Mauro Morri: ” Dimissioni atto dovuto”

Le mie dimissioni, preannunciate nel Consiglio Comunale di ieri sera e formalizzate questa mattina, sono un atto dovuto eticamente e politicamente, non uno sfizio personale, tantomeno una resa perché potrò confrontarmi a testa alta con chiunque sia in buona fede. Certamente non è scaduto il termine tecnico che fissa l’approvazione dei Bilanci comunali entro il 30 giugno. La scelta di approvare il Bilancio entro maggio rispondeva a quell’obiettivo di virtuosità da sempre perseguito perché ci consentiva di mettere nelle entrate del Bilancio un risparmio di 75 mila euro derivato dalla estinzione anticipata dei mutui grazie all’utilizzo dell’avanzo di amministrazione. Per poterne usufruire nel secondo semestre 2013 la Cassa Depositi e Prestiti chiedeva di acquisire la delibera entro maggio.

E sapendo in anticipo dell’assenza di due consiglieri di maggioranza non si sarebbe certo andati in Consiglio senza aver prima verificata la convergenza dei gruppi di maggioranza ovvero dei singoli, compreso il consigliere Luigi Berlati che “ha voluto dare la scossa” affossando il Bilancio e l’amministrazione comunale. Mentre più onore avrebbe reso alla sua coscienza se si fosse dimesso personalmente anziché mettere in ginocchio una Città che, questo sì, non lo merita. Ecco perché in seduta consigliare ho parlato di una vera e propria imboscata, figlia della politica del momento, delle meschinità che hanno il sopravvento sulla lealtà che io, a differenza di altri, ho sempre avuto nei confronti del mio partito.

Ieri sera è scaduto, dopo tante troppe proroghe, il termine per subire ricatti perpetrati da chi, con una buona dose di cinismo, ha voluto far valere, anzi prevalere, la propria cordata, gli interessi teleguidati, i posizionamenti in vista di scenari futuri e/o di vendette trasversali. Dico tante proroghe perché fin qui ho sempre superato attacchi personali, distinguo strumentali cercando di ricondurre richieste e posizioni individuali in una logica unitaria, in uno spirito di coesione tra Sindaco, gruppi consiliari, singoli consiglieri eletti, dai cittadini, nella lista dove la faccia ce l’ho messa io.

Sono stati attivati tutti i percorsi di partecipazione interna agli organismi. Lo stesso iter del Bilancio è stato costruito voce su voce con un serrato confronto interno proprio in tutti questi mesi in cui tutte le sollecitazioni sono state accolte. Non ho mai attaccato o contrattaccato sui giornali ad accuse offensive quanto gratuite. Non certo per viltà o perché mancassero argomenti ma per l’unico valido motivo: non mettere in crisi la Città, non bloccare le iniziative, non togliere le garanzie sociali soprattutto di questi tempi. Questo è il mio concetto di dignità istituzionale e personale!

E’ andata così su tutti i temi più rilevanti dall’ASP al PSC dove i soliti, ora uno ora due consiglieri di maggioranza, hanno colto occasione per far girare le votazioni attorno ad orientamenti che, quelli sì, non sono stati frutto di un confronto interno alla maggioranza ma da almeno due anni sono scaturiti da vari caminetti cui hanno preso parte i cosiddetti dissidenti insieme a componenti dell’opposizione, con il solo obiettivo di logorare il Sindaco e l’amministrazione. Questa la verità, fuori dalla inneggiata ipocrisia.

Ma il Bilancio di un Comune non è solo un documento tecnico bensì uno strumento di programmazione, di scelte e di identità … mancando l’approvazione peraltro a causa di un voto di un consigliere di maggioranza (Luigi Berlati) rimasto in aula, da solo, a garantire il numero legale all’opposizione … se ne devono trarre le logiche conclusioni di cui ognuno si assumerà le responsabilità di fronte alla Città. Sono già partite 500 lettere ad anziani di Santarcangelo che, grazie alle scelte di questa amministrazione, potrebbero avere l’esonero dalla Tassa Rifiuti e che invece non hanno copertura perché il Bilancio non c’è! A rischio l’appalto per la gestione dei centri estivi che dovrebbero essere attivativi dal 1 luglio. Stessa cosa per le gare che riguardano la gestione dei nidi e del trasporto scolastico. Non è stato approvato nemmeno il regolamento Tares che rinvia la prima rata che, quindi, ritorna al primo luglio. E con tutta probabilità sono da considerarsi persi i 75 mila euro di rinegoziazione dei mutui e la possibilità di ultimare la nuova biblioteca attraverso La Fondazione FOCUS.

Altro che scossa! Che i Bilanci 2013 di TUTTI i Comuni si stiano predisponendo in una situazione tragica per le incertezze normative (vedasi rinvio Tares, Imu, l’assenza di riferimenti sicuri sulla ripartizione del fondo solidarietà) mentre certi sono i tagli, l’aumento esponenziale dei bisogni delle famiglie, delle imprese … è una realtà su cui si registra la più ampia consapevolezza, anche da parte dei cittadini con cui ci siamo confrontati nel centro e nelle frazioni. Il Comune di Santarcangelo ha sempre portato avanti una politica di rigore, nessuna spesa superflua, noi non abbiamo macchine di rappresentanza né gadget per gli ospiti, abbiamo sempre perseguito la massima ottimizzazione delle risorse anche mediante convenzionamento con l’Unione dei Comuni, abbiamo intercettato ogni forma possibile di finanziamento pubblico e perseguito tutte le forme di collaborazione coi privati, abbiamo sempre rispettato il Patto di Stabilità, pagate tutte le fatture ammesse dai limiti dello stesso Patto e, contestualmente, sono rimaste inalterate le tariffe dei servizi mentre ogni forma di tassazione è stata applicata con gradualità in base al reddito ed alla condizione sociale optando per il recupero (puntualmente avvenuto) dell’evasione fiscale.

Scelte, quelle di questa Amministrazione, che hanno portato in tutti gli anni del mandato fin qui esercitato, all’accordo con le tre organizzazioni sindacali. Perché? Perché la scelta nostra, condivisa dai cittadini che abbiamo incontrato prima di arrivare in Consiglio, è stata quella di privilegiare le garanzie sociali: il nido, le rette degli anziani in casa protetta, il sostegno all’handicap, gli inserimenti lavorativi e non è che abbiamo eliminato sprechi mantenuti negli esercizi precedenti. Abbiamo tagliato le ore di riscaldamento e di pulizia, ridotti i punti luce, eliminati eventi che, a Santarcangelo, rappresentano non l’effimero ma un sostegno all’intera economia. Dovevamo scegliere se toglierci il cuore o tagliarci le braccia … abbiamo tenuto il cuore, altro che sprechi! Il consigliere Luigi Berlati che lamenta scarse informazioni … da 5 mesi non partecipa alle riunioni di maggioranza per protesta, dice lui, per tenersi “libere le mani” … oggi funziona così: i 101 non sono solo a Roma … e quel che è più grave è che le conseguenze di faide di gruppi e cordate vengano scaricate sui cittadini … questo non era mai accaduto a Santarcangelo!

Il commissariamento del Comune si profila come effetto previsto dalla Legge. Questo è il prezzo che pagherà anche la Città, tutta la Città di Santarcangelo alla commistione tra istituzioni, politica e interessi di bottega … lì si scontra la mancanza di un’idealità, di una prospettiva di lungo respiro da parte chi crede di poter tenere un Sindaco in ostaggio con un voto o con un’uscita sul giornale, di chi anziché basare il confronto sulle idee, sulle sfide culturali, sulla città del futuro … pensa che il ruolo dei partiti sia quello di mettere un timbro di vidimazione sulle iniziative. Non è questo il metodo che può interpretare i bisogni e le aspirazioni di una Città come Santarcangelo stritolandola in giochi di potere, peraltro di piccolo cabotaggio, legati a questa o quella carica futura o ad interessi di bottega.

Sono iscritto al PD e sono stato eletto nella coalizione del centro sinistra, di cui ho garantito il rispetto del programma ma non di meno sono stato il Sindaco di tutti i santarcangiolesi, anche di quelli che non mi hanno votato: ho aperto il Comune a tutti, ogni giorno, con ogni mezzo di comunicazione ma questo non ti viene perdonato da chi si autoelegge a tutor … in barba ai ruoli e alla legittimazione che viene dal voto dei cittadini. Ed ho sempre anteposto gli interessi e la prospettiva della mia Città anche rinunciando a posizioni o idee strettamente personali perché si trattava e si tratta di interpretare e rappresentare una collettività.

Una funzione che irresponsabilmente qualcuno ha fatto venir meno nel consiglio del 29 maggio. Ma come ho avuto modo di affermare in Consiglio Comunale ora, nei 20 giorni che intercorrono dalla decorrenza delle mie dimissioni, le soluzioni sono due: o il gruppo di maggioranza riesce a ricompattarsi rimuovendo quelle persone che sono state causa di questa incresciosa situazione, e allora si potrà proseguire nel governo della Città fino alla scadenza naturale del mandato fissata per la primavera del prossimo anno, oppure si scioglierà il Consiglio Comunale, andremo tutti a casa e l’amministrazione del Comune di Santarcangelo verrà affidata per un anno ad un Commissario prefettizio, con buona pace di coloro che pensano così di fare il bene della nostra comunità.

Mauro Morri – Sindaco di Santarcangelo di Romagna




Come rispondere ai poveri, l’esperienza delle Case Famiglia

Quarant’anni. L’età della maturità, della consapevolezza. Così è per le case famiglia della Comunità Papa Giovanni XXIII. Sono passati proprio quarant’anni da quando le intuizioni di don Oreste Benzi su come rispondere ai poveri che bussavano alla porta, hanno trovato espressione nella prima casa famiglia avviata a Coriano di Rimini nel maggio del 1973. «Possiamo dire che la fase di sperimentazione sia finita. Non siamo più adolescenti dell’accoglienza, siamo ormai maturi e vogliamo far conoscere un modello che ha ampiamente dimostrato la propria validità». Sono parole degli organizzatori del Convegno che la Comunità ha indetto a Rimini per domani 31 maggio. «Non abbiamo la presunzione di dire che sia un modello migliore degli altri, ma affermare che si tratta di un modello unico, per il quale chiediamo il pieno riconoscimento, anche da parte delle istituzioni».

La giornata del convegno. Si parte con un approccio multimediale: un documentario racconta la nascita della casa famiglia, il suo sviluppo, le peculiarità che la rendono un’esperienza unica. Il compito di evidenziare gli elementi costitutivi della casa famiglia stile Apg23 è affidato a Giovanni Paolo Ramonda, che oltre ad essere responsabile generale della Comunità, è da trent’anni papà di casa famiglia e, in quanto psicopedagogista, ne ha a lungo approfondito i fondamenti educativi. Ma quali sono oggi i bisogni profondi, relazionali, delle persone che chiedono di essere accolte? Ne parlerà Tonino Cantelmi, psichiatra, psicoterapeuta, presidente dell’Associazione italiana psicologici e psichiatri cattolici. All’economista Stefano Zamagni, invece, il compito di analizzare l’esperienza delle case famiglia dal punto di vista delle relazioni sociali ed economiche. Conclude la mattinata un confronto con alcune esperienze che si sono sviluppate in maniera parallela a quella della Papa Giovanni: la Comunità di Nomadelfia, la Comunità dell’Arca e le Case della Carità. Storie diverse ma accomunate dalla volontà di dare una risposta di amore e di accoglienza a chi è solo e in difficoltà.

Previsto anche il confronto – con la regia del giornalista Dino Boffo, direttore di TV2000 – tra esponenti di istituzioni e mondi culturali diversi: Vasco Errani, presidente della Regione Emilia Romagna e rappresentante della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome; Mons. Vincenzo Paglia, presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia; Serenella Pesarin, rappresentante del Ministero della Giustizia e Direttore generale per l’attuazione dei provvedimenti giudiziari; Andrea Canevaro, pedagogista; Riccardo Prandini, sociologo; Mara Rossi, medico missionario, rappresentante della Comunità Papa Giovanni XXIII alle Nazioni Unite. Il compito di concludere i lavori e lanciare nuove prospettive di azione torna quindi a Ramonda.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 




Vaccini e autismo, l’articolo del Daily Mail sul caso riminese

di BERNADETTA RANIERI

Valentino con i genitori in una delle foto pubblicate dal quotidiano britannico

Il dibattito sulla correlazione autismo-vaccino non si ferma. A occuparsi della storia del piccolo Valentino Bocca di Riccione anche il Daily Mail. La vicenda è nota, ma la storia ripresa l’anno scorso dal celebre quotidiano britannico nella sua edizione online continua a fare discutere e la contrapposizione tra le parti in ambito accademico e medico-scientifico non aiuta a fare chiarezza.

Riassumendo, ripartiamo dall’articolo. Così il titolo del Daily il 12 giugno scorso: “Vittoria di una madre. La stragrande maggioranza dei medici sostiene che non ci sia correlazione tra vaccino trivalente e autismo, ma una sentenza italiana potrebbe riaprire il controverso dibattito?” Poi il riferimento esplicito alla sentenza del Tribunale di Rimini, Sezione Lavoro, n° 148 del 2012 emessa lo scorso 15 marzo in cui viene riconosciuto il nesso di causalità tra la vaccinazione trivalente morbillo-parotite-rosolia – “non obbligatoria ma fortemente incentivata dallo Stato” come si legge nell’atto – e l’autismo del minore riccionese Valentino Bocca.

I genitori del bambino hanno deciso di rilasciare un’intervista esclusiva al Daily Mail perché credono che tutti i genitori del mondo debbano sapere cosa è successo al loro figlio. Valentino ha 15 mesi quando gli viene somministrato il vaccino MPR. “Dopo quell’iniezione – racconta la mamma – Valentino non è stato più lo stesso. Ha sviluppato l’autismo e, con una sentenza che possiamo definire storica, un Giudice ha riconosciuto che la sua grave disabilità è stata provocata proprio dall’inoculazione del vaccino contro morbillo, parotite e rosolia (MMR in inglese, in italiano MPR). Questa sentenza emessa da un Tribunale di una provincia italiana mette in discussione le teorie dominanti nell’ambiente scientifico ufficiale secondo il quale non esiste alcuna correlazione fra il vaccino MMR e l’autismo, e potrebbe avere profonde implicazioni in Inghilterra e in tutto il mondo.”

Non si possono certo ignorare le motivazioni che hanno portato il Tribunale di Rimini a dare sentenza positiva alla famiglia in questione e i tanti riferimenti alla realtà inglese. La sentenza è basata sugli studi del medico britannico Andrew Wakefield, che nel 1998 pubblicò sulla rivista Lancet un’indagine in cui venivano descritti diversi casi di bambini vaccinati che sviluppavano forme di autismo. Nel 2010, però, la rivista ha ritirato lo studio, e indagini successive pubblicate dal British Medical Journal hanno definito una frode deliberata le conclusioni del medico, nel frattempo radiato dall’albo britannico. In questo caso, la perizia del Dr. Barboni, medico legale nominato dal Giudice, ha affermato che “in assenza di altre condizioni preesistenti” esiste una “ragionevole probabilità scientifica” che l’autismo di Valentino possa essere stato “scatenato dalla somministrazione del vaccino MPR somministrato in una struttura sanitaria”. E allora? Dov’è la verità? Insomma, una sentenza che non placherà gli animi, ma che continuerà a far discutere.  VAI ALL’ARTICOLO DEL DAILY MAIL QUI

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 




Libri, “Il nostro sistema solare” di Rosita Copioli

L’ultima, preziosa raccolta di saggi della poetessa e scrittrice Rosita Copioli (foto) è rappresentata dal volume “Il nostro sistema Solare” (Edizioni Medusa, Milano 2013). La prestigiosa opera sarà presentata domani da tre Storici e Critici d’Arte, Massimo Pulini (che è anche assessore alla Cultura del Comune di Rimini), Alessandro Giovanardi (Istituto Superiore di Scienze Religiose “Alberto Marvelli” e Accademia di Belle Arti di Rimini) e Eleonora Frattarolo ( responsabile Gabinetto Disegni e Stampe Moderni e Contemporanei Accademia di Belle Arti di Bologna). Un percorso iniziatico tra poesia e filosofia, miti e archetipi, attraversando i maestri della scrittura e dell’immaginazione: Ildegarda e Saffo, Goethe e Leopardi, Yeats e Cristina Campo, Federico Fellini ed Emil Cioran, Flaubert e Omero, Platone e i Veda.

Appuntamento quindi a domani venerdì 31 maggio 2013 alle ore 18 al Giardino del Lapidario del Museo della Città di Rimini. In caso di pioggia la presentazione si svolgerà nella Sala del Giudizio del Museo della Città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 




Giovani, destinazione Europa: programmi e opportunità

Si svolgerà oggi pomeriggio 30 maggio 2013 alle ore 17 in piazza Cavour 29, sotto il porticato di Palazzo Garampi presso punto locale Eurodesk Rimini (Ufficio Relazioni con il Pubblico del Comune di Rimini) l’incontro “Destinazione Europa. Giovani verso l’Europa 2020” per far conoscere ai giovani le opportunità di mobilità in Europa per studio, formazione e volontariato per il prossimo settennato (2014-2020).  In particolare grazie alla collaborazione con Alma Mater Studiorum Università di Bologna – Campus di Rimini verranno date informazioni sul programma Erasmus e Erasmus Mundus e sulle borse di studio per ricerca tesi all’estero e un borsista racconterà la propria esperienza. Tutti i giovani sono invitati a partecipare. Per informazioni: Tel. 0541 704761 oppure puntoeuropa@comune.rimini.it

 

 

 




Terromoto istituzionale, si dimette il sindaco Mauro Morri

Doveva essere una “tranquilla” seduta del Consiglio comunale quella di ieri convocata per discutere il bilancio di previsione per l’esercizio 2013 con tutti gli atti ad esso collegati. Invece si è trasformata nell’ultima giornata con la fascia tricolore per Mauro Morri, eletto sindaco nel 2009. A mettere la parola “fine” il venir meno di una maggioranza in grado di sostenerne l’attività. L’atto formale è arrivato dal consigliere Pd Luigi Berlati che con la sua dichiarazione di voto contrario, ha di fatto tolto la spina a questa esperienza politica.

“Con le mie dimissioni – ha detto Morri – scatteranno i 20 giorni previsti per ricercare una maggioranza che sostenga questa amministrazione, come hanno scelto i cittadini nel 2009. Ma attenzione, tra venti giorni io ci sarò. Tornerò a patto che siate voi a dimettervi, perché io le prese in giro davanti alla città non le tollero”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA