SAPORI E COLORI DEL NOSTRO DIALETTO di A.F.

image_pdfimage_print

– (2) La era bèla la vita dal gradass: magna, bév e andè spass. Adèss che l’è cambiè musica, la s’è fata grisa (difficile) anche par lu
– (3) Us fèva un brèv (stimarsi). Al cridéva d’avé fatt un gran ciap. Invece conta conta l’era cume la castagna: bèla ad fora e drénta sla magagna (marcia)
– (4) O fiol d’na bona dona! Se t’mi ven a tir ad dagh ‘na ciavatèda. T’m’è fatt spudé i palmun pri ciamèt. Perché an t’arspundiv?
– (5) A péns ma la su moj. Cum l’ha fatta a to un sandron i sé, cal sarnocia (russare) anche quand l’è svégg
– (6) Ad punt in biènch (improvvisamente) l’ha lass pètne e cass, e nun s’un pèlme ad nès a sin armast tutt ad sass

– (1) Mi domando se c’è tutta. Non vedi, è grande e grossa e ancora si trastulla con la bambola. Giuclona: ragazzona un po’ immatura
– (2) Era bella la vita del gradasso: mangiare, bere e andare a spasso. Adesso che è cambiata musica, si è fatta difficile anche per lui
– (3) Si faceva una stima. Credeva di avere fatto una grande conquista. Invece conta e conta era come la castagna: bella di fuori e fradicia dentro
– (4) O figlio di una buona donna! Se mi vieni a tiro ti do una ciabattata. Mi hai fatto sputare i polmoni per chiamarti. Perché non rispondevi?
– (5) Penso a sua moglie. Come ha fatto a prendere un sandrone così, che russa anche quando è sveglio
– (6) Improvvisamente ha mollato le redini della situazione, e noi con un palmo di naso siamo rimasti tutti di sasso. Pètne e cass: parti importanti del telaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

TWITTER

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni