Andrea Gnassi è il nuovo presidente della Provincia

Si sono svolte domenica 12 ottobre le operazioni di voto per eleggere il Presidente e i 12 membri del Consiglioi della Provincia di Rimini. Il nuovo presidente della Provincia di Rimini è il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi (foto) mentre i dodici membri del Consiglio sono Belletti Cristina, Allegrini Massimo, Zoffoli Giovanna, Bonfini Ulrike, Giannini Stefano, Baldinini Ivana, Parma Alice, Santi Riziero della lista di centro sinistra (PD-UDC-Italia dei valori) e Ceccarelli Enzo, Tosi Renata, Ciotti Giorgio, Marcello Nicola per della lista di centro destra Il Buon Governo in Provincia.

Rimini festa del due giugno centocinquantesimo unita d'italia“L’ambiguità è la cifra di fondo di questa ‘pulizia istituzionale italiana’ ha dichiarato  Gnassi delineando i primi passi da fare. Insieme a Consiglio e agli amministratori del territorio faremo il punto sulla salute finanziaria dell’ente, consapevoli di una situazione più grigia che rosea, stante i tagli governativi degli ultimi tre anni. Credo che non andrà molto meglio per ciò che riguarda le nuove competenze istituzionali che la legge deve ancora assegnare con precisione. Quello che intravedo da subito come elemento indispensabile è però il mantenere salda quell’unità d’intenti. Quel che è certo è che non sarò né saremo ‘commissari liquidatori’ di un’esperienza istituzionale che comunque, per Rimini e in appena venti anni, è stata fondamentale. Concludo – ha detto infine Gnassi – con una notizia che, dopo i tanti dubbi espressi sopra, vuole rappresentare uno spiraglio di fiducia. Al di là dei tagli, della sorte incerta, dei dubbi espressi anche qui sopra, questa mattina due squadre del Coordinamento provinciale della Protezione civile sono partite alla volta di Genova, per dare il loro apporto e il loro aiuto a una città e a una popolazione alle prese con un dramma. C’era bisogno della Provincia, siamo partiti come Provincia. Punto. Ecco, se il giorno che sancisce la nascita della nuova Provincia proseguono attività come questa, significa che per l’Ente il futuro non è ancora scritto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA