Il bypass della Valconca

Paolo Turci in rappresentanza del Consorzio Stabile CO.I.R. Rizzi-Zuin & C ERRE Zeta, il raggruppamento temporaneo d’imprese che si è aggiudicato l'appalto. Piuttosto schivo, ha risposto in maniera sintetica alle domande dei cronisti. Foto www.lapiazzarimini.it

di DOMENICO CHIERICOZZI

Sono finite le chiacchere e iniziano i lavori. Almeno così hanno detto lunedì 26 marzo i vertici della Provincia di Rimini e i sindaci di San Clemente e Morciano di Romagna in un’atipica  conferenza stampa organizzata all’incrocio tra la SP 35 e Via Tavoleto a due passi dalla Fondazione Del Bianco e della sede delle Ceramiche Del Conca. E’ da quella data che vanno a decorrere i 330 giorni (lavorativi) per consegnare l’opera bella e fatta. Ma è stato il presidente della Provincia di Rimini, Stefano Vitali, a mettere i puntini sulle “i”. “Stiamo per realizzare una delle opere più importanti per la Provincia” ha detto sottolineando come “in questo caso non ci sia mai stato un problema di soldi bensì di burocrazia ed è uno scandalo vero e proprio se pensiamo che quest’opera è stata pensata nel 2002”. Inoltre Vitali  ha rivendicato con un certo orgoglio il “diritto” ad essere lui a inagurare l’opera. Il riferimento riguarda la chiusura dell’ente da lui presieduto. Il provvedimento, se dovesse andare a buon fine, ne prevede la soppressione (così come per tutte le altre province italiane) entro il 31 marzo del 2013. Una specie di lotta contro il tempo. Ce la farà il presidente Vitali a tagliare il nastro del Ponte? Speriamo. Sulla carta  un’opera “attraente anche da un punto di vista architettonico” ha fato notare l’ingegnere della Provincia, referente tecnico dei lavori, Giovannino Vittori. L’obiettivo – precisa la Provincia –  è quello di sgravare il centro urbano di Morciano da tutti i problemi ambientali connessi con il traffico di attraversamento, trasferendo lo stesso sulla nuova arteria ed assicurando al contempo i collegamenti con i forti generatori di traffico esistenti nella vallata. L’opera andrà a costituire la naturale prosecuzione del collegamento fra l’Autostrada A14 e la Valle del Conca, tanto da poter fruire del contributo Regionale trattandosi anche di un importante collegamento con la Repubblica di San Marino raggiungibile tramite la SP 18. Quanto ai costi, le buste contenenti le offerte economiche relative alla gara sono state aperte il 5 aprile 2011. Ad aggiudicarsi il lavoro il Consorzio Stabile CO.I.R. e da Rizzi-Zuin & C ERRE Zeta, un raggruppamento temporaneo d’impresa che garantisce di realizzare l’opera con 6.786.700,42 + iva . In rappresentanza del Consorzio era presente Paolo Turci (foto) che si concede ai cronisti, ma è di poche parole, il minimo indispensabile per dire che il lavoro che gli è stato attribuito lo sanno fare. Meno male. L’importo complessivo dei lavori sarà coperto per il 48 per cento dalla Regione Emilia-Romagna, il 28 per cento dalla Provincia di Rimini, dal 13 per cento dal Comune di Morciano di Romagna e l’11 per cento dal Comune di San Clemente. Un’opera pubblica con tutti i crismi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

 IL TRACCIATO PLANIMETRICO

La nuova bretella ubicata per la gran parte del tracciato nel Comuni di San Clemente e per un breve tratto, in quello di Morciano di Romagna, si sviluppa per complessivi 2.740 m circa, con l’opera di scavalcamento del fiume Conca di lunghezza complessiva di circa m 220. La strada ha inizio dalla S.P. n. 35 al Km 7+900 dove viene realizzata una rotatoria, piega verso nord-est e dopo un tratto di circa 380 m sovrappassa il rio Acqua Dolce per poi, dopo circa 120 m andare a svincolarsi mediante rotatoria con l’accesso all’opificio “Ceramica del Conca. Prosegue poi nella medesima direzione mantenendosi sulle aree degradanti verso il fiume a valle del nucleo di Cà Renzino, dove dopo circa 700 m  sovrappassa con un secondo manufatto il Rio Acqua Viola. Successivamente il tracciato piega leggermente verso Nord per andare a realizzare dopo 160 m l’intersezione a rotatoria con la via Maggio e dopo altri 410 m l’ intersezione sempre a rotatoria con la strada vicinale Pian del Vaglia, a ulteriore collegamento con la zona produttiva di San Clemente. Il tracciato prosegue poi in direzione sud est per altri 580 m circa, poi inizia l’opera di scavalcamento del fiume Conca, della lunghezza complessiva di circa m 220, sino a terminare, dopo circa 170 m con una rotatoria sulla S.P. n. 17 variante al Km 3+130, in Comune di Morciano di Romagna.

L’ITER AMMINISTRATIVO. La ricostruzione riguarda solo l’ultimo periodo. In realtà l’opera è stata concepita nel 2002. Se tutto va bene vedrà la luce nel 2013. Per quanto riguarda le lungaggini amministrative notare come solo tra  il primo parere favorevole della Sopraintendenza e la riconferma passino 3 anni.

  • Gennaio 2008 – Parere favorevole Sopraintendenza
  • Marzo 2008 – Conclusione conferenza dei servizi
  • Marzo 2008 – Approvazione in linea tecnica progetto definitivo
  • Maggio 2009 – Approvazione accordo Provincia- Comuni San Clemente e Morciano
  • Giugno 2010 – Approvazione esecutivo
  • Ottobre 2010 – Pubblicazione bando di gara
  • Dicembre 2010 – Termine scadenza presentazione offerta
  • Maggio 2011 – Termine Lavori della Commissione Tecnica (25 sedute)
  • Maggio 2011 – Aggiudicazione provvisoria
  • Agosto 2011 – Completamento verifiche Amministrative e congruità prezzi
  • Novembre 2011 – Ri-conferma parere Sovraintendenza
  • Dicembre 2011 – Aggiudicazione definitiva
  • Gennaio 2012 – Firma contratto
  • Marzo 2012 – Consegna lavori




DECORIAMO LA PASQUA

In occasione delle festività pasquali  le letture saranno proposte in due giornate: martedì 3 aprile (16.00-17.30) “Buona Pasqua Paolino!”, rivolto ai bambini dai 4 ai 6 anni. E’ la storia di Paolino e i suoi fratelli che vanno in giro per il bosco alla ricerca del famoso coniglio di Pasqua. Giovedì 5 aprile (16.00-17.30) “Il pulcino cosmico” di Gianni Rodari, rivolto ai bambini dai 7 ai 10 anni. E’ la storia di una insolita sorpresa che salta fuori dall’uovo di Pasqua in casa del professor Tibolla. Per ogni incontro la biblioteca potrà ospitare 8 partecipanti. L’Ingresso è gratuito ma la prenotazione è obbligatoria. Per informazioni: 0541 862421 oppure 0541 862446.




CRESCITA SOSTENIBILE, CONVEGNO

“La crescita sostenibile: un’ economia oltre il mito” è il titolo del convegno che si terrà martedì 3 aprile con inizio alle ore 15 nell’ambito degli appuntamenti di studio e approfondimento organizzati dalla Bocconi Alumni Association Area Rimini che da febbraio 2011 ha sede presso il Centro Congressi SGR. Tra i relatori Stefano Zamagni (Economista e ordinario presso l’Università di Bologna, Presidente dell’Agenzia per il terzo settore) ), Luca Fantacci (Docente assistant presso l’Università Bocconi e co-autore del libro “Fine della finanza”), Luciano Balbo (Presidente Oltre Venture) e un contributo video con Alessandro Fugnoli (Analista di Borsa e  autore del settimanale di strategia “Il Rosso e il Nero”). Reti di imprese locali, moneta locale, conciliazione vita lavoro, sono  i tre percorsi tematici che costituiscono la struttura portante del convegno. Il titolo dell’appuntamento “La crescita sostenibile: un’economia oltre il mito. Globalizzazione come parte del problema, economia locale come parte della soluzione?” annuncia  l’attualità e l’interesse dei temi trattati.




CATTOLICA, I NUMERI DELLA MANOVRA

Archiviata la tassa di soggiorno in qualche cassetto, il Comune di Cattolica ha approvato il Bilancio di previsione 2012 e quello pluriennale 2012/2014. Tra i principali provvedimenti l´istituzione dell´IMU con il relativo regolamento e l’addizionale Irpef allo 0.15% (300 mila euro entrata stimata). Nel Sociale la spesa complessiva che il Comune di Cattolica sosterrà nel 2012 è di 3 milioni 802 mila euro; tra queste assistenza sociale 1,11 milioni di euro, scuole materne 993 mila euro, Nido 748 mila. Per il settore Cultura e Teatri invece l´amministrazione comunale spenderà poco più di 1 milione di euro mentre al Turismo viene dedicato un´impostazione di bilancio che vincola 1 milione e 405 mila euro di risorse. Per quanto riguarda gli investimenti e lo sviluppo dell’economia della città, nel 2012 a disposizione ci saranno  3,7 milioni. Tra le opere più significative – ha ricordato il sindaco Piero Cecchini – 1,35 milioni andranno  per la realizzazione della scuola di via Irma Bandiera, 500 mila per le casse di espansione espansione e il dragaggio del Porto, 855 mila per l´ampliamento del cimitero e la messa in sicurezza di alcuni padiglioni, 202 mila per il rifacimento delle fognature e poi la riqualificazione di via Francesca da Rimini. Tra gli obiettivi della manovra anche la riduzione del debito. “In tal senso – ha ricordato il primo cittadino – il debito scenderà da 34,17 milioni a 33, 28 fino ai previsti 29,35 di fine mandato ovvero nel 2014. Si tratta di quasi 5 milioni di euro in 5 anni, senza rinunciare agli investimenti”. Per quanto riguarda l’Imu l’emtrata prevista è stimata in 6,050 milioni. Quella sulle prime case è stata fissata allo 0.4%, Imu secondaria su terreni agricoli e su case ad uso gratuito a genitori o figli allo 0.76%, Imu secondaria su seconde case e altri immobili allo 0.89% e un Imu secondaria su seconde case sfitte all´1.06%.

L’ULTIMO CONSIGLIO COMUNALE (VAI ALLA NOTIZIA)




RICCIONE, CONTI FATTI

Imu. La pagheranno tutti con le debite differenze. Si va dal 10,6 per mille dei proprietari di alberghi, seconde case e aree fabbricabili al  2 per mille di chi possiede fabbricati strumentali all’attività d’impresa agricola. Il Sindaco, Massimo Pironi, e l’assessore al Bilancio, Ilia Varo, (foto) hanno commentato (evidentemente) con soddisfazione l’approvazione da parte del Consiglio comunale del Bilancio d’esercizio per l’anno 2012, avvenuta nel corso della seduta di ieri, giovedì 29 marzo 2012. Queste le dichiarazioni dei diretti interessati.“E’ un bilancio che ha usato la leva fiscale con equità e rigore, senza sacrificare le esigenze dello sviluppo – hanno detto. – Non ci siamo sottratti alle necessità imposte ai comuni da una situazione economica difficile, che sottopone le famiglie a duri sacrifici”. Inoltre assicurano che “non è stato fatto alcun passo indietro” sul livello dei servizi in particolare rispetto a quelli rivolti alla persona. Anzi.  “E’ stato creato un fondo aggiuntivo di 30 mila euro per il sostegno ai disabili e alle loro famiglie, un fondo anti-crisi per andare incontro alle necessità di chi ha perso il lavoro o è in cassa integrazione, triplicato il fondo di garanzie per il credito bancario alle imprese”. Il bilancio – dichiara la nota – è stato discusso e approvato da tutte le organizzazioni sindacali.

IMU 2012: aliquote, detrazioni, agevolazioni.

  • Abitazione principale e relative pertinenze : 4,0 per mille, detrazione  200 euro. In detrazione, inoltre: euro 50 per ogni figlio, fino all’età di 26 anni, anche se non a carico.
  • Abitazione e relative pertinenze possedute da pensionato o disabile avente dimora residenza anagrafica e ricoverato permanentemente in istituti di ricovero o sanitari a condizione che le stesse non risultino locate: 4,0 per mille, detrazione  200 euro.
  • Fabbricati strumentali all’attività d’impresa agricola : 2,0 per mille
  • Locati a canone concordato e comodato parenti 1° grado, unità abitative ex art. 13 comma 9 bis D.L.201/2011 (imprese costruttrici e immobili invenduti entro tre anni dalla data di ultimazione): 7,6 per mille.
  • Immobili non produttivi di reddito fondiario ai sensi dell’articolo 43 del testo unico di cui al D.P.R. n. 917/86, o posseduti dai soggetti passivi dell’imposta IRES classificati nelle seguenti categorie catastali: C1,C2,C4, C3,D7,D1,D3,D6 immobili commerciali e produttivi-artigianali, in genere: 7,6 per mille.
  • Immobili non produttivi di reddito fondiario ai sensi dell’articolo 43 del testo unico di cui al D.P.R. n. 917/86, o posseduti dai soggetti passivi dell’imposta IRES classificati nelle seguenti categorie catastali  D8 (immobili commerciali oltre 300 mq.) – terreni agricoli: 8,6 per mille.
  • Locati abitazione principale (a canone non concordato): 8,6 per mille.
    Tutti gli immobili non rientranti nelle categorie precedenti (alberghi, seconde case e aree fabbricabili): 10,6 per mille.



TEATRO, STASERA NON ESCORT

Le amiche attrici.

Sabato 31 marzo 2012 al Teatro della Regina di Cattolica Terru Chegia presenta “Stasera non escort”. Partendo dal presupposto che per una donna contemporanea l’unico lavoro sicuro e ben remunerato sembra essere quello della escort, le attrici posano il loro sguardo impietoso sulle disparità tra i sessi, nella sessualità, nell’immagine offerta dai media, nel mondo del lavoro. Un mondo, quello della società di oggi, talmente assurdo e paradossale da fornire un’infinità di spunti comici, sebbene di fronte alla desolazione di certi scenari il riso si faccia a volte amaro. Le attrici si alterneranno sulla scena tra monologhi e canzoni, dissertando in modo comico sulla realtà contemporanea, soffermandosi su temi cari al mondo femminile: dall’autostima all’incomunicabilità tra i sessi, dalle fiabe alla pubblicità, presentando al pubblico personaggi esilaranti quali: la signora Varagnolo (la desperate housewife di Pinerolo), l’antropologa esperta in escort, la cantante di liscio Daccela e le velone. Quattro straordinarie attrici disposte a tutto pur di demistificare a colpi di risate i luoghi comuni sul mondo delle donne. Spettacolo comico con: Margherita Antonelli, Alessandra Faiella, Rita Pelusio, Claudia Penon. La regia è di Marco Rampoldi. Responsabile drammaturgica Marianna Stefanucci. Canzoni originali di Rita Pelusio con la collaborazione di Luca Domenicali. Aiuto regia Paola Ornati. Inizio spettacolo ore 21.15. Biglietteria presso Teatro della Regina tel. 0541-966636 aperta dalle ore 15.30-19.30 il giovedì, il venerdì e nei giorni di spettacolo, e nella giornata del sabato dalle ore 10.00-13.00.




LIBRI, “LA VITA ACCANTO”

Mariapia Veladiano sarà a Rimini sabato 31 marzo per presentare alle ore 17 presso la sala del Settecento della Biblioteca di Rimini il suo romanzo “La vita accanto” (Einaudi, 2011). Si tratta di uno dei libri più prestati nel 2011 dalla Biblioteca Gambalunga e adottato da uno dei suoi gruppi di lettura. Già premiato con il Calvino 2010, l´esordio di Mariapia Veladiano ha sedotto decine di migliaia di lettori, tra cui il regista Marco Bellocchio, che ha acquistato i diritti del libro per realizzarne una versione cinematografica. La vita accanto  racconta  la storia di una donna abituata a “esistere sempre in punta di piedi, sul ciglio estremo del mondo. Rebecca è nata irreparabilmente brutta. Sua madre dopo il parto non l’ha mai presa in braccio e si è sigillata in se stessa. Suo padre ha lasciato che accadesse. A prendersi cura di lei, la bella e impetuosa zia Erminia, il cui affetto nasconde però qualcosa di tremendo. E la tata Maddalena, saggia e piangente, che la ama con la forza di un bisogno. Ma Rebecca ha mani perfette e talento per il pianoforte. L’incontro con la «vecchia signora» De Lellis, celebre musicista da anni isolata in casa, offre a Rebecca uno sguardo nuovo sulla storia di dolore che segna la sua famiglia, ma anche la grazia di una vita possibile. La vita accanto racconta l´angustia a cui l´idea di normalità rinchiusa in canoni angusti spesso conduce, la crudeltà della natura, la fragilità che può diventare odio, la potenza della passione e del talento.




RIMINI STATISTICHE DEMOGRAFICHE

Nei giorni scorsi due giornate hanno immortalato “Rimini”; martedì la presentazione del “Report demografico” e, ieri pomeriggio, il Rapporto sull’Economia. Due strumenti preziosissimi per leggere la realtà locale. Partiamo dal primo, al secondo dedicheremo nei prossimi giorni uno speciale commentato.

Il bilancio demografico. La popolazione residente nella provincia di Rimini al 1° gennaio 2012 è di 332.071 residenti (48,3% maschi e 51,7% femmine) con una crescita rispetto all’anno precedente, di 2.827 unità (+0,9%) dovuto alla sola componente migratoria; senza il saldo naturale sarebbe stato negativo: +95 masci, – 129 donne uguale 34 persone in meno su questo lembo di terra. Il saldo naturale torna a segnare valori negativi dopo anni di ripresa. Il 2011 rispetto al 2010 ha visto registrare 230 nascite in meno e 59 decessi in più. In calo sia le nascite italiane (-7%) che straniere (-6,6%). Le famiglie residenti complessive sono 141.288 con un incremento di 1.894 (+1,4%) rispetto all’anno precedente. Tra i comuni con incremento superiore a quello medio provinciale spiccano in particolare San Clemente (+4,8%), Montecolombo (+4,5%), Saludecio (+3%) e Montescudo (+2,7%). Il 75% dei cittadini stranieri residenti si concentra nei 5 comuni di costa (un 58% solo nei comuni di Rimini e Riccione). 4,4% nei territori dell’Alta Valmarecchia. Sul totale dei Paesi Esteri rappresentati sul territorio provinciale: gli Albanesi, pur facendo registrare una riduzione del loro peso percentuale, restano ancora il gruppo più numeroso 23,7%, seguiti dai Rumeni 14,3%, Ucraini 11,3%, Marocchini 5,6% e Cinesi 5,8%. I residenti con 65 anni o più sono 69.297 (43,2% maschi e 56,8% femmine). I residenti con 75 anni o più sono 34.878 (39,3% maschi e 60,7% femmine). I residenti con 80 anni o più sono 21.214 (36,2% maschi e 63,8% femmine). Complessivamente i senior (65 anni e oltre) rappresentano il 20,9% della popolazione residente complessiva, mentre gli anziani con 75 anni e oltre il 10,5% e gli 80 anni e oltre il 6,4%. Tra le “curiosità” Saludecio, che supera la soglia dei 3.000 abitanti e passa nella fascia demografica successiva. Al 1° gennaio 2012 le persone più anziane residenti sul territorio provinciale sono 2 ed hanno 105 anni compiuti, sono entrambe femmine e risiedono rispettivamente nei comuni di Santarcangelo di Romagna e Novafeltria. Il Report demografico è realizzato dall’Ufficio Statistica della Provincia di Rimini. Progettazione e coordinamento: Rossella Salvi. Elaborazione dati: Cristina Biondi.

Immagini dell' Ufficio Statistica della Provincia di Rimini.

 

 

 

 

 




TURISMO, AVANZO DI RISORSE

Il presidente dell´Agenzia Fabio Galli.

Un segno “+” di questi tempi non guasta. E’ stato approvato ieri martedì 27 marzo dal Consiglio d´Amministrazione dell´Istituzione provinciale “Agenzia  marketing turistico Riviera di Rimini” il consuntivo annuale 2011 delle attività. Dai dati trasmessi risulta che la gestione 2011 si è chiusa con un avanzo finanziario di euro 68.692,00. Tale somma – dichiarano dalla Provincia – verrà utilizzata e reinvestita sulle attività che verranno poste in essere dall´Agenzia nel corso del 2012. Nel dettaglio l´investimento di spesa complessivamente attivato nel corso del 2011 è stato pari ad 1.690.405,64. Risorse utilizzate – dice la nota stampa – prevalentemente sui settori individuati come prioritari per la competitività in chiave turistica del nostro sistema: internazionalizzazione della Riviera di Rimini per complessivi 560 mila euro (33,1% dell´investimento totale) e sostegno ai grandi eventi del territorio (Moto GP, La Notte Rosa, grandi eventi dei comuni e dei privati) per 754 mila euro (44,6% del budget totale). Con riferimento al turismo culturale e al nuovo prodotto turistico Malatesta&Montefeltro, l´investimento sostenuto è stato pari a 166 mila euro (9,8% del totale). Dal punto di vista delle risorse, le entrate complessive sono state pari ad 1.759.097,66 di cui 1.361.900,59 proveniente dalla Provincia di Rimini (77,4% del totale), 51 mila dalla Regione Emilia Romagna (2,9%), e 314 mila da altri soggetti pubblici e da sponsor privati.




CORIANO, NUOVA LISTA CIVICA

Un bel nome. Si chiamerà Risanamento e Rinnovamento la lista civica promossa dal Partito democratico in vista delle prossime elezioni amministrative del 6-7 maggio 2012. Lunedì scorso, con l’esame dei servizi alla persona, la lista ha elaborato il terzo filone programmatico che completa la preparazione del programma elettorale. L’impegno di Risanamento e Rinnovamento – si legge nella nota stampa – è particolarmente rivolto a garantire la qualità del sistema, recuperando – dopo aver risanato il bilancio del Comune – un’attenzione al corretto funzionamento dei servizi scolastici e alle situazioni di disagio e disabilità, che spesso non riescono ad ottenere il giusto supporto. Tra i vari temi “un capitolo approfondito” è stato relativo al consistente patrimonio di strutture e soggetti che producono cultura. In generale Risanamento e Rinnovamento è “fermamente convinta” che la nuova amministrazione dovrà, da una parte, partecipare a tutti i bandi più attentamente e con una forte progettualità, per attirare a Coriano risorse dall’esterno, nonché per compensare il ruolo di supplenza che la città svolge verso altri comuni nel garantire servizi sociali e scolastici. Dall’altra parte l’amministrazione dovrà impegnarsi a coinvolgere tutti i cittadini disponibili al volontariato, anche istituendo l’Albo dei volontari, per gestire strutture come il Museo, per numerose attività che potranno trovare spazi ed espressione nel Teatro, o per nuove forme di assistenza agli anziani che altrimenti difficilmente potrebbero essere realizzate.