Università,Giudici (Pl-Pdl):”Il numero chiuso più che una novità è una doccia gelata”

image_pdfimage_print

Piuttosto che “numeri chiusi”- ha detto Giugici – occorre costruire un rapporto virtuoso tra pubblico e privato,  che favorisca la sperimentazione all’interno delle imprese locali, attraverso “progetti pilota” , nei settori chiave della nostra economia,  dello sviluppo tecnologico e dell’ innovazione,  di modo che con la promozione pubblica si sostenga attivamente lo sviluppo del territorio in forma sussidiaria e circolare,  secondo lo schema seguente: gli Enti pubblici siano  promotori di innovazione con l’erogazione di risorse. L’ Università sia garante del supporto scientifico e della qualità  dei progetti. Infine le aziende beneficiarie  compartecipano alla redazione e ai costi di progetto.

Un progetto pilota potrebbe essere quello dei “Dottorati in Azienda”  in cui le aziende con contributi pubblici a progetto, assumono un ricercatore, che lavora in esse per  parte del tempo, il resto in Università a fare ricerca avanzata; Il dottorato  viene pagato per metà dall’azienda e l’altra metà dall’ente pubblico, che decide di finanziare i programmi per favorire l’innovazione tecnologica e la ricerca nelle imprese del proprio territorio. Infine, il controllo di qualità e la ricerca  sono svolti in convenzione con l’Università.

Un modo non assistenzialista, che può contrastare il “trend migratorio” dei nostri giovani laureati  ed anzi  attirare “cervelli” da fuori,  in un  ciclo virtuoso che, come succede all’estero,  nel tempo, può portare significativi benefici alla nostra comunità e alla sua economia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SEGNALA




    Privacy*

    FACEBOOK

    La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
    © 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
    Web Marketing Rimini
    Condivisioni