SAPORI E COLORI DEL NOSTRO DIALETTO di A.F.

image_pdfimage_print

– (2) T mi fè un gozz (fare gola) a védte scruclè (croccare) sa tènt gust cal filuncin francés sla murtadèla, che a dmandaria se Roma l’è da vènd se al pudésa fè mé si mi dent
– (3) L’era cèr cume al dé che cla roba an era faréna dal tu sach. Ma chi t vlév frighè? T cridév propria ca fussme tutt baciuch (invorniti) da fatt? Se t vè avènti isé an t vè dalong ‘na masa
– (4) Cal burdèl l’è tropp sgudéble (maleducato), l’arspond e an dà mént ma nissun. Già, i suv i j’ha dè un carètt ad vizie. Invece una s-ciaparadéna (sculacciatina) ogni tènt l’an gni avria fatt mèl pri gnint
– (5) T mi dmand che tip ch l’è? L’è un che la mosca sal nès un la vò ad sigur. Se po u s’è svigé d’arbuff (contrariato) l’è un po’ fadiga andèi rénta (vicino)
– (6) La s laménta che quand i la incontra i scantona via (svicolare). Ai créd, sa tutt i su lagn la fa vnì un bèl latt mi znocc (ginocchia)
– (7) Al sarà bon e brèv quan t’vo, mo ma mé un mi sfasola tènt (non mi piace); l’è un po’ tropp impicion e al vo es d’impartutt lu cum al parsèmle (prezzemolo)
– (8) An mi so mai tratt indré ad sigur. Ho fatt sempre cume al giva quèl: “Pala avènti e via a curr”
– (9) Tori (Salvatore) um dà la luca (prendere in giro) perché a so znén e um fa sempre li lègg (prepotenze) – “Dij alora che um vènga a tuchè al barbèt s l’ha curagg, che dop al cunc mé pli fèst”
– (10) E ogg nun avrésme da magnè sta sbazofia (porcheria) ad roba? Um pèr la sboba (brodaglia) che la s dà mai baghin. Dì bléna, t’zé andè in zampanèla? (fuori di testa)

– (1) “Boh!, andiamo avanti con questi bagni” – Diceva mio nonno Oreste – “Siamo intonati, mi fa male la testa e mi fanno mettere a mollo i piedi”
– (2) Mi fai gola a vederti croccare con tanto gusto quel filoncino francese con la mortadella, che domaderei se Roma è da vendere se lo potessi fare io con i miei denti
– (3) Era chiaro come il giorno che quella roba non era farina del tuo sacco. Ma chi volevi fregare? Credevi proprio che fossimo tutti invorniti? Se vai avanti così non vai molto lontano
– (4) Quel bambino è troppo maleducato, risponde e non ubbidisce a nessuno. Già, i suoi gli hanno dato un sacco di vizi. Invece una sculacciatina ogni tanto non gli avrebbe fatto male per niente
– (5) Mi domandi che tipo è? E’ uno che non vuole di sicuro la mosca sul naso. Se poi si è svegliato male (contrariato) è un po’ fatica andargli vicino
– (6) Si lamenta che quando la incontrano tutti svicolano via. Ci credo, con tutti i suoi lagni fa venire il latte alle ginocchia
– (7) Sarà buono e bravo quanto vuoi, ma a me non piace; è un po’ troppo impiccione e vuole essere dappertutto lui come il prezzemolo
– (8) Non mi sono mai tirato indietro di sicuro. Ho fatto sempre come diceva quello: “Palla in avanti e via a correre”
– (9) Salvatore mi prende in giro perché sono piccolo e devo subire sempre le sue prepotenze – “Digli allora che mi venga a toccare il mento (gesto di sfida) se ha coraggio, che dopo lo concio io per le feste
– (10) E oggi noi dovremmo mangiare questa porcheria? Mi pare la sbobba che si dà ai maiali. Dì carina, sei diventata matta?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

SEGNALA




    Privacy*

    FACEBOOK

    La Piazza della provincia di Rimini. Redazione : Piazza Gramsci, 34 - 47843 Misano Adriatico | p.iva 02540310402 | Direttore Responsabile: Giovanni Cioria
    © 2014 Tutti i Diritti Riservati | mappa del sito
    Web Marketing Rimini
    Condivisioni