SAPORI E COLORI DEL NOSTRO DIALETTO di A.F.

image_pdfimage_print

– (2) “Quel ch’ho tal cor a l’ho tla boca” – “Ecco perché t’è sempre la boca margiosa (amara)”…
– (3) Fam ‘na zula! T’zé un bèl lavativ. O j ov o i pciun, an t’zé mai in pèr sa nisun
– (4) Guèrda che la mi pazénza l’an va tènt dalongh. La pgnata la è già in bulòr e ormai la vonta (trabocca)…
– (5) ‘Na maténa che sgumbrun (ingordi)! J’ha fatt prova da pulì al mél. Un gni vo tènt déda pri cuntè quant in ha lass: al basta al nès, a voj dì che un è rmast sno un
– (6) Che sonn! Se ai la facc a ciapè un bèch ad lanzol, an ho bsogn che i m’arconta la fola ad Garlén d Pevara pri indurmantèm

– (1) Non lo sapevo che c’era della ruggine tra loro due. Adesso capisco perché diceva che lei è gustosa come il fumo negli occhi
– (2) “Quello che ho nel cuore ce l’ho in bocca” – “Ecco perché hai sempre la bocca amara”…
– (3) Quanto la fai lunga! Sei un bel lavativo. O le uova o i picioni, non sei mai in pari con nessuno
– (4) Guarda che la mia pazienza non va tanto lontano. La pentola è già in bollore e ormai trabocca…
– (5) Accidenti che ingordi! Hanno pulito tutto. Non ci vogliono tante dita per contare quante ne hanno lasciati: basta il naso, voglio dire che ne rimasto solo uno
– (6) Che sonno! Se ce la faccio a prendere un lembo di lenzuolo, non ho bisogno che mi raccontino la favola di Granellino di Pepe per addormentarmi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SEGNALA




Privacy*

FACEBOOK

La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
© 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
Web Marketing Rimini
Condivisioni