Rimini per Simone Cantarini

Il pesarese Simone Cantarini è tra i massimi pittori del Seicento. Attivo tra Marche ed Emilia, fu tra gli allievi di maggior spicco del bolognese  Guido Reni e della sua celebre bottega.Nel quarto centenario della nascita di Cantarini (Pesaro 1612 – Verona 1648) il Museo della Città di Rimini, che conserva il radioso San Giacomo in gloria, l’opera più aulica del ‘genio ribelle’, propone una esposizione di dipinti provenienti da importanti collezioni private. Opere inedite o mai esposte si affiancano a quadri già noti dell’artista pesarese e di altri autori della scuola di Reni.

La morte violenta e prematura interruppe l’intensa attività artistica di Cantarini, caratterizzata da un indiscusso talento e una vorace curiosità, ma anche da una determinazione poetica e una irrequietezza di spirito che lo portarono a isolarsi nel convenzionale ambiente artistico bolognese. Un destino bruciato in convulse premesse, gravide di pentimenti e ripensamenti, che tuttavia non infrangono mai la serenità della forma, nè la certezza della grazia.

Dalle pareti di palazzi privati e di collezioni particolari giungono a noi bellissime figure a mezzo busto che ci rivolgono uno sguardo enigmatico; scene mitologiche incompiute che sembrano dipinte due secoli dopo e temi sacri da cavalletto narrati con struggente sentimento. La mostra che prende avvio proprio dal celebre S.Giacomo in gloria e dal suo disegno preparatorio si snoda attraverso le relazioni e i confronti con artisti coevi e seguaci del Cantarini: tra gli artisti in mostra Lorenzo Pasinelli, Gian Giacomo Pandolfi, Giovan Francesco Guerrieri, Gian Domenico Cerrini, Guido Reni, Guido Cagnacci, Giovanni Giacomo Sermenti, Michele Desubleo, Pier Francesco Cittadini, Flaminio Torre, Cristoforo Savolini, Felice Torelli.

“Abbiamo scelto di esporre – racconta Massimo Pulini, curatore delll’esposizione, nonché assessore alla Cultura del Comune di Rimini – questi intensi frammenti di pensiero vicini a opere di artisti che lo hanno affiancato o seguito nella vita, con la consapevolezza di rendere un omaggio parziale ma sincero e rilanciando la promessa di una mostra dei mirabili disegni di Cantarini nella grande rassegna di grafica che la Città di Rimini ha in animo di promuovere nell’autunno del 2013”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LA MOSTRA

Rimini, Museo della Città
Via L.Tonini,1
15 dicembre 2012 – 17 febbraio 2013
Orario: da martedì a sabato 8.30-13/16/
Domenica e festivi 10-12.30/15/19  Lunedì chiuso- ingresso libero
Info: 0541793851 museo@comune.rimini.it




Raccolta umido, Riccione 3° posto in regione

Riccione sul terzo gradino  del podio dei comuni più virtuosi dell’Emilia Romagna sulla raccolta dell’umido in una speciale classica di Legambiente che teneva conto delle città con più di 25 mila abitanti. Sui gradini anche Fidenza (Parma) e Carpi (Modena).  “Comuni Ricicloni dell´Emilia-Romagna, V Edizione”, è riferito ai dati del 2011. Con Legambiente nell´iniziativa c’è il contributo di Aimag, Tred Carpi, Ca.Re, Novamont, Sartori Ambiente, Viscolube, Consulta Ambiente di Carpi, e con il patrocinio del Comune di Carpi. Al questionario di Legambiente hanno risposto – fornendo i dati relativi al 2011 – 109 comuni, che coprono più del 60% della popolazione regionale.




Sgr store, risparmio energetico assicurato

Si chiama Energy Store di Sgr. Inaugurato lo scorso 15 dicembre a Riccione, è uno spazio dedicato all’energia . Oltre alle pratiche tradizionali di gas ed energia elettrica, è possibile richiedere consulenze gratuite sul risparmio energetico. Al suo  interno si possono trovare anche oggetti amici dell’ambiente. Al taglio del nastro erano presenti il sindaco di Riccione Massimo Pironi, Micaela Dionigi, presidente del Gruppo Sgr e l’ingegner Bruno Tani, amministratore delegato di Sgr. La sede si trova in via Circonvallazione 38 ed è aperto il martedì, mercoledì, venerdì e sabato dalle 8 alle 12, e il  lunedì e giovedì dalle 14 alle 16.

 




Bloccate le delibere “mattonare” di Santa Giustina e Celle. Tecnicamente è un rinvio della discussione

E’ successo questa mattina in Commissione. E con una nota il gruppo Consiliare di SEL e FareComune esprime grande soddisfazione per l’esito di ritirare le delibere sui Piani Particolareggiati di Santa Giustina (Via Borghi) e Celle (Immobiliare Celle) (VAI ALLA NOTIZIA) figlia – scrive il gruppo – di un vecchio modello di sviluppo che tanti danni ha causato alla nostra realtà. “Vogliamo anzitutto ringraziare il Sindaco Gnassi e poi tutti i Consiglieri di maggioranza e opposizione che si sono distinti, in positivo, votando per il rinvio delle delibere mattonare”. Ma non basta. SEL e FareComune si oppone anche anche ad altri 5 mila nuovi appartamenti previsti nel Psc. “Li invitiamo a proseguire su questa strada e a prendere in seria considerazione la proposta avanzata dal gruppo consiliare di SEL e FareComune di una moratoria delle politiche urbanistiche: NO ai 5mila nuovi appartamenti privati previsti nel PSC, solo per fare un esempio”.

Il gruppo consiliare di SEL e FareComune – conclude la nota – continuerà a battersi affinchè il Consiglio Comunale di Rimini diventi il volano per un modello di sviluppo alternativo a quello conosciuto in questi decenni, un modello che punti sulle leve della decrescita e della salvaguardia dell’ambiente, contro ogni forma di rendita immobiliare e di speculazione edilizia e a favore della riappropriazione degli spazi pubblici e dei beni comuni.

 




Assemblea annuale CNA Rimini

Il tradizionale incontro annuale si svolgerà giovedì 20 dicembre alle ore 18 nella Sala Convegni SGR (via Chiabrera 36, Rimini) si svolgerà l’Assemblea annuale di CNA della Provincia di Rimini. Presente anche il Segretario Nazionale Sergio Silvestrini.