Il Sigismondo d’Oro 2013 a Leonella Perfetti e Oreste Delucca

rimini_sigismondo d'oro 2013Come da tradizione, al termine dello scambio degli auguri natalizi, oggi si è svolta la cerimonia di consegna del Sigismondo d’Oro 2013. La massima onorificenza cittadina è stata conferita a Leonella Perfetti, Infermiera professionale dell’Ospedale “Infermi” di Rimini, e Oreste Delucca, ricercatore e studioso di storia locale (entrambi al centro nella foto).

Queste le motivazioni. Alla Perfetti “per la professionalità dimostrata nello svolgere l’importante ruolo di coordinamento infermieristico dei percorsi di cura rivolti ai pazienti oncologici, ricercando le migliori coerenze organizzative possibili in cammini terapeutici complessi, diversificati ed invasivi. Per l’umanità profonda espressa verso chi si trova in situazioni drammatiche, tristi e dolorose, ricercando sempre col sorriso, il rispetto assoluto e l’attenzione ai particolari, di rendere sopportabili e meno apprensivi i vissuti negativi, mitigando le ansie e le paure offrendo una serena continuità terapeutica. Per la capacità di ricercare e sviluppare in ciascuno dei pazienti seguiti, quelle risorse individuali che, anche nei momenti di smarrimento o solitudine, sono la forza che permettono a tutti noi di superare le avversità che la vita presenta. Per rappresentare, col suo modo di essere, le migliori genti della nostra terra che spesso, operando lontano dai riflettori e dalla notorietà, diventano dei pilastri fondamentali per la nostra società. A Oreste Delucca, “per dedicare la sua vita alla ricerca dei documenti e dei segni della storia della sua città e del territorio. Per aver dato voce, colore e suono alla vita dei Riminesi nei secoli della signoria malatestiana e del passaggio dal Medioevo all’Età moderna, ponendo al centro del racconto gente comune e aspetti del quotidiano accanto alle figure degli artisti. Per aver saputo leggere con rigore, passione e curiosità e insieme con occhi nuovi i documenti antichi, contribuendo a restituire un’immagine moderna dell’archivio quale fonte viva e inesauribile di conoscenza per la storia”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 




Presentazione e premiazione del concorso “Abitare Rimini”

Il tema di questa terza edizione del concorso Abitare Rimini ha riguardato l’individuazione modalità in grado di comunicare il valore del patrimonio storico e urbano della città. Il titolo, Ri-Scoprire Rimini, parte da una campagna promossa proprio dal Rotary Club Rimini Riviera trent’anni fa, quando con successo stimolò la sensibilizzazione riguardo all’uso ‘selvaggio’ delle insegne pubblicitarie nel centro storico di Rimini, che di fatto impedivano la visione degli edifici retrostanti, spesso di interesse storico e testimoniale. Il risultato fu eccellente perché nell’arco di poco tempo le insegne esistenti furono rimosse e quelle che seguirono furono regolamentate. Ora il Rotary, con la terza edizione di Abitare Rimini, ha deciso di riprendere quel filone. Con una volontà precisa: riservare la partecipazione al concorso a professionisti con meno di 35 anni.

Il concorso ha inteso focalizzare l’attenzione sul tema riguardante la riscoperta e valorizzazione del patrimonio culturale e folcloristico della città di Rimini. L’area di intervento proposta è stata quella dell’intero territorio del Comune di Rimini. Il concorso chiedeva la creazione di elementi di arredo urbano utili a segnalare ed informare sui luoghi di interesse della città; creare percorsi tematici; portare all’attenzione eventuali realtà da riscoprire e valorizzare. Gli elementi oggetto del concorso potranno essere sia fisici che virtuali. In palio un premio in denaro, quest’anno di 4 mila euro. Tutti i sette progetti che hanno partecipato saranno esposti al Museo della Città da sabato 21 dicembre a domenica 26 gennaio 2014. Sabato 11 gennaio alla Sala del Giudizio del Museo la presentazione ufficiale e la premiazione dei vincitori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA