Furti e risse notturne, gli interventi della Polizia: 4 arresti

furti-risse-notte-rimini-poliziaNotte impegnativa per le volanti della Polizia. Tre interventi e quattro arresti. Il primo: erano le 2,30 di notte quando è giunta una segnalazione sul numero di emergenza della Questura relativa ad una autovettura i cui occupanti, due individui, erano stati visti danneggiare sul lungomare alcune auto in sosta; immediatamente fatte convergere sul posto, due volanti rintracciavano i richiedenti, due cittadini bulgari, i quali riferivano che qualche istante prima avevano visto una macchina di colore celeste fermarsi ripetutamente vicino al alcune autovetture in sosta, uno dei due occupanti scendere e subito dopo un rumore di vetri infranti; mentre una volante assumeva ulteriori informazioni l’altra si metteva alla ricerca dell’autovettura segnalata, rintracciandola e fermandola in viale Regina Elena. Effettuata la perquisizione personale estesa pure al veicolo, i poliziotti rinvenivano e sequestravano una serie di arnesi atti allo scasso, oggetti atti ad offendere, chiavi alterate e numerose altre cose di cui i due occupanti non sapevano spiegarne la provenienza. Parallelamente, nonostante l’ora, gli agenti riuscivano a rintracciare uno dei proprietari dei veicoli danneggiati, una ragazza, la quale giunta sul posto constatava che dalla sua auto era stata asportata una borsa, corrispondente perfettamente ad una di quelle ritrovate nell’auto fermata, i cui occupanti italiani, rispettivamente di anni 40 e 22,a questo punto venivano dichiarati in arresto.

 

Il secondo ieri sera nel corso di un normale servizio di controllo del territorio. Verso le 22,30 in viale Adige due poliziotti della squadra volanti hanno deciso di fermare per un controllo un soggetto che stava percorrendo in bicicletta il medesimo viale; ad insospettire gli agenti lo strano comportamento dell’uomo il quale, alla vista della pattuglia, si fermava chinandosi come per simulare un guasto alla bici. Nel momento in cui uno dei due agenti si avvicinava per chiedere i documenti, l’uomo si rialzava e scagliava violentemente la bicicletta contro il poliziotto, dandosi alla fuga; ne nasceva un inseguimento che terminava quando il soggetto si trovava di fronte un muretto troppo alto da scavalcare, venendo così bloccato. Agli agenti non sfuggiva però la mossa dell’uomo il quale, vistosi alle strette, prima di essere preso gettava qualcosa dentro una siepe. La perquisizione permetteva di rinvenire addosso all’uomo una grossa torcia, mentre nella siepe veniva ritrovato quanto dallo stesso gettato poco prima, un portafogli, all’interno del quale vi erano soldi e documenti intestati ad una ventitreenne riminese poi rintracciata. Il trentasettenne originario di Palermo ma residente a Rimini, veniva tratto in arresto per il reato di rapina.

 

Infine, nel cuore della notte, verso le 4,00 la sala operativa della Questura ha inviato una volante in Viale Vespucci poiché tre ragazzi avevano segnalato di essere stati aggrediti da parte di due soggetti, uno dei quali aveva colpito con una bottigliata al capo uno dei tre richiedenti. Giunti sul posto, i poliziotti constatavano che effettivamente un ragazzo presentava una ferita alla testa ed al collo, per cui richiedevano immediatamente l’intervento di un’ambulanza. Dalle dichiarazione degli aggrediti, gli agenti accertavano che gli aggressori erano due giovani di origine nordafricana, allontanatisi a bordo di un auto di colore nero. Le immediate ricerche permettevano di rintracciare poco dopo in piazza Kennedy l’autovettura segnalata, con a bordo due ragazzi corrispondenti alle descrizioni fornite i quali – alla vista dei poliziotti – si davano alla fuga, vana, in quanto dopo un breve inseguimento venivano bloccati e identificati. Gli accertamenti permettevano di fare luce sulla dinamica del fatto, iniziato circa due ore prima all’esterno di un locale della zona quando i tre aggrediti, intrattenendosi con alcune ragazze, erano stati avvicinati dai due giovani, un ventisettenne di origini siciliane ed un ventitreenne di origine tunisina, i quali con fare arrogante avevano cercato di inserirsi nella conversazione con scarso successo; analoga cosa era successa dopo circa mezz’ora allorquando i due avevano nuovamente tentato l’approccio con le ragazze in compagnia dei tre aggrediti, i quali a questo punto avevano cercato, in maniera civile, di far desistere i due da tale inopportuno comportamento. Evidentemente tale condotta non era stata ben accetta in quanto i tre giovani, a fine serata – mentre si stavano dirigendo verso il proprio albergo – erano stati raggiunti da un auto con i due aggressori a bordo i quali, una volta scesi, avevano affrontato il gruppetto prima verbalmente e subito dopo fisicamente con calci, pugni ed una bottiglia di vetro, che aveva causato la ferita più grave ad uno dei tre malcapitati. Una volta chiarita la dinamica, i poliziotti traevano in arresto per il reato di lesioni personali aggravate il ventitreenne di origine tunisina indicato come colui il quale aveva materialmente sferrato la bottigliata, mentre denunciavano a piede libero il secondo per il medesimo reato.

 




Oggetti di lusso ma senza IVA, arresti e denunce in aeroporto

(ANSA) – Orologi, abiti firmati e altri oggetti di lusso acquistati senza Iva e poi rivenduti in Italia, in nero, o spediti all’estero. Un sistema collaudato, andato avanti almeno due anni, secondo i riscontri investigativi della Guardia di finanza di Rimini, costato la denuncia a 17 persone, italiane – fra cui due funzionari dell’Agenzia delle dogane che sarebbero stati corrotti e due appartenenti al clan camorrista dei Casalesi – e russe, che sfruttavano il regime di ‘tax free’. In sostanza, il ‘tax free’ consente di acquistare oggetti senza Iva (in questo caso al 22%) a cittadini residenti fuori dalla Comunità Europea. Per farlo si deve però dimostrare che il bene esca dall’Italia con la persona che l’ha acquistato. Ed è a questo punto che entravano in gioco i due funzionari dell’Agenzia delle dogane in servizio all’aeroporto Federico Fellini, che apponevano il timbro per dimostrare che il bene era effettivamente uscito. In realtà, orologi e altri oggetti di lusso rimanevano in Italia e seguivano due rotte: una parte era rivenduta in nero (il guadagno derivava dal fatto che erano appunto acquistati a un minor prezzo, senza Iva) e una parte veniva trasportata all’estero, soprattutto in Russia, attraverso uno spedizioniere, anche lui tra gli indagati, violando fra l’altro il pagamento dei dazi doganali.




Sfilate, il Castello va di moda con “Made in Rimini”

Patrizia Deitos

Patrizia Deitos

Torna l’appuntamento con la moda ‘made in Rimini’ e le tradizionali sfilate promosse da Confartigianato e Cna quest’anno si riuniscono in un unico grande appuntamento nel suggestivo scenario della Corte del Soccorso di Castel Sismondo. ‘Il Castello va di moda’ andrà in scena venerdì 11 settembre alle ore 21.00, l’ingresso è gratuito per questo evento fashion che vede protagoniste aziende riminesi e le creazioni dei maestri artigiani nel settore dell’abbigliamento e degli accessori, dai costumi da bagno alla pellicceria, dalle calzature ai gioielli. “Nella difficoltà, l’intelligenza suggerisce di unire le forze – spiegano Confartigianato e Cna – e con impegno proseguire nel lavoro di sostegno alle imprese, offrendo loro in questo caso un’opportunità per farsi conoscere e mostrare la qualità della produzione made in Rimini. La serata è un omaggio a ciò che questo territorio sa esprimere e che rischia di passare inosservato. In passerella saliranno imprese che rappresentano un mondo laborioso, creativo e di qualità”.

 

Queste le aziende riminesi in passerella: Gijibelle, Linea Mare Blu, Moretti Moda, Mina Gamboni, Bon Ton by Chez Li, L’Artigiano di Riccione, Andrea Amadei Pellicceria, Dunta Women Fashion, Mitzi Saida Neri, Atelier Luciana Torri. Nel backstage altri grandi professionisti quali i parrucchieri Paolo Modiva, New Fashion Me, Backstage Parrucchieri di Loredana Tasini e la make up artist Barbara Leardini. La regia dellla serata è di RC Fashion. Il fashion design è rappresentato dalla  Poliarte Design School di Ancona.  Gli studenti del 2° anno fashion presentano abiti di organza, chiffon e seta lucente per una collezione ispirata agli anni ’60/’70 rivista nei colori e nei volumi per una serata fresca d’estate. Proprio per la collocazione all’interno della rocca malatestiana e nell’ambito del cartellone di Castel Sismondo Estate promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, la sfilata avrà anche i contenuti della rievocazione medievale per rendere omaggio ad un monumento di straordinario fascino. In passerella anche  abiti ispirati al Medioevo ed in particolare, quello autentico che indossò Matilde di Canossa.  Ospite della serata l’artista riminese Patrizia Deitos, mentre Aulos Danza proporrà due balletti. Previsto anche l’intervento del critico d’arte Alessandro Giovanardi, che in breve racconterà la storia di Castel Sismondo e del suo straordinario ‘residente’ Sigismondo Malatesta e della leggendaria “Isotta”. Presenteranno la serata Francesco Cesarini e Cesare Trevisani. In caso di maltempo, la serata si svolgerà sabato 12 settembre sempre alle ore 21.00. ‘Il Castello va… di Moda’ è un evento firmato da Confartigianato e Cna di Rimini, con il patrocinio ed il sostegno del Comune di Rimini,  della  Camera di Commercio, Fondazione Carim, Fraer Leasing, Unifidi, AssiCoop Unipol Sai.




Autobus Start Romagna, orari invernali da martedì 15 settembre

autobus-start-romagna-orari-inverno-2015-2016

Alle fermate è già in corso la sostituzione dei quadri orario delle linee. Entreranno infatti in vigore martedì prossimo 15 settembre gli orari invernali 2015-2016 dei servizi di trasporto pubblico del bacino di Rimini di Start Romagna che resteranno validi fino al prossimo 6 giugno 2016. Queste le principali novità tra modifiche agli orari, potenziamenti e razionalizzazioni.  Il libretto orario aggiornato è già disponibile e scaricabile dal sito di Start Romagna nella sezione “orari e percorsi”.

 

Il mercato bisettimanale si sposta da piazza Malatesta al quadrante Est del Centro storico (area ex-Padane, piazzale Gramsci, via Dante e zone limitrofe). Pertanto nelle giornate di mercoledì e sabato la linea 11 sarà limitata alla stazione ferroviaria (Rimini FS). Tutte le linee che collegano la stazione ferroviaria con l’Arco d’Augusto dall’inizio del servizio alle ore 15.00 percorreranno in entrambe le direzioni di marcia le vie Roma e Bastioni Orientali, con sospensione delle fermate nelle vie Dante, IV Novembre, Serpieri, corso d’Augusto e piazzale Gramsci. Per collegare l’area mercato con i parcheggi intorno al centro storico, si effettuerà la Navetta Grandi Mercati (GM), una nuova linea circolare con frequenza ogni 20 minuti dalle ore 7.30 alle 8.30 poi ogni 10 minuti fino alle 13.30, sul percorso via Roma–Arco d’Augusto–Circonvallazione Meridionale e Orientale–Ponte di Tiberio–via Roma.

Nuova fermata per la linea 3. Tutte le corse che percorrono la tratta Mulazzano–Ospedaletto e viceversa (eccetto una coppia) transiteranno dalla fermata all’interno di San Patrignano. In senso ascendente la lettera “P” contraddistinguerà sia le corse limitate a San Patrignano che quelle che proseguono oltre (ex 3B). Per la linea 9 sono aggiunti suffissi letterali “M” e “T” per distinguere le corse che in direzione “Aeroporto” percorrono le vie Melucci e Mosca (9M) da quelle che transitano sulle vie Rimembranze, Tommaseo e Cardano (9T). Le corse serali (con transito sia in via Rimembranze-Tommaseo che in via Mosca) saranno indicate con il solo numero 9. Per le linee 20 e 58 l’orario feriale della linea 20 (Coriano–Rimini) è stato razionalizzato, con partenze da Rimini FS al min. 30 e da Coriano al min. 45 di ogni ora per gran parte della giornata. Sono previsti alcuni prolungamenti a Croce di Montecolombo (20A), località che nelle ore di punta continuerà a essere servita anche dalle linee 58A e 171. La linea 58 (Riccione–Coriano–Morciano) è stata riprogrammata, con servizio invariato nelle ore di punta e 4 coppie di corse Riccione–Coriano e v/v nelle altre fasce orarie.

 

Su Santarcangelo la linea 166 avrà una nuova programmazione delle corse di punta da Santarcangelo FS (fascia 13.30–15.15). Modificato il cadenzamento pomeridiano per favorire la corrispondenza a Santarcangelo centro con la linea 9 proveniente da Rimini. La linea 169. Ritardata alle 14.45 la corsa da Santarcangelo del primo pomeriggio per coincidenza da Rimini (linea 9). Nel territorio di Santarcangelo / Poggio Berni il servizio a chiamata VALMABASS di Agenzia Mobilità opererà tutti i giorni feriali nelle fasce orarie 8.30–12.00 e 14.30–16.30.

 

Su Morciano e Valconca la linea 124 nei giorni di scuola la corsa è in partenza da Rimini FS alle ore 12.17 sarà prolungata a Morciano. Per la linea 175 la località Sant’Ansovino sarà servita tramite deviazione di tre corse feriali-scolastiche nelle ore di punta. Le linee 175-180 è programmata una nuova corsa nei giorni di scuola escluso sabato: Morciano p.14.45 (coincidenza linea 124) per Saludecio, Mondaino, Tavoleto e Montefiore. Nella Valconca il servizio a chiamata CONCABUS di Agenzia Mobilità opererà tutti i giorni feriali nelle fasce orarie: 7.00–17.30 dal lunedì al venerdì, 7.00–13.00 il sabato.

 

Su Novafeltria e Valmarecchia potenziato il servizio di punta per e dalle scuole di Novafeltria con la linea 160. La corsa feriale Novafeltria–Rimini delle 7.50 verrà posticipata di 5 minuti per regolarizzare le varie coincidenze (da Pennabilli, San Leo e Verucchio). La corsa feriale Novafeltria–Rimini delle 14.30 sarà limitata alla tratta Verucchio Zona Industriale (p. 14.48)–Rimini. La 161 tra Novafeltria e Pennabilli le corse percorreranno sempre l’anello Maciano–Pennabilli–Ponte Messa, o viceversa a seconda dell’orario. Confermate le corse festive allacciate alla linea 160, introdotte con l’orario estivo (Rimini FS p. 8.10 e 16.10; Pennabilli p. 9.36 e 17.36).

 

Valmabus. Nuove corse sulla LINEA 100: Novafeltria p. 8.10 / Balze a. 9.18; Balze p. 12.00 / Novafeltria a. 13.06. Intensificazione dei servizi sulla LINEA 102 con nuove corse per San Leo in coincidenza con la linea 160 da Rimini: Pietracuta p. ore 11.25 (feriale) e 14.40 (scolastica escluso sabato). Inoltre la corsa delle ore 7.50 da Pietracuta circolerà come Linea 102 fino a San Leo anziché come Linea 109. Da San Leo nuova corsa feriale discendente p. 10.47. Nel territorio di Verucchio / Torriana il servizio a chiamata VALMABASS di Agenzia Mobilità opererà tutti i giorni feriali nelle fasce orarie 8.30–12.00 e 14.30–16.30.

 

Per quanto riguarda le linee costiere, sulla linea 4 riprende il servizio sul ramo 4H (per Ospedale e Tribunale) e nelle ore di punta anche 4C (per Arco d’Augusto e Tribunale). Tutte queste corse fermano in via Roma in corrispondenza del capolinea estivo (Anfiteatro). La linea 8 ha una nuova corsa feriale per Viserba Zona Industriale (Gros Rimini p. 18.47, Arco d’Augusto p. 19.04). Nei giorni festivi il servizio sarà limitato alla tratta Nord (p.le Gramsci–Italia in Miniatura). Le linee 11 e 125: anticipato a sabato 26 marzo (festività di Pasqua) il potenziamento del servizio serale e festivo (sulla linea 11 fino a tale data la frequenza pomeridiana festiva è ridotta a 20 min).




Finanza etica, convegno: “Terra Viva: finanza ed economia al servizio del pianeta”

Andrea Baranes

Andrea Baranes

Si svolgerà mercoledì 23 Settembre 2015 a Castel Sismondo (Piazza Malatesta) ore 21.00 il convegno dal titolo “Terra Viva: finanza ed economia al servizio del pianeta”. L’attuale sistema finanziario – spiega una nota degli organizzatori – arriva a speculare persino sul prezzo di cibo e materie prime, mentre dall’altra parte milioni di contadini sono esclusi dall’accesso al credito. Occorre cambiare radicalmente strada, da una finanza intesa come un fine in sé stesso per fare soldi dai soldi a uno strumento al servizio dell’economia e della società.  Interverrà Andrea Baranes Presidente della Fondazione Banca Etica (foto). Conduce Nelson Bova: giornalista TG3 Emilia Romagna.

 

Il convegno è preceduto dall’assemblea annuale dei Soci della Provincia  di Rimini  e della Repubblica di San Marino di Banca Popolare Etica con un  incontro, aperto al pubblico, sugli obiettivi e le priorità della finanza etica. Si dibatterà di come la finanza etica può conciliarsi con l’economia e la finanza tradizionale, partendo proprio dall’esperienza concreta di Banca Popolare Etica. A condurre la riflessione, gli interventi di: Nazzareno Gabrielli (Vice Direttore Generale di Banca Etica) che aggiornerà gli intervenuti su Banca Etica, mentre il Banchiere Ambulante, Gigliola Ricci riporterà numeri e risultati specifici a livello locale. Ivan Pesaresi (Responsabile Culturale Area Nord Est), illustrerà le iniziative socio culturali in atto, farà una panoramica circa gli obiettivi e le prospettive del Gruppo di Iniziativa  Territoriale dei soci di Banca Etica della Circoscrizione di Rimini-RSM. Chiuderà l’incontro la presentazione di una realtà riminese socia di Banca Etica, la Bottega Poco di Buono. Ad oggi in Provincia di Rimini e Repubblica di San Marino Banca Etica ha circa 400 soci, per un totale di oltre 400 mila euro di capitale sociale, una raccolta di quasi 5,5 milioni di euro ed impieghi per circa 6 milioni.

 

A fine serata è previsto, in anteprima nazionale, il monologo prodotto da Roberto Mercadini, “Noi siamo il suolo, noi siamo la terra”. Il monologo si rifà al documento Terra Viva promosso da Banca Etica, Etica SGR, Navdanya International e Cascina Triulza, il quale indica una nuova strada per superare la crisi ambientale ed economica che colpisce il pianeta.  Il manifesto “Terra Viva” è frutto del lavoro e dell’elaborazione guidata dall’ambientalista Vandana Shiva, di un panel di ricercatori ed esperti provenienti da tutto il mondo.