SAPORI E COLORI DEL NOSTRO DIALETTO di A.F.

image_pdfimage_print

– (2) A simie ardutt a la cana (alla fine), ma quand t’è l’acqua ma la gola t’impèr enca a nudè, e s’un chèlz tal cul e du pass avènti, a sin arvat in port
– (3) Nu lasa la borsa sora cla scarana (sedia), chè in s’fa al nome del padre pri tola su
– (4) Che u t’avnéss un aciflént ma té e chi t’ha badzè; cus t’créd che i baoch is trova longa li sév (siepi)?
– (5) Roba d’arvanzè tinch i lé, u m’era andè al cor sota li schèrpie, tutt perché invece dla dmènga aveva capì lundé
– (6) Basta da sfurgatlè (sfruculiare) ma cal nès, t l’è bèla ardutt un pivaron!

– (1) Sarà anche un ingordo, ma quando la fame dice davvero, uno inghiotte foglie e tralci di vite
– (2) Eravamo ridotti alla fine, ma quando tu hai l’acqua alla gola impari anche a nuotare, e con un calcio nel sedere e due passi in avanti, siamo arrivati in porto
– (3) Non lasciare la borsa sopra quella sedia, perché non fanno il nome del padre per tirarla su
– (4) Che ti venisse un accidente a te e a chi ti ha battezzato; cosa credi che i soldi si trovino lungo le siepi?
– (5) Roba da rimanere stecchiti, mi era andato il cuore sotto le scarpe, tutto perché invece della domenica avevo capito lunedì
– (6) Basta di sfruculiare in quel naso, l’hai ridotto come un peperone!

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni