Teleriscaldamento Gaiofana, “salta” l’incontro del 22 marzo. La reazione del comitato

“Passata la festa gabbato lo santu”. Titola così il blog dei “teleriscaldati” della Gaiofana che si dopo il rinvio dell’incontro tecnico previsto per il prossimo 22 marzo. “Samanta Zaghini dalla segreteria dell’Assessorato – scrivono nel testo firmato da Davide Cardone  – ci fa sapere che qualcuno, alla faccia della priorità, non può venire e allora si sposta tutto al 3 aprile. 33 giorni dopo la famosa Commissione Consiliare, in cui si è spergiurato eterno impegno nella questione del Teleriscaldamento, forse avremo il piacere di poter riparlare con Società Gas Rimini i mitici rappresentanti dell’Assessorato all’Ambiente e all’Energia.”

Critici anche sulla comunicazione istituzionale. Il sito dell’Assessorato www.riminiambiente.it – scrive ancora il comitato – pubblica i primi tre verbali dei tavoli tecnici (siamo fermi al 28/11/12) che potrebbero avere la stessa importanza di un fumetto di Topolino, se non fosse che in quello c’è molto spesso una morale al contrario di questi tavoli. Sorvola su tutti i verbali in cui si dice che 2 milioni di euro sono stati proditoriamente caricati nelle tariffe ed atterra direttamente alla Commissione Consiliare del 28 febbraio 2013 con quello che si vorrebbe far passare come il risultato del lavoro svolto fin qui, mentre invece si tratta solo di uso distorto dell’operazione della media matematica per far vedere che i Teleriscaldati spendono come gli altri.”

Noi – e concludono – delle medie matematiche ce ne infischiamo perché come diceva il grande Charles Bukowski: “Non mi fido delle statistiche, perchè un uomo con la testa nel forno acceso e i piedi nel congelatore statisticamente ha una temperatura media”.