DANNI INCALCOLABILI

L'incontro di questa mattina in sala consiliare (Foto Provincia di Rimini)

Il primo dato emerso questa mattina nella sala del Consiglio della Provincia di Rimini in Conferenza dei Sindaci per fare il punto della situazione sui danni subiti a causa del maltempo, riguarda i 4 milioni di euro spesi solo per “l’emergenza viva”. Ma sembrano davvero “noccioline” rispetto a quelli che servirebbero per la ricostruzione e i danni. Definiti, dal presidente della provincia di Rimini, Stefano Vitali, “ingentissimi” e pari a 60 milioni di euro. Se rispetto ai primi Vitali ritiene di avere ricevuto “gratificanti rassicurazioni” dal presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani, lo stesso non ha potuto dire per la seconda cifra necessaria al ripristino della situazione pre-calamità. “Al momento – ha detto il  presidente Vitali – non è ancora possibile stilare una quantificazione completa dei danni, perché molti si vedranno al procedere dello scioglimento della neve. Per dare però l’idea dell’enormità dei danni basti pensare che dalle Associazioni di Categoria ho ricevuto una prima quantificazione, per quanto riguarda i soli danni infrastrutturali, di 40 milioni di euro. Non credo che alla fine i danni materiali sulla rete stradale e sugli edifici pubblici e privati si scosteranno di molto da questa cifra. Il totale è dunque enorme, supera abbondantemente i 60 milioni di euro, ed è un peso che non possiamo affrontare da soli, per questo non lasceremo intentata alcuna strada, come quella di chiedere almeno una deroga al patto di stabilità. Vi chiedo dunque di lavorare insieme, uniti, per fare pressione sulla Regione e sul Governo, coinvolgendo anche i nostri vicini di Pesaro- Urbino e Forlì-Cesena”.

Si sono poi susseguiti i vari interventi dei Sindaci. Per Mario Fortini di Casteldelci “si è lavorato bene, con l’aiuto di tutti, Provincia e Regione, a cui vanno i miei ringraziamenti. Il mio auspicio è che riuscissimo a lavorare tutti e 27 i comuni su una piattaforma comune con la partecipazione comune di tutte le forze politiche, senza distinzione alcune”. Sulla stessa linea il Sindaco di Verucchio Giorgio Pruccoli che, anche a nome dell’Unione Valle del Marecchia, propone “uno stesso ordine del giorno, condiviso, da far votare a tutti i Comuni. Questo ci darebbe più forza anche in sede di contrattazione istituzionale con Regione e Governo. Tra le priorità ci sentiamo di indicare il pieno ripristino dei centri storici che, per loro stessa conformità, sono ancora bisognosi di interventi. Quello delle infrastrutture di rete è un problema esistente già prima dell’emergenza, sul quale è ora necessario intervenire”. I Sindaci di Novafeltria, Lorenzo Marani, e di Maiolo, Marcello Fattori, hanno posto fra le priorità la “sburocratizzazione per gli interventi di prima necessità, come lo smaltimento dell’amianto presente nei capannoni crollati”. Il Sindaco di Cattolica, Piero Cecchini, ha posto l’attenzione sui “problemi a valle dell’emergenza, dove all’affluenza dei fiumi si sta registrando un preoccupamente accumolo di sabbie e detriti che stanno mettendo in seria difficoltà le attività di marineria, con barche ed equipaggi costretti a terra”. Sulla stessa linea anche gli altri comuni costieri che, come quello di Misano Adriatico, hanno registrato anche il correlato problema dell’erosione della costa. I Sindaci di Montefiore Conca, Vallì Cipriani, e di Gemmano, Edda Negri, hanno invece posto l’attenzione sulla viabilità, chiedendo una modalità di intervento quanto più possibile partecipativa e strutturale.




POESIA PREMIO PASCOLI 2012

Il Premio Pascoli di Poesia, inusuale e prestigioso, è giunto alla sua dodicesima edizione e quest’anno si prevede un’edizione decisamente straordinaria perchè ricorre anche il Centenario della morte del poeta sanmaurese.Tante le iniziative previste in suo onore. Il 24 marzo alle ore 11:00 presso il Museo Casa Pascoli verrà inaugurata una mostra che ha come tema l’omicidio del padre, Ruggero Pascoli, amministratore della Tenuta Torlonia: un insieme di documenti e immagini d’archivio che vogliono ripercorrere quel drammatico evento avvenuto il 10 agosto del 1867 e che hatanto influì sul percorso poetico del Pascoli. A tal proposito, proprio il 10 agosto ci sarà il tradizionale appuntamento a Villa Torlonia con il Processo che sarà appunto a lui dedicato. La data esatta del Centenario ricorre invece il 6 aprile e questa sarà una giornata davvero ricca di eventi. Per gli appassionati della filatelia, proprio in questo giorno verrà emesso un francobollo commemorativo del poeta con annullo presso l’Ufficio postale di San Mauro Pascoli nella mattinata oppure presso la Casa Pascoli nel pomeriggio, mentre nella Repubblica di San Marino verrà coniata una moneta in argento da 5,00 euro. Nella stessa giornata verrà inserita una miniatura fedele della Casa Pascoli all’interno del parco “Italia in Miniatura” a Viserba, la prima di un poeta inserita all’interno del parco (oltre alla tomba di Dante). A tal proposito ci saranno delle promozioni reciproche per i visitatori: il Museo Casa Pascoli offrirà uno sconto sulle visite guidate a tutti coloro che si presenterrano con il biglietto di ingresso di Italia in Miniatura e viceversa, chi è stato a visitare la Casa del poeta, col biglietto di ingresso ha diritto ad una riduzione per visitare il parco tematico.

La Piazza on line, che esprime “vicinanza” all’evento chenasce appena fuori dalla nostra provincia, pubblica il testo integrale del regolamento. Il termine ultimo di partecipazione fissato per il 30 aprile 2012. La partecipazione al concorso è gratuita e la premiazione avverrà a settembre nel corso di una serata pubblica. Due le sezioni del premio, in lingua e dialetto (con testo italiano a fronte) e per opere edite non prima del 1 maggio 2011. La sezione in lingua, promossa dalla Banca Romagna Est, consta del valore di 2.500 euro, quella in dialetto, promossa dalla Provincia di Forlì-Cesena, sempre del valore di 2.500 euro. A queste si aggiunge un premio internazionale alla carriera di 5.000 euro a discrezione della giuria. La giuria che vaglierà i lavori è composta da cinque esperti e studiosi di letteratura: Andrea Battistini (Università di Bologna, presidente della giuria e dell’Accademia Pascoliana), Franco Brevini (Università di Bergamo e Milano), Gualtiero De Santi (università di Urbino), Gianfranco Miro Gori (saggista, poeta), Piero Meldini (scrittore). Nell’ultima edizione il Premio Pascoli è stato assegnato nella sezione in lingua italiana a Milo De Angelis con il volume “Quell’andarsene nel buio dei cortili” (Mondadori, 2010), nella sezione in dialetto a Alfredo Panetta nella sezione dialettale con la pubblicazione “Na folia nt’è falacchi” (Edizioni Cfr, 2011).

Nell’ultima edizione il Premio Pascoli è stato assegnato nella sezione in lingua italiana a Milo De Angelis con il volume “Quell’andarsene nel buio dei cortili” (Mondadori, 2010), nella sezione in dialetto a Alfredo Panetta nella sezione dialettale con la pubblicazione “Na folia nt’è falacchi” (Edizioni Cfr, 2011). Il Premio Pascoli di Poesia è promosso da Sammauroindustria, l’associazione pubblico-privato che raggruppa i principali imprenditori (calzaturieri e non solo) di San Mauro Pascoli.

Il testo della poesia di Alfredo Panetta, vincitore nella sezione in dialetto del Premio Pascoli 2011 con “Na folia nt’è falacchi”

 

IL REGOLAMENTO (Testo integrale tratto da www.sammauroindustria.com)

L’associazione Sammauroindustria bandisce:
– Un premio nazionale ad una raccolta edita di poesia in lingua di E 2.500 (duemilacinquecento).
– Un premio nazionale ad una raccolta edita di poesia in dialetto di E 2.500 (duemilacinquecento).
– Si riserva di conferire un premio internazionale alla carriera di E 5.000 (cinquemila), quando ne ravvisi l’opportunità.
– Si concorre con testi editi in data non anteriore al 1 maggio 2011, da inviare in n. 6 (sei) copie, una per ogni
componente la giuria e per l’archivio del premio.
– Le raccolte, in uno dei dialetti d’Italia, devono essere corredate da traduzione in lingua.
– Le opere concorrenti dovranno essere inviate alla segreteria del premio (Associazione Sammauroindustria
c/o Biblioteca comunale, piazza Mazzini 7 – 47030 San Mauro Pascoli) corredate dalla scheda di iscrizione
recante le generalità complete, l’indirizzo e il recapito telefonico degli autori, entro il 30 Aprile 2012. Non saranno accolte opere presentate oltre tale data. Farà fede la data del timbro postale.
– I partecipanti autorizzano l’utilizzo dei dati personali ai sensi della legge 675/96.
– I testi inviati non saranno restituiti.
– La premiazione, che prevede la presenza obbligatoria del vincitore, avverrà a San Mauro Pascoli, con modalità
che saranno successivamente comunicate agli interessati.
– La giuria è così composta: Andrea Battistini (presidente), Franco Brevini, Gualtiero De Santi, Gianfranco Miro Gori e Piero Meldini.
– La partecipazione al concorso è gratuita ed implica la piena accettazione delle norme sopra indicate.




SANITA’, NUOVI NUMERI

Da giovedì 1° marzo sono attivi nuovi numeri per la prenotazione di visite ed esami specialistici. Oltre a quello del Cuptel 0541.774629 si affianca il numero verde gratuito per le chiamate da numero fisso 800.158.866. Inoltre, per la prenotazione delle prestazioni di specialistica ambulatoriale in libera professione, lo 0541.1788010.

L’azienda Usl di Rimini ricorda che il 15 per cento circa delle prestazioni ambulatoriali, regolarmente prenotate, non vengono poi fruite e neppure disdette. Un malcostume che costa non solo in termini economici ma anche con un impatto diretto sulle liste di attesa. Per cercare di limitare le conseguenze di questa situazione, l’Azienda ha messo in campo due modalità: l’overbooking ed il recall telefonico. La prima consiste nel prenotare, un numero di pazienti leggermente più alto rispetto alle prestazioni previste in una sessione di lavoro, in modo da non sprecare visite o esami qualora alcuni pazienti non si presentino, e da non provocare comunque ritardi eccessivi qualora (ma il caso è raro) si presentino tutti. Il recall telefonico consiste invece in un messaggio registrato che raggiunge l’utente, richiedendo la conferma dell’appuntamento preso. L’eventuale disdetta consente di recuperare il posto per un altro paziente. Tale modalità, introdotta per ora solo per alcune prestazioni, ha consentito di recuperarne un 4 per cento. E’ al vaglio l’ampliamento del recall anche ad altre prestazioni. La modalità migliore – ricorda l’Ausl – per evitare tali disguidi sarebbe comunque che l’utente telefonasse per disdire la prestazione qualora non intenda più usufruirne. Basta meno di un minuto ed ora, col numero verde, è anche gratis.




PROFESSIONAL DAY

Tutti i professionisti d’Italia collegati. Per i 7 mila riminesi iscritti ai vari ordini nella Provincia di Rimini, l’appuntamento è per giovedì 1° marzo a presso la Sala convegni della Banca Valmarecchia in via Marecchiese 227 dove, in videoconferenza da Roma, si potranno seguire i lavori dell’assemblea nazionale sulla riforma del sistema ordinistico. L’incontro potrà essere seguito anche in diretta televisiva sul canale Sky 507 e sul sito www.corriere.tv. Il dibattito verterà sul tema “Dai professionisti italiani una proposta per il rilancio del Paese” e all’Auditorium modererà i vari contributi la giornalista Rai Tiziana Ferrario. Interverranno i Presidenti degli Ordini e Collegi Professionali e i Presidenti delle Casse di Previdenza dei Professionisti, oltre a Ferruccio De Bortoli, direttore del Corriere della Sera, e Paolo Panerai, direttore di Italia Oggi. Interventi e interviste dalle sedi collegate e in sala saranno a cura di Isidoro Trovato, Corriere della Sera, e Ignazio Marino di Italia Oggi. Sono stati invitati a partecipare: Renato Schifani, Gianfranco Fini, Mario Monti, Paola Severino, Corrado Passera, Antonio Catricalà, Vittorio Grilli, Angelino Alfano, Pierluigi Bersani, Italo Bocchino, Pierferdinando Casini, Antonio Di Pietro, Mario Staderini, Nichi Vendola.

GLI ORDINI E IL NUMERO DEGLI ISCRITTI

– Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Rimini n. 708
– Ordine dei Consulenti del Lavoro di Rimini n. 151
– Ordine degli Architetti, P.P.C. della Provincia di  Rimini n. 768
– Ordine degli Ingegneri della Provincia di Rimini n. 1.098
– Consiglio Notarile Distretti Riuniti Forlì – Rimini n. 54
– Ordine degli Avvocati di Rimini n. 1.079
– Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Rimini n. 1.904
– Collegio dei Geometri e Geometri Laureati della   Provincia di Rimini n. 871
– Collegio dei Periti Industriali e dei Periti  Industriali Laureati della Provincia di Rimini n. 331
– Collegio Provinciale dei Periti Agrari e dei Periti Agrari Laureati di Rimini n. 92