Il Montefeltro visto con gli occhi di Piero della Francesca

montefeltro-vedute-rinascimentali

Doppio appuntamento con l’arte questo fine settimana nell’ambito del calendario di eventi estivi promosso da Montefeltro Vedute Rinascimentali. In programma per sabato 5 e domenica 6 settembre visite guidate alla scoperta dei paesaggi ritratti da Piero della Francesca e presenti nei suoi più celebri dipinti; deliziosa apericena con degustazione di prodotti tipici del territorio. Si inizia sabato 5 con la visita al Balcone di Montecopiolo in pieno Montefeltro – su un tratto della Strada Santa Rita che collega San Marino alla Carpegna – per ammirare il paesaggio presente nel dipinto La Resurrezione conservato presso il Museo Civico di Sansepolcro. A seguire avrà luogo la visita ai Balconi di San Leo, nel cuore della Valmarecchia, per scoprire gli scorci di paesaggi dipinti nelle opere Ritratto di Battista Sforza (Galleria degli Uffizi, Firenze) e San Gerolamo e un Devoto (Galleria dell’Accademia, Venezia).

L’appuntamento di domenica 6 settembre prevede una prima sosta al Balcone di Sant’Agata Feltria per ammirare il paesaggio ritratto nel dipinto Il Battesimo di Cristo (National Gallery, Londra) per poi proseguire verso Montecopiolo per il paesaggio presente nell’opera La Resurrezione. Le visite guidate avranno inizio alle ore 17.00 e il paesaggio d’arte sarà esplorato in compagnia di un esperto e di Piero della Francesca in carne e ossa interpretato da un attore. A fine visita per tutti i partecipanti in programma alle ore 19.30 un delizioso apericena a base dei prodotti tipici del territorio.

I Balconi di Piero corrispondono ai luoghi che il pittore scelse cinquecento anni orsono come sfondo per le sue opere pittoriche. Si tratta di spazi panoramici, punti di avvistamento culturale, sparsi nel territorio del Montefeltro adeguatamente corredati di strutture per la sosta e per offrire al visitatore le migliori informazioni per la lettura e la contemplazione del paesaggio d’arte.

Tutte le visite in calendario per la stagione 2015 prevedono la presenza di guide turistiche adeguatamente formate (lingue italiano e inglese) oltre alla presenza di Piero della Francesca in un racconto autobiografico che rende la visita ancora più interessante. Eccezionalmente per queste due date, i partecipanti saranno omaggiati con un gadget a tiratura limitata non reperibile sul mercato. Per informazioni e prenotazioni: tel. 366.9508583 335.1808134 

 

 




Bene il turismo in Valconca

di RIZIERO SANTI *

rizierosantivalconcaI dati positivi di quest’anno che riguardano le presenze turistiche in Valconca ci offrono lo spunto per una riflessione non fatta in emergenza, sotto il peso di un momento di crisi, ma in un momento in cui si intravedono le opportunità e le potenzialità di sviluppo. Le statistiche ci dicono che nei primi sei mesi del 2015 hanno transitato in Valconca 14.503 turisti, con un aumento del 16,6% rispetto allo scorso anno, non certamente dovuto unicamente alle diverse e più favorevoli condizioni atmosferiche. Più 11,8% a maggio, più 12,9% a giugno, più 5% a luglio, ma soprattutto una crescita del 24% di turisti stranieri nei primi sei mesi dell’anno, ci dicono appunto di una Vallata con importanti potenzialità ancora da valorizzare. Occorre approfondire, studiare, assecondare fenomeni e segmenti turistici vecchi e nuovi, interessati alle diverse nostre offerte. E’ di questi giorni, ad esempio, la presenza in zona di delegazioni australiane per l’educational tour organizzato dall’Apt e dal Consorzio “Terrabici” per far conoscere la nostra offerta cicloturistica. Oppure l’esperienza di un nuovo Consorzio di Hotels e agriturismi che punta sul cibo mettendo insieme strutture ricettive, cantine, produttori, dimore storiche, country village, ristoranti, locande ed osterie, corsi di cucina, per proporre ai turisti un viaggio nel buon cibo puntando sulle nostre specificità. O, ancora, le produzioni agricole locali tipiche, e nello specifico il vino che in questi anni ha fatto passi da gigante, grazie anche alla sempre maggiore qualità nella produzione e al moltiplicarsi di manifestazioni che ne promuovono e valorizzano le qualità stesse. Insomma, c’è di che discutere, confrontarsi, ideare, coordinare. La Valconca, se vuole crescere davvero, non può continuare a presentarsi come un insieme di luoghi ed eventi scoordinati e separati fra loro, ma invece come un sistema ben confezionato e ben proposto sui mercati nazionali ed esteri. E’ per questo che penso sia arrivato il momento di mettere insieme tutti i soggetti pubblici e privati convocando per questo autunno gli Stati generali del turismo in Valconca da cui partire per una nuova stagione all’insegna della qualità e dello sviluppo.

* Riziero Santi

Presidente Unione Valconca

 




Ex-Fiera, avanti con Acquarena: due le offerte pervenute

acquarena-rimini-progetto-bandoNuovo tassello per delineare il futuro assetto dell’area adiacente al nuovo Palacongressi. Dopo la Conad, che con 16 milioni di euro si è aggiudicata la possibilità di realizzare un mega centro commerciale da 2500 mq, ecco emergere i nomi dei due i raggruppamenti d’impresa che hanno presentato le proprie offerte per la realizzazione di Acqua Arena, il nuovo polo dello sport dedicato all’acqua che sorgerà in via della Fiera: AXIA srl di Reggio Emilia e ad Ar.Co. lavori di Ravenna.

Il Direttore dei Lavori pubblici del Comune di Rimini, Daniele Fabbri, ha così nominato la commissione giudicatrice, la cui prima seduta è già stata convocata nella giornata di oggi per l’avvio dei lavori e l’obiettivo al termine dell’esame di giungere all’aggiudicazione entro il mese di settembre. La commissione sarà composta da dirigenti e funzionari del Comune.

L’intervento è complessivamente stimato in circa 8,5 milioni di euro di cui una quota  parte su investimento del Comune e parte del privato. L’aggiudicazione dovrà tenere conto della qualità architettonica, funzionale, tecnolologica e impiantistica della proposta, nonché della durata della concessione (max 20 anni) e del relativo canone. Costituiranno ulteriore elemento di giudizio i tempi di realizzazione, previsti per un massimo 18 mesi.

“Un nuovo passo avanti – ha commentato l’assessore allo Sport Gian Luca Brasini – verso la realizzazione di un’opera complessa ma essenziale per la diffusione della pratica del nuoto nella città per essere in grado di rispondere alle esigenze e all’amore per la pratica degli sport natatori e il benessere dei riminesi.”

Acqua Arena comprenderà una zona dedicata alle piscine e altri spazi dedicati ad attività collaterali tra cui aree fitness e benessere per la cura del corpo e l’attività ginnico – sportiva. Tre le vasche destinate all’attività natatoria: quella principale, ad uso del pubblico, delle scuole di nuoto e delle squadre agonistiche ed amatoriali lunga 25 metri e con dieci corsie, raddoppiando di fatto lo spazio acqua rispetto alla capacità dell’attuale piscina comunale di Rimini; una vasca acqua-fitness e infine una vasca per l’avviamento al nuoto dei bambini.




Massimo Gottifredi ai vertici di legacoop Turismo

massimo_gottifrediMassimo Gottifredi, 54 anni, funzionario di Legacoop Romagna e già direttore di Legacoop Rimini, è salito ai vertici nazionali di Legacoop Turismo. La nomina, in sostituzione di Maurizio Davolio, è parte di un progetto di riorganizzazione per creare un’unica struttura che si occuperà di cultura, turismo e media. Il Coordinamento nazionale di Legacoop per questi settori  è presieduto da Roberto Calari.

Tra i principali obiettivi quello di contribuire ad una progettazione integrata che sappia fare dei tanti possibili nessi tra cultura e valorizzazione dei beni culturali e turismo un nuovo terreno di sviluppo strategico dei territori. Il coordinamento – spiega una nota – unisce settori e comparti della cultura nei quali la realtà cooperativa è molto attiva a settori e comparti del turismo che uniscono presenze importanti nei comparti più maturi come la balneazione e le agenzie di viaggio o il ricettivo, con esperienze all’avanguardia di turismo sociale, di turismo scolastico, di turismo responsabile. Il coordinamento sarà aperto anche alle altre realtà settoriali di Legacoop che siano comunque impegnate o interessate a confrontare i propri progetti in ambito culturale e turistico alla ricerca di nuove opportunità.