Rimini. Cattiva raccolta differenziata sul mare in arrivo multe?

Anna Montini, assessore all'Ambiente del Comune di Rimini

Anna Montini, assessore all’Ambiente del Comune di Rimini

Cattiva raccolta differenziata sul lungomare di Rimini. E’ intervenuta l’assessore all’Ambiente Anna Montini.

Afferma: “Nei giorni scorsi mi sono arrivate diverse segnalazioni sul mancato rispetto delle regole per il conferimento dei rifiuti da parte degli operatori attivi sul lungomare di Rimini, una delle zone che più di altre è frequentata dai cittadini e turisti e che, come tale, dovrebbe essere tutelata e valorizzata. Io stessa ho potuto verificare in diversi sopralluoghi come, in effetti, le situazioni di irregolarità non manchino: cartoni e scatoloni accatastati a caso e senza essere piegati al fine di minimizzarne il volume, accumuli di rifiuti di diversa tipologia, e non adeguatamente differenziati, esposti per il ritiro in orari che non sono quelli indicati, e via dicendo”.

“Inutile sottolineare – continua l’assessore – che si tratta di un atteggiamento che l’amministrazione non può tollerare, soprattutto a fronte di un servizio, come quello della raccolta porta a porta nella zona mare, che va nella direzione di favorire operatori e cittadini, ma che è efficace solo attraverso una collaborazione virtuosa. Per questo motivo abbiamo dato indicazione affinché le Guardie ecologiche volontarie in collaborazione con la Polizia Municipale si attivino per potenziare i controlli e sanare quelle situazioni che possono creare contesti di degrado urbano o comunque di poco ordine e pulizia soprattutto su una parte di città importante e attrattiva come quella che si sviluppa sul lungomare”.




Rimini. La città raccontata della tv tedesca Sat1

Il sindaco Andrea Gnassi sul bellissimo balconcino ad angolo del palazzo comunale

Il sindaco Andrea Gnassi sul bellissimo balconcino ad angolo del palazzo comunale

 

Rimini raccontata dalla tv tedesca Sat1. Il sindaco Andrea Gnassi: “Raccontiamo il fermento della città”

La città che cambia, il nuovo volto del centro storico e i nuovi motori culturali, ma anche la Rimini balneare, la Rimini che negli ultimi anni non è stata ferma e sta ritornando leader in Italia e in Europa sul fronte del turismo d’esperienza e dei servizi turistici innovativi.
Sat. 1 uno dei network più popolari della Germania. L’inviata Simone Dettelbacher ha incontrato il sindaco Andrea Gnassi per realizzare alcune riprese per il programma settimanale “GRENZENLOS – DIE WELT ENTDECKEN” (‘Senza confini, scoprire il mondo’) che manderà in onda un reportage di 45 minuti per raccontare il cambiamento di Rimini attraverso personaggi, progetti.
Nel servizio si racconterà come i turisti tedeschi hanno scoperto l’Italia proprio attraverso Rimini, città diventata nel tempo sinonimo di qualità, servizio, ospitalità. Durante l’intervista il sindaco ha fatto una carrellata delle opportunità che Rimini dà ai visitatori: dalla possibilità di partire in bicicletta dal Ponte di Tiberio e costeggiare il Marecchia, ammirare la valle e le sue bellezze, i gioielli d’arte come il Tempio Malatestiano, fino al fermento delle cose da fare e i nuovi contenuti con cui la città sta riempiendo la spiaggia più grande e popolare d’Italia. Un lavoro per ampliare l’offerta di contenuti immateriali che procede parallelamente al processo di cambiamento urbano avviato con il Parco del Mare, i contenitori culturali come Fulgor, Teatro Galli, Castel Sismondo, il progetto Tiberio e la valorizzazione del centro storico.
Un cambiamento su cui si innesta un rinnovato interesse dei tedeschi verso Rimini, dimostrato anche dai numeri positivi di arrivi e presenze da questo mercato, frutto anche della semina dell’attività promozionale strutturata svolta negli ultimi anni nei confronti dei mercati esteri in sinergia con la Regione Emilia Romagna e Apt Servizi.
“Vogliamo raccontare il fermento della città – ha detto il sindaco Andrea Gnassi – e come Rimini interpreta il cambiamento, nonostante il momento storicamente non semplice che stiamo vivendo, investendo sul suo patrimonio culturale e identitario”.
La giornalista tedesca, accompagnata da Apt Servizi, ha realizzato riprese per nove giorni in vari luoghi della città e della provincia. Il programma totalizza una media di due milioni di spettatori e la puntata dedicata a Rimini sarà trasmessa in autunno.




Cattolica spettacoli. Nostos, il mistero del ritorno

cattolicanostos

Orgoglioso e superbo, Agamennone scruta l’orizzonte nel buio della notte oltre la prua della nave che lo riporta a casa. Il re di Micene ricorda gli episodi principali della guerra contro Troia, che l’ha visto vincitore, accanto a eroi come Achille e Ulisse. Già assapora i piaceri del ritorno: il meritato riposo, il caldo abbraccio dei cari e la riconoscenza dei sudditi. Ma anche per lui, come per molti altri eroi vincitori, forse il ritorno non sarà né un trionfo né una bella cosa. E può dirsi fortunato chi, come Ulisse, impiegherà altri dieci anni per tornare a Itaca accanto alla sua Penelope.

Per grandi e piccoli, il racconto di Silvio Castiglioni sarà accompagnato dalle musiche eseguite dal vivo da Graziano Sangalli e dalle figure di Georgia Galanti create insieme ai bambini nel corso dei laboratori estivi ispirati all’Iliade presso il Museo della Regina.

Appuntamento il  24 agosto, alle 21. Ingresso libero

Per informazioni e prenotazioni:
Museo della Regina Tel. 0541 966577




Rimini. Gnassi. “Romagna indipendente? Patacate”

Andrea Gnassi, sindaco di Rimini

Andrea Gnassi, sindaco di Rimini

“Patachedi”. Così il sindaco di Rimini Andrea Gnassi liquida la proposta della Lega Nord di una Romagna indipendente attraverso il referendum.

E continua: “All’asta tosta della Lega oggi vince Pini. Dopo aver rosicato qualche giorno per la proposta avanzata dal presidente Bonaccini perché la nostra Regione possa avere più autonomia con l’applicazione dell’articolo 116 della Costituzione, ecco la trovata geniale: + 1. Prima il segretario Morrone che vorrebbe non tanto una fortissima autonomia ma ‘l’Emilia Romagna Stato’: con l’aggiunta di una propria moneta, di una propria nazionale di calcio, di un proprio inno, di un proprio festival canoro? Poi il deputato Gianluca Pini che trotta sul vecchio cavallo di battaglia: Referendum Romagna. Domani toccherà a Morrone rilanciare con referendum su nuove Città Stato Rimini, Forlì, Cesena, Ravenna? Vedremo”.
“Intanto – chiude il sindaco di Rimini –  va registrata l’ennesima prova di inconsistenza della Lega Nord che quando non sa cosa fare per rispondere a scelte azzeccate e innovative del centrosinistra – l’area vasta su trasporti, sanità, turismo della Romagna, ad esempio – si difende con le vecchie armi spuntate dai tempi in cui stava al Governo e lanciava proclami su secessioni e federalismi, salvo non fare un bel nulla. In una regione che come sistema omogeneo sta reagendo meglio di tutte le altre alla crisi, in un territorio in cui grazie agli investimenti strutturali Bologna e Rimini saranno collegate in 44 minuti di treno dal 2018, Morrone, Pini e compagnia bella ‘rilanciano’ come Fantozzi e Filini davanti al mega direttore galattico. Da noi in Romagna si direbbe, patachedi. E il significato si capisce bene anche in Emilia”.




Gradara. Fine settimana con prestigiosoe cantine marchignole e non solo

gradaradivino

 

“Castello di… vino”. E’ il titolo di tre giorni nel segno della degustazioni di vini; tra il meglio della Romagna e delle Marche: il 25, 26 e 27 agosto.

Nel borgo di Gradara prestigiose cantine propongono le loro eccellenze. Numerose le novità per questa edizione, come la cantina Steffens Kess – direttamente dalla Mosella Tedesca – che presenta la sua selezione di Vini tra cui i Riesling; partecipano inoltre all’evento enogastronomico rinomate cantine dalla Franciacorta e da Valdobbiadene e per l’occasione viene allestita”La strada del Prosecco”.

I ristoratori locali accompagneranno le degustazioni con delizie street food e menù convenzionati; ad animare le tre serate musica dal vivo e spettacoli.

Castello di…Vino Gradara è ideato e promosso da Wine Experience, associazione che riunisce sommelier e semplici amanti del vino ed ha tra i suoi principali obiettivi quello di promuovere il territorio e le realtà enologiche che ne fanno parte.

L’evento è organizzato con il patrocinio del Comune di Gradara e la collaborazione dell’Associazione Sommelier Aspi Romagna.