Rimini. Rimini Fiera amplia quartiere fieristico di Vicenza. Investimento di 35 milioni

Ieg (Italian Exibition Group) investe 35 milioni di euro per la ristrutturazione e lo sviluppo del quartiere 2 di Vicenza Fiere.

Il progetto verrà realizzato dall’architetto Volkwin Marg, partner dello studio GMP Von Gerkan, Mark & Partner di Amburgo e prevederà una superficie lorda di 26 mila metri quadri. Il rapporto del gruppo IEG con lo studio tedesco è solido e in passato ha garantito autentici gioielli come il nuovo quartiere di Rimini inaugurato nel 2001 e il nuovo palacongressi di Rimini aperto nel 2011.

Il quartiere fieristico di Rimini è stata la prima importante opera dello studio tedesco in Italia, ma GMP è noto in tutto il mondo per progetti come la Fiera di Lipsia, il «Christus-Pavillon» per l’Expo 2000, la ricostruzione e copertura dello Stadio Olimpico e della stazione ferroviaria centrale di Berlino.

L’obiettivo dell’intervento è lo sviluppo di una nuova superficie espositiva e contemporaneamente la razionalizzazione in chiave moderna degli spazi, dei percorsi e dei servizi accessori di tutto il quartiere fieristico.

Il nuovo padiglione – che sarà costruito su 2 livelli invece dei 5 attuali – sarà dotato di tecnologie funzionali e sostenibili e consentirà a IEG di ospitare numerosi e differenti eventi per ampliare ulteriormente il portafoglio attuale. Ovviamente il progetto guarda con particolare attenzione alle necessità e allo sviluppo delle manifestazioni legate al mondo dell’oreficeria e gioielleria. Una struttura fieristica e congressuale in continuo sviluppo, sia nelle aree che nei servizi connessi, è infatti fattore decisivo per accompagnare la crescita delle manifestazioni e garanzia migliore per trattenerle sul territorio con i vantaggi indotti conseguenti e ben conosciuti. Il progetto per il padiglione 2 dello studio GMP sarà in sintonia con una precisa attenzione all’impatto ambientale e alla sostenibilità del suo funzionamento.

L’intervento che sta per avviarsi sul quartiere segue l’investimento grazie al quale nel 2015 la Fiera di Vicenza si dotò del nuovo padiglione 7. Un’opera che rappresentò un motore propulsivo per gli importanti vantaggi a favore del settore orafo e, più in generale, per il business fieristico, elementi che hanno poi favorito il rafforzamento di tutte le attività vicentine.

L’investimento profuso, come da programma e nel rispetto dei tempi annunciati, avviene alla vigilia di un ulteriore e decisivo passo in avanti nella crescita di IEG, che sta definendo il team di Advisor in previsione dell’avvio del processo di quotazione delle azioni della Società su un mercato regolamentato da Borsa Italiana.




Riccione. Giornalismo d’inchiesta, Dig Festival con l’anteprima di “Between me and P.”

Presentazione dell’edizione 2018 di DIG Festival Riccione, l’appuntamento internazionale con il giornalismo d’inchiesta in programma dal 1°al 3 giugno. Città di Riccione, DIG e Riccione Teatro presentano Between me and P., uno spettacolo di e con Filippo Michelangelo Ceredi, un’intensa performance multimediale per raccontare la sparizione misteriosa di un uomo e il percorso personale di ricerca investigativa del fratello, a 25 anni di distanza.  Appuntamento il23 maggio, ore 21.




Pesaro. Notte dei musei a Palazzo Mosca (si dorme) e Novilara (passeggiate)

Palazzo Mosca sede dei Musei Civici

A Palazzo Mosca si dorme nella culla dell’arte; a Novilara, una passeggiata ‘speciale’ tra borgo e campagna con visita al Museo delle Colline. Questa è la “Notte dei Musei” sabato 19 maggio per la manifestazione europea che tiene aperti i musei con la luce delle stelle.

Se di notte si parla, torna per il secondo anno la possibilità di dormire nella culla dell’arte circondati dalla bellezza. Accade a Palazzo Mosca ed è una proposta che si rivolge a famiglie e bambini (consigliato dai 5 ai 9 anni); visto che questo è l’anno delle celebrazioni per i 150 anni dalla morte di Rossini, sarà un omaggio al compositore: il titolo – “Dal tuo stellato soglio” – proviene dall’atto finale del Mosè in Egitto. In programma una notte unica. Il benvenuto ai partecipanti è previsto per le 19 a Palazzo Mosca con accoglienza e iscrizione; poi cena picnic tutti insieme e via alla lunga serata. A Casa Rossini, racconti animati in tema rossiniano alla scoperta di una fiaba celebre ‘La Cenerentola’ che è anche una delle opere più amate del Cigno. Tornati ai Musei Civici, si prosegue con un laboratorio. Giunto il momento del relax, le Silly Simphonies di Walt Disney e dolci musiche per la ‘buonanotte’. Sveglia alle 7.30, colazione nella caffetteria di Palazzo Mosca e uscita alle 9. Per partecipare occorre prenotare; ingresso: bambini € 25, adulti € 25 con card Pesaro Cult (costo card € 3). Sempre sabato 19, come alternativa pensata per i più grandi, alle 22 c’è la visita guidata notturna itinerante con percorso dai Musei Civici alla domus di via dell’Abbondanza fino a Casa Rossini. Si parte da Palazzo Mosca per andare alla scoperta di segreti, amori e aneddoti rossiniani, passando anche per angoli e luoghi poco conosciuti del centro. Si chiude con il brindisi di mezzanotte nella dimora del Cigno tra le sue note celebri. Ingresso € 15, gratuito per gli adulti che dormono al museo. Info e prenotazioni 0721 387541 pesaro@sistemamuseo.it www.pesaromusei.it

 

Anche Novilara rinnova la sua consueta partecipazione alla Notte dei Musei per promuovere il suo patrimonio artistico diffuso. In particolare si fa luce sul Museo delle colline, anche centro di documentazione archeologica, e sull’intero borgo che va considerato come un museo diffuso con le sue mura, le sue case, i reperti e i percorsi nelle strade di campagna; tutto costituisce una testimonianza complessa ma viva del passato: dai piceni ai romani fino al cinquecento. Dalla collaborazione tra Il teatro dei bottoni ed etra.entra nell’arte, nasce un walkscape, camminata che propone una narrazione dei luoghi, con momenti di animazione teatrale su alcuni dei temi che connotano Novilara (i Piceni, Baldassarre Castiglione, l’evoluzione della architettura del paese, il matrimonio di Costanzo Sforza, Michele Provinciali). Appuntamento alle 18, per una camminata aperta ad adulti e famiglie. Per chi vuole, c’è anche la possibilità di cenare (prenotazione obbligatoria 339 3707313). Alle 21, la visita animata al Museo delle colline. Allestito da Roberto Vecchiarelli di Quatermassx, lo spazio propone uno sguardo molteplice su una serie di reperti: quelli antichi per lo più piceni, le tracce sulle mura del castello (i resti del palazzo del Castiglione, le pietre, i materiali), i punti di fuga dello sguardo dalle finestre (il mare, le colline, i prodotti della terra). Volutamente mescolati e affiancati nel loro ruolo di testimonianza di un territorio ricco di storia e cultura, diventano “reperti” di narrazioni seguendo un esempio d’eccellenza: quello dell’artista Michele Provinciali che ha vissuto nella casa alle spalle del museo e ha utilizzato i reperti banali per realizzare immagini di grande impatto artistico. Il paesaggio del Castello di Novilara viene quindi letto attraverso il filtro di Provinciali per innescare una pluralità di sguardi: quello del piceno intagliatore di steli in arenaria, quello poetico di Mingucci e Liverani, quello dell’archeologo, ma anche quello del passeggiatore. Il percorso può essere seguito sul proprio smartphone collegandosi a www.almaloci.com. Walkscape e visita animata sono ad ingresso grauito. La notte dei musei di Novilara è promossa dal Quartiere 3 – Delle Colline e dei Castelli in collaborazione con le associazione culturali l’Anfora, la Stele, Teatro dei Bottoni, Quatermassx, Etra. Entra nell’arte.

www.pesarocultura.it