Compito in classe di dialetto: dall’aquadécìa… alla zlaja

image_pdfimage_print

Ha chiuso il campo femminile con la parola “zlaja”, sconosciuta anche ad Egidio Serafini, un 65enne cultore del dialetto. Significato: donna di facili costumi, sporca, laida.

La pennellata è una delle tante che deliziano chi legge “Dall’aquadécìa… alla zlaja”, l’ultimo lavoro di Giuseppe Lo Magro, autore prolifico, nonché presidente della Famija Arciunesa. Sottotitolo del libro: “Compito in classe di dialetto. Scrivi correttamente le parole che conosci”. In tutto 64 pagine illustrate con maestria da Luciano Liuzzi (meglio conosciuto come Izzul). Il volumetto è un’altra perla da aggiungere ai tanti sulla storia di Riccione pubblicati grazie alla sensibilità dell’associazione che cerca di dare orgoglio e radici alla riccionesità”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

TWITTER

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni