Santarcangelo. Inauguarata l’area gioco “progettata” da 114 alunni di quarta elementare

santarcangelogiochi

Bella idea. Si chiama “Era un parcheggio”, la nuova area giochi, inaugurazione dagli alunni della scuola Pascucci, sabato pomeriggio (21 ottobre).

Progettazione partecipata anche da 114 scolari delle quarte.

Il sindaco Alice Parma ha ripercorso le tappe del progetto, avviato nell’ottobre di due anni fa con un protocollo d’intesa tra alunni e amministrazione comunale. Al termine della prima fase partecipativa, ad aprile 2016 bambine e bambini hanno presentato la loro proposta prima a sindaco e assessori in sala consiliare, poi alla città con un incontro e una mostra in biblioteca. L’amministrazione ha quindi fatto proprio il progetto arrivando a una prima elaborazione tecnica a fine 2016, aprendo poi il cantiere ai piccoli “progettisti” a maggio 2017 per un primo momento di restituzione. L’assessore Fussi ha sottolineato l’importanza della partecipazione, non sempre facile ma in grado di produrre risultati condivisi e concreti per la comunità, mentre l’assessore Sacchetti si è concentrato sull’importanza che un’opera del genere fosse realizzata nel migliore dei modi, dedicando il tempo necessario sia alla progettazione che alla realizzazione, per eliminare un’area di sosta situata in una posizione pericolosa per il transito pedonale.

 




Rimini. Scuola Flavia Casadei, i genitori curano spazi interni ed esterni e non solo…

riminicivivo

 

Ventiquattro genitori si prendono cura degli spazi e il sostegno alle attività (laboratori, feste, pulizia all’esterno e all’interno) della scuola Flavia Casadei di Viserba. Inaugurato il 21 ottobre Civivo. Il progetto prevede anche l’accompagnamento dei ragazzi a piedi o in bicicletta.
Ad oggi sono 62 i gruppi attivi sul territorio comunale e sono circa 850 i cittadini che hanno dato la loro disponibilità e il loro contributo per rendere migliore la qualità della vita, prendendosi cura di parchi, spiagge, scuole, aree pubbliche, per attivare servizi di supporto a favore di cittadini in condizioni di fragilità, incentivare le conoscenze informatiche o realizzare eventi di aggregazione e di buon vicinato.
“Un nuovo Civivo si forma attorno alle attività didattiche e di socialità legate alla scuola – dice Mattia Morolli, assessore ai Servizi educativi e ai Rapporti con il territorio del Comune di Rimini – e  in grado di attivare progetti inerenti la mobilità sostenibile. Un ambito di volontariato attivo importante che permette di vivere la scuola sempre più come elemento innovativo di un percorso di crescita per tutta la comunità in cui sono inserite”