25 metri di diametro, apre la rotatoria tra via Roma e via Dante

rotatoria_rimini_viaromaEntrerà in funzione domani la nuova rotatoria realizzata per tentare di fluidificare il traffico  su una delle principali arterie della città. Lavori che hanno avuto inizio nel giugno scorso. L’assetto non sarà quello definitivo. Sarà realizzata con new-jersey rimovibili di plastica, che verranno poi successivamente sostituiti dai cordoli definitivi. Anche la segnaletica verticale sarà temporanea montata su piantane. I lavori i- spega il Comune –  proseguiranno e nella notte di sabato 21 marzo, dalle ore 20 circa, per proseguire per tutta la notte ed anche domenica 22 quando saranno avviati i lavori di ricostruzione della fondazione e della pavimentazione stradale dell’incrocio.

 

Una volta terminati i lavori, la nuova rotatoria avrà un diametro di 25 metri con un pavimento in porfido e  un’aiuola centrale con prato e fiori stagionali, perimetrata da cordoli in cemento bianco e graniglia levigata, del diametro di 6 metri. La corsia più ampia sarà quella in uscita su via Dante, in direzione della stazione ferroviaria, in quanto interessata dal flusso di un consistente numero di mezzi del trasporto pubblico e dalle principali fermate degli autobus. Al servizio della nuova rotatoria saranno collocati quattro nuovi punti luce, a cui se ne aggiungeranno altri tre per meglio illuminare via Dante. Anche il perimetrale dell’aiuola centrale della nuova rotatoria verrà illuminato, con un sistema indiretto a LED tipo “flexi strip-led”.




Mafia Liquida, debutto al Museo della Città

mafialiquidaDebutta il 20 marzo ore 21.00 al Museo della Città di Rimini lo spettacolo Mafia Liquida, un progetto di arte partecipata che mescola espressioni e linguaggi d’arte per raccontare il quotidiano di piccole e grandi storie di sopraffazione mafiosa. Con lo spettacolo Mafia Liquida si chiude il progetto didattico Schermi in Classe – Percorsi di Legalità, promosso da Cinemovel Foundatione Comune di Rimini, e sostenuto dalla regione Emilia-Romagna, all’interno delle attività finanziate dalla legge regionale n° 3, per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile. L’artista Vito Baroncini realizzerà dal vivo una performance tra cinema, fumetto e lavagna luminosa portando sullo schermo parte dei contenuti condivisi dagli oltre 700 studenti di scuole medie e superiori coinvolti dal progetto per raccontare l’immaginario collettivo legato alle mafie. Partecipano alla serata Massimo Mezzetti, Assessore alla cultura, politiche giovanili e alle politiche per la legalità della Regione Emilia Romagna, Massimo Pulini, Assessore alla cultura del Comune di Rimini, Elisabetta Antognoni, Presidente di Cinemovel Foundation.

 

Cinemovel Foundation, con la presidenza onoraria di Ettore Scola, assieme a Libera, Associazioni, nomi e numeri contro le mafie fondata da Don Luigi Ciotti, e a Libera Informazione, ha avviato nel 2011 la sperimentazione di un progetto didattico e culturale nelle scuole italiane. Raccontare le mafie, il contesto culturale e sociale del nostro paese, le risposte della società civile e le prospettive future avvalendosi delle nuove tecnologie, e del ruolo sempre più centrale dell’audiovisivo, coinvolgendo gli studenti in un modello innovativo di partecipazione.