GIOVANI: FUMO E ALCOOL GIA’ ALLE MEDIE

L’8 per cento dei ragazzi della scuola media ha fumato almeno una sigaretta nell’ultimo mese con una percentuale che sale al 10 per cento per i ragazzi che hanno fatto uso di alcol almeno una volta nell’ultimo mese. Tali percentuali crescono per i ragazzi della scuola superiore: triplica per il fumo e raddoppia per l’alcool.

I dati sono emersi questa mattina nel corso dell’incontro che si è svolto nell’aula magna della scuola media “Panzini” di Rimini a conclusione dei progetti regionali di promozione di stili di vita sani, realizzati, appunto, nella scuola del territorio, nel corso dell’anno 2011-2012 in collaborazione con l’Ausl di Rimini.Scuole libere dal fumo”, “Liberi dal fumo” e “Infanzia a Colori”, questi i nomi dei progetti, sono stati predisposti dalla Regione Emilia Romagna, e sono mirati a prevenire l’insturarsi dell’abitudine al fumo di sigaretta nelle giovani generazioni, rivolti rispettivamente alle scuole superiori, alle scuole medie e alle scuole primarie.

A questi progetti sul fumo, nati in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale, l’Istituto Oncologico Romagnolo (Ior) e la Lega Tumori, se ne affiancano altri, e tutti mirano a promuovere stili di vita sani e consapevoli. Tali altri progetti sono “Scuole Libere dall’Alcol” ed il trial regionale dal titolo “Passaggi di Prevenzione”, da cui sono emersi dati interessanti sugli stili di vita dei giovanissimi residenti in Emilia Romagna. I premi per le scuole coinvolte nei progetti, consegnati oggi, sono stati offerti da Cartolibreria “La Moderna – Ugolini” di Rimini; Shopping Centre Le Befane di Rimini; Ipercoop Malatesta di Rimini; Parco Tematico Oltremare di Riccione.

Tornando ai dati, per quanto attiene alla dieta, i ragazzini delle scuole medie dell’Emilia Romagna consumano frutta e verdura più volte al giorno in una percentuale del 60 per cento (che scende di 5 punti per le superiori). La metà circa consuma merendine confezionate, fritti, bibite gassate e zuccherate (percentuale analoga per le superiori) e insaccati anche 4 volte al giorno. Un 20 per cento (che sale al 25 per i ragazzi delle superiori) fa colazione meno di tre volte a settimana. Infine per l’attività sportiva, un quarto dei ragazzi di scuola superiore interpellati effettua attività moderata tre volte a settimana, metà dei ragazzi una o due volte a settimana, un quarto non la effettua. Un terzo dei ragazzi, inoltre, pratica attività fisica intensa tre volte a settimana, un terzo una o due volte a settimana, un terzo non la pratica. Solitamente, chi non pratica attività fisica intensa non pratica neppure la moderata. Tra i ragazzi delle scuole medie, il 70 per cento circa non pratica alcuna attività fisica. Nel rapporto tra maschi e femmine, queste ultime, anche se in percentuali molto piccole, indulgono maggiormente al fumo, all’utilizzo spoaradico di alcol, ad un’alimentazione meno sana, ma sono di più le ragazze che compiono attività fisica.

Redazione Online
© RIPRODUZIONE RISERVATA




CINEMA, DA DOMANI IL BFF

Giunto alla sua trentesima edizione, il Bellaria Film Festival è una delle pochissime manifestazioni di respiro nazionale che mira a promuovere il cinema giovane, di qualità e senza i budget garantiti dalle grandi case di produzione. Protagoniste le pellicole indipendenti, dove sceneggiatura, regia, recitazione e comparto musiche conservano ancora un’anima “artigianale”, di intenso lavoro di squadra, spesso con risultati sorprendenti. Una particolare predilezione per i film documentari caratterizza da qualche anno le scelte della Direzione Artistica, dal 2011 affidata a Fabio Toncelli.

Per l’edizione 2012, in programma da domani 31 maggio fino domenica 3 giugno, sono stati annunciati i finalisti del Concorso Italia DOC: Giovanni Giommi con Bad Weather, Vincenzo Mineo con Zavorra, Andrea Paco Mariani e Nicola Zimbelli con Tomorrow’s Land, Lorenzo Garzella e Filippo Macelloni con Il mundial dimenticato, Enrico Pitzianti con Roba da matti, Vanni Gandolfo, Simone Aleandri e Luca Onorati con Antonio+Silvana=2. A questi sei documentari si aggiungono altrettanti film: Italy. Love it or Leave it di Gustav Hofer eLuca Ragazzi,Tahrir Liberation Square di Stefano Savona, Mare Chiuso di Stefano Liberti e Andrea Segre, Le vere false teste di Modigliani di Giovanni Donfrancesco, I morti di Alos di Daniele Atzeni e Freakbeat di Luca Pastore.

Nel corso della manifestazione verrà inoltre conferito a Toni Servillo il premio Casa Rossa alla carriera, mentre al termine del Festival Morando Morandini (il primo direttore artistico) prenderà parte alle celebrazioni assegnando una speciale menzione di merito a uno dei film in concorso.

ll Bellaria Film Festival è promosso dal Comune di Bellaria Igea Marina con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali della Regione Emilia Romagna e della Provincia di Rimini.

Alberto Biondi

Redazione Online
© RIPRODUZIONE RISERVATA




TEATRO

Quattro serate, quattro storie appassionanti, fatte di avventure, musica, magia e soprattutto e di emozioni per bambini e ragazzi ma anche per i più grandi, in un’esperienza pensata per tutta la famiglia con alcune delle più fortunate e premiate produzioni di Accademia Perduta/Romagna Teatri, compagnia leader del teatro ragazzi italiano diretta da Claudio Casadio e Ruggero Sintoni.

“Il Teatro Aperto di Poggio Berni è un’arena capace di ospitare oltre 300 persone ed è attivo da tempo nella stagione estiva caratterizzandosi soprattutto per le commedie dialettali. Anche quest’anno, l’amministrazione comunale ha organizzato una stagione ricca di appuntamenti: oltre al Teatro Ragazzi, infatti, ci saranno diversi spettacoli dedicati alla commedia dialettale con la rassegna “Roid Roid Pataca” a cura della compagnia “La Mulnela” in collaborazione con Pro Loco, l’associazione Attori Per caso e cooperativa Radon”.

Biglietti (spettacoli del 21 luglio e del 4 e 18 agosto): 5 euro. La biglietteria del Teatro Aperto aprirà alle ore 20 delle sere di spettacolo. Per maggiori informazioni: Comune di Poggio Berni – URP Tel. 0541.629701/1-2 Biblioteca “Mulino Sapignoli” Tel. 0541.629701 (int.5-int.2)

 

IL PROGRAMMA E GLI SPETTACOLI

Sabato 9 giugno alle ore 21,15 ad ingresso gratuito. Pollicino è uno spettacolo di Marcello Chiarenza, interpretato, unico attore in scena, da Claudio Casadio. Diretto da Gianni Bissaca, Pollicino è una delle produzioni più acclamate e premiate di Accademia Perduta/Romagna Teatri. Da anni lo spettacolo è impegnato in lunghe e prestigiose tournée nazionali ed europee che hanno portato lo spettacolo ad essere rappresentato in ben tre lingue: italiano, francese e spagnolo. Invitato al Festival Momix di Kingersheim (Francia), dove ha vinto il primo premio, e al prestigiosissimo Festival dei Due Mondi di Spoleto, Pollicino si è anche aggiudicato, nel 2008, il Biglietto d’Oro Agis-ETI come “spettacolo di Teatro Ragazzi più visto nella Stagione”. Tratto dalla celeberrima fiaba dei fratelli Grimm, Pollicino è uno spettacolo che affronta il tema dell’abbandono: una paura che tanti si portano appresso e, purtroppo, una drammatica realtà causata da guerre e povertà per tanti bambini nel mondo. Il protagonista della vicenda è piccolo, il più piccolo, ma la sua paura, grande, non lo annichilisce. Ciò che, al contrario, lo rende vincitore  di fronte alle avversità della vita è la curiosità ed il suo coraggioso desiderio di conoscere la realtà, anche nei suoi aspetti più crudeli. È la curiosità che spinge Pollicino a vigilare su quanto dicono e fanno i genitori ed egli è in grado di avvertire con tempestività il pericolo e di attrezzarsi per farvi fronte. Dalla casa del padre a quella dell’Orco, attraverso il bosco, si avvia al mondo, verso altri boschi ed altre case…

Sabato 21 luglio alle ore 21,15 sarà la volta di I musicanti di Brema, altra storica produzione di Accademia Perduta, anch’essa portata con successo alla ribalta internazionale del Festival dei 2Mondi di Spoleto e premiata con “Lo Stregagatto” del 2004 come “miglior spettacolo di teatro ragazzi”. I musicanti di Brema è uno spettacolo di Claudio Casadio (anche regista) e Giampiero Pizzol, interpretato da Maurizio Casali, Mariolina Coppola, Lucia Puechler e Paola Baldarelli. Tratto dalla celebre favola dei Fratelli Grimm, racconta le avventure di un cane, un gatto, un asino ed un gallo che fuggono e si incontrano per ricominciare una nuova esistenza che permetta loro di vivere serenamente. Comincia così, per i quattro amici, una straordinaria avventura.

Sabato 4 agosto alle ore 21,15 andrà in scena Goccia a goccia. Le avventure di un piccolo fiume, scritto e interpretato da Ferruccio Filipazzi. Goccia a goccia è una storia di crescita, di iniziazione. Una goccia, due gocce… mille gocce… un fiume. Acqua trasparente, che corre, salta, si tuffa. Il fiume come un bambino. All’inizio, goccia a goccia, passo  passo, i primi salti, i tuffi,  capriole e capitomboli… e poi le corse! Le tinche, le carpe, i lucci, come nonni pazienti, raccontano cento volte al piccolo fiume una storia piena di avventure e di colori che arriva fino al mare…

La rassegna si concluderà sabato 18 agosto alle ore 21,15 con Il pifferaio magico. La pièce, diretta da Claudio Casadio e interpretata da Maurizio Casali e Mariolina Coppola, è il racconto di una liberazione che utilizza armi quali la semplicità e l’intelligenza per affrontare difficoltà grandi e complesse: un insegnamento ad usare ciò che abbiamo dentro di noi per metterlo al servizio degli altri e contribuire al bene comune. C’è un patto segreto tra il Signore dei topi e il Re della città di Hamelin. I topi sono ingordi di cibo e il Re di monete d’oro. Per questo è avvenuta la grande e terribile invasione… La tranquilla città di Hamelin è governata da gente avida e corrotta, pronta a sacrificare la città per arricchirsi. I topi son dappertutto: nei letti e sui soffitti, nei cassetti e sui piatti; il cuoco li trova in cima alla torta, le lavandaie in mezzo al bucato. La figlia del Re, ignara di tutto, supplica il padre di trovare una soluzione. Si affiggono bandi e giungono, come in una fiera, Imbonitori, Inventori, Ammazzaratti… ma tutto è inutile. Solo il suono del flauto fatato può riportare la speranza su Hamelin.

 

 

 




PREMIATA LA BUONA TAVOLA

Un momento di festa, senza tuttavia dimenticare “il difficile momento che stanno attraversando alcuni ristoratori della nostra regione”. Premiati tre protagonisti dell’enogastronomia riminese. A ricevere il riconoscimento Gian Paolo e Gian Luca Raschi del Ristorante Guido (“Narratori”), Riccardo Agostini del Ristorante “Il Piastrino” di Pennabilli (“Sognatore”), Massimo Zangheri del Caffè Commercio (“Emergente”). L’incontro si è svolto alla Terrazza Bartolini di Milano Marittima nell’epilogo di “Dire Fare Sognare!”, Premio alla cultura del cibo e del vino in Emilia Romagna, sostenuto da Partesa Emilia Romagna per il vino. I loro nomi sono stati scelti da una giuria composta da Andrea Grignaffini (critico enogastronomico), Giorgio Melandri (giornalista e degustatore), Lorenzo Frassoldati (giornalista).

I premitai ovviamente più che soddisfatti. (Foto Ufficio Stampa Prima Pagina)