” la loro mamma, grazie agli operatori dell’Unità operativa “Sanità Animale” di Rimini dell’Ausl Romagna (diretta dal dottor Roberto Angelini).  Nella mattinata di ieri il personale del Canile di Riccione ha ritrovato sulla propria porta un contenitore con i 10 cuccioli nati da pochi giorni. Subito ha attivato il servizio Ausl ed è stato fatto un tentativo per nutrirli, ma i cagnetti hanno rifiutato il cibo. A quell’età infatti gli animali raramente si nutrono se non direttamente dalle mammelle delle proprie madri.

Personale del servizio veterinario, visto il rischio per la vita dei piccoli, ha iniziato con urgenza, in collaborazione con gli operatori del canile, le indagini indirizzandosi verso zone e soggetti già costantemente monitorati e vigilati, in seguito a ripetuti episodi di inosservanza delle norme sulla detenzione di animali d’affezione. Nella tarda mattinata di ieri, a San Giovanni in Marignano, è stata trovata una cagna che vagava a sua volta in stato di abbandono, che a occhio appariva nelle condizioni di aver partorito da poco, e che era priva del microchip di riconoscimento previsto dalla legge. Gli operatori l’hanno recuperata e portata al canile di Riccione: non appena è stata avvicinata ai cuccioli si è posta nella postura per l’allattamento, e i cagnolini si sono attaccati alle mammelle iniziando finalmente a mangiare.

Gli operatori Ausl hanno effettuato un prelievo di sangue dagli animali in modo da accertare in maniera incontrovertibile, grazie ad analisi di laboratorio che però richiederanno qualche giorno, l’effettiva parentela, che però visti i comportamenti è si può dire pressochè certa. Contestualmente la Polizia municipale di San Giovanni in Marignano sta proseguendo le indagini per risalire al proprietario dei cani, per il quale potrebbero ricorrere gli estremi per una denuncia di tipo penale per abbandono di animale.

“Una situazione specifica che si inserisce in un momento particolarmente difficile sul fronte dell’abbandono di cani, che vede l’unità operativa dell’Azienda sanitaria, così come i canili del territorio provinciale e le Amministrazioni comunali, particolarmente in difficoltà per provare a risolvere i problemi continuati ed impellenti” spiega il dottor Angelini.
Plauso all’operazione da parte del sindaco di San Giovanni in Marignano Daniele Morelli: “Un grazie agli operatori dell’unità operativa Sanità animale di Rimini dell’Ausl Romagna e alla nostra Polizia Municipale, una storia a lieto fine, in un momento particolarmente difficile sul fronte dell’abbandono. Abbandonare un animale rappresenta un gesto di inciviltà che spesso può significare la morte dei nostri amici a quattro zampe. Ricordo che l’abbandono di animali è un reato di cui deve rispondere chiunque abbandoni animali domestici. Un animale domestico deve essere considerato un componente della famiglia sempre e per sempre. Aiutiamo insieme a costruire un futuro migliore per i nostri amici a quattro zampe”.




Santarcangelo. Cantiere poetico nel nome di Tonino Guerra in settembre

Nel teatro occorre sempre l’idea di un pubblico, cioè il lettore, l’ascoltatore, che completi quello che l’autore semplicemente annuncia. Noi abbiamo un gran bisogno dell’apporto di chi guarda”.  Dall’intervista di Walter Valeri a Tonino Guerra, Sipario Emilia Romagna, 1994

Si svolgerà dal 3 al 9 settembre 2018  la quarta edizione del Cantiere poetico per Santarcangelo, dedicato quest’anno al teatro di lettura e prose per la scena di Tonino Guerra. Come nelle tre edizioni precedenti del Cantiere poetico, infatti, è prevista una chiamata pubblica rivolta a cittadini, poeti e alla comunità, invitati a partecipare a una lettura collettiva incentrata quest’anno sulla raccolta di poesie e racconti Il Polverone di Tonino Guerra.

Ne Il Polverone poesie in dialetto e italiano si alternano a brevi racconti. Roberto Roversi – che ne ha curato la pubblicazione da parte dell’editore Maggioli – descrive così l’opera nella quarta di copertina: “tenerezza di metodo nel recupero e nel riordino dei frammenti, come fossero tanti elementi di una composizione che si incastrano fino a comporre la grande scena finale […] se si segue la trama dei suoi racconti ci si accorge che non è mai stanco; che un episodio si lega all’altro […] per concludere che dal principio alla fine abbiamo ascoltato il racconto più attuale di una unica storia”.

Chi desidera partecipare alla chiamata pubblica può comunicare il prima possibile la propria adesione all’indirizzo mail santarcangelo@cantierepoetico.org: la lettura collettiva si svolgerà mercoledì 5 settembre presso la sala consiliare del Municipio di Santarcangelo.

Tre sono invece i laboratori di questa edizione, dedicati a tutti: bambini, ragazzi e adulti.

Teatro Patalò (Isadora Angelini e Luca Serrani insieme agli allievi della compagnia) propone dal 6 all’8 settembre un laboratorio di teatro fisico e vocale per partecipanti dagli 8 ai 23 anni, finalizzato alla presentazione dell’azione urbana di domenica 9 settembre dal titolo Odissea. Viaggio in otto canti. Durante il laboratorio verranno create immagini, cori, coreografie e azioni per raccontare i sogni con il corpo, abitando luoghi reali e immaginati, a partire dall’Odiséa di Tonino Guerra.

Dal 3 al 9 settembre 2018 Antonio Rinaldi e Théo Longuemare condurranno invece I mille cavalli di T. un laboratorio di costruzione di oggetti che faranno parte dell’azione urbana Odissea. Viaggio in otto canti di Teatro Patalò.  “Sembrerebbe che Hippos non stia per Cavallo ma per Nave Fenicia, e che quindi le vicende del più famoso dei cavalli della storia della letteratura mondiale, il Cavallo di Troia, nascano da un errore di traduzione. Grazie quindi a questo errore, al suo vagare in qua e in là, all’andare oltre (come si dice nella Bassa Romagna), il Cavallo di Troia arriva a Santarcangelo”. Il laboratorio è aperto a tutti, senza limiti di età; non è necessaria alcuna competenza specifica.

Dal 3 al 5 settembre la nota coreografa Silvia Gribaudi conduce infine il laboratorio La danza immobile, laboratorio di danza per adulti aperto a tutti sulle tracce di La danza immobile di Tonino Guerra, per la creazione dell’azione di strada di giovedì 6 settembre in piazza Ganganelli. Nel corso del laboratorio si approfondirà la vitalità del movimento, vero atto di rivoluzione, e del gesto che nasce dalla profondità del nostro corpo. “Questo è lo scopo principale della Danza immobile: trovare e far vivere gesti di danza e le movenze che stanno sepolte nella nostra memoria!” (Tonino Guerra).

I laboratori sono gratuiti: ai partecipanti sarà richiesta soltanto l’iscrizione all’Associazione culturale l’arboreto (quota associativa di 15 euro), comprensiva di copertura della responsabilità civile verso terzi. Informazioni e iscrizioni: 0541.624003 – 333.3474242 santarcangelo@cantierepoetico.org.

Il Cantiere poetico per Santarcangelo – a cura di Fabio Biondi e Stefano Bisulli – comprende anche la rassegna (In)Verso a cura di Massimo Roccaforte per l’Associazione culturale Interno4. Incontri con gli autori e gli editori, presentazioni di libri e concerti, si svolgeranno nella cornice della mostra mercato dell’editoria indipendente che sarà allestita anche quest’anno in Piazza Ganganelli, dal 7 al 9 settembre.

Il Cantiere poetico per Santarcangelo è un progetto promosso e sostenuto da Comune di Santarcangelo, Focus – Fondazione Culture Santarcangelo e IBC – Istituto dei beni artistici culturali e naturali – Regione Emilia-Romagna, con la collaborazione di Associazione culturale l’arboreto e Associazione culturale Interno4.

A partire dal 2015, infatti, l’Amministrazione comunale ha scelto di costruire un progetto innovativo per riflettere sulla cultura della poesia che da molti decenni caratterizza la vita artistica e quotidiana della città. Con la produzione di nuove opere contemporanee, il Cantiere poetico per Santarcangelo mira ad approfondire e rinnovare nel tempo le relazioni fra la comunità e la sua identità poetica.

Il Cantiere poetico si propone quindi di immaginare collettivamente visioni di una nuova cultura popolare di ricerca, per il futuro e le nuove generazioni, con l’intento dichiarato di tradurre il valore culturale del movimento letterario del “Circolo del giudizio” per raccontarlo attraverso un linguaggio più attuale, come quello delle arti sceniche contemporanee, della musica, della street art e dei social network.

 

 

 

 

 




Riccione. Basket 3X3 Italia, finali nazionali per lo scudetto

3×3 Italia. Le Finali Nazionali per gli scudetti a Riccione (27-29 luglio)
Petrucci: “E’ lo sport del momento. Si moltiplica ogni giorno”

E’ tempo di scudetti per il 3×3 Italia. 64 squadre maschili e 20 femminili da venerdì 27 a domenica 29 luglio giocheranno per conquistarli a Riccione, in piazzale Roma.

“E’ lo sport del momento –afferma il presidente FIP Giovanni Petrucci – che si moltiplica ogni giorno e fa avere un record impressionante di praticanti”. E’ senza dubbio l’estate della consacrazione del 3×3 in Italia che ha già visto la vittoria del Campionato del Mondo a Manila con la Nazionale femminile a giugno, poi il Challenger FIBA di Lignano del 7-8 luglio con le migliori squadre europee ed italiane e che questo fine settimana avrà le Finali del 3×3 Italia, del campionato italiano.

Le Qualificazioni sono partite lo scorso dicembre con il Winter tour e sono continuate da fine maggio nei diversi Tornei organizzati da FIP e dal promoter FISB nelle piazze di tutt’Italia, fra la gente, con la partecipazione di 6100 squadre e circa 24mila tra giocatori e giocatrici.

E’la quinta Finale Nazionale 3×3 Italia che nasce dalla collaborazione FIP-FISB e, dopo quella di Cagliari del 2014, la quarta che viene disputata a Riccione. Le gare di venerdì iniziano con il Torneo Open Run, una seconda chance di qualificazione per tutte quelle squadre che non sono riuscite a qualificarsi nei Tornei di maggio, giugno e luglio e vogliono riprovarci: tre i pass a disposizione per le squadre maschili e tre per quelli femminili. Poi dalle 19.00 fino a mezzanotte e dalle 12.00 alle 21.30 di sabato 28 luglio la lunga maratona dei Gironi di Qualificazione sui tre campi allestiti in piazzale Roma. Domenica, invece, dalle 12.30 alle 17.30 tutte le gare dagli Ottavi fino alle due Finalissime, maschile e femminile, per gli scudetti.

Nel programma delle Finali di Riccione, nella giornata di sabato, è previsto alle 10.00 di sabato, sul campo 1, le gare di basket in carrozzina a cura del Riviera Basket Wheelchair. In serata finite le gare, basket e spettacolo si coniugano con alle 21,30 la gara del Tiro da tre e alle 22.30 il Dunk Contest, la gara delle schiacciate, con i dunker professionisti Rafael Lipinski, Kader Kam e Sergey Mosur.

La gara delle schiacciate di sabato e le Finali di domenica dalle 12.30 saranno trasmesse in diretta streaming sulla pagina You Tube Italbasket.




Riccione. Giardini Villa Mussolini, concerto dell’Andrea Amati Band

Villa Mussolini

Concerto spettacolo della Andrea Amati Band intitolato “Bagaglio a mano” giovedì 26 luglio, ore 21.30, nella splendida cornice dei Giardini di Villa Mussolini, terzo incontro del IV Festival delle Storie e delle Arti 2018.
Il concerto prende il nome dal nuovo CD. Tra i componenti della Band di Andrea Amati da segnalare la presenza di elementi del calibro di Federico Mecozzi (I violino nell’Orchesta del Maestro Ludovico Einaudi) e di Massimo Marches (già collaboratore di artisti quali, Syria, Silvia Salemi, Braschi).  L’ingresso è gratuito. Organizza l’associazione culturale Le Nuvole.