1

ELEZIONI POLITICHE 2013 Provincia di Rimini, i dati definitivi di Camera e Senato. CHI VA IN PARLAMENTO

Rispetto ai pronostici che auspicavano la presenza di riminesi anche al Senato, ad andare a Roma a servire il Paese con la nostra bandiera in tasca saranno solo in quattro: Giulia Sarti del Movimento Cinque Stelle (primo partito in città), Tiziano Arlotti ed Emma Petitti del Partito Democratico e Sergio Pizzolante del Popolo delle Libertà. Le cui rispettive coalizioni registrano dati fortemente negativi rispetto alle Politiche del 2008. I partiti del  centrosinistra ottengono il 32,32% dei voti lasciandone per strada 13. Ancora peggio per il centrodestra che nel 2008 ottenne il 41% delle preferenze mentre in questa ultima tornata ne porta a casa il 23,37.

Ecco tutti i risultati per Camera e Senato riferiti alla provincia di Rimini.

Camera dei Deputati (Provincia di Rimini – Emilia Romagna)

  • FIAMMA TRICOLORE voti ottenuti 261 – 0,131%
  • MIR – MODERATI IN RIVOLUZIONE voti ottenuti 496 – 0,249%
  • GRANDE SUD – MPA voti ottenuti 73 – 0,036%
  • LEGA NORD voti ottenuti 3.155 -1,584%
  • IL POPOLO DELLA LIBERTA’ voti ottenuti 39.554 – 19,868%
  • LA DESTRA voti ottenuti 930 – 0,467%
  • INTESA POPOLARE voti ottenuti 197 – 0,098%
  • FRATELLI D’ITALIA voti ottenuti 2.861 – 1,437%  …..Totale centrodestra 47.266 voti 23,742%
  • MAGDI CRISTIANO ALLAM IO AMO L’ITALIA voti ottenuti 594 – 0,298%
  • FORZA NUOVA voti ottenuti 583 – 0,292%
  • RIVOLUZIONE CIVILE voti ottenuti 3.225 – 1,619%
  • FARE PER FERMARE IL DECLINO voti ottenuti 2.387 – 1,199%
  • PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI voti ottenuti 1.074 – 0,539%
  • CENTRO DEMOCRATICO voti ottenuti 362 – 0,181%
  • PARTITO DEMOCRATICO voti ottenuti 59.710 – 29,993%
  • SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ voti ottenuti 4.275 – 2,147% …Totale centrosinistra 64.347 voti 32,322%
  • MOVIMENTO 5 STELLE BEPPEGRILLO.IT voti ottenuti 61.100 – 30,691%
  • PANNELLA LISTA AMNISTIA GIUSTIZIA LIBERTA’ voti ottenuti 536 – 0,269%
  • CASAPOUND ITALIA voti ottenuti 168 – 0,084%
  • FRANCO TORCHIA PRI voti ottenuti 292 – 0,146%
  • FUTURO E LIBERTA’ voti ottenuti 591 – 0,296%
  • UNIONE DI CENTRO voti ottenuti 1.764 – 0,886%
  • SCELTA CIVICA CON MONTI PER L’ITALIA voti ottenuti 14.89 – 1 7,479%

Senato della Repubblica (Provincia di Rimini – Emilia Romagna)

  • FORZA NUOVA voti ottenuti 510 – 0,276%
  • MARIO MONTI CON MONTI PER L’ITALIA voti ottenuti 15.507  – 8,399%
  • FARE PER FERMARE IL DECLINO voti ottenuti 1.762 – 0,954%
  • PARTITO DEMOCRATICO voti ottenuti 59.098 – 32,009%
  • CENTRO DEMOCRATICO voti ottenuti 405  – 0,219%
  • SINISTRA ECOLOGIA LIBERTA’ voti ottenuti 3.803 – 2,059% .. Totale centrosinistra 63.306 voti 34,288%
  • SILVIO BERLUSCONI LA DESTRA voti ottenuti 916 –  0,496%
  • LEGA NORD voti ottenuti 3.065 – 1,660%
  • FRATELLI D’ITALIA voti ottenuti 2.582 – 1,398%
  • IL POPOLO DELLA LIBERTA’ voti ottenuti 37.812 – 20,480%
  • MIR – MODERATI IN RIVOLUZIONE voti ottenuti 666 – 0,360% .. Totale centrodestra 45.041 voti 24,395%
  • PRI voti ottenuti 316 – 0,171%
  • IO AMO L’ITALIA voti ottenuti 559 – 0,302%
  • MOVIMENTO 5 STELLE BEPPEGRILLO.IT voti ottenuti 53.123 – 28,773%
  • FIAMMA TRICOLORE voti ottenuti 389 – 0,210%
  • PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI voti ottenuti 1.119 – 0,606%
  • PANNELLA LISTA AMNISTIA GIUSTIZIA LIBERTA’ voti ottenuti 540 – 0,292%
  • RIVOLUZIONE CIVILE voti ottenuti 2.454 – 1,329%

 




Torna a Misano “Ritratti d’Autore”

di ALBERTO BIONDI

Non poteva mancare anche quest’anno “Ritratti d’Autore”, la manifestazione culturale organizzata dalla Biblioteca Comunale di Misano Adriatico e diretta da Gustavo Cecchini. Sette date, sette grandi scrittori e sette “commentatori” d’eccezione che ad ogni incontro scaveranno nel pensiero, nelle immagini e nelle parole di una delle opere scelte. Si comincia l’1 marzo con i Promessi Sposi, commentati da Marcello Fois (finalista allo Strega 2012) che con il suo ultimo romanzo, Nel Tempo di Mezzo, si è voluto ricongiungere alla tradizione manzoniana. La storia di Renzo e Lucia, che non ha certo bisogno di presentazioni, sarà già stata categoricamente bollata da alcuni come la “croce” degli anni di scuola, appunto però l’occasione è ghiotta per scoprire e ri-scoprire questo libro da un punto di vista inedito e affascinante. Convincendoci, magari, a rivalutare l’opera e il pensiero di Alessandro Manzoni.

Una settimana dopo, l’8 marzo, è il turno de La Tempesta di Shakespeare letta e spiegata da Nadia Fusini. Il capolavoro, considerato il testamento spirituale del Bardo, verrà scandagliato soffermandosi sulla figura femminile di Miranda, sorta di nuova Eva ed essenza assoluta di femminilità. Atmosfere e riflessioni del tutto differenti nel successivo incontro del 15, in cui il filosofo politico Maurizio Viroli darà voce a Niccolò Macchiavelli leggendo la sua opera più celebre e controversa: Il Principe. Con uno sguardo pragmatico e glaciale, l’autore ci offre uno spaccato delle logiche crudeli, ciniche e intriganti che reggevano la trama della politica di allora (e di oggi?), diventando così un “classico” della trattatistica sul potere. Per il quarto incotro di “Ritratti d’Autore” il commentatore d’eccezione è forse, per i moderni, più famoso dell’autore: Massimo Cacciari, che leggerà le Nuvole di Aristofane, vera e propria satira sulla figura di Socrate nell’Atene del V secolo. Commedia tra le più brillanti della classicità, le Nuvole approfondiscono il tema dell’educazione dei giovani e del pericolo costituito dai “trucchi sofistici”, insegnati per padroneggiare il linguaggio dialettico anche nel torto.

Il 5 aprile si apre la Bibbia, più precisamente l’Antico Testamento, e il filosofo Salvatore Natoli approfondirà il Qohelet (Ecclesiaste), il quarto dei libri sapienziali ebraici. Strutturato come un vero e proprio poema, il Qohelet è ancora oggi fonte di riflessione sull’utilità dell’esistenza e sull’imperante vanità umana, offrendo una risposta velata d’ottimismo nell’insegnare il godimento delle piccole gioie della vita. Carlo Sini, durante l’incontro del 12 aprile, parlerà di democrazia leggendo le parole di Pericle e del sofista Gorgia. Uno spaccato della politica ateniese in cui la democrazia finirà per trasformarsi in sanguinoso imperialismo, un’occasione da non perdere per coloro che continuano ad interrogarsi se davvero il “governo del popolo” sia solo, anche dopo 2500 anni, un’irraggiungibile utopia. L’ultimo appuntamento sarà per il 19 aprile con Giorgio Odifreddi che si occuperà di evoluzionismo leggendo e commentando L’Origine della Specie di Charles Darwin. Il più seguito matematico italiano e il padre del pensiero moderno sulla natura dell’uomo, un incontro per chiudere in grande stile. Tutti gli appuntamenti si terranno presso il Cinema-Teatro Astra di Misano Adriatico, alle 21.00. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti. E ci auguriamo che alla porta la gente spinga per entrare!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 




Turismo, nel 2012 presenze a -1,6%

Dopo un 2011 positivo (+4,6% arrivi e +4,3% presenze), nel 2012 tutti i nodi sono venuti al pettine. Così cala definitivamente il sipario (e inizia la discussione) sui numeri del 2012 riferiti al turismo. E più che la “capitale europea” del turismo, possiamo iniziare a definirci capitale del turismo “degli amici della porta accanto” visto che il 38% dei nostri turisti risiede in un raggio di 200 km dalle nostre coste. Molto bene l’estero: +8,2% con un + 5,7% di notti. Il peso degli stranieri sale: dal 23% del 2011 al 25,1% del 2012. Il progetto ‘Malatesta & Montefeltro’ per promuovere l’entroterra registra ottimi risultati e punto al raggiungimento degli obiettivi. Ma procediamo con ordine. Ecco i numeri del 2012 forniti dall’Ufficio Statistica della Provincia di Rimini: + 1,8% per gli arrivi e – 1,6% per le presenze. Buone le performances nei mesi primaverili, con un +4,7% notti nel mese di marzo, un + 5,3% nel mese di aprile e un +2,1% in quello di maggio. Quanto all’estate ha tenuto agosto (-1,4% notti, ma +2,9 turisti), difficoltà nel mese di luglio (-2,4% notti), negativo anche giugno con un -4,9%, soddisfacente il mese settembre (+4,5% turisti e +0,2% notti). Positivo l’autunno-inverno con un + 0,2% nel mese di ottobre, +8,2 e + 6,3% pernottamenti, rispettivamente, a novembre e dicembre. Difficoltà invece nei primi mesi dell’anno, con un -8,6% pernottamenti nel mese di gennaio e un -12,5% in quello di febbraio. Non va certo meglio in altre parti d’Italia. Magra consolazione. I dati turistici nazionali sono tutti negativi: Lombardia -2,1% pernottamenti, Piemonte -1,5%, Veneto -7,1%, – 8,4% dalle altre regioni italiane; unica eccezione è il dato dell’Emilia Romagna, che registra un +4,1%, segno evidente della difficoltà economica contingente, con molte famiglie che non hanno voluto rinunciare alla vacanza, preferendo la nostra Riviera a mete più esotiche e lontane. “Questa tendenza rischia di allargarsi ancora di più nel 2013, come avvertono gli operatori del settore – ha dichiarato l’assessore al Turismo della Provincia di Rimini Fabio Galli.- Dobbiamo dunque prepararci a un altro anno complesso, causa principalmente la contrazione del potere d’acquisto da parte degli italiani.”

Torniamo a numeri. Molto bene l’estero: +8,2% ì turisti dall’estero, + 5,7% le notti. La percentuale di domanda estera rispetto al totale sale dal 23% del 2011 al 25,1% del 2012. Forte elemento di traino è stata senz’altro la conferma della crescita della Russia, con un + 17,5% nei pernottamenti, con un ruolo decisivo determinato dal rapporto storico del nostro aeroporto con tale mercato, dato che migliora ancora e notevolmente i risultati del 2011. Ma buoni risultati su tutti i mercati esteri: Germania (+5,5%), Austria (+3,5%), Svizzera (+9%), Polonia (+4%), Regno Unito (+3%), Belgio (+4,4%), Paesi Bassi (+9,4%). Bene anche il Nord Europa, anche se con numeri assoluti lontani da quelli di qualche decennio fa. Più in difficoltà invece il mercato francese, con un -3,9% in termini di notti, dove ancora gli effetti pesanti della crisi economica si fanno sentire e condizionano le scelte di viaggio e vacanze.

La Provincia, con la mole di dati a disposizione, è riuscita anche a ricostruire l’identikit del turista che arriva in Riviera. Prevalentemente familiare (62,2% della domanda), seguono i “single” (20%), mentre i gruppi costituiscono il 17,8%. La classe d’età più rappresentata è quella tra i 41-64 anni (il 35% dei clienti), fino a 15 anni abbiamo il 15,1% dei turisti, tra i 16-25 anni il 13,6% della domanda, il 26,2% dei turisti ha tra i 26-40 anni, oltre i 65 anni il 10,1%. Il mezzo di trasporto prevalentemente utilizzato è l’auto (70,3% dei casi), l’aereo è utilizzato per il 4,3% dei turisti, il treno nel 6,6% dei casi (quasi esclusivamente turisti italiani), il bus per il 15,2% della domanda. Altro dato interessante è la provenienza: il 3,5% dei clienti risiede entro i 100 km dalla Riviera di Rimini, tra i 101-200 km troviamo il 34,4% dei turisti, tra i 201-300 km il 23,5%, tra i 301-400 km il 26,9% della domanda, oltre i 501 km il 3,9%.

Rispetto al mercato estero, l’ente provinciale ha fornito un focus su Russia e Germania che hanno raggiunto una quota di mercato (sulla domanda straniera) pari, rispettivamente, al 22,3% e allo 18,9%. Il sorpasso del turista russo (su quello tedesco) è avvenuto da qualche anno. I pernottamenti dalla Russia hanno raggiunto le 894.000 unità, con un crescita del 17,5% rispetto all’anno passato, dato che migliora (e notevolmente) l’ottimo risultato del 2011 (+34,2%) e quello degli anni precedenti. Siamo di fatto la porta di accesso dei russi per l’Italia, con notevoli positivi effetti non solo sul segmento alberghiero della Riviera, principalmente Rimini (781.000 pernottamenti) e Riccione, ma per tutta l’offerta commerciale del nostro territorio. E’ un turista che si muove prevalentemente in gruppo (78%) o con la famiglia (17,1%), i single sono solo il 4,9%. Raggiunge la Riviera di Rimini prevalentemente in aereo (78,6%), ma anche in autobus (12,6%) e in auto (5,9%). Si tratta inoltre di individui giovani (il 56,7% dei turisti russi ha meno di 40 anni, il 21,8% meno di 25 anni), anche se la classe d’età più numerosa è quella dai 41 ai 64 anni (40,4%). I maschi sono il 31,3%, le donne sono il 68,7%: si tratta di un mercato certamente rosa.

I turisti tedeschi nel 2012 hanno registrato 760 mila pernottamenti, pari al +5,5%, dato che conferma la crescita registrata anche nel 2011 (+8,6%). In questo caso si tratta si un cliente che raggiunge la Riviera di Rimini prevalentemente su gomma (il 63,4% in auto, il 24,6% in bus), con una quota dello 6,1% che utilizza l’aereo, insufficiente è invece il dato di coloro che utilizzano il treno (2,3%), dato sui cui pesa evidentemente la quasi totale assenza di collegamenti ferroviari diretti con la Germania. E’ un mercato prevalentemente famigliare: le famiglie rappresentano il 59,8%, i single il 6,9%, i gruppi il 33,3%. Maschi (52,2%) e femmine (47,8%) si equivalgono. Il 36,5% hanno meno di 25 anni, il 16,3% tra i 26-40 anni, il 33,5% tra i 41-64 anni, il 13,7% oltre i 65 anni.

Rispetto all’entroterra, il 2012 sì è concluso con un quadro ancora positivo: + 2,8% i pernottamenti, in controtendenza rispetto al dato della Riviera, con una crescita fortissima sul mercato estero (+15,8%). Complessivamente si sono registrati 196 mila pernottamenti (di cui il 33,7% dall’estero). Un risultato che conferma e migliora il dato 2011, che aveva chiuso con un +21,2% pernottamenti e +14,3% turisti. L’olandese è il primo cliente assoluto: nel 2012 è cresciuto del 30,8% in termini di pernottamenti, raggiungendo la quota del 16,2% della domanda complessiva e quella del 48,1% della domanda estera; molto bene anche la Germania con un +10,6%, il Belgio (+12%), la Svizzera (+30,4%), il Regno Unito (+8,4%), la Norvegia (+118,8%). La Provincia ritiene che il successo dipenda dal progetto “Malatesta & Montefeltro” avviato nel 2010 che prevedeva di raggiungere entro giugno 2014 i 200 mila pernottamenti, con una quota di mercato estero pari al 30%.