Riccione. Il prestigioso tenore Gian Luca Pasolini in concerto alla chiesa di San Martino in memoria di Maria Carnaroli

Gian Luca Pasolini

– Il prestigioso tenore riccionese di livello mondiale in concerto nella chiesa di San Martino domenica 15 luglio, con inizio alle 20. Interpreta una decina di arie sacre (canta anche durante la liturgia) in memoria della madre scomparsa prima del tempo: “Arie sacre dedicate a Maria”. Un’occasione per ascoltare lo storico e delicato organo del 1882.

Debutto al Comunale di Bologna, Pasolini ha calcato le tavole dei maggiori teatri del mondo: la Scala di Milano, la Fenice di Venezia, Berlino, San Pietroburgo, Mosca, Dubai, Manila, Tokio… In Giappone ha interpretato il protagonista in “Junior Butterfly”, opera del giapponese Shigeaki Saegusa, il seguito di “Madama Butterfly”.

Subito dopo questo l’appuntamento di casa, Pasolini canterà, unico tenore tra gli ospiti d’onore, al prestigioso Opera Gala di Atene con artisti di fama mondiale.
Allievo al conservatorio Rossini di Pesaro di Robleto Merolla, tra i massimi tenori del secolo scorso per il ruolo di “Norma” del Bellini, lo stesso Pasolini è eccellente interprete belliniano. L’unica opera che non canta è proprio quella cara al suo maestro. Oltre a cantare, Pasolini insegna in conservatorio a Teramo ed in numerose masteclass; tra i fondatori dell’Accademia dell’Arcangelo, che si dedica alla divulgazione della musica tutta, con una speciale attenzione a quella classica e al belcanto. Gli allievi arrivano da tutto il mondo; a suo modo fa turismo e promuove Riccione attraverso la cultura.

Scoperto da Giorgio Grimaldi e Carla Chiara, allievo del grandissimo Roberto Merolla, Passolini si è laureato con il massimo dei voti prima a Pesaro e poi a Firenze; si è perfezionato all’Accademia Verdi-Toscanini di Busseto con Alain Billard e all’Accademia del Maggio Musicale Fiorentino con Bernadette Manca di Nissa.
Nel 2007, inizia la collaborazione col Teatro alla Scala di Milano che gli offre il ruolo di protagonista assoluto nella nuova opera di Fabio Vacchi Teneke, con la direzione di Roberto Abbado e la regia di Ermanno Olmi. Da allora canta regolarmente e collabora con alcune delle maggiori istituzioni teatrali del mondo: la Venice, San Pietroburo, Astana, Tokio, Manila…
In questi anni ha avuto già il piacere e l’onore di essere diretto da maestri come Daniele e Roberto Abbado, Daniel Barenboim, Semyn Bychkov, Cristina Comencini, Richard Jones, Jannis Kokkos, Zubin Mehta, Einuntas Necrosius, Ermanno Olmi, Kazushi Ono, Donato Renzetti, Emilio Sagi, Dmitri Tcherniakov, Michail Zaniecki, Alberto Zedda…




Pesaro. Il sindaco Ricci: “Cultura e musica per lo sviluppo del territorio”

«Tra celebrazioni rossiniane e riconoscimento Unesco per noi è un anno magico. Un grande trampolino di lancio per crescere con il turismo culturale nei prossimi anni», dice il sindaco di Pesaro Matteo Ricci, inaugurando la mostra «Pesaro racconta Rossini» ai Musei Civici. Il sindaco definisce l’esposizione sul 150esimo «propedeutica all’investimento strutturale sul museo rossiniano, su cui abbiamo intercettato fondi ad hoc. Che sarà realizzato nel piano nobile di Palazzo Antaldi, concesso con la collaborazione della fondazione Carisp. L’obiettivo è aprirlo entro febbraio 2019». Ancora: «Rossini è il testimonial della bellezza italiana nel mondo nel 2018. Nel prossimo biennio si proseguirà con Leonardo e Raffaello, dove le Marche torneranno di nuovo al centro con Urbino. Siamo dentro una strategia di sviluppo culturale del Paese». Menzione anche per «la collaborazione tra Pesaro, Fano e Urbino, già sperimentata con l’esposizione sul Rinascimento e con l’idea del biglietto unico. Un buon esempio per lo sviluppo territoriale. Proseguiremo».

Sei sale con documenti, carteggi, immagini, esemplari di libretti d’opera e materiale per la prima volta esposto al pubblico che ricostruiscono le opere, i luoghi e la vita del compositore. Si presenta integralmente, tra l’altro, la collezione dei musei Hercolani-Rossini composta da 38 dipinti e un marmo, pervenuti al musicista in punto di morte a pagamento del prestito fatto ai nobili bolognesi Hercolani. Il Conservatorio, in collaborazione con Ente Olivieri e Fondazione Rossini, cura la sezione documentaria che ripercorre la propria storia, a partire dalla fondazione nel 1882 per volontà del compositore. La mostra diffusa, organizzata da Sistema Museo e ideata dal comitato promotore delle celebrazioni rossiniane e promossa da Comune di Pesaro, Comune di Urbino, Comune di Fano, in collaborazione con la Regione, include altre due sedi a Urbino («Gesamkunstwerk: Pelagio Palagi e Gioachino Rossini»: Palazzo Ducale, Sale del Castellare; a cura di Vittorio Sgarbi) e Fano («Rossini, il teatro, la musica»: Museo Archeologico e Pinacoteca del Palazzo Malatestiano; a cura di Fondazione Rossini). L’esposizione di Palazzo Mosca, con percorso narrativo a cura di Emanuele Aldrovandi, si potrà visitare fino al 18 novembre.

Commenta il vicesindaco Daniele Vimini: «Il tema di una mostra prodotta tra tre Comuni, con Regione e Sistema Museo, rappresenta un nuovo modello che abbiamo introdotto dalla scorso anno. La sinergia è motivo di circuitazione turistica: un patrimonio che va preservato nei rapporti istituzionali, perché porta valore aggiunto all’offerta culturale». «Il progetto è un modello di mostra diffusa che la Regione ha deciso di sostenere e su cui continueremo a investire», rimarca il consigliere regionale Andrea Biancani. Riconoscimenti per il Rof da Vittorio Sgarbi: «E’ l’unico festival italiano che può competere con Salisburgo. Del resto, la meraviglia per le opere di Rossini è paragonabile a quella per i lavori di Mozart. Rossini racconta la vita: è profondamente radicato a Pesaro. In programma avevamo la terza mostra sul Barocco nelle Marche, dopo Osimo e San Severino. Puntando magari sulla figura di Barocci: l’abbiamo rimandata, dopo il finanziamento ottenuto per Rossini. Ma legare Urbino al mondo del maestro non era impresa facile. Metterlo a confronto con tutti i pittori del suo tempo era impraticabile in così poco tempo. Così abbiamo scelto un grande artista bolognese: Palagi è versatile e universale, ha respirato l’epoca di Rossini. In questo modo diamo un contributo alla sua riscoperta. Con trenta disegni inediti». Presenti, tra gli altri, il sindaco di Urbino Maurizio Gambini, il vicesindaco di Fano Stefano Marchegiani, il vicesindaco di Urbino Roberto Cioppi, il direttore del Conservatorio Ludovico Bramanti, Catia Amati (Fondazione Rossini), Cristian Della Chiara (Rof) e Gianluca Bellucci (Sistema Museo).




Pesaro. Casa Rossini, Concerti dal balcone

Venerdì 13 luglio alle 21.30 sul balcone di Casa Rossini si tiene il primo dei quattro appuntamenti del nuovo ciclo dei Concerti dal balcone, organizzato dall’assessorato alla Bellezza del Comune di Pesaro e dal Rossini Opera Festival da un’idea di Marco Mencoboni, in collaborazione con Sistema Museo, Amat e Fondazione Rossini.
Si esibiscono dal balcone della Casa natale del compositore alcuni tra i migliori allievi dell’Accademia Rossiniana “Alberto Zedda”, seminario di studio sull’interpretazione belcantistica moderna in corso sino a lunedì 16 luglio al Teatro Sperimentale.
Protagonisti della prima serata il soprano Maria Laura Iacobellis, il tenore Shanul Sharma e il baritono Carles Pachón, accompagnati al pianoforte da Elisa Cerri. Shanul Sharma canta l’Aria di Ramiro “Sì, ritrovarla io giuro” da La Cenerentola, Maria Luara Iacobellis l’Aria di Berenice “Voi la sposa pretendete” da L’occasione fa il ladro, mentre Carles Pachón interpreta la Cavatina di Figaro “Largo al factotum” da Il barbiere di Siviglia.
I tre giovani cantanti partecipano inoltre al Concerto finale dell’Accademia Rossiniana 2017, che si tiene lunedì 16 luglio alle 20 al teatro Sperimentale.




Pesaro. Baia Flaminia, 100 parcheggi in più. Lotta alla sosta selvaggia

Il sindaco Matteo Ricci: «Piano per nuovi parcheggi alla Baia».
Piano in tre tempi per sciogliere il nodo parcheggi a Baia Flaminia. Lo rende noto Matteo Ricci, nell’incontro tra giunta e consiglio di quartiere Porto-Soria. «Intanto tolleranza zero sulla sosta selvaggia d’estate. Anche perché mettiamo a disposizione le navette gratuite: prenderle è una questione d’abitudine, come accaduto nel caso di Sottomonte».

Il sindaco guarda anche, nel medio periodo, a cento parcheggi in più. Precisamente nell’area-triangolo del Circolo tennis compresa tra via Belgrado e Lungofoglia delle Nazioni. «Nel piano regolatore sono previsti già parcheggi sul Lungofoglia. Siamo d’accordo con i condomini della zona. Il campetto che si perderebbe potrebbe essere eventualmente recuperato nell’area retrostante del Circolo». Tre ipotesi per il finanziamento, «che potrebbe avvenire già dal 2019, lavorandoci da subito». In primis il capitolo di bilancio sui nuovi parcheggi. «Ma potremmo anche legare i lavori alla nuova gestione del Circolo, dal momento che a breve dovrà essere rinnovata la concessione. In alternativa, l’intervento potrebbe essere fatto da Pesaro Parcheggi». Il terzo tempo, secondo il sindaco, è il ponte ciclopedonale per collegare la ciclabile di viale Trieste a quella di Baia Flaminia: «Voglio inserirlo nel programma di governo. Comune e Camera di Commercio hanno già dato l’incarico al progettista (Morsiani): servono tempo e soldi (secondo Ricci dai due ai tre milioni), ma sarebbe un’opera straordinaria per la città. A quel punto il parcheggio tra i due Porti diventerebbe funzionale per la Baia. Che risolverebbe così completamente le criticità sulla sosta», spiega il sindaco al presidente Gabriele Arduini.

CONTENITORI – Sull’ex Consorzio Agrario: «Abbiamo chiuso la vicenda. Non è proprio quello che volevo ma abbiamo fatto realpolitik e, nelle condizioni date, la mediazione raggiunta è un buon risultato. E’ stata ridotta la previsione urbanistica del Piano casa, le volumetrie rimarranno quelle attuali. E saranno realizzate le opere viarie intorno». Con la sottolineatura: «I privati si sono impegnati col Comune per demolire la struttura a settembre. E’ un dato concordato, che non ha fatto scattare l’ordinanza anti-degrado». Su Villa Marina: «Prima il Patrimonio Inps non poteva vendere, adesso sì e ci sono nuove prospettive. Nei mesi scorsi si è registrato l’interessamento da un fondo cinese, che ha fatto anche sopralluoghi. Vedremo come andrà l’asta: se si riuscirà a vendere e a trasformarla, nei prossimi anni avremo nuovi scenari». Aggiunge: «Il Comune va via dallo stabile di Pesaro Studi anche perché non è proprietario. Ribadisco il punto perché adesso, sul tema, spuntano le accuse strumentali. Poi avevamo già deciso, tre anni fa, di destinare i fondi comunali per quei corsi della Carlo Bo alle politiche sociali ed educative. Salvaguardando i servizi: la scelta è stata più volte spiegata. Anche perché è finita l’epoca del decentramento: la nostra università è a Urbino». Su Scienze infermieristiche: «Siamo al lavoro per sedi alternative nel centro storico. Ragioniamo su locali del Job, sale della Provincia e del Comune».

EX AMGA – Il parere Iss sulla bonifica, per Matteo Ricci, «è la chiave di svolta» sull’ex Amga. Ovvero: «Non si costruisce più, lo dice l’Istituto Superiore di Sanità. Abbiamo già dato mandato agli uffici di rivedere la previsione urbanistica. La partita è chiusa». Ora «il resto della bonifica procederà sostanzialmente attraverso il verde. Sarà parco o bosco, a seconda della modalità individuata dal tavolo tecnico. In ogni caso uno spazio verde per fare respirare il quartiere», osserva.

LAVORI – Asfalti previsti su via Amalfi, via per Soria e viale Napoli, con rifacimento del marciapiede da viale Trento a viale Trieste (lato porto). Interventi sulle scuole nella primaria di via Monfalcone (cementi armati ammalorati) e asilo nido Alberone (sistemazione interna). Il sindaco pensa anche all’asfaltatura del marciapiedi del ponte di Soria. Infine: «Stiamo progettando la rotonda di largo Tre Martiri. Investimento di 30mila euro», chiude Belloni.




San Giovanni in Marignano. Monica Mazzini vince il premio “Migliore vetrina stregata 2018”

Fioreria d’Arte-Bomboniere di Monica Mazzini, primo classificato
Erboristeria Artemisia, secondo 
Caffe’ Bar Turismo e Estetica Simona, terzo  parimerito

Sono i vincitori del concorso per la “Migliore vetrina stregata 2018” . In occasione de “La Notte delle Streghe” è stata proposto, per la II edizione, il premio per la vetrina stregata, realizzata sul tema dell’evento: le streghe ed il fuoco.
I commercianti hanno realizzato, nei giorni precedenti alla manifestazione, la vetrina tematica. E’ stato creato un album su Facebook in cui le persone potevano scegliere le vetrine mettendo “Mi Piace” . I like delle persone, insieme al voto dell’équipe della manifestazione, ha decretato i vincitori, che sono stati premiati con un attestato di riconoscimento, una litografia numerata de “La Notte delle Streghe” ed alcune pubblicazioni su San Giovanni in Marignano.

I premi sono stati consegnati dal sindaco Daniele Morelli, dall’assessore alle Attività Economiche Nicola Gabellini e dall’assessore alla Cultura Michela Bertuccioli, che affermano: “Siamo orgogliosi della grande partecipazione del commercio alla buona riuscita dell’evento ed anche della creatività dimostrata nella realizzazione. Siamo anche molto felici della risposta delle persone: oltre 600 i “Mi piace” raccolti dai 18 esercizi. Appuntamento dunque alla prossima edizione”.




Cattolica. Piazza Primo Maggio, mostra fotografica di Antonio Barbieri

AmandoCattolica 2018, Piazza Primo Maggio: “Scatti come Battiti del Cuore”. Mostra fotografica di Antonio Barbieri  con il patrocinio della Commissione europea Rappresentanza in Italia,  dell’ENIT Agenzia Nazionale del Turismo,  della Regione Emilia Romagna,
della Provincia di Rimini,  del Comune Città di Cattolica.
Il progetto ha come fine non solo il mostrare scorci e angoli suggestivi di Cattolica, propone infatti una prospettiva originale con la quale esportare un nuovo modo di osservare e vivere un luogo.
Questa innovativa modalità di presentare un territorio porta con sé l’osservazione delle tradizioni e dell’indole propria di quei luoghi, non solo turistica.
E stato scritto e detto tanto di questo interessante progetto, grazie anche ai molti e prestigiosi riconoscimenti Istituzionali ottenuti (tra i quali, a livello nazionale, ricordiamo il Premio di Rappresentanza del Presidente della Repubblica nel 2009) che non bastano per descrivere la particolarità di una visione che mette al centro Cattolica in un insieme di immagini che come tanti tasselli vanno a comporre il carattere di un luogo ed un senso di appartenenza in perfetto accordo con la magia del momento catturata in ogni singola foto.
Il progetto Amando Cattolica non è solo il saper mostrare un luogo nelle sue infinite declinazioni è anche il saper unire la divulgazione a carattere culturale, storica, scientifica e di promozione turistica con il linguaggio universale delle immagini al carattere umanitario e sociale.
In questi oltre 10 anni di attività, il progetto di Barbieri oltre ad aver ottenuto numerosi e importanti riconoscimenti ha saputo coinvolgere associazioni di pregio come la Fondazione Guglielmo Marconi e lA.G.E.O.P. e come non ricordare il continuo tributo in questi anni ad un personaggio molto amato come l’oncologo pediatra di livello mondiale Guido Paolucci.
Amando Cattolica presente in tutte le Biblioteche Nazionali italiane ha portato l’identità dei nostri luoghi, suscitando vivo interesse anche fuori dal nostro Paese arrivando nelle biblioteche estere, tra cui citiamo “The National Library of United Kingdom” London British Library, “The New York Public Library for the Performing Arts”, “Bibliotèque Nationale de Luxembourg Belgio”, “Bayerischen Staatsbibliothek Bavarian State Library München German”.
Testo Marina Andruccioli
Dice l’autore: “Mi preme ringraziare il sindaco Mariano Gennari, il vice-sindaco Valeria Antonioli,, Nicoletta Olivieri assessore al Turismo per la fiducia ricevuta.
Una particolare citazione e ringraziamento è rivolto ai pregiati sponsor per il loro mecenatismo, Park Hotel Cattolica e Staccoli Pasticceria 1952 Italy per l’interesse che da sempre hanno dimostrato per gli eventi culturali che promuovono il nostro territorio”.

“Schüsse wie Heartbeats”
AmandoCattolica 2018 -anteprima-
auf Show mit dem Patronat:
der Vertretung der Europäischen Kommission in Italien,
der Nationalen Tourismusagentur ENIT,
der Region Emilia-Romagna,
der Provinz Rimini,
der Stadt Cattolica
Es ist eine Folge von Emotionen, die in diesen Jahren gewachsen sind.
Das Projekt will nicht nur flüchtige Blicke und suggestive Ecken zeigen, sondern bietet auch eine originelle Perspektive, eine neue Art des Beobachtens und Lebens zu exportieren.
Diese innovative Art der Präsentation eines Territoriums bringt die Beobachtung der Traditionen und der Natur dieser Orte mit sich, nicht nur des Tourismus.
Es wurde so viel über dieses interessante Projekt geschrieben und gesagt, dank der vielen angesehenen Institutionellen Auszeichnungen (von denen wir auf nationaler Ebene an den Repräsentativen Preis des Präsidenten der Republik im Jahr 2009 erinnern), die nicht genug sind, um die Besonderheit eines Vision, die das katholische Zentrum in eine Reihe von Bildern einbindet, die wie viele Stücke den Charakter eines Ortes und ein Zugehörigkeitsgefühl in perfekter Harmonie mit der Magie des Moments, die in jedem einzelnen Foto festgehalten ist, komponieren.
Das Amando Cattolica Projekt ist nicht nur die Fähigkeit, einen Ort in seinen unendlichen Variationen zu zeigen, sondern auch die Fähigkeit, kulturelle, historische, wissenschaftliche und touristische Förderung mit der universellen Sprache von Bildern humanitären und sozialen Charakters zu verbinden.
In diesen mehr als 10 Jahren Tätigkeit konnte das Barbieri-Projekt neben zahlreichen bedeutenden Anerkennungen auch renommierte Verbände wie die Guglielmo Marconi Foundation und die A.G.E.O.P. und wie man sich nicht an den ständigen Tribut in diesen Jahren an einen vielgeliebten Charakter wie Prof. Guido Paolucci erinnert.
Amando Cattolica, das in allen italienischen Nationalbibliotheken präsent ist, hat die Identität unserer Orte hervorgebracht und erregt auch außerhalb unseres Landes lebhaftes Interesse in ausländischen Bibliotheken, unter denen wir die Londoner British Library “The National Library of United Kingdom”, “The New York Öffentliche Bibliothek für Darstellende Kunst “,” Bibliothèque Nationale de Luxembourg Belgien “,” Bayerische Staatsbibliothek Bayerische Staatsbibliothek München German “.
Text Marina Andruccioli
Ich möchte dem Bürgermeister Mariano Gennari, dem Vizebürgermeister Valeria Antonioli Stadtrat für Kultur, dem Nicoletta Olivieri Stadtrat für Tourismus für das erhaltene Vertrauen danken.
Eine besondere Erwähnung und Dank geht an die renommierten Sponsoren für ihre Schirmherrschaft, Park Hotel Cattolica und Staccoli Pasticceria 1952 Italien für das Interesse, das sie immer für die kulturellen Veranstaltungen gezeigt haben, die unser Gebiet fördern.
Amando Cattolica 2005; Amando Cattolica I ° und II ° Ausgabe 2006; Der Weg der Liebe und Bilder 2007 Edition; Cattolica in Fiore XXXVI Sonderausgabe 2008; Bilder wie das Schlagen der Wimpern 2008 Edition; Katholik in Fiore XXXVII Sonderausgabe 2009; Im Herzen der Bilder 2009 Edition; Der Baum, zu dem du gehst .. Special Edition 2010;
Sieht Ausdrücke einer Gefühl 2010-2011 Ausgabe aus; Momente, Emotionen in unendlicher Zeit Ausgabe 2011-2012;
Sensations, La Voce delle Immagini Ausgabe 2013-2014;
Verzauberung, mit den Augen des Herzens Ausgabe 2015-2016;
Emotionen mit der Soul Edition 2017
Schüsse wie Herzschläge Edition 2018A special mention and thanks is given to the prestigious sponsors for their patronage, Park Hotel Cattolica and Staccoli Pasticceria 1952 Italy for the interest they have always shown for the cultural events that promote our territory.
Cattolica …..
© Antonio Barbieri2003-2018-All rights reserved- Exhibitions “AmandoCattolica” photo publication
“Shots like Heartbeats”
AmandoCattolica 2018 -anteprima-
on Show with the Patronage:
of the European Commission Representation in Italy,
of the ENIT National Tourism Agency,
of the Emilia Romagna Region,
of the Province of Rimini,
of the City of Cattolica
it is a succession of emotions that have been growing in these years.
The project aims not only to show glimpses and suggestive corners, but also offers an original perspective with which to export a new way of observing and living a place.
This innovative way of presenting a territory brings with it the observation of the traditions and the nature of those places, not just tourism.
It has been written and said so much of this interesting project, thanks to the many prestigious Institutional awards obtained (among which, at national level, we remember the Representative Award of the President of the Republic in 2009) that are not enough to describe the particularity of a vision that puts the Catholic center in a set of images that like many pieces are to compose the character of a place and a sense of belonging in perfect harmony with the magic of the moment captured in every single photo.
The Amando Cattolica project is not only the ability to show a place in its infinite variations is also the ability to combine cultural, historical, scientific and tourism promotion with the universal language of images of humanitarian and social character.
In these more than 10 years of activity, the Barbieri project, besides obtaining numerous and important recognitions, has been able to involve prestigious associations such as the Guglielmo Marconi Foundation and the A.G.E.O.P. and how not to remember the constant tribute in these years to a much loved character like Prof. Guido Paolucci.
Amando Cattolica present in all the Italian National Libraries has brought the identity of our places, arousing lively interest even outside our country arriving in foreign libraries, among which we mention “The National Library of United Kingdom” London British Library, “The New York Public Library for the Performing Arts “,” Bibliothèque Nationale de Luxembourg Belgium “,” Bayerischen Staatsbibliothek Bavarian State Library München German “.
Text Marina Andruccioli
Amando Cattolica 2005; Amando Cattolica I° e II° Edizione 2006; La via dell’Amore e delle Immagini Edizione 2007; Cattolica in Fiore XXXVI Edizione speciale 2008; Immagini come battiti di ciglia Edizione 2008; Cattolica in Fiore XXXVII Edizione speciale 2009; Nel Cuore delle Immagini Edizione 2009; L’Albero a cui tendevi.. Edizione speciale 2010;
Sguardi Espressioni di un sentimento Edizione 2010-2011; Attimi, Emozioni nel tempo infinito Edizione 2011-2012;
Sensazioni, La Voce delle Immagini Edizione 2013-2014;
Incanto, con gli occhi del cuore Edizione 2015-2016;
Emozioni con l’Anima Edizione 2017;
Scatti come battiti del cuore Edizione 2018