SAPORI E COLORI DEL NOSTRO DIALETTO di A.F.

image_pdfimage_print

– (2) Perché tn’è cott i sé poch? Quest o gnint a sin parent
– (3) Ma la Simbrìa j’aveva détt da mètt su du fasol, e lèia la n’aveva cott du ad numara. Té t’è fatt un pressapoch
– (4) Al bsèva cume al piomb. Am so rott al fil dla schina pri trél (tirarlo) su – “T pudév fèt aiuté dal tu anvod (nipote) cla du spallie cume un’armerie. Cus t’avev paura da sbrichél?” (sbreccarlo)
– (5) Osta che amich! Ut dà al miél ma la boca e al rasor (rasoio) ma la gola
– (6) L’altridé an ho santì un ènta: “Mèj avé un chèn amich che un amich chèn”
– (7) Tutt al mond l’è paes: “Maza maza a sin tutt d’na raza”
– (8) T’maravei perché an so stè a magnè da lor? Mé a sarò anche s-ciumosa (schizzinosa), ma at chesa sua mé a so schiva anche a metme da séda
– (9) Al pruvérbie al dis che: “La s-ciopa e la moj l’in s’impresta mai”. Mo a dila tutta, anche pri impristè i sold un gnè un gran sbutt
– (10) Adess l’è inutile a piegn dop che al latt l’è già vont. A l’ho sempre détt che la testa l’an è fata sno pri téna su li urècie, bsogna savéla anche duvrè

– (1) Devo andare a casa, ho mio marito nel letto con l’artrosi lombare – “Mo questa lombarda che sta nel letto col tuo marito, chi è? Mi sembra che siate diventati tutti matti!”
– (2) Perché ne hai cotti così pochi? Questo o niente sono parenti
– (3) Alla Simbrìa avevano detto di mettere su due fagioli e lei ne aveva cotti due di numero. Tu hai fatto pressapoco così
– (4) Pesava come il piombo. Mi sono rotto la spina dorsale per tirarlo su – “Potevi farti aiutare da tuo nipote che ha due spalle come un armadio. Cosa avevi paura di sbreccarlo?”
– (5) Osta che amico! Ti porta il miele alla bocca e il rasoio alla gola
– (6) L’altro giorno ne ho sentita un’altra: “Meglio avere un cane amico che un amico cane”
– (7) Tutto il mondo è paese: “Ammazza ammazza siamo tutti di una razza”
– (8) Ti meravigli perché non sono restata a mangiare da loro? Io sarò anche schizzinosa, ma a casa sua io ho schifo anche a mettermi a sedere
– (9) Il proverbio dice che: “Il fucile e la moglie non si prestano mai”. Mo a dirla tutta anche per prestare i soldi non c’è un grande entusiasmo
– (10) Adesso è inutile piangere dopo che il latte è uscito fuori. L’ho sempre detto che la testa non è fatta solo per tenere su le orecchie, bisogna anche saperla adoperare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Accadeva nel:

SEGNALA




    Privacy*

    FACEBOOK

    La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
    © 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
    Web Marketing Rimini
    Condivisioni