Pesaro. 150 aziende con la BCC di Gradara al salone con lo spirito dell’impresa

Da sinistra: Andrea De Crescentini (responsabile relazioni esterne della BCC di Gradara),

Matteo Ricci (sindaco di Pesaro), Fausto Caldari (presidente della BCC di Gradara) e Luca Pieri (presidente di Aspes)

Oltre 150 imprese  al Salone dello spirito di impresa organizzato dalla BCC di Gradara usufruendo gratuitamente degli stand messi a disposizione all’Adriatic Arena il 17 e 18 marzo. Il presidente della BCC di Gradara Fausto Caldari: <<La BCC di Gradara è presente al fianco degli imprenditori e continua ad operare sul territorio: perché insieme si può fare>>.
Per il quinto anno consecutivo nelle province di Pesaro Urbino e Rimini il Salone dello spirito di impresa accompagna l’arrivo della primavera portando con sé un’iniezione di ottimismo e fiducia per l’economia locale.  Cornice ideale per un’iniziativa che mira a offrire gratuitamente una vetrina d’eccellenza alle imprese del territorio favorendo l’incontro tra operatori economici e con esso la creazione di reti commerciali utili a sviluppare la propria attività economica. Con l’Expo di Primavera la BCC di Gradara intende lanciare un segnale agli imprenditori, agli artigiani, ai commercianti, ai professionisti, alle imprese agricole e a tutti i giovani: la Banca di Gradara c’è ed è presente al fianco di tutti coloro che vogliono fare impresa, di tutti coloro che con le proprie forze vogliono mettersi in gioco per realizzare l’avventura dell’intraprendere. Con una banca solida e concreta vicino è più facile e il futuro fa meno paura anche grazie a “InsiemeSì” perché “insieme si può fare”.
<<Siamo arrivati al quinto appuntamento di questa kermesse che, iniziata quasi come una scommessa in uno dei periodi più depressi dell’economia nazionale, si è trasformata in una vetrina per le forze imprenditoriali del nostro territorio – spiega il presidente della Banca di Gradara Fausto Caldari – Una manifestazione con cui vogliamo ribadire fermamente e con convinzione che la BCC di Gradara è ancora presente al fianco degli imprenditori e continua ad operare sul territorio, stimolata dagli stessi principi e convinzioni di quando l’iniziativa è stata ideata. Quest’anno abbiamo scelto l’Adriatic Arena di Pesaro. Per tutti l’astronave. Che speriamo possa rappresentare simbolicamente il decollo dell’economia di questo territorio. La BCC di Gradara è una banca profondamente legata al territorio in cui opera ed il nostro obiettivo è quello di sostenere l’economia locale contribuendo allo sviluppo e alla crescita della sua comunità. Noi crediamo nello spirito di impresa che è la ricchezza maggiore di questo Paese e di questi territori. In questa edizione saranno oltre 150 le aziende che parteciperanno gratuitamente con uno stand messo a loro disposizione dal nostro istituto di credito. E’ un momento di aggregazione davvero significativo per continuare a crescere insieme>>.
Alla conferenza stampa di presentazione della manifestazione partecipano, oltre al Responsabile Comunicazione-Relazioni Esterne della BCC di Gradara Andrea De Crescentini, anche il sindaco di Pesaro Matteo Ricci e il presidente Aspes spa Luca Pieri.
<<L’Expo di Primavera organizzato dalla BCC di Gradara è stata una felice intuizione di cinque anni fa per dare un’opportunità a correntisti, clienti e a quanti si affidano alla banca di Gradara – spiega il sindaco di Pesaro Matteo Ricci – Una bellissima iniziativa. Tante persone hanno avuto l’opportunità di mostrare a un pubblico vasto quello che fanno. Un segnale di fiducia importante. La nostra economia sta registrando qualche segnale di ripresa ma sappiamo quanto terreno c’è da recuperare ancora. Continuiamo a lavorare>>.
<<L’Adriatic Arena di Pesaro si dimostra un contenitore polifunzionale capace di ospitare eventi di ogni tipo – commenta il presidente di Aspes spa Luca Pieri – Siamo felici di questa collaborazione con la BCC di Gradara: ospiteremo una manifestazione che speriamo possa rappresentare una ulteriore opportunità per il rilancio definitivo dell’economia del territorio>>.
<<Anche quest’anno l’Expo di primavera della Banca di Gradara sarà animato da tante iniziative: tutte a ingresso gratuito per i nostri clienti, i nostri soci ma anche per tutti gli spettatori interessati ad osservare i prodotti dei nostri imprenditori o anche solo ad assistere a qualche spettacolo – spiega il Responsabile Comunicazione-Relazioni Esterne della BCC di Gradara Andrea De Crescentini – Iniziamo sabato con la presentazione della guida “Gli itinerari della Bellezza” a cura di Confcommercio, si prosegue con il torneo di basket a cura di Asd Misano Pirates e la presentazione della guida turistica di Gabicce Mare a cura di Cristina Manzini. Domenica, dopo il pranzo sociale, spazio all’esibizione canora del cantante Edoardo Vianello e, successivamente, di Massimo Ligi in un omaggio, tra gli altri, a Rino Gaetano, Francesco De Gregori e Lucio Dalla>>.




Rimini. Domus Chirurgo, restauro conservativo

In restauro conservativo  una delle meraviglie di Rimini: la Domus del Chirurgo. In occasione dell’ultima edizione di Antico/Presente Festival del Mondo Antico, che lo scorso dicembre ha celebrato il decimo anniversario dell’apertura al pubblico della Domus del Chirurgo, Anna Bondini della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Ravenna, Forlì – Cesena, Rimini annunciò la stipula del contratto per l’affidamento degli interventi di restauro e messa in sicurezza delle strutture architettoniche del complesso archeologico in piazza Ferrari.
Un vero tesoro nel cuore antico della città, custode di una storia lunga venti secoli, di vite vissute, di scienza e arte, di cultura e ricchezza, di vicende belliche e morte, di agi e potere… il tutto riassunto in 700 mq, in una stratificazione che parte dall’età romana repubblicana per giungere a quella moderna!
La vocazione dell’area, dalla fine dell’Ottocento aperta in una piazza-giardino urbana, aveva da subito suggerito la musealizzazione in loco del complesso archeologico, eccezionale anche per l’insieme di muri, intonaci e pavimenti musivi.
Una scelta conservativa che, se da un lato ha preservato intatto il fascino degli ambienti scoperti, dall’altro richiede interventi come quello in atto capace di conservare intatto lo splendore di quel patrimonio, oggi a contatto con l’azione degli agenti atmosferici dopo essere stato sottratto alla terra e al microclima che lo aveva preservato per quasi due millenni.

Dopo l’annuncio nell’estate 2016 è stato così predisposto un programma di campagne di restauro. Primo passo di questo programma è stato l’apertura del cantiere per la messa in sicurezza di intonaci e muri di argilla. L’attività, sostenuta da un finanziamento statale, è stata concretamente avviata nel mese di febbraio per concludersi entro la fine di maggio. L’intervento di restauro viene condotto anche in orario di apertura del sito e alla presenza del pubblico costituendo un ulteriore motivo di interesse alla visita del complesso che, anche grazie a questi interventi, manterrà intatto il proprio valore.

Il lavori – responsabile del Procedimento l’architetto Vincenzo Napoli della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio di Ravenna – si stanno svolgendo sotto la direzione della dottoressa Annalisa Pozzi, referenti per il restauro Elena Cristoferi; Mauro Ricci, mentre la ditta esecutrice è l’ Etra snc di Lugo.




San Giovanni. Integr.Arte, l’arte come inclusione sociale

Integr.Arte, ovvero l’arte che integra socialmente.  E’ stato ideato dall’Associazione Davide Pacassoni, la realtà marignanese operante da 25 anni sul territorio, con bambini e ragazzi diversamente abili. La referente, Anna Pedoni, in collaborazione con Luciana Tirincanti e Barbara Zavagnini, esperte e appassionate in attività espressive, aprono le porte da ben 3 anni a tutti i bambini e ragazzi che desiderino di condividere esperienze e ritrovarsi nell’esperienza creativa e nella produzione laboratoriale. L’amministrazione concede a titolo gratuito gli spazi del centro giovani e la copertura assicurativa ai volontari.

Il progetto è aperto all’adesione di chiunque lo desideri, sia come partecipante che come volontario, ed è a titolo completamente gratuito.
I laboratori sono realizzati con materiale di recupero e riciclo e mirano a:
• Creare un’esperienza in cui possano coesistere bambini e ragazzi, normodotati e ragazzi diversamente abili, in un contesto creativo e accogliente
• Creare un luogo di integrazione e di scambio di esperienze in cui tutti possano esprimersi alla luce delle proprie potenzialità e capacità, e nella propria unicità
• Creare delle occasioni significative per aprire al rispetto ed all’accoglienza della diversità in tutte le sue forme
• Valorizzare il volontariato sociale e la creatività dell’individuo

“Sono opportunità – dice l’assessore ai Servizi sociali Michela Bertuccioli – che si creano per chi è in condizioni di bisogno, ma anche e soprattutto per noi stessi. Occorre una nuova visione del sociale, che fatica invece a prendere forma: una lettura non più basata sulla compassione rispetto alla disabilità, ma che sappia cogliere la grande occasione di crescita umana che ognuno di noi incontra quando, senza pregiudizi, si apre alla scoperta della diversità. Un sentito ringraziamento va all’Associazione Pacassoni che impreziosisce con questi momenti tutta la serie di servizi che offre e cura sul territorio, e a tutti i volontari che rendono possibile e animano le attività. Non parliamo di contesti staccati, spezzati dal paese, ma di situazioni immaginate e costruite all’interno di spazi vissuti da tutti, che portano a contesti spontaneamente ed autenticamente inclusivi. Speriamo che sempre più cittadini sappiano cogliere questa ricchezza e ne prendano parte”.

Il prossimo appuntamento di INTEGR.ARTE è martedì 20 marzo dalle 16.45 alle 18 presso il centro giovani.
COORDINATORE DEL PROGETTO: Per l’Associazione D. Pacassoni
Referente Anna Pedoni tel. 349.8369073




Pesaro. Bicipolitana, tecnici da mezz’Europa per visitare l’eccellenza pesarese

Da Spagna, Svezia, Ungheria e Romania a Pesaro per visitare la Bicipolitana, un’eccellenza italica.

E’ arrivato un gruppo di tecnici della mobilità nell’ambito del progetto europeo TRAM (Towards new Regional plans for sustainable urban Mobility). Dopo aver percorso alcuni tratti della Bicipolitana, accompagnati dagli assessori comunali Enzo Belloni (operatività) e Franca Foronchi (Sostenibilità) e dal consigliere regionale Andrea Biancani, hanno visitato anche il parcheggio fotovoltaico Sunparking dell’Adriatic Arena, promosso dall’Amministrazione comunale e gestito dalla ditta EF Solare Italia. L’impianto nasce come il più grande parcheggio fotovoltaico italiano e ha una potenza installata di 2.400 kWp. Sosta anche al teatro Rossini, con il gruppo che ha molto apprezzato la tappa nel ‘salotto’ cittadino.
Con la visita a Pesaro continuano le attività del progetto finanziato dal Fondo per lo Sviluppo Regionale europeo nell’ambito del Programma Interreg Europe 14-20. L’iniziativa, che ha preso avvio nel 2016, ha una durata di cinque anni e si inserisce nella mobilità urbana sostenibile con l’obiettivo di offrire risposte concrete al dibattito sulle politiche ambientali locali, nazionali e internazionali, in tema di “low carbon economy”.