La Biblioteca di Pesaro compie 220 anni

La presentazione dell'iniziativa. A sinistra Marcello Di Bella, Direttore Biblioteca e Musei Oliveriani

La Biblioteca Oliveriana di Pesaro nacque il 2 maggio 1793 grazie all’immenso patrimonio librario, documentario, archeologico e storico-artistico lasciato dal nobile Annibale degli Abbati Olivieri Giordani alla sua città. Quest’anno la Biblioteca spegne la sua duecentoventesima candelina e per celebrare l’occasione c’è in ballo un cartellone di eventi culturali assolutamente da non perdere. “Salone della parola” è l’evento che dal 2010 chiama a Pesaro numerose personalità di spessore in campo culturale; un piccolo festival della filologia promosso dalla Biblioteca che anche quest’anno si è deciso di organizzare in suo onore. Nei mercoledì sera di giugno e luglio, nella corte della Biblioteca Oliveriana, ore 21.15, verranno presentate le ultime novità editoriali in campo filologico e letterario. Tra i titoli in cartellone troviamo: mercoledì 5 giugno Parlare l’italiano di Edoardo Lombardi Vallauri, il 12 Le Strade della Filologia. Per Scevola Mariotti (AA.VV.), il 19 Macadàm di Paolo Teobaldi, il 26 La memoria e il potere. Censura intellettuale e roghi nella Roma antica di Mario Lentano; il 3 luglio Grammatiche. Monologhi e racconti inediti di Nino Pedretti (di cui a breve su La Piazza pubblicheremo la recensione), il 12 alle ore 17.30 Barbarie di Ivano Dionigi, il 17 Variae Latinitatis Vivae Testimonia di Vittorio Ciarrocchi, il 24 Dimmi come ti chiami e ti dirò perché di Enzo Caffarelli e il 31 Ifigenia in Aulide di Euripide di Edoardo Sanguineti, presentato da Federico Condello. Venerdì 12 luglio, sempre alle ore 21.15, Massimo Cacciari e Ivano Dionigi dialogheranno sul concetto di Populus, mentre a fine estate, il 27 luglio, presso la Sala Consiliare della Provincia di Pesaro Urbino il lessicografo Mario Cannella e la direttrice dell’Istituto Confucio di Bologna Mariana Timoteo parleranno di Cina: le parole idee. Un’occasione per avvicinarsi e conoscere la lingua, la tradizione e la cultura di un popolo così diverso dal nostro.

Gli appuntamenti non finiscono qui. Agli inizi di ottobre seguirà un convegno dedicato interamente ai duecentoventi anni di attività della Biblioteca e Musei Oliveriani. Sempre a ottobre verrà poi presentato l’ultimo numero di “Hermeneutica”, la prestigiosa rivista dell’Università di Urbino fondata da Italo Mancini nel 1981. In chiusura del cartellone, Paolo Teobaldi dedicherà delle lezioni sui paradigmi grammaticabili che possono essere rintracciati nelle pagine di alcuni scrittori esemplari. Questa estate si prospetta davvero ricchissima di eventi culturali sul territorio. Non ci resta che approfittarne (al.b.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 




Aeradria, parte ufficialmente la privatizzazione

IL SALVATAGGIO Sido Bonfatti, Presidente di Banca Carim.

E’ di Banca Carim la comunicazione che apre ufficilalmente la strada alla privatizzazione di Aeradria, la società che gestisce lo scalo aeroportuale Fellini di Rimini. Poco fa, con una nota, l’istituto di Piazza Ferrari ha reso noto che il Consiglio di Amministrazione di Banca Carim ha approvato il progetto di per favorire il sostegno finanziario ad Aeradria conferendo i propri crediti nel capitale della società così da consentirne la “indispensabile” ricapitalizzazione. Obiettivo: accordi equilibrati e trasparenti che assicurino ad Aeradria una governance adeguata.

Il Consiglio – si legge nel documento – ha preso atto delle numerose manifestazioni di interesse pervenute anche da altri importanti creditori a partecipare alla operazione di ricapitalizzazione prospettata dalla Banca ed ha altresì preso atto dei risultati confortanti di una pre-analisi di carattere industriale sulla fattibilità di un programma di ristrutturazione aziendale che, partendo dalla ricapitalizzazione della Società, ed attuando una serie di altri interventi che sono stati giudicati sostenibili, mira ad assicurarne il riequilibrio della gestione e l’avvio del risanamento. Consapevole della delicatezza del momento conseguente alla dichiarazione di inammissibilità della procedura di concordato preventivo presentata da Aeradria che espone la Società a oggettivi rischi di continuità aziendale Banca Carim – prosegue la nota – ha deliberato di verificare immediatamente anche la tenuta finanziaria del piano industriale già delineato, affinché Aeradria sia messa in condizione di valutare in tempi brevi – nella autonomia decisionale che deve continuare a caratterizzarne l’attività – l’opportunità di avvalersi della collaborazione che le viene offerta dai maggiori creditori.

Banca Carim non poteva esimersi dal fissare, diciamo, alcuni “paletti” e obiettivi. A tale proposito – scrivono i vertici della prima banca della provincia – pur ritenendosi ineludibile la conseguenza che l’ingente apporto finanziario da parte dei creditori – la cui rinuncia consentirebbe il salvataggio di Aeradria – porterà i creditori stessi a diventare, complessivamente, i soci di maggioranza della Società: tuttavia non ci sono ragioni per dubitare che sarà possibile pervenire con tutti i soci, ivi compresi coloro che lo sono già e che intendessero rimanerlo contribuendo alla ricapitalizzazione, ad accordi equilibrati e trasparenti che assicurino ad Aeradria una governance adeguata: una governance nello stesso tempo competente e sensibile alle esigenze e alle aspettative del territorio, assicurando comunque la creazione delle condizioni che consentano il perseguimento dell’obiettivo, già indicato dall’attuale socio di maggioranza relativa di Aeradria (la Provincia di Rimini), “di imboccare la strada da percorrere con convinzione fino in fondo di una riconfigurazione societaria mirata ad attrarre e a essere più attrattiva rispetto all’apporto di capitali privati”.

“Il nostro Piano immaginato per Aeradria – commenta Sido Bonfatti, Presidente di Banca Carim – è la concreta dimostrazione di quanto siamo impegnati per risolvere, se possibile, il dissesto di Aeradria, immaginandone anche una prospettiva di attività. Banca Carim ha sempre fatto la sua parte, assumendosi ogni volta responsabilità e rischi connessi; lo ha fatto in passato e anche durante il periodo nel quale era sottoposta a Commissariamento. Ha finanziato gli investimenti di Aeradria e ha anticipato gli apporti che sarebbero dovuti arrivare dai Soci. L’iniziativa adottata dal nuovo Consiglio di Amministrazione è ora un ulteriore contributo, sia economico che progettuale, alla complessiva tutela dello scalo aeroportuale, che si propone di salvaguardare una infrastruttura di interesse comune insieme alla legittima e doverosa tutela dei crediti della Banca”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 




Musica, 500 giovani in gara all’11° Concorso Internazionale “Luigi Zanuccoli”

Giovanna Salvatori, l’organizzatrice del Concorso e responsabile di DeaMusica

L’Associazione Musicale Deamusica di Rimini, in collaborazione con il Comune di Sogliano al Rubicone, l’Assessorato alla Cultura, la Proloco e con il patrocinio della provincia di Forlì-Cesena, organizza l’11° Concorso Internazionale per Giovani Musicisti “Luigi Zanuccoli”. Si svolgerà nella città di Sogliano al Rubicone, nella cornice del Teatro “Elisabetta Turroni”, dal 30 maggio al 2 giugno 2013 ed è aperto a tutti i musicisti italiani e stranieri. Sono cinquecento i giovani provenienti da diversi paesi del mondo a contendersi premi in denaro, borse di studio, ingaggi a concerti e strumenti musicali.

Fra i partecipanti anche allievi dell’Istituto Parificato Lettimi di Rimini e della scuola media Dante Alighieri, indirizzo musicale. Scopo del concorso è quello di individuare e valorizzare giovani talenti musicali (fra i 5 e i 32 anni) e promuovere questa disciplina. Le audizioni saranno suddivise in 7 sezioni : Solisti (Pianoforte, Archi, Fiati, Chitarra, Arpa, Percussioni, Fisarmonica); Canto lirico; Musica da camera; Formazioni Orchestrali; Formazioni Corali; Voci bianche e giovanili; Scuole Medie ad Indirizzo Musicale. A giudicarli una commissione composta da docenti e concertisti di grande fama. Presidente onorario il Maestro Uto Ughi, Presidente di giuria il Maestro Igor Coretti, direttore artistico il Maestro Claudio Casadei.

L’organizzatrice Giovanna Salvatori (nella foto) fa presente che in questi anni sono migliaia i giovani musicisti talentuosi che si sono esibiti, tra cui ensemble e solisti di gran livello che poi si sono distinti su importanti palcoscenici. Novità di quest’anno sarà sicuramente l’introduzione di un coro di voci bianche, formato da cento elementi e l’arrivo dalla Russia di un gruppo di cinquanta persone fra artisti e accompagnatori. “Nei giorni di concorso – ha detto – il paese si riempie di tanti linguaggi diversi, accomunati da una unica grande passione: la musica, che ha un unico e universale linguaggio. Siamo convinti che questo pilastro della cultura possa ritrovare una centralità nelle dinamiche di crescita e di sviluppo dei nostri territori. Per questo ci adoperiamo da anni per dare alla manifestazione sempre maggior pregio, livello artistico e visibilità nell’ambito musicale internazionale.” (M.Z.)

© RIPRODUZIONE RISERVATA




Export, le opportunità di business in America Latina

La Camera di Commercio di Rimini presenterà il Progetto “America Latina”, un’opportunità per conoscere un ampio ventaglio di servizi utili per avvicinarsi per la prima volta ai paesi dell’America Latina o per rafforzare la propria presenza su quei mercati. L’iniziativa è gratuita. L’iniziativa è realizzata in collaborazione con Unioncamere Emilia Romagna, Metropoli – Azienda Speciale Camera di Commercio di Firenze, Unioncamere Toscana oltre al contributo della Inter American Investment Corporation (IIC – Gruppo BID).

Fra i servizi utili a disposizione – specifica una nota stampa – un network di oltre 40 strutture al servizio delle aziende italiane e latino americane per reperire informazioni sulle economie locali, su fiere, missioni e altre iniziative nei paesi in oggetto, indagini di mercato e di prodotto, con brevi preanalisi, ricerche in merito a dazi doganali e fiscali. Inoltre un un database nel quale individuare potenziali partner commerciali ed industriali o in alternativa, il confronto diretto con esperti di mercato. Nell’occasione verranno presentati anche i servizi della società Cribis D&B messi a disposizione delle aziende riminesi dalla Camera di Commercio. A seguire, personale specializzato sarà a disposizione per gli incontri con le aziende di circa 15/20 minuti. Sarà questa una valida opportunità per valutare le potenzialità delle imprese riminesi verso i mercati oggetto della giornata.

La partecipazione all‘iniziativa è gratuita ed è offerta alle aziende che si iscriveranno facendo pervenire il modulo di adesione, debitamente compilato, all’attenzione di Monica Reali Tel. 0541/363735, Fax 0541/363747, e-mail estero@rn.camcom.it, che sarà a disposizione per qualsiasi chiarimento.