Rapine in banca, Rimini batte il record negativo regionale

In un anno il numero di rapine in regione è aumentato del 33 per cento, 77 rapine nei primi sei mesi del 2013 contro le 58 dell’anno precedente, con ben sette province su nove che segnano un maggior numero di eventi criminosi rispetto al 30 giugno 2012. A fare il conto delle rapine agli sportelli bancari della Regione Emilia Romagna ci ha pensato l’Osservatorio regionale dei bancari della Cisl diffondendo a Bologna numeri da vero allarme. Li commenta Marco Amadori, segretario generale della Fiba Cisl Emilia-Romagna. “Dato molto grave – ha continuato Amadori – se si considera la tendenziale diminuzione che da circa un biennio si riscontrava anche in Emilia Romagna, 60 rapine nei primi sei mesi del 2011 e 58 nei primi sei mesi del 2012”. In quasi tutte le province dell’Emilia-Romagna si registra un aumento degli eventi criminosi rispetto all’anno precedente, infatti il record negativo di incremento della provincia di Rimini (+ 200%) è seguito a ruota dai disastrosi risultati delle province di Piacenza (+125%), Reggio Emilia (+125%), Modena (+50%), Parma (+50%), Ravenna (+50%) e Forlì-Cesena (+33,3%). Uniche eccezioni riguardano Ferrara, che ha ricalcato lo stesso dato dell’anno precedente (tre rapine nei primi sei mesi dell’anno) e in parte Bologna, territorio che nonostante abbia avuto una sensibile riduzione del numero di rapine (-29,6%) resta pur sempre la provincia con il maggior numero di tale tipologia di evento criminoso (19).

“Questi dati – ha ribadito il sindacalista della Cisl – purtroppo confermano senza tema di smentite quello che paventavamo da mesi, ovvero il rischio di abbassare la guardia, specie dopo il trionfalismo inopportuno mostrato dall’ABI nel presentare i numeri 2012, che segnavano una diminuzione delle rapine”. “Ad ogni modo – ha rincarato la dose il segretario generale regionale dei bancari Cisl – questo fenomeno di recrudescenza di episodi criminosi ci preoccupa anche per il riaffiorare di due aspetti che da alcuni anni sembravano caduti nel dimenticatoio: le aggressioni che i lavoratori di banca subiscono anche fuori dagli sportelli creditizi e il ritorno all’utilizzo delle armi da fuoco. Fenomeni che naturalmente moltiplicano l’allarme sociale e aumentano la pericolosità per i nostri colleghi, per i clienti e per i cittadini”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 




Vendemmia 2013 “promettente” nonostante il nubifragio

vendemmiarimini2013L’andamento generale della vendemmia 2013 sia dal punto di vista quantitativo sia qualitativo è molto promettente. A dichiararlo è l’assessore all’agricoltura della Provincia di Rimini, Juri Magrini che però ricorda come “la vera differenza la faranno le ultime settimane prima del raccolto. Se non pioverà e ci sarà sole, avremo una delle migliori vendemmie degli ultimi anni. In primavera infatti le precipitazioni sono state copiose, creando preziose riserve di acqua nel sottosuolo. Quest’anno, la maturazione delle uve, specialmente per i rossi, è in ritardo di almeno 15 giorni rispetto al 2012. Bene anche per le uve bianche, che stanno usufruendo favorevolmente degli sbalzi termici notte-giorno”. Come dato provinciale – ci tiene a specificare nel suo commento l’assessore – dobbiamo tenere presente che il 24 giugno si è abbattuta una forte grandinata che ha interessato oltre 4mila ettari di superficie agraria, di questi, 350 ettari erano vigneti: vigneti che in parte sono andati completamente distrutti ed in parte hanno avuto alte percentuali di danno”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 




Per le famiglie numerose c’è la Family Card

L’iniziativa Family card continua. La Provincia di Rimini, con il suo assessorato alle Politiche Sociali, ha scelto questo strumento per dare un sostegno alle famiglie numerose a basso reddito. Chi ne ha diritto può usufruire di sconti presso oltre 40 esercizi commerciali aderenti. Tra questi ci sono Coop Adriatica e Conad, l’Iper di Savignano mare, il gruppo SGR, Oliviero sull’abbigliamento ed altri ancora.

I requisiti per ottenere la tessera sono: avere almeno tre figli a carico e reddito ISEE complessivo non superiore ai 15.000 euro. Le famiglie possono ritirare la tessera presso l’ufficio Servizi Sociali o l’Ufficio relazioni con il pubblico (U.R.P.) del Comune di residenza consegnando il modello ISEE riferito all’ultima dichiarazione dei redditi e un documento di identità. Sono – secondo le stime della Provincia – oltre 4.000 le famiglie con tre o più figli residenti nel territorio provinciale e di queste un quinto sono a basso reddito. Nel 2012 sono state 776 le tessere consegnate ad altrettante famiglie, la maggior parte nel Comune di Rimini (354), seguito da Santarcangelo con 51 card distribuite e da Riccione con 46. L’unico Comune in cui nessuno ha richiesto la tessera è stato Casteldelci. Per maggiori informazioni: tel. 0541 716252 – b.raffaeli@provincia.rimini.it

 

 

 

 

 




Al Parco Terme Galvanina (ex Bandiera Gialla) il Festival della Cucina Italiana

di MILENA ZICCHETTI

E’ il festival dei festival. Tanti, tutti in uno. Una cornice che più bucolica di così non si può, quella del Parco Terme Galvanina (ex Bandiera Gialla), che dal 6 all’8 settembre ospiterà la 13a edizione del Festival della Cucina Italiana, uno straordinario evento all’insegna dell’enogastronomia e del benessere. Un festival itinerante che, nelle precedenti edizioni, ha toccato diverse le regioni ospiti. Questo è il nostro turno, è l’anno dell’Emilia Romagna e come location è stata scelta proprio Rimini. Tante le aree tematiche presenti a questo festival dei festival.

In ambito gastronomico, ci sarà il Festival delle Bontà, una mostra mercato dedicata alle eccellenze provenienti dalle varie regioni italiane con sott’oli, porchette, marmellate, salumi, formaggi e tante altre specialità alimentari. Non mancheranno poi le pizze dei migliori pizzaioli napoletani, le nostre piadine romagnole e i tanti particolari pani di produzione tipica artigianale. Per gli amanti della carne, sarà allestito uno stand dedicato al Festival dei Mastri Carnaioli. Qui la protagonista indiscussa sarà la Mora Romagnola, da suini autoctoni della Romagna, che verrà proposta in degustazione insieme alla prestigiosa Chianina IGP toscana e alla tenerissima e marezzata Carne Scozzese, allevata praticamente allo stato libero. Queste carni, molto diverse tra loro, verranno proposte in degustazione a prezzi popolari e grigliate al momento.

Al mangiare si sà, si affianca sempre il bere. Non mancheranno quindi stand dedicati al Festival della Birra, quella artigianale naturalmente. Una kermesse durante la quale si affermerà la versatilità della birra in bottiglia e alla spina negli abbinamenti più svariati. Ci sarà poi anche il Festival del Vino, in cui le migliori produzioni regionali e nazionali, potranno essere degustate in uno spazio interamente a lui dedicato. Una vasta area del Festival sarà dedicata inoltre alla salute e a tutti quei prodotti che ci possono aiutare a vivere meglio. A tal proposito, una particolare attenzione va al Festival dell’acqua salutare e, per l’occasione, verrà riaperto il reparto di cure idropiniche delle Terme della Galvanina, con possibilità di bere liberamente le famose acque calde o naturali per il benessere del proprio organismo. Interessante anche la visita dell’adiacente Museo Archeologico con i reperti dell’antica civiltà romana trovati negli scavi del parco termale. Sempre sull’onda della salute, ci sarà anche un Festival del Bio e del Benessere. Ormai tutti lo sappiamo: il benessere oggi passa attraverso forme di alimentazione sane e naturali. Verranno proposte quindi per l’occasione bevande e cibi di produzione biologica, farine e preparati per chi ha problemi di intolleranza al glutine e altri prodotti.

Naturalmente saranno tanti anche gli eventi collaterali, dove non mancheranno le esibizioni delle sfogline romagnole che prepareranno pasta stesa col matterello e sughi tradizionali per condire, con possibilità poi di degustazione ad un prezzo simbolico. Non mancherà poi la musica ad allietare questo intenso week end e lo farà attraverso l’Inedited World Music Festival 2013, una rassegna nata con l’obiettivo di offrire un’opportunità ad artisti dai 16 ai 60 anni, provenienti da ogni genere musicale. L’evento, alla sua terza edizione, è coordinato da Christine Joan Johnson “L’IWMF è ricerca e rinnovamento”, dice “Siamo pronti per l’edizione 2013 e ringrazio fin da ora i tanti, tantissimi artisti in gara e gli ospiti che ci onoreranno della loro presenza”.

Il Festival della Cucina Italiana, è patrocinato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. L’edizione 2012 si è tenuta a Pergola, nelle Marche, la città del Tartufo Bianco Pregiato. In Romagna si sono tenute altre edizioni nel passato che hanno avuto luogo a San Patrignano e presso la Fiera di Rimini, con risultati sempre lusinghieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA