Segretario Pd, uomini sull’orlo di una crisi di nervi

image_pdfimage_print

– Segretario Pd, scene di famiglia sull’orlo di una crisi di nervi. Si potrebbe parafrasare così l’infuocato giugno (nonostante la temperatura autunnale), lo scontro interno al partito. Nella bacheca della sede in via Amici campeggiavano due manifesti con la scritta: “Il Pd c’è!”. Un po’ sullo stile “Per fortuna che Silvio c’è!” del Pdl, o delle vecchie scritte che si leggevano sotto i cavalcavia dell’autostrada, “Dio c’è”. Si diceva ad opera dei Testimoni di Geova. Insomma, ancora un Pd tutto intento a contemplare il proprio ombelico, spacciandolo, come dice Jovanotti nella canzone, per l’ombelico del mondo…
Ricostruiamo l’evento attraverso la lettura dei titoli dei quotidiani locali: “Cento tessere in più per il Pd: sono gli avversari del sindaco”. E già qui ci sono le prime inquietanti avvisaglie per il gruppo Tamanti & Gabellini.
Un passo indietro: dopo l’affermazione del candidato Marco Tamanti nelle primarie e la successiva vittoria elettorale, questo gruppo, come si usa dire, non fece prigionieri. Insomma, fece man bassa di poltrone e incarichi, asseragliandosi in Comune e nel partito. I cosiddetti dissidenti furono dispersi ed emarginati. Ma… la sete di vendetta covava…
“Pd, volano stracci e insulti alla riunione per la segreteria” -“Pd, la guerra dei quattro candidati” – “Il dibattito tradisce le divisioni interne del Pd sulla segreteria”. Spuntano allora quattro candidati: due tamantiani (Mirko Ferrara, alias al giovne antìgh e Franco Tura, alias l’antìgh cal fa al giovne) e due ‘antitamantiani’ (Andrea Parma, alias al dutor di matt e Giuseppe Prioli, alias l’uomo che sussurrava alle cozze).
“La notte del Pd: è guerra tra Prioli e Tura” – “Fuori i giovani, largo ai vecchi. Parma e Ferrara rinunciano alla corsa per la segreteria Pd. Restano le ‘cariatidi’ Franco Tura e Giuseppe Prioli”.
Dunque, vista la determinazione e la moltiplicazione delle tessere dei cosiddetti dissidenti, Mirko Ferrara abbandona per Franco Tura (va avènti té che ma mé um scapa da rid). Anche il giovane Andrea Parma, visto le tensioni e le gravi lacerazioni interne al partito, lascia a favore del sempre fedele al partito a prescindere, Giuseppe Prioli.
“Prioli vince la corsa alla segreteria. Alle urne sconfigge Franco Tura con 124 voti contro 54. Una elezione preceduta da baruffe e litigi” – “Segreteria Pd, vince Giuseppe Prioli: la corrente Tamanti finisce all’angolo”
Il match se lo aggiudica Giuseppe Prioli che stravince su Franco Tura e coglie subito l’occasione per mandare un messaggino: “Prioli: l’amministrazione è insicura e questo la rende un po’ debole”.
L’ala dei don Biagio boys si sente spiazzata, anche perché un centinaio di iscritti, quasi tutti tamantiani, non sono andati a votare. Una persona normale farebbe subito una riflessione autocritica: sarà l’effetto negativo di una giunta Tamanti ormai impresentabile agli occhi dei cittadini. Ma c’è chi la vede diversamente: “Astorre Mancini: una vera restaurazione. Io non sono l’uomo per tutte le stagioni . Votazione scorretta e irregolare che Venturi non ha gestito”.
Contro Mancini si levano alcune voci: “Andrea Venturi: Mancini non sa perdere” – “Pietro Pazzaglini: le parole di Mancini mi sembrano da vecchio marpione della politica”.
Arrivano altri segnali poco concilianti dai cosiddetti dissidenti, che ormai dovrebbero essere considerati ex, visto che ora hanno in mano il partito e possono cuocere a fuoco lento Tamanti, la sua giunta e i suoi consiglieri di maggioranza.
“Nuovo corso del Pd: via tre assessori. Sulla graticola Gerboni, Palmacci e Angelini. Tura denuncia irregolarità nella votazione” – “Con l’arrivo di Prioli l’incubo rimpasto”.
Il sindaco Tamanti accenna una timida difesa della sua giunta, ma sa che dovrà, forse, passare mesi di fibrillazione. Il partito Pd vuole contare molto di più sulle scelte dell’amministrazione. E poi ci sono troppi assessori che i pèr di pèss tal pajèr. Senza dimenticare quel sesto assessore da nominare…
“Tamanti difende i suoi assessori che rischiano il posto”.
E il nuovo segretario che fa? Lo sta aiutando l’estate, perché l’attività politica si attenua. Ma non è dello stesso avviso la città con i suoi cittadini (e turisti), che invece avrebbe bisogno più impegno e idee da parte di chi governa.
“Prioli esclude ‘ribaltoni’ nella giunta. Tamanti frena”.
Va a finire che per il bene della giunta e del partito (il tutto spacciato ovviamente come per il bene della città), si crei una sorta di immobilismo (un tira a campè), appesantito da compromessi e cazzeggiamenti vari.
Al dgiva Pacasòn: u n’amaza più li patachèdie che la spèda…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni