La “banda della Uno bianca”. Sette anni di terrore

image_pdfimage_print

Due eventi previsti per il ricordo dei tragici fatti legati alla “banda della Uno bianca”. Era il 30 gennaio 1988. Una banda di rapinatori, inizialmente denominata la “Banda delle Coop” poi ribattezzata “banda della Uno bianca”, uccidono la guardia giurata Giampiero Picello nei pressi del supermercato Coop a Rimini in via XXIII Settembre. Fu la prima di 24 vittime dei malviventi che seminarono il terrore in Emilia-Romagna e Marche tra il 1987 e il 1994.

Il primo momento d’incontro ci sarà mercoledì 30 gennaio alle ore 8,50 nell’aula magna del Istituto Tecnico “Valturio” dove gli studenti dell’istituto Valturio e del liceo Einstein incontreranno Rosanna Zecchi (presidente Associazione Vittime Uno bianca), Stefania Zecchi (figlia di Primo Zecchi, vittima della Uno bianca), Antonella Beccaria (giornalista, autrice del libro “Uno bianca e trame nere”, collaboratrice della trasmissione Rai “Lucarelli racconta”), Sara Donati, presidente del distretto Coop Adriatica.

Inoltre per ricordare Picello e le altre 23 vittime di quei terribili anni, sempre mercoledì alle ore 11.30 presso il monumento dedicato alle vittime della Uno bianca nei pressi dell’ingresso del supermercato Coop “i Portici” verrà deposta una corona d’alloro in presenza di Rosanna Zecchi, presidente dell’ ”Associazione Vittime della uno bianca”, delle autorità civili cittadine e delle forze dell’ordine e di sicurezza.

 

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

TWITTER

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni